HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: l’Italia di Kean e la lotta con Raiola. Inter: la scelta di Skriniar, la trattativa per Tonali e l'ultimo ostacolo per Barella. Milan: i danni (esagerati) della sosta. Roma: c'è un allenatore in pole. E tanti saluti ai perbenisti

26.03.2019 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 33216 volte
© foto di Alessio Alaimo

Eccoci qui a parlare di calcio. Prima però facciamo i complimenti a Dorothea Wierer, fresca campionessa del mondo di biathlon, perché altrimenti sui social ti dicono "parli solo di calcio eh? E gli sport minori? Vergognati". È importante sottolineare che facciamo i complimenti a Dorothea Wierer non in quanto bella figliuola, ma solo perché è straordinaria atleta, altrimenti "fai i complimenti solo perché è bella figliuola eh? Del biathlon non te ne frega niente eh? Ammettilo e vergognati!". E allora facciamo i complimenti al biathlon e a tutti quelli che invece di giocare a calcio sparano nella furesta in mezzo alla neve e, ovvio, alla signorina Wierer che è bravissima e non pratica una disciplina minore, giammai, al limite "diversamente maggiore" e, sia chiaro, lei non è "bella", al limite "meno brutta" di altri esseri umani. E fin qui siamo a posto.
Ma ora c'è la pratica "calcio femminile". Nel fine settimana le ragazze della Juve hanno ipotecato lo scudetto, come del resto hanno fatto i loro "fratelli bianconeri" e lo hanno fatto davanti a 39mila spettatori. Se sommiamo anche la promozione dell'Inter in serie A (17 vittorie filate) domenica è certamente arrivato un gran segnale per tutto il movimento. Poi oh, ci permettiamo di dire che il calcio dei maschietti è un'altra cosa e il movimento femminile per assestarsi avrebbe bisogno di grande appoggio da parte di tutti, non solo di Sky, altrimenti rischia sul lungo periodo di tornare a far fatica. "Cosa hai detto? Il calcio dei maschi interessa di più ed è più bello solo perché sono maschi? Sessista! Vergognati!". E qui non so come uscirne perché oggigiorno se parli di faccende uomo/donna è un attimo che ti diano tutti dello stronzo maschilista e allora meglio evitare e dire "viva tutto il calcio, anche quello a 5. E viva il biathlon, tutti noi dovremmo iniziare a sparare nella furesta per dare un segnale di solidarietà verso questa disciplina, magari organizzando anche un bel torneo di calcio femminile sulla neve". E fin qui siamo a posto.
Ma ora c'è la pratica "Kean e la Nazionale azzurra". E qui son cazzi. Perché se dici "quanto è forte Kean!" ti accusano di alimentare una qualche forma di antisalvinismo e se invece non lo dici sei un razzista dimmerda. "E Barella? Non dici niente di Barella? Ce l'hai con i sardi? Eh? E comunque sei sempre a parlare di calcio maschile, ma Kean ha fatto un solo gol, mentre Carolina Morace oltre cento!". E allora è un attimo che ti danno del razzista, oppure antisalviniano, e comunque maschilista e "abbiamo controllato, non hai mai sparato nella furesta e quindi non supporti gli sport minori. Vergognati".
E allora il segreto per campare al giorno d'oggi è dire "viva tutti, belli e brutti, maschi e femmine, calciatori e biathleti, l'importante è partecipare, forza Toto Cutugno, ma solidarietà anche al popolo ucraino". E niente, tocca essere onesti: con questa storia che bisogna pesare ogni singola parola per non urtare la sensibilità di nessuno siamo diventati ancor più stronzi e falsi e finto-coraggiosi di quanto lo fossimo prima. Prendete la storia del telecronista misogino: c'è la corsa a dire a cotanto fessacchiotto "brutto e cattivo!" perché se non lo dici, se non prendi le distanze, se non lo scrivi, se non lo posti, allora magari qualcuno pensa che in fondo in fondo la pensi come lui e son dolori. E fa tristezza pensare che fino a qualche tempo fa, semplicemente, nessuno avrebbe saputo dell'esistenza di questo signore e in ogni caso ci avrebbe pensato la natura a condannarlo a un oceano di indifferenza e silenzio, che poi è quello che manca più di tutto, al giorno d'oggi, a tutti noi: il coraggio di non esprimere un'opinione, soprattutto se non richiesta. Parliamoci chiaro: con questa storia dei social ci siamo tutti un filo rincoglioniti. Diciamone un'altra: nessuno di noi è stato nella furesta con la neve ed il fucile, non raccontiamoci cazzate, su.

Ultime cose inutili, tanto siamo in regime di sosta e son tutte balle, o quasi (c'è della gente che crede veramente che il mercato sia curiosamente esploso nell'ultima settimana e non si domanda "ma non sarà che tocca riempire gli spazi e quindi vale tutto come al Fight Club?").
Comunque, prendetele con le pinze ma 1) Alcune voci vogliono Gasperini sulla panchina della Roma la prossima stagione, là potrebbe ritrovare pure Kessié. 2) Altre voci dicono che tra Inglese e Atalanta sia cosa fatta, mentre Zapatone sarebbe destinato alla Premier. 3) Giulini fa il galletto per Barella ("già rifiutati 50 milioni"), del resto non è mica fesso, ma un accordo sulla parola con l'Inter già c'è e bisogna solo capire se qualcuno (Chelsea) sparerà o potrà sparare cifre esagerate. 4) Anche Tonali e l'Inter si fanno le fusa, la concorrenza è ampia ma son fusa di livello. 5) Inter su Lavezzi. 6) La 5 non è vera ma non mi fiderei molto anche delle precedenti 4. 7) L'Italia ha giocato una buona partita con la Finlandia, ma ce la stiamo tirando come neanche la Marini. 8) Raiola ha più culo che canotte: Kean pazienta in panchina per mesi e mesi, arriva il momento del rinnovo, segna prima contro l'Udinese e poi con la Finlandia. Adesso Minuzzo romperà un po' le scatole alla Juve, dirà che Kean vale come un Modigliani è robe così. Del resto lo stanno già facendo tutti i media nazionali, isole comprese (oh, il ragazzo promette benissimo, ma gli stessi che ora dicono "è meglio di Drogba" alla prima partita storta diranno "sarà mica un Balotelli...". Lo diranno, conosco i miei polli). 9) Tutti vogliono Skriniar: il Barça, il City, persino Raiola. Beh, dovranno attendere. Come cambia il mondo in meno di due anni: quando è arrivato a Milano molti ridevano sotto ai baffi... 10) Gattuso è tornato "bravino ma...", Suso incapace, Kessié da "vendere subito": la sosta fa malissimo. 11) W il biathlon.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510