VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln

26.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 41318 volte
© foto di Federico De Luca

Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito.
Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre coppe Italia in tre anni, supercoppe e due finali di Champions, fare meglio non solo sarebbe difficile, ma forse impossibile. A maggior ragione se (come ci auguriamo da italiani amanti del calcio) la Juventus dovesse rivincere la Champions dopo ventuno anni di attesa.
A corredo di queste considerazioni, dobbiamo aggiungere che già qualche mese fa in anteprima, vi abbiamo raccontato che la Juventus aveva preparato un rinnovo di contratto per Allegri fino al 2020 con uno stipendio in linea con i più grandi, circa otto milioni di euro l’anno a regime. Il contratto doveva essere firmato dopo i quarti con il Barcellona. Poi dopo la semifinale con il Monaco. Ad oggi quei fogli sono ancora sulle scrivanie di Agnelli e Marotta. Allegri non è mai passato a firmare un contratto sul quale si era trovato l’accordo. Aspetta, ma cosa?
La riflessione l’ha fatta, la decisione l’ha presa. Anche se non dovesse avere alternative, in caso di Triplete, Allegri ha in mente di dire stop.
La Juventus lo sa benissimo. E allora cosa succederà?
I bianconeri hanno una straordinaria struttura societaria, difficile trovare pecche nell’organizzazione, difficile cogliere qualcuno impreparato.
Da tempo Marotta e Paratici stanno valutando soluzioni e alternative. E’ chiaro che la Juve speri che Allegri resti per riaprire un nuovo ciclo vincente, ma è altrettanto chiaro che servono soluzioni alternative.
La Juve si è mossa in silenzio, sottotraccia come usa fare sempre, con l’obiettivo di non farsi cogliere impreparata. Il nome sul quale i dirigenti bianconeri sono andati da subito è quello di Roberto Mancini. Piace e non da oggi. Anche quando fu scelto Allegri nell’estate del 2014, Mancini è stato in ballottaggio fino all’ultimo. Tifoso della Juve anche se è diventato grande con l’Inter, ha un profilo giusto per esperienza e modo di fare calcio. Ma non solo. Negli ultimi giorni è tornato di moda anche Spalletti che con l’Inter ha parlato, ma non ha chiuso un fico secco.
Spalletti era già stato contattato dalla Juve mesi fa, dopo la Supercoppa persa con il Milan, quando il rapporto Allegri-Juve era in ribasso. Poi il cambio di modulo, la cavalcata trionfale e il momento felice hanno raffreddato tutto e rilanciato Allegri.
Oggi torna tutto in ballo e l’Inter su Spalletti potrebbe essere perfino arrivata tardi.
Il terzo nome sul quale Marotta riflette è quello di Paulo Sousa. Il contatto c’è stato. L’ex bianconero è amico di Andrea Agnelli, il calcio dei primi mesi con la Fiorentina piacque molto e la stagione difficile passata a Firenze non sembra un ostacolo. C’è la convinzione che Sousa con una squadra forte e una società organizzata, possa fare benissimo.
C’è da aspettare una settimana, la finale di Champions. Quando la Juventus farà la prima mossa, tutto il resto succederà di conseguenza.
Ma la Juve non pensa solo alla panchina. Un altro interrogativo è all’esame dei dirigenti: cosa fare dei giocatori in caso di Triplete?
Moratti, nel 2010, per affetto, decise di confermare tutti e quella squadra, quei giocatori finirono nella notte di Madrid. Il mancato rinnovamento ha segnato sette anni di insuccessi. La Juve non farà gli stessi errori. Moratti, ad esempio, rifiutò una straordinaria offerta del Real per Milito. Con la Juve non succederà. Se per qualche giocatore arriveranno offerte irrinunciabili, la Juve passerà all’incasso. Del resto, come per Allegri, dopo aver toccato la cima più alta è difficile ripetersi o far meglio anche per i giocatori. Ecco allora che Marotta farà parecchie operazioni in uscita. Il nome più corteggiato è quello di Bonucci. Se il giocatore, trent’anni, chiederà di fare una nuova esperienza sarà accontentato. Il Real ha offerto 70 milioni e per un giocatore di trent’anni sono irrinunciabili. Ma potrebbero finire sul mercato anche altri senza problemi. La Juve rinnoverà, immetterà giocatori freschi, giovani motivati e profili internazionali per riaprire un ciclo nuovo da subito. Nel mirino, come detto più volte, ci sono Di Maria, De Sciglio, Tolisso (in ribasso), Schick, Douglas Costa e Renato Sanchez, ma anche Bernardeschi.
Tornando al giro delle panchine, è lampante che dovrà essere la Juve a muovere per prima. L’Inter ha fretta, vorrebbe chiudere con Spalletti già lunedì prossimo, ma c’è chi giura che Sabatini stia provando a prendere un Mister X che piace a lui. E parlare di Conte sarebbe banale. Sull’ex juventino l’Inter non molla, l’incontro finale ci sarà dopo la coppa inglese, ma i margini sembrano minimi. O zero. L’Inter, fra l’altro, deve liberare Pioli (ha il contratto fino al 2018) che piace alla Fiorentina, ma per ora non lo molla.
In attesa, il Milan lavora alla grande. Dopo Musacchio e Kessie, il sogno è Morata e lo sappiamo. Vedo molto ottimismo, ma dalla Spagna mi dicono che Zidane abbia chiesto a Morata di restare, vuole dargli a breve il posto di Benzema. E poi, diciamola tutta, 60-70 milioni per Morata sarebbero una follia.
Per Bernardeschi, invece, la Fiorentina spera di "tirare su" almeno un cinquantino. La Viola ha deciso di mettere sul mercato il suo giovane talento della Cantera e Corvino dovrà essere bravo a stimolare la concorrenza fra Chelsea, Inter e Juve che hanno presentato offerte importanti all’avvocato Bozzo procuratore di Bernardeschi. Altre sono in arrivo. Ma da Firenze andranno via anche Kalinic, Ilicic, Badelj e Tatarusanu. Se Corvino è bravo con questa massa di soldi (un’ottantina di milioni) può fare davvero una squadra importante.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti 17.12 - Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.