VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Juve: Isco più Morata, ma il Real vuole Pogba. Riecco Witsel e Benatia. Via Cuadrado. Allegri resta con la clausola. Milan, costa troppo cacciare Miha. ADL prova a tenere Higuain

Giornalista professionista e scrittore, editorialista del Quotidiano Sportivo che ha rifondato e diretto per cinque anni. Opinionista radio e tv. Twitter @EnzoBucchioni
25.03.2016 00.00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 37395 volte
Juve: Isco più Morata, ma il Real vuole Pogba. Riecco Witsel e Benatia. Via Cuadrado. Allegri resta con la clausola. Milan, costa troppo cacciare Miha. ADL prova a tenere Higuain

A volte ritornano. Vecchie storie e vecchi amori da un mercato all'altro si ripropongono. Prendi la Juve. L'anno scorso avevano dato mandato a Raiola di allestire un'asta per Pogba, poi il Bayern chiese Vidal e la cessione del sudamericano fu inevitabile. Quest'anno che si fa?

Questo è il grande interrogativo. Marotta sa che se riuscisse a tenersi tutti quelli che ha meno Morata che torna al Real per trenta milioni con la clausola di recompra e Cuadrado che Conte vuole per il suo Chelsea, per rinforzare la Juve dovrebbe portare a casa almeno un regista avanzato (finalmente), una punta, un difensore e un esterno destro.

Come dire spendere cento milioni o giù di lì. Chi li tira fuori? E' questo il problema. Cinquanta, come sappiamo, arrivano dalla partecipazione alla Champions. Gli altri?

Facendo due conti, seguendo una vecchia regola che vige dai tempi di Moggi e Giraudo, forse conviene mettere sul mercato un gioiello e chi se non Pogba? Se Raiola sarà bravo (non abbiamo dubbi) potrebbe davvero scatenare un'asta da 100 milioni fra Chelsea, City e Real oltre al Barca che l'anno scorso è stato vicinissimo al francese.

Il Real è molto interessato a Pogba per rinforzare un centrocampo troppo leggero. In attesa di sapere chi sarà l'allenatore, gli spagnoli stanno comunque facendo due ragionamenti per portarsi avanti.

La recompra di Morata costa 30 milioni, la Juventus dall'anno scorso non fa altro che chiedere Isco, perché non lasciare l'attaccante a Torino e proporre anche Isco più conguaglio ai bianconeri per avere il centrocampista francese?

Tutto dipenderà dalla volontà del giocatore e dalla cifra complessiva che il Real metterà sul piatto. Di sicuro i bianconeri oltre a Morata e Isco (una brutta stagione la sua) non chiederanno meno di 40 milioni di euro. E forse sono pochi.

Però con questi soldi e una decina di milioni in più Marotta potrebbe provare a portare a casa Benatia, un difensore esperto serve, e Witsel, due vecchi pallini di Allegri.

Per Benatia che non ha trovato grande spazio con Guardiola, sarà decisivo il giudizio di Ancelotti. Witsel si è messo sul mercato, andrà a scadenza nel 2017 e cederlo ora è una mossa giusta anche per lo Zenit.

Allo scacchiere mancherebbe un esterno destro, ma c'è sempre sotto osservazione Vrsaljko del Sassuolo.

La Juve, comunque, sta guardando anche altre soluzioni possibili. Gundogan piace sempre, ma dopo un'apertura importante, la corte di Guardiola e del City che offre prospettive economiche diverse, hanno raffreddato la pista. Un altro tedesco, il solito Goetze piace molto. Ci sono poi i giovani italiani, Berardi in testa, che la Juve ha opzionato, alcuni dei quali andranno in prestito, altri come l'attaccante del Sassuolo finalmente potranno coronare il sogno. I bianconeri sono decisi a far valere il loro diritto di prelazione a 15 milioni.

Naturalmente tutti i calcoli e i piani di mercato Marotta li sta facendo con Allegri. Anche se la firma sul prolungamento non c'è ancora, l'allenatore ha un contratto fino al 2017 e la Juve ha già detto chiaramente di volerlo confermare. Ma lui? Perché non accetta le proposte di rinnovo fino al 2019 con opzione fino al 2020?

