HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: la miglior risposta al sorteggio è quella meno scontata, parola di Allegri. Inter: la cifra sul rinnovo di Icardi, le voci (esagerate) su Spalletti. Milan: la "resistenza" di Gattuso in attesa del mercato. Var: basta ostruzionismo

18.12.2018 07:48 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 34725 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. Siamo entrati nei clamorosi sette giorni del “tanti auguri a te e ai tuoi cari” che alcuni temerari trasformano da subito in “buon Natale, ma anche buon anno nuovo, a te e ai tuoi cari”. La maggior parte della gente che ti dice “a te e ai tuoi cari” odia te e anche i tuoi cari, perché altrimenti li chiamerebbe per nome (“Buon Natale a te e a Carlo”). La forma “I tuoi cari” è un po’ come dire “non so cosa dirti, levati di torno”. È importante che voi lo sappiate.
Ci sono quelli che amano il Natale e quelli che lo odiano, entrambi hanno i loro buoni motivi. Molti lo amano perché si sentono più felici, perché ci sono i regali, perché si sta tutti insieme a giocare al Mercante in Fiera, perché ci sono i mandarini e le noci, perché il nonno racconta di “quella volta in guerra”. Quelli che lo odiano… lo odiano per gli stessi identici motivi, soprattutto per le storie del nonno.

Il nonno ti dice sempre che lui in guerra era il numero 1 e si inventa delle boiate che lo fanno sembrare un mix tra Rambo e Adriano Pappalardo, tanto nessuno lo può smentire. Una volta mio cugino ha sbottato: “Nonno, questa storia che sei tornato dalla Russia a piedi con un tuo amico sulle spalle è una cazzata, dai…”. Lui si offende e dice sempre “chiedetelo alla nonna! Nipoti infami!”. Ma lo dice ben sapendo che la nonna è al camposanto da due lustri. Il nonno è molto furbo, ma quest’anno se la prenderà in saccoccia perché in genere racconta le sue cose a Santo Stefano e quest’anno il 26 c’è la Serie A che offre a tutti noi una buona scusa per non volerci bene due giorni di fila.

Questo preambolo è inutile come tutti gli altri ma questo ancor di più perché non c'è tempo da perdere. Facciamo in fretta.

Una cosa da dire riguarda il rinnovo del contratto del giocatore Mauro Icardi. Molti dicono “Che bello, è cosa già fatta”, in realtà non è così semplice. La trattativa è avviata, ma siamo alla cosiddetta “fase della spiaggia”: il club ha offerto una cifra (5.5 milioni), Wanda Nara ha risposto “mmmmm”. Direi che possiamo definirle “scaramucce” ma il dato di fatto è che esiste una volontà di andare avanti insieme, la qual cosa non è tutto, ma è certamente “molto”.

L’altra cosa da dire riguarda Spalletti, massacrato da tutti quanti (anche da noialtri, siamo mica diversi) per la micidiale combo “eliminazione dalla Champions + arrivo di Marotta”. Questa cosa è stata tradotta dai più con la sentenza “Spalletti è fottuto”, lui ci ha tenuto a dire “state buoni che la strada è lunga”. Si è risentito e a pensarci bene non ha mica tutti i torti. La “retrocessione” in Europa League è stata certamente una mazzata, ma addossarla tutta sulle spalle dell’allenatore è parecchio ingeneroso. L’Inter per come si era messo il girone aveva il dovere di qualificarsi, ma il dato di fatto è che era la terza forza del gruppo (anche a causa della rosa limitata) e tale si è rivelata.

Ecco, ora a Spalletti verrà chiesto un "salto in avanti": lui che è un mago della "resa garantita” (se una squadra vale il terzo posto in campionato, te la porta al terzo posto: mica poco) sarà chiamato a rischiare qualcosa in più: la vittoria dell’Europa League o della Coppa Italia non sarà condizione obbligatoria per la conferma, un atteggiamento più “coraggioso”, invece, potrebbe esserlo.

Gli stessi problemi li ha Gattuso, in campo stasera a Bologna. La barbosa storia del tecnico che è “bravo” quando vince e “colpevole” ogni volta che non vince ha addirittura annoiato. L'allenatore rossonero fa i miracoli in attesa del mercato, ma deve rispondere alla figuraccia di Atene con eliminazione dall’Europa League nel girone facile facile. Molti si chiedono “cosa accadrà a gennaio”, la sensazione è che la rosa verrà rinforzata nella speranza di conquistare un quarto posto possibile e soprattutto essenziale per combattere i paletti del fair play. Dopo aver schivato il proiettile Ibra, si sente parlare di un altro cavallo di ritorno come Pato: la sensazione è che a Rino servano un esterno e un centrocampista affidabili, per le figurine non c'è spazio.

Sulla Juve c’è poco da dire: ha pescato la peggiore tra tutte le seconde in Champions League, l’Atletico. Nel mare di frasi fatte e retoriche che avvolgono queste occasioni (“poteva andare meglio”, “poteva andare peggio”, “rispetto di tutti, paura di nessuno”) il più chiaro è stato Allegri che ha twittato una cosa del tipo “che problema c’è?”. Quando tutti ti danno del favorito ci vuole coraggio per dire “sì, è vero, eccoci qua”. Che vinca o meno il coppone, Allegri dimostra in ogni occasione di essere uno che non si nasconde dietro a un dito.

Quanto al Var il discorso è molto semplice: sarà colpa del nuovo protocollo oppure no, ma la gran parte degli arbitri di fronte alla possibilità di farsi dare una mano dalla tecnologia ha scelto di fare un passo indietro in nome di non si sa quale immotivato "protezionismo". Il tempo delle chiacchiere è finito: chi continua a tifare per il medioevo calcistico è gentilmente pregato di farsi da parte.

Buon Natale a voi e a Carlo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510