VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln

26.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 41270 volte
© foto di Federico De Luca

Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito.
Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre coppe Italia in tre anni, supercoppe e due finali di Champions, fare meglio non solo sarebbe difficile, ma forse impossibile. A maggior ragione se (come ci auguriamo da italiani amanti del calcio) la Juventus dovesse rivincere la Champions dopo ventuno anni di attesa.
A corredo di queste considerazioni, dobbiamo aggiungere che già qualche mese fa in anteprima, vi abbiamo raccontato che la Juventus aveva preparato un rinnovo di contratto per Allegri fino al 2020 con uno stipendio in linea con i più grandi, circa otto milioni di euro l’anno a regime. Il contratto doveva essere firmato dopo i quarti con il Barcellona. Poi dopo la semifinale con il Monaco. Ad oggi quei fogli sono ancora sulle scrivanie di Agnelli e Marotta. Allegri non è mai passato a firmare un contratto sul quale si era trovato l’accordo. Aspetta, ma cosa?
La riflessione l’ha fatta, la decisione l’ha presa. Anche se non dovesse avere alternative, in caso di Triplete, Allegri ha in mente di dire stop.
La Juventus lo sa benissimo. E allora cosa succederà?
I bianconeri hanno una straordinaria struttura societaria, difficile trovare pecche nell’organizzazione, difficile cogliere qualcuno impreparato.
Da tempo Marotta e Paratici stanno valutando soluzioni e alternative. E’ chiaro che la Juve speri che Allegri resti per riaprire un nuovo ciclo vincente, ma è altrettanto chiaro che servono soluzioni alternative.
La Juve si è mossa in silenzio, sottotraccia come usa fare sempre, con l’obiettivo di non farsi cogliere impreparata. Il nome sul quale i dirigenti bianconeri sono andati da subito è quello di Roberto Mancini. Piace e non da oggi. Anche quando fu scelto Allegri nell’estate del 2014, Mancini è stato in ballottaggio fino all’ultimo. Tifoso della Juve anche se è diventato grande con l’Inter, ha un profilo giusto per esperienza e modo di fare calcio. Ma non solo. Negli ultimi giorni è tornato di moda anche Spalletti che con l’Inter ha parlato, ma non ha chiuso un fico secco.
Spalletti era già stato contattato dalla Juve mesi fa, dopo la Supercoppa persa con il Milan, quando il rapporto Allegri-Juve era in ribasso. Poi il cambio di modulo, la cavalcata trionfale e il momento felice hanno raffreddato tutto e rilanciato Allegri.
Oggi torna tutto in ballo e l’Inter su Spalletti potrebbe essere perfino arrivata tardi.
Il terzo nome sul quale Marotta riflette è quello di Paulo Sousa. Il contatto c’è stato. L’ex bianconero è amico di Andrea Agnelli, il calcio dei primi mesi con la Fiorentina piacque molto e la stagione difficile passata a Firenze non sembra un ostacolo. C’è la convinzione che Sousa con una squadra forte e una società organizzata, possa fare benissimo.
C’è da aspettare una settimana, la finale di Champions. Quando la Juventus farà la prima mossa, tutto il resto succederà di conseguenza.
Ma la Juve non pensa solo alla panchina. Un altro interrogativo è all’esame dei dirigenti: cosa fare dei giocatori in caso di Triplete?
Moratti, nel 2010, per affetto, decise di confermare tutti e quella squadra, quei giocatori finirono nella notte di Madrid. Il mancato rinnovamento ha segnato sette anni di insuccessi. La Juve non farà gli stessi errori. Moratti, ad esempio, rifiutò una straordinaria offerta del Real per Milito. Con la Juve non succederà. Se per qualche giocatore arriveranno offerte irrinunciabili, la Juve passerà all’incasso. Del resto, come per Allegri, dopo aver toccato la cima più alta è difficile ripetersi o far meglio anche per i giocatori. Ecco allora che Marotta farà parecchie operazioni in uscita. Il nome più corteggiato è quello di Bonucci. Se il giocatore, trent’anni, chiederà di fare una nuova esperienza sarà accontentato. Il Real ha offerto 70 milioni e per un giocatore di trent’anni sono irrinunciabili. Ma potrebbero finire sul mercato anche altri senza problemi. La Juve rinnoverà, immetterà giocatori freschi, giovani motivati e profili internazionali per riaprire un ciclo nuovo da subito. Nel mirino, come detto più volte, ci sono Di Maria, De Sciglio, Tolisso (in ribasso), Schick, Douglas Costa e Renato Sanchez, ma anche Bernardeschi.
Tornando al giro delle panchine, è lampante che dovrà essere la Juve a muovere per prima. L’Inter ha fretta, vorrebbe chiudere con Spalletti già lunedì prossimo, ma c’è chi giura che Sabatini stia provando a prendere un Mister X che piace a lui. E parlare di Conte sarebbe banale. Sull’ex juventino l’Inter non molla, l’incontro finale ci sarà dopo la coppa inglese, ma i margini sembrano minimi. O zero. L’Inter, fra l’altro, deve liberare Pioli (ha il contratto fino al 2018) che piace alla Fiorentina, ma per ora non lo molla.
In attesa, il Milan lavora alla grande. Dopo Musacchio e Kessie, il sogno è Morata e lo sappiamo. Vedo molto ottimismo, ma dalla Spagna mi dicono che Zidane abbia chiesto a Morata di restare, vuole dargli a breve il posto di Benzema. E poi, diciamola tutta, 60-70 milioni per Morata sarebbero una follia.
Per Bernardeschi, invece, la Fiorentina spera di "tirare su" almeno un cinquantino. La Viola ha deciso di mettere sul mercato il suo giovane talento della Cantera e Corvino dovrà essere bravo a stimolare la concorrenza fra Chelsea, Inter e Juve che hanno presentato offerte importanti all’avvocato Bozzo procuratore di Bernardeschi. Altre sono in arrivo. Ma da Firenze andranno via anche Kalinic, Ilicic, Badelj e Tatarusanu. Se Corvino è bravo con questa massa di soldi (un’ottantina di milioni) può fare davvero una squadra importante.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.