HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: la lezione di Bernardeschi da non dimenticare (e la scelta su Dybala...). Inter: Spalletti, la squalifica e "l'insostituibile". Roma: il vero problema di Di Francesco è "oltre" Trigoria. Milan: i gufi (miopi) attorno a Gattuso. Viva il Var: se

25.09.2018 07:41 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 44575 volte
© foto di Alessio Alaimo

Hanno squalificato Spalletti perché ha detto “gol”. Lo ha detto alla telecamera, anzi no, al quarto uomo, anzi no, non si è capito. L’unica cosa chiara è che ha detto “goooool”. E lo ha detto in modo provocatorio, probabilmente con troppe “o”. Goooooooooooooooooooool. Troppo lungo, troppo esagerato. Bisogna controllarsi, che diamine, in fondo questa è la “seria” serie A! Viene in mente Mazzone che in Brescia-Atalanta corre sotto la curva dei tifosi bergamaschi dopo il 3-3 firmato da Baggio. Prese 5 turni di squalifica, ma lì almeno volarono dei “Mortacci vostri” e altre meraviglie assortite. Spalletti invece ha detto solo “Gooooool” senza neppure un “arbitro cacca” o “quarto uomo, mezzo gnomo” (era molto basso): si può fare certamente di meglio.

L’Inter in un modo o nell’altro ha vinto. Lo ha fatto mettendo in campo una voglia bestiale, suffragata (termine arcaico) da una condizione fisica certamente crescente. Non basta dire “che bella Inter”, ma è sufficiente per dire “questo gruppo ha ritrovato le palle” (espressione non arcaica).

Molti traducono il tutto con il sottile giro di parole “botta di culo”, ma solo chi non ha visto la partita può pensare una cosa del genere. L’Inter a Genova ha vinto con merito, anche e soprattutto grazie all’ex “nemico del popolo”, che poi è Brozovic. Buttiamo là un po’ di numeri: il centrocampista platinato è stato il più bravo tra i 28 giocatori impiegati a Marassi per: palloni giocati (90), passaggi riusciti (70), km “in run” (7,7) e secondo per km totali (12,225, primo Vecino con 12,299). Se si pensa che l’11 febbraio scorso costui mandava affanzum tutta San Siro, possiamo affermare senza timore di essere smentiti che il ragazzo abbia raggiunto “vette di conversione” fino ad oggi sfiorate solo da Paolo Brosio (il giornalista che un tempo venerava Emilio Fede e poi ha preferito Medjugorje: bel salto).

E molti dicono: “Sì ma il Var e gli arbitri rischiavano di rovinare tutto”. E invece no. Il Var a Genova ha funzionato assai bene e, in generale, questa settimana ha funzionato bene un po’ ovunque (parecchi dubbi sul pallone “probabilmente” uscito in Sassuolo-Empoli, ma nessuna certezza). Ecco, la faccenda è tutta lì: si chiede a lor signori di andare avanti su questa strada (quella della tecnologia “sempre”, anche a costo di perdere del tempo), piuttosto che su quella del “ce ne fottiamo abbastanza” che ha trionfato nei primi quattro turni (l’amico ed ex arbitro Luca Marelli mi dice: “Guarda che dici cazzate, l’hanno sempre utilizzato alla stessa maniera, nell’ultimo turno semplicemente hanno dovuto prendere decisioni oggettive, era impossibile sbagliare”, ma io non sono d’accordo con lui e soprattutto non voglio dargli soddisfazioni e, quindi, vado avanti per la mia strada assai retorica e strappa-consensi al grido di “evviva il Var utilizzato sempre!”).

E veniamo alla Roma. A Roma c’è la guerra. Oddio, non esageriamo, ma sono tutti parecchio incazzati. Ce l’hanno chi con i giocatori, chi con la proprietà, chi con il tecnico, chi con tutti. Ognuno ha le sue legittime ragioni, anche se poi, oh, bisogna anche dire che troppo spesso apparecchiamo funerali con fretta micidiale e in caso di resurrezione mai diciamo “scusate, ci eravamo sbagliati”. Di Francesco, per dire, ha evidentemente problemi di gestione e fatica a “capire” il suo gruppo di lavoro. Questo significa che sia un minchione incapace? Suvvia, stiamo parlando dello stesso allenatore che a gennaio “deve essere esonerato!” e a maggio “grande Di Francesco, ha fatto un lavoro straordinario”.

