HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
10.12.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 22245 volte

La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in pace. Il campo è l'ultimo anello della catena. Se non funziona, la catena si spezza prima, presto o durante. Ma si spezza. Se funziona tutto, fuori dal campo, vinci e vai avanti liscio. Dove vogliamo arrivare? A spiegare la differenza tra la Juventus e tutte le altre; perché ridursi a vedere la classifica sarebbe un'offesa a quello che la Juve ha fatto in questi ultimi anni. Venerdì ero a Torino. Entri nello stadio, ti siedi nello stadio, vedi la partita, esci dallo stadio e se ti fai una domanda hai anche la risposta. Questi sono avanti, almeno, 10 anni rispetto agli altri club italiani. Organizzazione, show, marketing, logistica e intelligenza aziendale. L'unica partita di calcio, nel nostro Paese, che ti ricorda lo spettacolo della NBA la puoi vedere a Torino. Mentre Milan e Inter cambiavano società, cercavano finti compratori, si affidavano a cinesi e indonesiani, questi costruivano un modello che gli altri neanche capivano. "Si vabbè si fanno lo stadio..." Perché la Juventus è una macchina da guerra. Ha 14 milioni di tifosi ma è l'unica grande squadra che non sente la pressione. Non c'è mezza radio che parli solo di Juve, i tifosi li ha sparsi in tutta Italia e a Torino la squadra di riferimento è un'altra. Forzo la mano, certo, ma è per rendere l'idea. La Juventus è la squadra di Italia. Il Torino è la squadra di Torino. Allo Stadium vedi i calciatori a 10 metri, a Roma li vedi con il binocolo, a Napoli già è tanto che li vedi tra buchi in tribuna e stadio con le crepe. Prendiamo come esempio le potenziali rivali dei bianconeri. Come si può fronteggiare questa leadership? Bisogna trovare una soluzione per mettere fine a questa noia di campionato. Devono crescere Milan e Inter ma hanno bisogno dello stadio. Devono diventare grandi Napoli e Roma ma hanno bisogno dello stadio. L'Inter, a Torino, almeno nel primo tempo ha giocato meglio della Juventus. Nei 90 minuti ci sta che Spalletti sia superiore ad Allegri. Il problema è nel lungo periodo. Venerdì scorso il calciatore che più mi ha impressionato, dal vivo, è stato Politano. Uno così non poteva giocare, fino a pochi mesi fa, nel Sassuolo. Icardi era un passante nel deserto. L'Inter è stata sfortunata ma, sicuramente, avrebbe meritato di più. Sovrapposizioni, marcature preventive, buona pressione a centrocampo e ordinata sulle palle inattive. Però salta tutto se non segni e se lasci gli avversari liberi nell'area piccola.
Prendiamo l'esempio della Roma. Proprietà lontana e assente, Monchi con un doppio mercato sportivo negativo, squadra giovane e da valorizzare per il futuro ma il presente è un vero problema. Di Francesco fa fatica ad uscire dal tunnel... e anche dal ritiro. I problemi della Roma sono molteplici. Se ad ottobre e novembre puoi chiudere un occhio, a dicembre, inizi a tirare le prime somme. Sarebbe una tragedia (calcistica) se quest'anno uscisse dalle prime quattro. Sarebbe il grande fallimento di Monchi, sarebbe un freno a mano importante per la crescita del club sotto la guida di Pallotta e verrebbero fuori tanti scheletri da un armadio che inizia a puzzare. Può essere che ci sia un problema di personalità, dovuto alla giovane età della squadra, ma ci sarà sicuramente anche un problema di come è stato costruito questo gruppo e di come Di Francesco fatichi a trarre il meglio dai singoli.
Il Napoli è ad un bivio della stagione. Questi giorni possono dire tutto su presente e futuro del club. Se il campionato inizia a delineare, definitivamente, il valore della squadra di Ancelotti (seconda corazzata d'Italia e inferiore solo alla Juve regina) per la Champions è la settimana della verità. Con il Liverpool, il Napoli non ha bisogno di miracoli. Ha bisogno, solo, di fare il Napoli. Gli azzurri possono farcela; devono farcela. Sarebbe un grande traguardo, se consideriamo che in campionato la squadra viaggia spedita e il girone di Champions era proibitivo. Passasse il turno sarebbe un dicembre magico e un bilancio in pieno attivo, a metà della stagione. Gli uomini per fare il colpo, il Napoli, li ha. Bisogna tenere la giusta lucidità e sfruttare gli spazi che i reds concederanno. Perché qualcosa concedono, sempre.
I misteri del calcio sono tanti. Uno di questi stiamo provando a risolverlo da anni, su queste colonne, ma siamo onesti: non ci riusciamo e forse dovremmo metterci l'anima in pace. Ora, qualcuno penserà che ci sia qualcosa di personale oppure c'è voglia di infastidire un professionista. Nulla di più falso. Anche perché, molti fenomeni, quando parli male del loro operato minacciano querele per spaventarti, non capendo che ottengono l'esatto contrario. Lui è Riccardo Bigon, al quale riconosciamo che non ha mai minacciato, mai ha provato a spostare il dialogo da sportivo a legale, mai ha provato ad imboccare scorciatoie eppure ha preso molti più "pugni" di altri. Come, ad esempio, Walter Sabatini che sotto pressione di alcuni attacchi mediatici, ai tempi della Roma, si è rifugiato in uno studio legale per provare ad uscire dai ristoranti di Ibiza, dove qualcuno cuoce la pasta e altri fanno bruciare le torte. Bigon è un ragazzo educato, intelligente ma ci chiediamo come faccia ad avere sempre una poltrona sulla quale sedersi nonostante i risultati sportivi siano tremendamente negativi. Avrà, certamente, delle qualità che non conosciamo ma le sue squadre, finora, sono sempre state anonime, brutte, acquisti insignificanti e campionati con media punti bassissima. Eppure lui è sempre lì. Mai messo in discussione. Questa è una sua grande forza, anche se probabilmente, è la grande sconfitta della meritocrazia in un settore dove alle competenze vengono preferite le marchette (questa ultima frase è assolutamente generica e non riferita al discorso precedente).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->