HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavanti
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: l’Italia di Kean e la lotta con Raiola. Inter: la scelta di Skriniar, la trattativa per Tonali e l'ultimo ostacolo per Barella. Milan: i danni (esagerati) della sosta. Roma: c'è un allenatore in pole. E tanti saluti ai perbenisti

26.03.2019 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 33384 volte
© foto di Alessio Alaimo

Eccoci qui a parlare di calcio. Prima però facciamo i complimenti a Dorothea Wierer, fresca campionessa del mondo di biathlon, perché altrimenti sui social ti dicono "parli solo di calcio eh? E gli sport minori? Vergognati". È importante sottolineare che facciamo i complimenti a Dorothea Wierer non in quanto bella figliuola, ma solo perché è straordinaria atleta, altrimenti "fai i complimenti solo perché è bella figliuola eh? Del biathlon non te ne frega niente eh? Ammettilo e vergognati!". E allora facciamo i complimenti al biathlon e a tutti quelli che invece di giocare a calcio sparano nella furesta in mezzo alla neve e, ovvio, alla signorina Wierer che è bravissima e non pratica una disciplina minore, giammai, al limite "diversamente maggiore" e, sia chiaro, lei non è "bella", al limite "meno brutta" di altri esseri umani. E fin qui siamo a posto.
Ma ora c'è la pratica "calcio femminile". Nel fine settimana le ragazze della Juve hanno ipotecato lo scudetto, come del resto hanno fatto i loro "fratelli bianconeri" e lo hanno fatto davanti a 39mila spettatori. Se sommiamo anche la promozione dell'Inter in serie A (17 vittorie filate) domenica è certamente arrivato un gran segnale per tutto il movimento. Poi oh, ci permettiamo di dire che il calcio dei maschietti è un'altra cosa e il movimento femminile per assestarsi avrebbe bisogno di grande appoggio da parte di tutti, non solo di Sky, altrimenti rischia sul lungo periodo di tornare a far fatica. "Cosa hai detto? Il calcio dei maschi interessa di più ed è più bello solo perché sono maschi? Sessista! Vergognati!". E qui non so come uscirne perché oggigiorno se parli di faccende uomo/donna è un attimo che ti diano tutti dello stronzo maschilista e allora meglio evitare e dire "viva tutto il calcio, anche quello a 5. E viva il biathlon, tutti noi dovremmo iniziare a sparare nella furesta per dare un segnale di solidarietà verso questa disciplina, magari organizzando anche un bel torneo di calcio femminile sulla neve". E fin qui siamo a posto.
Ma ora c'è la pratica "Kean e la Nazionale azzurra". E qui son cazzi. Perché se dici "quanto è forte Kean!" ti accusano di alimentare una qualche forma di antisalvinismo e se invece non lo dici sei un razzista dimmerda. "E Barella? Non dici niente di Barella? Ce l'hai con i sardi? Eh? E comunque sei sempre a parlare di calcio maschile, ma Kean ha fatto un solo gol, mentre Carolina Morace oltre cento!". E allora è un attimo che ti danno del razzista, oppure antisalviniano, e comunque maschilista e "abbiamo controllato, non hai mai sparato nella furesta e quindi non supporti gli sport minori. Vergognati".
E allora il segreto per campare al giorno d'oggi è dire "viva tutti, belli e brutti, maschi e femmine, calciatori e biathleti, l'importante è partecipare, forza Toto Cutugno, ma solidarietà anche al popolo ucraino". E niente, tocca essere onesti: con questa storia che bisogna pesare ogni singola parola per non urtare la sensibilità di nessuno siamo diventati ancor più stronzi e falsi e finto-coraggiosi di quanto lo fossimo prima. Prendete la storia del telecronista misogino: c'è la corsa a dire a cotanto fessacchiotto "brutto e cattivo!" perché se non lo dici, se non prendi le distanze, se non lo scrivi, se non lo posti, allora magari qualcuno pensa che in fondo in fondo la pensi come lui e son dolori. E fa tristezza pensare che fino a qualche tempo fa, semplicemente, nessuno avrebbe saputo dell'esistenza di questo signore e in ogni caso ci avrebbe pensato la natura a condannarlo a un oceano di indifferenza e silenzio, che poi è quello che manca più di tutto, al giorno d'oggi, a tutti noi: il coraggio di non esprimere un'opinione, soprattutto se non richiesta. Parliamoci chiaro: con questa storia dei social ci siamo tutti un filo rincoglioniti. Diciamone un'altra: nessuno di noi è stato nella furesta con la neve ed il fucile, non raccontiamoci cazzate, su.

Ultime cose inutili, tanto siamo in regime di sosta e son tutte balle, o quasi (c'è della gente che crede veramente che il mercato sia curiosamente esploso nell'ultima settimana e non si domanda "ma non sarà che tocca riempire gli spazi e quindi vale tutto come al Fight Club?").
Comunque, prendetele con le pinze ma 1) Alcune voci vogliono Gasperini sulla panchina della Roma la prossima stagione, là potrebbe ritrovare pure Kessié. 2) Altre voci dicono che tra Inglese e Atalanta sia cosa fatta, mentre Zapatone sarebbe destinato alla Premier. 3) Giulini fa il galletto per Barella ("già rifiutati 50 milioni"), del resto non è mica fesso, ma un accordo sulla parola con l'Inter già c'è e bisogna solo capire se qualcuno (Chelsea) sparerà o potrà sparare cifre esagerate. 4) Anche Tonali e l'Inter si fanno le fusa, la concorrenza è ampia ma son fusa di livello. 5) Inter su Lavezzi. 6) La 5 non è vera ma non mi fiderei molto anche delle precedenti 4. 7) L'Italia ha giocato una buona partita con la Finlandia, ma ce la stiamo tirando come neanche la Marini. 8) Raiola ha più culo che canotte: Kean pazienta in panchina per mesi e mesi, arriva il momento del rinnovo, segna prima contro l'Udinese e poi con la Finlandia. Adesso Minuzzo romperà un po' le scatole alla Juve, dirà che Kean vale come un Modigliani è robe così. Del resto lo stanno già facendo tutti i media nazionali, isole comprese (oh, il ragazzo promette benissimo, ma gli stessi che ora dicono "è meglio di Drogba" alla prima partita storta diranno "sarà mica un Balotelli...". Lo diranno, conosco i miei polli). 9) Tutti vogliono Skriniar: il Barça, il City, persino Raiola. Beh, dovranno attendere. Come cambia il mondo in meno di due anni: quando è arrivato a Milano molti ridevano sotto ai baffi... 10) Gattuso è tornato "bravino ma...", Suso incapace, Kessié da "vendere subito": la sosta fa malissimo. 11) W il biathlon.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il non-rigore di De Ligt e gli obbrobri nel regolamento. Inter: la furia di Conte, l’idea Ibra e la “crisi Lukaku”. Milan: la scelta di Pioli (occhio a Suso…) e la “fuga” di Scaroni. Roma: il perché degli infortuni 22.10 - Dieci pensierini (e ce la caviamo così). 1) Il Milan domenica ha giocato una buona partita. Non in senso assoluto, per carità, ma visti i precedenti sette turni di campionato certamente sì. Pioli ha cancellato tre mesi di esperimenti impossibili (puntare al calcio di Giampaolo...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510