Il problema, al limite, è un altro. La Roma è un gran gruppo, potenzialmente fortissimo. Chi scrive lo pensa davvero, ma è quel “potenzialmente” che fa la differenza. Un grande club non può ogni anno ragionare secondo il presupposto del “diventeremo fortissimi”, semmai deve provare ad esserlo. Una squadra arrivata in semifinale di Champions è, tendenzialmente, una squadra da non smembrare. Certo, ci sono le necessità, i problemi di fairplay, questo e quell’altro, ma qui sembra di essere andati “oltre”, sembra che l’obiettivo primario non sia mai “il risultato sul campo” (altrimenti chi comanda non avrebbe provato a cedere Dzeko e Nainggolan lo scorso gennaio”), ma “il risultato in sede” (stadio, plusvalenze, giovani promettenti da comprare anche a caro prezzo con l’obiettivo di farli crescere per poi rivenderli). E cos’è la Roma, un supermercato? E allora sì, Di Francesco ha i suoi bei problemi, ma anche tante attenuanti (“Sì ma a Bologna non servono i Nainggolan per vincere!”. All’Inter, per dire, sono serviti proprio i Nainggolan…).

Altre cose velocissime che voglio dire per poter dire “l’ho detto anch’io”.

1) Gervinho è forte.
2) Bernardeschi è molto forte.
3) Walter Nudo è il favorito del Grande Fratello perché è piacione.
4) Bettarini non è un pirla.
5) Ancelotti ha prima seguito la strada di Sarri ma ora va dritto per la sua.
6) La ragazza diplomata in canto lirico che ha cantato a X Factor è molto forte, anche più di Gervinho.
7) Insigne è maturato.
8) Che bello vedere la generazione dei Chiesa.
9) Crespo non è invecchiato di un giorno.
10) Dudelange bella ma non ci vivrei.

Su Bernardeschi evitiamo di fare gli scemi e buttiamo là questo genere di ragionamento. Un anno fa dicevamo: “Ma perché la Juve spende 40 milioni per Bernardeschi? Non ne ha bisogno, c’è Dybala. Allegri cosa se ne fa?”. Anche quest’estate pensavamo la stessa cosa: “Bernardeschi quando gioca con tutta quella concorrenza?”. Nessuno lo inseriva in alcun “undici ideale”. Ecco, ora abbiamo capito: a Torino tendenzialmente sanno molto bene quello che fanno (e Allegri pure).

Infine il Milan. Siamo tornati nella fase di due settimane fa, quella del “Ma Gattuso è adatto?”. Ovviamente le valutazioni seguono il 2-2 contro l’Atalanta, partita in cui i rossoneri hanno giocato tanto e bene ma alla fine si sono dovuti accontentare del pareggio. Le valutazioni in base “al risultato” sono sempre tendenziose (e in genere assai tristi, consentitecelo): un anno fa il Milan “non giocava”, ora è un gruppo, con tutti i limiti del mondo, per carità, ma prova a costruire e rema dalla stessa parte. Chi pensa che si possa passare da “niente” a “tutto” solo grazie a Higuain (straordinario) e crede che la soluzione sia “cambiare”, scusate, ma non ha capito una mazza: si cambia quando mancano "unità d’intenti e idee", il Milan eccome se ne ha.

Ammazza se pontifico (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, Napoli e Roma su Piatek. Paratici segue anche De Ligt dell’Ajax. Ancelotti pronto a fermare il Psg. Per i giallorossi ipotesi Herrera del Porto. Lazio su Brahimi, Inter-Milan che derby 20.10 - Per Piatek è pronta a scatenarsi l’asta. L’avvio travolgente dell’attaccante polacco pagato appena 5 milioni di euro da Preziosi ha catturato l’attenzione un po’ di tutti. In Italia ci sono Juventus, Napoli e Roma. Il club bianconero là davanti ha problemi di abbondanza se si pensa...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto   19.10 - Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”. E’ più di...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy