HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Juve, Matuidi non basta. Con questo mercato l’obiettivo Champions si allontana. Oltre a Spinazzola anche Caldara? Il modulo da cambiare. Cuadrado via. Inter, Spalletti vuole un fantasista. Schick vice Icardi, arriva un centrale

18.08.2017 07:07 di Enzo Bucchioni   articolo letto 69667 volte
© foto di Federico De Luca

Erano due anni che un giorno si’ e un altro pure, puntualmente, Matuidi era dato come imminente acquisto della Juve. Una storia simile a quella del lupo e il lupo questa volta e’ arrivato. Un giocatore cosi’, fisico, ma anche piedi discreti e visione di gioco, servira’ di sicuro e anche noi, non piu’ tardi di una settimana fa, l’avevamo indicato come un colpo da fare. In piu’ Matuidi, con l’esperienza dei suoi trent’anni e i tanti trofei vinti, porta carisma e personalita’nello spogliatoio.
Pero’ Matuidi non basta e non perche’ siamo incontentabili, ma in virtu’ di un ragionamento perfino banale.
Domanda: la Juve vuole primeggiare in Italia? Matuidi dara’ ulteriore forza e completera’ un centrocampo gia’ all’altezza. L’obiettivo e’ la Champions, davvero la Juve vuole riprovare ad arrivare in finale di Champions?
E’ questo l’obiettivo stagionale? Ecco, in questo caso Matuidi da solo sposta poco.
Avete dato un’occhiata a come si sono mosse le Grandi? Barcellona a parte (ma ora fara’ mercato con i soldi di Neymar), tutte si sono rinforzate. Alla Juve servivano due o tre grandi giocatori di livello internazionale e io, sinceramente, come ho scritto anche giovedi’ scorso, ero convinto che Marotta li avrebbe comprati. I soldi ci sono, i bilanci sono floridi. E se e’ vero che e’ difficile portar via giocatori al Real o al City (tanto per dirne due) e’ altrettanto vero che la Juve e’ tornata ad avere appeal e risorse.
Non disprezzo Douglas Costa, ma prendera’ il posto di Cuadrado che sara’ ceduto. Mi piace moltissimo Bernardeschi, ma ha ancora bisogno di maturare. Anche Bentancour sono convinto che stupira’, ma il gap con le Grandi non lo colmeranno certo questi acquisti. Tanto piu’ che ci sono diversi giocatori fondamentali sopra i trent’anni come Marchisio e Khedira a centrocampo, soprattutto Chiellini e Barzagli in difesa. L’addio di Bonucci ha lasciato un vuoto pericoloso e la Supercoppa ci ha consegnato un Benatia ombra del giocatore visto a Roma tre anni fa.
Faccio questo discorso gia’ accennato una settimana fa (e la Supercoppa mi ha dato ragione) perche’ Marotta sembra aver chiuso il mercato ai Grandi Colpi.
Prendera’ Spinazzola e cerchera’ di convincere l’Atalanta a cedere in anticipo anche Caldara, tiene in sospeso Keita, ma l’impressione non regala di piu’. Non basta, ribadisco. Fra l’altro questo gruppo sta faticando a smaltire Cardiff e questo va messo sul conto.
Allegri ha le risorse per ridare energie nervose a questo gruppo? E’ il grande interrogativo, ma la certezze dovranno essere anche tattiche. Il 4-2-3-1 che ho caldeggiato l’anno scorso, forse oggi e’ diventato un problema. Mandzukic ha ancora voglia di portare l’acqua a Higuain? Dybala lontano dalla porta ci puo’ stare? Con Matuidi e il centrocampo a due con Pjanic sarebbe assurdo tener fuori regolarmente gente come Marchisio o Khedira. Ecco allora che forse sarebbe piu’ logico pensare a un centrocampo a tre con Pjanic, Matuidi e Marchisio o Khedira, in grado di proteggere anche una difesa da assestare. Il 4-3-2-1 con Dybala e Bernardeschi (o Douglas Costa) dietro Higuain potrebbe essere un’alternativa. A meno che Allegri non voglia mettere Matuidi a sinistra nei tre dietro Higuain al posto di Mandzukic con Dybala in mezzo e Douglas Costa a destra.
Qualche problema ce l’ha pure l’Inter. So che Spalletti si aspetta un giocatore di qualita’, forza e personalità da mettere alle spalle di Icardi nei tre dietro la punta. Preferisce far giocare Borja Valero più basso per ripartire con idee e intelligenza tattica, e Joao Mario davanti non ha rapidità e la fantasia necessari. Si può adattare, ma Spalletti aspetta di più. Il ragionamento porta dritto a Vidal che nella testa del tecnico potrebbe fare quello che riusciva benissimo a Nainggolan nella Roma. Inutile fare altri nomi, Sabatini ci sta lavorando, ma tutti dipende dalle uscite ancora in corso e dal fair play finanziario. Comunque, fra i problemi da risolvere, Schick e’ il vice-Icardi designato, arrivato il terzino, per completare l’organico serve un centrale difensivo.
Al Milan serve l’attaccante e la vicenda Kalinic e’ sempre più imbarazzante. Anche ieri il croato ha saltato l’allenamento, non e’ la prima volta dopo le bizze precampionato. Vuole solo il Milan e la Fiorentina l’accordo con il Milan non lo trova o non lo vuol trovare per prendere piu’ soldi dall’Everton. Fosse per me il giocatore finirebbe fuori rosa, alla Lotito. Ma per onestà intellettuale dobbiamo anche dire che a gennaio prima l’hanno convinto a non andare in Cina, poi gli hanno garantito che l’avrebbero ceduto a un club importante, forse la vicenda andava gestita meglio e in tempi piu’ lontani per trovare un’intesa condivisa. Il tempo c’era. Ora che Kalinic voglia solo il Milan diventa comunque una bizza inaccettabile.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy