VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, le strategie per vincere la Champions. Pogba via, si o no. Allegri lo vuole. Isco resta a Madrid. Tentazione Ozil. Milan ai cinesi per 700 milioni. I dubbi di Berlusconi. Colpa di Totti, Spalletti va in Nazionale.

22.04.2016 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 38661 volte
© foto di Federico De Luca

Allegri ha deciso di restare alla Juve, finalmente lo ha detto a chiare lettere anche pubblicamente, allontanando dubbi e forti tentazioni (che ci sono state) sul suo futuro. Ha capito che è difficile trovare una società più organizzata della Juventus e dal punto di vista tecnico il divario con le altre grandi d'Europa non è più così grande dopo i buoni acquisti dell'ultimo mercato. Anche dal punto di vista economico avrà un contratto (cinque milioni) che si avvicina al top della categoria, il più alto in Italia.

Allora cosa separa ancora Allegri dalla firma?

L'accordo ci sarà presto, nessun dubbio, la discussione ora verte sui programmi del mercato e in particolare sul futuro di un giocatore-chiave, parliamo naturalmente di Paul Pogba.

La Juventus sta pensando di cederlo e scatenare un'asta fra le pretendenti, potrebbe significare portare a casa 100-120 milioni di euro. Una cifra astronomica e una plusvalenza da favola visto che per il giocatore la Juve ha sborsato solo delle provvigioni, tutto meno di cinque milioni di euro.

Con certe cifre in mano la Juventus potrebbe comprare 3-4 giocatori di grande livello per scalare l'ultimo gradino che la separa dalle grandi d'Europa.

Allegri invece è contrario. Sa benissimo che ha raggiunto con la squadra attuale una alchimia straordinaria, c'è fusione tra vecchi e nuovi, c'è condivisione tattica, la base è molto forte e cambiare troppo potrebbe significare fare dei danni. Tenere un giocatore duttile come Pogba è una fortuna, per Allegri senza stravolgere la rosa attuale, con l'acquisto di un trequartista importante, un centrocampista, un difensore e un attaccante se parte Morata, questa Juve può puntare alla Champions.

E con i soldi della Champions, gli eventuali 30 milioni del Real per Morata e qualche altra cessione accessoria per mettere dentro qualche giovane di grande prospettiva (Mandragora, Ganz o Lapadula), la spesa sarebbe gestibile con un budget da Juventus senza bisogno di vendere Pogba che, caso mai, potrebbe comunque essere ceduto l'anno prossimo vista la sua giovane età.

In sostanza Allegri chiede questo: non vendete nessun pezzo grosso, rafforzate questo gruppo e io provo a vincere la Champions.

Su questo si discute, sarà il grande tema del mercato e dell'estate. Intanto, però, Marotta lavora e dopo l'intesa con Benatia, ha incassato il no di Isco che, almeno per ora, vuol restare al Real. L'ultima idea è buttarsi su Ozil e Sanchez, una coppia che all'Arsenal ha fatto una grande stagione. Sanchez potrebbe essere l'alternativa a Morata, Ozil il trequartista che manca. Ma i nomi sul taccuino sono sempre i solidi, da Mkhitaryan a Andrè Gomes. Allegri stia tranquillo, comunque un trequartista arriverà e lui potrà passare dal 3-5-2 al 4-3-1-2 a seconda delle partite. Scongiurata invece la partenza di Bonucci. C'è Conte che insiste, ma la Juventus sta facendo muro sul difensore tanto che il Chelsea si sta portando su Manolas della Roma.

Per il centrocampista, causa anche l'infortunio di Marchisio, la Juve sta tornando con grande forza su Witsel dello Zenit che ha deciso di lasciare la Russia. Si può fare con una quindicina di milioni visto che il giocatore è in scadenza l'anno prossimo.

Su Witsel c'era anche il Milan, ma le incertezze sul futuro della società hanno bloccato tutto.