Le sue perplessità le abbiamo già rivelate, vorrebbe avere le mani libere in caso di una proposta di un grandissimo club con una clausola rescissoria sul tipo di quella che aveva Montella con la Fiorentina. Del resto Allegri quest'anno è stato già messo nel mirino dal Chelsea durante il casting di allenatori che poi ha partorito Conte. Qualche voce arriva anche dalla Spagna e il procuratore Branchini sta preparando per Allegri il grande salto. Quindi se il prolungamento con ritocco a 5 milioni ci sarà, la firma arriverà solo a fine stagione quando il campo sarà eventualmente libero da richieste o tentazioni e quando Allegri sarà completamente convinto degli obiettivi di mercato bianconero e del suo futuro.

Il fatto che Marotta continui a dire "siamo d'accordo" e l'allenatore invece nicchia qualcosa dovrà pur voler dire...

Qualcosa vorranno dire anche le parole al miele dette appena ieri da Berlusconi per Mihajlovic tipo, "se vince la coppa Italia merita di restare". Che succede? Si è ricreduto? Non pensiamo, piuttosto qualcuno deve aver fatto notare al presidente che i grandi allenatori che voleva lui non vengono in questo Milan (piace Emery) e comunque chiedono un monte di soldi, che Donadoni ha deciso di restare a Bologna e Di Francesco potrebbe essere un altro rischio. E poi siccome Miha non si dimetterà mai come sperava qualcuno dentro il Milan, ci sarebbero comunque da sborsare dei bei soldi per liquidarlo o per mantenerlo a libro paga. Inzaghi e Seedorf non hanno insegnato niente? Forse sì. Comunque il discorso è sempre apertissimo e intanto la coppa Italia è ancora da vincere e i soldi se non arrivano i Mister Bee di turno, sono sempre pochi.

Sembra averli trovati invece Aurelio De Laurentiis che dopo aver accarezzato l'idea di vendere Higuain a 100 milioni per poi comprare 5 giocatori da venti, sembra invece orientato a tenere l'argentino. Gli proporrà l'aumento dell'ingaggio a 7.5 milioni e il prolungamento al 2020 con una clausola rescissoria ancora superiore. Calcolo furbo. Se Higuain dovesse accettare, il Napoli sarebbe solo da ritoccare per provare a vincere stabilmente. Se invece chiedesse di andar via, comunque Adl avrebbe fatto una bella figura con i tifosi e alzando la clausola ci guadagnerebbe anche di più. Sarà una telenovela con una premessa: Higuain vuole andar via da vincitore e lo sta dimostrando.

La sua vittoria, ovvero la salvezza, l'ha già ottenuta invece Pantaleo Corvino a Bologna. Inoltre ha lanciato dei giovani talenti e dato un'ossatura importante alla squadra rossoblù dopo averla riportata in serie A. Alla fine però se ne andrà, non può accettare l'idea di vedere l'allenatore al centro del progetto tecnico, sul modello inglese. Lui ha altri sistemi, è abituato a lavorare e rispondere alla società, quindi di sicuro chiederà la rescissione del contratto. Lo descrivono viola, ma per via di come sono andate le cose su una piazza nella quale credeva molto. Avrebbe voluto portare in Europa il Bologna come ha fatto nel passato con la Fiorentina. A proposito circolano voci sul suo ritorno a Firenze. Ieri Andrea Della Valle ha detto solo cose banali, tipo "al terzo posto dobbiamo crederci ancora tutti". Basterebbe farlo capire al tecnico e ai giocatori. Niente invece sul futuro, ma la stima tra Corvino e i Della Valle è rimasta anche dopo l'addio. In particolare Diego ha sempre chiesto consigli e fatto chiacchiere di calcio con l'ex direttore. Tornerà? Possibile anche se dovrebbe cambiare l'organizzazione che ora prevede un team e non un responsabile tecnico unico come è abituato Corvino. Sarà una delle storie infinite del mercato dei direttori più o meno tecnici.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.