HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Juve: la lezione di chi sceglie "uomini" prima che "giocatori". Inter: due arrivi e una camomilla per quelli che "è già finita". Milan: l'orologio di Mirabelli. Napoli: re Hamsik e un 2017 che snobba la rosa ristretta

26.12.2017 08:08 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 64350 volte
© foto di Alessio Alaimo

"A te e famiglia".
Va ora in onda il calcenone, il primo editoriale scritto direttamente dal pranzo di Natale. Praticamente una boiata micidiale.

Al pranzo di Natale ognuno dice la sua sui temi più caldi del momento. È un grande classico: lo ius soli, il vincitore di X Factor, il finale di Gomorra, il Berlusca che legge alla radio, il nuovo giudice di Masterchef e, ovviamente, i grandi classici intramontabili (calcio e bellezze del mondo).

Al momento dell'aperitivo mio padre, noto beone, spariglia le carte e butta sul piatto un tema che molti attendevano non prima del panettone con cremina: "Povero Milan". Dice: "I cinesi non esistono" e "sono capitali di rientro del Berlusca" e "finirà malissimo". Praticamente il triplete del luogo comune. Raccoglie il consenso di Marione, un cugino acquisito e gran maestro di retorica e applausi facili. Marione a sua volta è ancora più netto: "Donnarumma è una vergogna! E suo fratello che prende un milione per non fare niente, anche di più! Il calcio è malato!". Il leccamento reciproco è ai massimi livelli, i due se la cantano e se la suonano e vengono interrotti solo dalla zia Carla, che vira sul nazionalpopolare: "Sono molto felice che Frizzi si sia ripreso!". Tutti annuiscono e parte addirittura un brindisi in onore del noto conduttore.
L'antipasto mari & monti è una vergogna di affettati, sottoli, insalate russe e capricciose, acciughe, sacrifici umani e nuove cattiverie. Questa volta sull'Inter. Il più fetente è l'ex curvaiolo Marco Bonatti, 60enne senza Dio e senza fissa dimora, da qualche anno ammesso alla mensa natalizia per volere di Giordano, il gran visir del focolare domestico. Bonatti non le manda a dire: "La solita Inter, io l'avevo detto che sarebbe finita così: le seconde linee arrancano, Suning se ne fotte, è chiaro che finirà tutto a puttane a meno che non vengano acquistati due, tre o anche cinque top player". Intervengo brandendo uno spiedino oliva-zola-uva-oliva (rara porcheria): "Cazzo dici Bonatti, se ti avessero detto che a Natale avresti avuto 40 punti ti saresti leccato i baffi". Bonatti fa la scarpetta e parte con i colpi bassi: "Ascolta Ciccio, guarda che qui non siamo in tv dove dici le tue troiate, io ho fatto 30 anni di curva, non mi intorti col tuo latinorum". La tensione è palpabile, ma l'arrivo in tavola della torta noci & mascarpone permette alla zia Carla di cambiare discorso: "Ho seguito molto il caso-Toffa, spero che ora stia meglio, ne beneficerà tutto il mondo del giornalismo nostrano". Il brindisi in onore della iena a base di spritz e altri alcolici modaioli arriva quasi spontaneo e permette di archiviare la pratica Inter (anche se lo scorrettissimo Bonatti si concede un ultimo "Brozovic ha rotto il cazzo!"). Un agghiacciante sandwich a forma di abete e composto da strati di pan Carré, salmone, pan Carré, tonno, pan Carré, calamari, pan Carré e bulloni chiude la tornata di antipasti.
Il calo di tensione è evidente, i commensali parlano svogliati e appesantiti, il cugino Claudio, fino a quel momento taciturno, prova a ritagliarsi uno spazio sfruttando un grande classico dei pranzi di Natale: la gaffe travestita da complimento. "Come sei dimagrita zia Diletta!". Gelo in sala. Tocca a Giordano fare chiarezza: "Claudio, la prozia Diletta è in dialisi da sette mesi, non hai visto che ha saltato la noci & mascarpone?". Claudio prova a mischiare le carte gettando nella mischia il caso Dybala: "Se l'argentino non tira fuori gli attributi, con Allegri avrà vita difficile".
