VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, Isco sempre caldo. E Witsel comunque bianconero. Gabigol al posto di Zaza. De Sciglio liberato da Bacca. Napoli, Insigne-Gabbiadini per Icardi: si può fare. Il vice Reina. Babacar e Gomez inguaiano la Fiorentina

12.08.2016 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 58640 volte
© foto di Federico De Luca

Patti due conti, tra entrate (Higuain) e uscite (Pogba) da record, ricche plusvalenze e dintorni, la Juventus ha ancora soldi da spendere e bilanci sotto controllo. Dico questo per sottolineare come il mercato bianconero sia tutt'altro che finito. Le ambizioni sono tante, la Champions è nel mirino e Marotta ha idee chiare.

La cosa più semplice da capire è che questa squadra ha bisogno di un centrocampista importante, di livello internazionale, per coprire il vuoto lasciato da Pogba e dare forza a un reparto che in questo momento (anche per colpa degli infortuni di Marchisio e Khedira) è qualitativamente e quantitativamente inferiore a difesa e attacco. Non ci sarà un altro caso Hernanes, questa volta la Juve il colpo nel mezzo lo farà. Ma chi sarà il prescelto?

Ieri è sembrata cadere la pista Witsel, il giocatore ha detto che vuol rimanere allo Zenit, ma, secondo me, invece, la pista si rafforza. Il centrocampista belga ha da tempo un accordo con la Juventus, ma i russi non vogliono scendere sotto i 30 milioni del cartellino. Troppi per la Juve e per un giocatore a scadenza fra un anno. L'uscita di Witsel è quasi una minaccia per lo Zenit, o mi vendete ora a cifre ragionevoli o fra un anno comunque andrò via a zero euri. Ci sarà la scossa? Non è detto, ma la Juve ci spera.

Nel frattempo però tutte le altre piste restano aperte, da Isco a Matuidi a Matic. Lo spagnolo, soprattutto, è uno dei sogni ricorrenti. I contatti ci sono stati e ci sono, se il Real non proporrà al centrocampista un aumento di ingaggio e un nuovo contratto, potrebbe anche chiedere di essere ceduto e i bianconeri sono la prima alternativa. Resta viva anche la pista Matic e su Matuidi sta lavorando Raiola. La Juve è in mani buone.

Ma ci sono anche altre piste e altre strategie. Quando arriverà il centrocampista importante, è probabile che per far cassa venga venduto Lemina. E l'attenzione è viva anche su Gabigol che nella mente di Marotta dovrebbe sostituire Zaza in partenza per il Wolfsburg. Grandissima Juve hanno promesso e grandissima Juve sarà. Ma c'è un altro giocatore sul quale i bianconeri lavorano da tempo a fari spenti e si chiama De Sciglio. Il Milan ha snobbato le avances almeno fino ad oggi, ma le difficoltà nella cessione di Bacca impediscono ai rossoneri di mettere insieme il tesoretto per fare mercato. Perché allora non tirare fuori da De Sciglio i milioni necessari per fare mercato? La Juve aspetta fiduciosa.

Situazione più complicata e di difficile lettura, invece, per Napoli e Inter. Come mai De Laurentiis continua a inseguire Icardi se ha appena acquistato Milik e ha in rosa tale Gabbiadini. Evidentemente nessuno dei due può sostituire Higuain nell'immaginario comune e nella mente di Sarri. Il Napoli insiste, l'Inter resiste.

Quasi sessanta milioni l'ultima offerta, con contratto di oltre sei milioni più bonus per il giocatore. L'Inter per ora non molla, ma dopo attenta riflessione e consulto con De Boer ci potrebbe essere anche un rilancio. I nerazzurri potrebbero dire si alla cessione di Icardi in cambio di Insigne e Gabbiadini valutati entrambi attorno ai trenta milioni. I conti potrebbero tornare anche dal punto di vista tattico. Gabbiadini è il centroavanti mobile che piace al tecnico olandese, Insigne l'esterno sinistro ideale per il 4-3-3. L'offerta al Napoli non è ancora partita. Ma come reagiranno gli azzurri? Insigne ha chiesto l'adeguamento del contratto, è un giocatore importante, ma con Mertens e Giaccherini la fascia sinistra potrebbe comunque essere coperta bene. E poi non è detto che Sarri non voglia tornare al 4-3-1-2 con Zielinski trequartista.

E' vero che l'Inter continua a dichiarare incedibile Icardi, ma Wanda Nara spinge in tutti i sensi e tutto può ancora succedere. Il Napoli, fra l'altro, sta pensando anche a un portiere che possa prendere l'eredità di Reina visto che lo spagnolo nell'ultima parte della stagione scorsa ha avuto problemi di schiena e si è ripartiti più o meno da lì. Sportiello è da tempo nel mirino, ma l'Atalanta non molla e non si accontenta del ritorno di Grassi. Calda anche la pista che porta a Diawara del Bologna, del resto da qualche parte Adl li dovrà pur mettere i 94 milioni presi per Higuain...

I soldi, invece, la Fiorentina non li ha ancora presi per Babacar e Mario Gomez, i due soli giocatori ritenuti cedibili dai viola. Corvino era convinto di tirar fuori una quindicina di milioni e forse più, fra i 10-12 di Baba e i 5-7 di Marione. Con quei soldi la Fiorentina vorrebbe comprare un paio di giocatori importanti (un difensore e un centrocampista) invece Corvino senza liquidità è costretto al mercato creativo e la situazione si complica per Sousa, di sicuro un allenatore pieno di dubbi e ripensamenti .


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.