HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: la miglior risposta al sorteggio è quella meno scontata, parola di Allegri. Inter: la cifra sul rinnovo di Icardi, le voci (esagerate) su Spalletti. Milan: la "resistenza" di Gattuso in attesa del mercato. Var: basta ostruzionismo

18.12.2018 07:48 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 34716 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. Siamo entrati nei clamorosi sette giorni del “tanti auguri a te e ai tuoi cari” che alcuni temerari trasformano da subito in “buon Natale, ma anche buon anno nuovo, a te e ai tuoi cari”. La maggior parte della gente che ti dice “a te e ai tuoi cari” odia te e anche i tuoi cari, perché altrimenti li chiamerebbe per nome (“Buon Natale a te e a Carlo”). La forma “I tuoi cari” è un po’ come dire “non so cosa dirti, levati di torno”. È importante che voi lo sappiate.
Ci sono quelli che amano il Natale e quelli che lo odiano, entrambi hanno i loro buoni motivi. Molti lo amano perché si sentono più felici, perché ci sono i regali, perché si sta tutti insieme a giocare al Mercante in Fiera, perché ci sono i mandarini e le noci, perché il nonno racconta di “quella volta in guerra”. Quelli che lo odiano… lo odiano per gli stessi identici motivi, soprattutto per le storie del nonno.

Il nonno ti dice sempre che lui in guerra era il numero 1 e si inventa delle boiate che lo fanno sembrare un mix tra Rambo e Adriano Pappalardo, tanto nessuno lo può smentire. Una volta mio cugino ha sbottato: “Nonno, questa storia che sei tornato dalla Russia a piedi con un tuo amico sulle spalle è una cazzata, dai…”. Lui si offende e dice sempre “chiedetelo alla nonna! Nipoti infami!”. Ma lo dice ben sapendo che la nonna è al camposanto da due lustri. Il nonno è molto furbo, ma quest’anno se la prenderà in saccoccia perché in genere racconta le sue cose a Santo Stefano e quest’anno il 26 c’è la Serie A che offre a tutti noi una buona scusa per non volerci bene due giorni di fila.

Questo preambolo è inutile come tutti gli altri ma questo ancor di più perché non c'è tempo da perdere. Facciamo in fretta.

Una cosa da dire riguarda il rinnovo del contratto del giocatore Mauro Icardi. Molti dicono “Che bello, è cosa già fatta”, in realtà non è così semplice. La trattativa è avviata, ma siamo alla cosiddetta “fase della spiaggia”: il club ha offerto una cifra (5.5 milioni), Wanda Nara ha risposto “mmmmm”. Direi che possiamo definirle “scaramucce” ma il dato di fatto è che esiste una volontà di andare avanti insieme, la qual cosa non è tutto, ma è certamente “molto”.

L’altra cosa da dire riguarda Spalletti, massacrato da tutti quanti (anche da noialtri, siamo mica diversi) per la micidiale combo “eliminazione dalla Champions + arrivo di Marotta”. Questa cosa è stata tradotta dai più con la sentenza “Spalletti è fottuto”, lui ci ha tenuto a dire “state buoni che la strada è lunga”. Si è risentito e a pensarci bene non ha mica tutti i torti. La “retrocessione” in Europa League è stata certamente una mazzata, ma addossarla tutta sulle spalle dell’allenatore è parecchio ingeneroso. L’Inter per come si era messo il girone aveva il dovere di qualificarsi, ma il dato di fatto è che era la terza forza del gruppo (anche a causa della rosa limitata) e tale si è rivelata.

Ecco, ora a Spalletti verrà chiesto un "salto in avanti": lui che è un mago della "resa garantita” (se una squadra vale il terzo posto in campionato, te la porta al terzo posto: mica poco) sarà chiamato a rischiare qualcosa in più: la vittoria dell’Europa League o della Coppa Italia non sarà condizione obbligatoria per la conferma, un atteggiamento più “coraggioso”, invece, potrebbe esserlo.

Gli stessi problemi li ha Gattuso, in campo stasera a Bologna. La barbosa storia del tecnico che è “bravo” quando vince e “colpevole” ogni volta che non vince ha addirittura annoiato. L'allenatore rossonero fa i miracoli in attesa del mercato, ma deve rispondere alla figuraccia di Atene con eliminazione dall’Europa League nel girone facile facile. Molti si chiedono “cosa accadrà a gennaio”, la sensazione è che la rosa verrà rinforzata nella speranza di conquistare un quarto posto possibile e soprattutto essenziale per combattere i paletti del fair play. Dopo aver schivato il proiettile Ibra, si sente parlare di un altro cavallo di ritorno come Pato: la sensazione è che a Rino servano un esterno e un centrocampista affidabili, per le figurine non c'è spazio.

Sulla Juve c’è poco da dire: ha pescato la peggiore tra tutte le seconde in Champions League, l’Atletico. Nel mare di frasi fatte e retoriche che avvolgono queste occasioni (“poteva andare meglio”, “poteva andare peggio”, “rispetto di tutti, paura di nessuno”) il più chiaro è stato Allegri che ha twittato una cosa del tipo “che problema c’è?”. Quando tutti ti danno del favorito ci vuole coraggio per dire “sì, è vero, eccoci qua”. Che vinca o meno il coppone, Allegri dimostra in ogni occasione di essere uno che non si nasconde dietro a un dito.

Quanto al Var il discorso è molto semplice: sarà colpa del nuovo protocollo oppure no, ma la gran parte degli arbitri di fronte alla possibilità di farsi dare una mano dalla tecnologia ha scelto di fare un passo indietro in nome di non si sa quale immotivato "protezionismo". Il tempo delle chiacchiere è finito: chi continua a tifare per il medioevo calcistico è gentilmente pregato di farsi da parte.

Buon Natale a voi e a Carlo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi e il rinnovo, Higuain e il Chelsea. Le novità su Ramsey, il ritorno di Gabbiadini e le strategie del Napoli... 10.01 - L'ultimo colpo di giornata lo ha messo a segno la Sampdoria che riabbraccia Gabbiadini. Lo riporta in blucerchiato: operazione complessiva da 12 milioni di euro (3 di prestito e 9 per il riscatto obbligatorio più bonus legati alla qualificazione in Europa). La Samp non voleva lasciarsi...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Godinopoli: l’Inter sta per fregare la Juventus per la prima volta dopo tanti anni, soffiandole Godin. Il messaggio di Marotta alla Juventus è chiaro. Skriniar: il Manchester United c’è, il rinnovo no 09.01 - La tentazione è davvero tanta per non usare questa parola, e come diceva Oscar Wilde: “Posso resistere a tutto, tranne che alle tentazioni”. E’ Godinopoli: il colpo che l’Inter sta portando a termine, concludendo l’acquisto di Diego Godin, è un cambio epocale nella storia minima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Quanti nomi attorno all'Inter, ma solo al prezzo giusto (con due parole su Robben). Juve, Ronaldo porta Ramsey. E Ramsey porta... W il mercato, anche se a gennaio vince sempre... il fairplay finanziario 08.01 - Buon Natale a te e famiglia. Così, a sorpresa. La depressione da rientro post-feste renderà questo editoriale più sconclusionato del solito. Io vi ho avvusato. Con la "u", avvusato. Il rientro dalle feste natalizie è uno schifo perché ti senti grasso e quando torni a casa c'è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->