Il risotto radicchio e salsiccia accompagna una sequenza di puttanate incredibile.
Marione: "Per me può essere ancora il nuovo Messi".
Bonatti: "È sopravvalutato".
Giordano: "Ritengo possa essere il Messi italiano, non di più".
Diletta, con un filo di voce: "Claudio sei una merda".
La zia Carla, maestra di strategia, sa quali corde andare a toccare per stemperare tensioni e Terze Guerre Mondiali: "Il nuovo giudice di Masterchef, Antonia Klugmann, è una stronza! Però fa bene a esserlo!". La tavolata approva, parte una boccia di Amarone presa al mercato nero, Bonatti si indigna: "Vergognatevi a guardare quei programmi del menga, povera Italia!".
"Povera Italia!" è un altro grande classico di tutti i pranzi di Natale e dà il là a una serie di frasi-fatte da ulcera bestiale: "L'Euro ci ha rovinato", "che vergogna i politici", "è tutto un magna magna", "Venezia bella, ma non ci vivrei", "il coreano non lancia la bomba perché se la lancia sono cazzi suoi", "si stava meglio quando si stava peggio".
Su "si stava meglio quando si stava peggio" e con la combo arrosti + formaggi in arrivo, tento la mossa della disperazione per chiudere definitivamente il cerchio dei luoghi comuni: "Con Insigne in campo si andava ai Mondiali!". Giordano si alza in piedi, mi indica e rivolto a tutti esclama: "Questo è mio nipote!". E poi: "Ventura, perché l'hai fatto! Percheeeeeeé!!!". Bonatti chiede un minuto di silenzio per l'Italia assente dai Mondiali, ma da buon bombarolo non si trattiene: "Sarri limitato nel suo essere tatticamente talebano, così facendo non vincerà lo scudetto. Allegri gli bagna il naso". Tal Costangelo, fidanzato acquisito della cugina Patrizia (a sua volta grande ammiratrice di Damiano dei Maneskin), dà di matto: "Basta con questa stronzata di Sarri inadatto! La Juve ha una rosa certamente più completa, ma il Napoli negli undici è più forte. Non condivido la scelta quasi volontaria di uscire dalla Champions, ma se regge il famoso patto dello spogliatoio questa volta possono arrivare fino in fondo". La zia Carla è pronta a giocarsi la carta "qui una volta era tutta campagna, pensate", ma colta da stracciamento di maroni si lascia andare: "Ma questo Bonatti perché deve romperci l'anima tutti gli anni? Non può andare alla mensa dei poveri a fare il suo Processo di Biscardi?". Bonatti, assai permaloso, si alza di scatto quasi a volersene andare, Diletta la risolve in un rantolo: "Ci sono le poesie dei bambini, su, fate i bravi".
Mandarini e torroni fanno da contorno all'agghiacciante usanza della poesia recitata. Bambini con bronchiti e molto sudati, sporchi di sughi e rincoglioniti dalla Playstation dicono cose come "Che bello il Bambinello, non lo vedi ma è nel tinello" o "il Natale ci rende buoni, ma meglio se hai i milioni". Zie di secondo piano mi fissano e dicono "Che bravi", rispondo "cazzo dite?", infine il piccolo Santuccio si ribella: "Io non voglio dire la poesia, ma solo che secondo me Di Francesco con la qualificazione della Roma agli ottavi di Champions è la più bella sorpresa di questa prima parte della stagione". Giordano lo indica ed esclama: "Quello è mio nipote! È mio nipote!". Poi mi guarda come per dire "sei fottuto, Santuccio ti farà presto le scarpe". Chili di cremina al mascarpone avvolgono fette bislunghe di panettone, fuori è buio, i fornelli accesi da 7 ore si apprestano a far bollire l'acqua per i tortellini in brodo, alcuni parenti minori dissimulano paresi al viso e forse sono morti, alcuni bambini scemi urlano "mi fa volare!", Bonatti percepisce il mio disagio, mi guarda e con lentezza studiata assesta il colpo finale: "...e quindi fra una settimana inizia il mercato di riparazione eh...?". E così tramonta il primo Natale senza sua maestà Paolo Villaggio.
(Twitter: @FBiasin).