Vendere o non vendere? Questo è il grande dilemma di Berlusconi. Come vi ho già detto, l'offerta di una magnate cinese (il sesto uomo più ricco della Cina) è concreta, importante, reale e non ha niente a che fare con i se e i ma di mister Bee. L'advisor che sta conducendo la trattativa è autorevole, lo statunitense Salvatore Galatioto è fra i top a livello sportivo. L'offerta è circostanziata e per certi versi irrinunciabile. Galatioto, a nome del compratore, offre 750 milioni di euro per il 70 per cento del Milan, in linea con la valutazione di una miliardo fatta da Berlusconi. Al contrario di mister Bee, questo gruppo vuole la maggioranza del club. Considerando che Berlusconi ha speso circa 900 milioni di euro in trenta anni di presidenza del Milan, significherebbe uscire con tanta gloria e trofei senza aver rimesso più di tanto. La famiglia spinge, ma Berlusconi prima di mollare il Milan, dicono nell'entourage, lascerebbe più volentieri la politica. Vedremo.

I cinesi vogliono chiudere in fretta, ci sarebbe una data limite fissata per lunedì prossimo, o al massimo entro fine mese. Se Berlusconi dovesse decidere di non vendere nessuno si aspetti però un futuro roseo per i rossoneri. Il progetto sarà ridimensionato, tanti giovani in mano a Brocchi sperando in un futuro migliore. Ma l'esposizione economica e i soldi da immettere nel Milan sono tanti, alla fine i figli (soprattutto Marina) sono convinti di riuscire a convincere il padre. I cinesi vogliono la maggioranza, ma sono pronti a discutere un eventuale ruolo di Berlusconi nella nuova società. Mercato? Per ora tutto bloccato in attesa di sviluppi, allenatore compreso.

A proposito di allenatori, come uscirà Spalletti dalla vicenda Totti?

Con le ossa rotte. Aveva fatto tutto bene, a Bergamo ha voluto andare oltre, strafare e stravincere e il Dio del Pallone gli ha voltato le spalle. A volte conviene il basso profilo, Spalletti la sua guerra con Totti l'aveva già vinta, non doveva essere un gol all'Atalanta a rimettere in gioco tutto. Ora è più dura, la città e i medi sono con il capitano, due gol di un quasi ex giocatore nel caso di Totti sono due gol di un Dio del Pallone. Ora vorrà continuare a giocare, vorrà tornare a comandare e a decidere delle sorti della Roma. Che fare?

In assenza di Pallotta, Spalletti è fra l'incudine e il martello, ma d'improvviso si è aperta la soluzione: andare in nazionale. L'offerta è interessante (tre milioni), l'occasione è ghiotta, mollare l'inferno di questa Roma con la tranquillità prestigiosa della Nazionale potrebbe essere una soluzione. Spalletti ci pensa, la decisione entro pochi giorni. E Totti poi avrà via libera per giocare fino a quando vorrà con la Roma tenuta in scacco. A volte si sbaglia per troppo amore, questa è una di quelle volte.

Sempre in tema allenatori, Di Francesco come vi avevamo già anticipato mentre tutti lo davano alla Fiorentina o al Milan, resterà a Sassuolo. Contratto da un milione, tanta roba per una squadra sempre più ambiziosa.

Anche Sousa, come vi abbiamo sempre detto, resterà a Firenze. Nonostante gli ultimi periodi complicati, l'allenatore ha sempre le fiducia della società, basterà capirsi meglio e cambiare alcune cose, compresa la comunicazione.

Sempre in caso viola, in attesa della gara di domenica con la Juve, si pensa al mercato. Mario Gomez sta segnando a raffica nel Besiktas che ha tempo fino alla fine del mese per riscattare il tedesco versando mille euro alla Fiorentina. I turchi però non sono convinti della bontà di questa operazione. Gomez ha già fatto sapere che in Turchia non resterà, il suo ingaggio è molto alto, non sarà facile trovare una squadra disposta a comprare a certe cifre un giocatore di 31 anni che guadagna cifre molto alte e poi alla Fiorentina spetterebbe comunque una percentuale sulla vendita fra il trenta e il quaranta per cento.

I turchi, per evitare grane e complicarsi la vita, nonostante i tanti gol di Gomez, stanno pensando di restituire tutto il pacco alla Fiorentina che si ritroverebbe in casa un bel caso. E non è solo un gioco di parole.....


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.