VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Juve-Inter: scontro totale sul mercato. Verratti conteso a colpi di milioni. Chi ha buttato i soldi per Gagliardini e Caldara? Zaza al Valencia. Pioli vuole Vrsaljko

Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
13.01.2017 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 45899 volte
© foto di Federico De Luca

Una buona strategia di marketing l’avrebbe suggerito, andare addosso ai più forti, a chi comanda il mercato o la situazione, funziona sempre. L’aggressione.

E’ quello che, milione più milione meno, sta facendo l’Inter, tornata a braccare la Juventus molto da vicino. Il caso Gagliardini è sintomatico. Il centrocampista dell’Atalanta era nel mirino della Juve prima di essere entrare in quella dell’Inter. Inutile che Marotta neghi, restano i titoli di giornali vicini alla Juve (ma non solo) e il tentativo dei bianconeri di andare a fare un pacchetto con i giovani emergenti dell’Atalanta Kessiè e Conti oltre a Caldara.

Le richieste troppo alte per Kessiè scoraggiarono subito i bianconeri: tolto dalla lista. Sugli altri obiettivi Marotta ha temporeggiato per concentrarsi poi sul solo Caldara.

In questo spazio e’ entrata in scena l’Inter e strappato all’Atalanta a suon di milioni forse il giocatore più utile ai bianconeri, proprio Gagliardini. Non è un caso se poi la Juve sia stata costretta a ripiegare su Rincon.

Insomma l’Inter con i soldi cinesi è più rapido e va a ostacolare la Juventus sul suo stesso terreno, quello dei giovani italiani (e non solo) di qualità che negli ultimi anni era riuscita a prendere proprio solo la Signora (Dybala in testa).

Ora, dopo anni, la Juve ha trovato un ostacolo forte e organizzato e la storia è appena iniziata.

I bianconeri hanno messo nel mirino anche Verratti? Bene. Come vi abbiamo già riferito, da mesi Marotta sta lavorando sul procuratore, il giocatore si è convinto, vuol tonare in Italia. La Juve è disposta a investire sul centrocampista una somma importante, con Verratti può sistemare la regia in mezzo al campo per dieci anni. Che succede?

Adesso su Verratti c’è anche l’Inter. E se è vero che pure ai nerazzurri serve un regista, ecco profilarsi un derby di mercato a suon di milioni come non si vedeva da anni. L’Inter ha soltanto un problema, il fair play finanziario, ma come si vede Suning sta cercando di fare gli aggiustamenti contabili opportuni e soprattutto vuol aumentare rapidamente il fatturato. Dove andrà Verratti?

L’Inter ha maggiori risorse e i cinesi sembrano disposti a tutto per risalire subito, la Juve è partita prima e sul giocatore ha un maggiore appeal, ma sarà uno dei temi del prossimo mercato.

Intanto, a dimostrazione di un fuoco riacceso, si discute tra nerazzurri e bianconeri chi tra Gagliardini (22 milioni più bonus e prestito) e Caldara (15 più una decina di bonus) sia stato pagato di più.

Ha buttato i soldi dalla finestra Suning comprando un centrocampista di quasi 24 anni, che ha giocato soltanto 14 gare in serie A o la Juve che ha preso un difensore di 23 anni con poca esperienza? Le cifre sono più o meno le stesse, idem le controindicazioni. Non faccio classifiche di bravura, le valutazioni sembrano eccessive entrambe, ma quando si fanno certi investimenti credo che siano stati ponderati. Era sembrato eccessivo anche il Milan su Romagnoli, oggi è giudicato un bel colpo. Poi, ovvio, non tutto riesce. Vedremo. Di positivo resta la voglia di tornare a investire sui giovani italiani, anche da parte di stranieri come i cinesi e in un club come l’Inter che agli italiani in genere ha sempre prestato poca attenzione. Una bella inversione di tendenza che farà bene al nostro calcio.

Gagliardini, però, non basta. Pioli ha chiesto anche un esterno destro di difesa e allora da ieri Ausilio è alla caccia di Vrsaljko, 25 anni, comprato l’estate scorsa per 18 milioni dall’Atletico di Madrid. L’ex Sassuolo non trova spazio, appena tre presenze in Liga, e l’Inter sta proponendo il prestito con riscatto da decidere a fine stagione. Guarda caso, anche su Vrsaljko è stata a lungo la Juve, anzi nel passato sembrava cosa fatta.

Tornando alla Juve, l’accordo con il Valencia per Zaza (obbligo di riscatto a fine stagione per 22 milioni) potrebbe indurre a un ulteriore sforzo sul mercato per l’esterno Kolasinac (Schalke) in scadenza: proposti due milioni. Ma soprattutto c’è l’ipotesi di un altro centrocampista fra i soliti Luiz Gustavo o Tolisso. Più semplicemente questa cifra potrebbe coprire anche la spesa per Orsolini dell’Ascoli, il nuovo Robben (lo chiamano così) in arrivo dall’Ascoli come vi abbiamo detto una settimana fa.

Al Milan i cinesi non sono ancora arrivati e allora Galliani senza soldi sta lavorando duro su un solo obiettivo: il prestito dell’esterno spagnolo Deulofeu dell’Everton, 22 anni, ex Barca. E’ valutato una decina di milioni, ma oggi Galliani sta proponendo il prestito secco con riscatto a sette. Il Barcellona che ha ancora il diritto di prelazione e un bonus sulla cessione, ha già dato il suo ok. Siamo ai dettagli.

Stranamente più complicata la vicenda Kalinic-Fiorentina. La squadra cinese di Cannavaro, il Tianjin, vuole fortemente l’attaccante. Il giocatore ha detto ok ai cinesi per un contratto a 12 milioni l’anno per quattro anni (ora ne guadagna due), ma gli intermediari non hanno ancora presentato alla Fiorentina una proposta dettagliata. Perché? Contatti informali e ferquenti con Andrea Della Valle hanno fatto capire agli intermediari che il presidente viola vuole pagata la clausola intera fissata a 50 milioni. E non molla.

A quella cifra forse molleranno i cinesi che più di quaranta (erano partiti da trenta) non vogliono investire su un buon giocatore di 29 anni, non un campione. La decisione entro martedì.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.