Inutile angolo delle cose serie

INTER
Chi dice "occhio, c'è un problema" ha stra-ragione, la moltitudine di quelli che "ecco, è finita", invece, dovrebbero serenamente darsi una calmata. L'Inter ha bisogno di rinforzi? Sì, la cosa è nota da agosto. L'Inter è allo sbando come qualcuno vuol far credere? No, anche se l'ipotesi ispira qua e là libidinose articolesse da tregenda. A gennaio arriverà Bastoni a dar man forte in difesa, oltre a un rinforzo per il reparto avanzato. Inutile far nomi, al momento vorrebbe dire raccontare balle.

MILAN
La situazione è sotto gli occhi di tutti, imbarazza e a tratti spaventa. Quando una stagione nasce male e rimetterla in piedi pare impossibile, diventa essenziale "non sbracare". Al momento i giocatori del Milan non sembrano aver recepito l'allarme rosso. Molto (moltissimo) passa dal derby di domani sera. Un eventuale ko in Coppa Italia significherebbe andare "oltre la crisi" e dovrebbe portare un dirigente come Mirabelli a riflettere su una frase che lui stesso ha pubblicizzato un paio di mesi fa: "Tutti hanno una scadenza". Del resto, oltre ai 200 milioni investiti (gli acquisti vanno valutati su un periodo decisamente più lungo di 4 mesi) sono gli ingaggi milionari che rischiano di pesare come macigni sul giudizio del direttore sportivo rossonero.

NAPOLI
La risposta dei partenopei a quelli che "hanno una rosa troppo corta" l'ha data il campo, ancora una volta. Il Napoli si appresta a chiudere un 2017 che sotto il profilo dei numeri fa venire i brividi: 365 giorni con una rosa "ristretta", 365 giorni da record. Capitan Hamsik, invece, il record se l'è preso già. Onore a lui, rarissima "bandiera".

JUVENTUS
Diventa stucchevole dover ripetere sempre la stessa cosa, ma è quasi inevitabile: Allegri ha ricostruito il fortino bianconero e creato le premesse per l'ennesima stagione sotto i riflettori.
Il complimento più grande, però, oggi va a giocatori come Matuidi: essere forti non significa necessariamente riuscire a "capire" un nuovo ambiente. Lui - ma in larga parte tutti i nuovi acquisti - ci sono riusciti. Comprare "uomini" è quasi sempre più importante che comprare "ottimi calciatori". La Juve in questo senso non sbaglia praticamente mai.

Saluti, buona digestione, buon tutto.
E ricordatevi che gli avanzi del giorno dopo hanno un fascino che spesso va oltre la grande bellezza del giorno prima.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: tutte le sfaccettature dell'affare (fatto) chiamato "Ronaldo". Inter: le chance per Rafinha, l'idea per il centrocampo e il messaggio di Icardi. Milan: qualcuno salvi il soldato Gattuso. Napoli: il regalo di ADL per Ancelotti 10.07 - Oggi non c’è molto tempo. Però c’è parecchia “ciccia”, del resto sono iniziati i ritiri e il Mondiale sta per finire. E più il Mondiale si avvicina alla fine, più tornano le bombe di mercato. Le bombe di mercato sono importantissime, sono “il metadone” che accompagna i tossici del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy