VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
11.12.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 28706 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva la formazione di Spalletti che sta facendo un miracolo ad essere lassù e forse non ha neanche la convinzione di restarci. In estate è ripartito da zero e - grazie alla sua esperienza - ha riportato i nerazzurri ai vertici, pur senza un mercato milionario e stratosferico. L'Inter può durare, però, per tanti motivi. Il primo? Ha tifoseria e società abituate a stare ai vertici del calcio italiano. Il secondo? A gennaio può rinforzarsi ma deve farlo. In estate con i saldi ha ottenuto il massimo, ora tirare la corda non serve. Due acquisti per lanciare la sfida alla Juventus che resta la più forte (forse), ma sicuramente resta la più abituata a vincere. Spalletti ha cambiato volto ma soprattutto mentalità alla squadra. Dal magazziniere della Pinetina fino a Perisic che la scorsa estate aveva già un biglietto in tasca per Manchester e mille chiamate sul telefonino di Josè. A Torino non è stata una bella partita. Hanno deciso di non farsi del male, Inter e Juventus, e hanno fatto del male al calcio italiano. Poteva essere uno spot per la serie A. Cortesemente rigiriamolo ché è venuto male. La Juve non è la stessa degli ultimi anni ma grazie a questa mediocrità generale riesce ad essere ancora la candidata principale al titolo. Vedremo come andrà in futuro. Prendete, ad esempio, Roma e Napoli. La Roma in Champions ha fatto un figurone. Chi se lo aspettava. Prima davanti a Chelsea e Atletico Madrid. Tanta roba. In campionato, per forza, lasci qualcosa per strada. Roma e Napoli hanno sempre lo stesso problema. In campionato avranno sempre il braccino. Purtroppo. Lo dice la storia. In Italia gli scudetti finiscono a Milano o Torino. Un motivo ci sarà. Roma e Napoli soffrono la pressione delle proprie piazze e quando vedono il traguardo, non è questo il caso, perdono punti pesanti. Entrambe hanno lasciato 2 punti a Verona, in casa del Chievo. Il Napoli di Sarri brilla ed è inutile che parliamo del gioco del Napoli. Voto 10. Il problema è la società. De Laurentiis avrebbe dovuto completare la rosa. Non l'ha fatto e se vuoi vincere in Italia e competere in Europa la panchina lunga è fondamentale. Sarri non la vuole? Problemi suoi. La società faccia la società e l'allenatore alleni i calciatori che ha a disposizione. Quando poi a dicembre si volta verso la panchina e trova un vero esterno e non Maggio oppure trova un attaccante a sostituire l'esausto Mertens, Sarri dirà solo grazie alla società. Il risparmio non è mai guadagno. Il Napoli quest'anno doveva e deve puntare al tricolore. Occasioni così nella vita capitano poche volte. Ma quando finisce la benzina e in autostrada non trovi un autogrill inizi ad andare nel panico. E' quello che sta succedendo agli azzurri. Discorso diverso per la Roma che, invece, non ha alcun obbligo di vincere lo scudetto. Anzi basta e avanza chiudere tra le prime 4 in Italia.
Triste la storia di Crotone e di Nicola. L'impresa dello scorso anno resta nella storia ma non doveva finire così. E non doveva finire proprio. Lo scorso anno, quando le cose sembravano compromesse, il Crotone ha avuto il grande merito di aver sempre supportato il suo allenatore. E Nicola ha ripagato alla grande la fiducia di tifosi e società. Arrivò una salvezza miracolosa, con ringraziamenti al suicidio dell'Empoli. Quest'anno il Crotone è in pienissima lotta. Più di Benevento, Spal e Verona. Eppure sembra che il Crotone adesso doveva essere al posto della Sampdoria. Purtroppo le imprese sportive fanno perdere il senso della realtà, soprattutto a dirigenti e Presidenti. I Vrenna hanno perso un ottimo allenatore e un grande uomo. Nicola doveva andare via da Crotone. Ci ha provato, in estate, quando lo contattò il Sassuolo che scelse poi Bucchi. Con i Vrenna qualcosa si era rotto già in estate, mentre il Mister si faceva tutta l'Italia in bici per una promessa fatta e mantenuta. Crotone doveva tenersi stretto il suo guerriero più fidato. L'ha fatto andar via con troppa semplicità e, adesso, per Zenga non sarà facile fare un'altra impresa come quella dello scorso anno. La piazza non ha una storia in serie A e la squadra non ha valori rassicuranti. Quando il giocattolo si rompe è rischioso per tutti. Nicola era il feudo, lo scudo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.