VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby

12.08.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 36845 volte

Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità. E' proprio su questo acquisto strategico che la Juventus non riesce sul mercato europeo ad essere aggressiva come su quello italiano. Due anni fa sembrava Draxler, ma era Hernanes. Scorsa stagione sembrava Witsel, ma era Rincon. Quest'anno Matic e Tolisso sono passati, restano Matuidi e N'Zonzi, alla fine chi sarà? Il centrocampo del Real Madrid, attuale pietra di paragone della Juve, è inarrivabile ma accorciare le distanze non è vietato. Il centravanti prossimo venturo del Milan non dovrà oscurare o limitare Andrè Silva. Checchè se ne dica, giocatore evoluto, interessante, di talento e in piena crescita. Sia che il Milan evolva sul 3-5-2 sia che resti sul 4-3-3, il portoghese non andrà perso per strada. Sarebbe un vero peccato. Se Aubameyang e Diego Costa sono inamovibili come sembra (certamente lo è Aubame) e se il Milan non ha mai fatto offerte per Falcao e non prenderà mai Ibra, perchè questa sottovalutazione abbastanza generalizzata di Kalinic? Il croato segna alle grandi (Milan, Inter e Juve nella scorsa stagione), sa come si fa in Europa (Finale Europa League con il Dnipro), è funzionale e sa stare al suo posto nelle gerarchie e negli automatismi di un gruppo. Perchè sottovalutarlo da parte della critica e dei tifosi? Il mercato dell'Inter è finalmente iniziato e la mancanza degli ossessivi confronti con quello del Milan ha rasserenato i suoi dirigenti. Da Dalbert a Emre Mor, i giocatori stanno arrivando. Dall'elenco mancano Nainggolan, Vidal e Di Maria, perchè nelle grandi piazze un colpo serve sempre. Ma i tifosi interisti si sono convinti di essere da Scudetto anche così. E così sia. Il colpo potrebbe essere Schick: un gol in maglia nerazzurra alla Juventus dopo la foto durante le visite mediche bianconere, potrebbe diventare un feticcio per gli interisti. A Torino lo hanno messo in preventivo?

Lucifero ha appiedato Biglia. Quattro settimane di stop, il rientro dopo la sosta di inizio Settembre. Per un giocatore acquistato integro (41 partite nel 2016-17, 34 Lazio e 7 Argentina) che continua ad essere un punto di riferimento per la Seleccion, per un giocatore mai vittima di gravi operazioni e di gravi infortuni, un contrattempo, anche se fastidioso a inizio stagione per un centrale chiamato a prendere subito in mano le redini della squadra, non è la fine della guerra dei mondi. Continua ad esserci vita sul pianeta. La prima speranza/sensazione era che non fosse grave, poi fra chi sosteneva le 2 settimane di assenza, chi 1 mese, chi 1 mese e mezzo, ha "vinto" il mese. Il Milan ha altri tre centrocampisti centrali con cui affrontare Shkendija, Crotone e Cagliari. Di Kondogbia ad Appiano Gentile invece nessuna traccia. Due anni fa era meglio di Pogba e saltava come un grillo, oggi non ne può più e marca visita. Quanti intrecci attorno a lui, Roberto Mancini aveva minacciato le dimissioni se l'Inter non lo avesse strappato al Milan nel più incredibile derby mediatico di mercato come quello del 20-21 Giugno 2015 di Monte Carlo. Ottimo protagonista di un Monaco-Juventus di Champions League, Kondogbia è oggi un atleta in cerca di sè stesso, smarrito, disperso, fra la sostituzione-lampo di De Boer e l'autogol virale contro il Chelsea. E' l'emblema di quanto possa essere illusorio il mercato estivo. Chi lo acquista si dissangua, si diceva durante il triangolo Inter-Kondo-Milan di Monte Carlo, alla fine chi ne è uscito con le ossa rotte è stato soprattutto il giocatore, vittima dell'insostenibile tristezza dei suoi ultimi anni di carriera a Milano.

Aleksandar Kolarov, un Franco Cordova all'incontrario. Un nuovo Lionello Manfredonia. Ma senza ipocrisie. Gli hanno chiesto del rito dell'esultanza alla rovescia. Che è quell'esercizio un po' ipocrita di chi fa gol e si pente, essendo ancora legato ai suoi vecchi colori. Lo inaugurò Oliver Bierhoff, per non far arrabbiare i suoi tifosi friulani dopo il suo passaggio al Milan. Kolarov però è stato diretto e schietto. Certo che esulto, come fecero Ganz e Ronaldo con la maglia del Milan. In un derby non si può aprire il libro Cuore. Il derby è riffa, lotta selvaggia, zona franca. I tifosi laziali lo fischierannno, ci sta. Ma per essere coerente con la scelta della Roma, lui dovrà subire e accettare tutto. Esultando, in caso di gol nel derby, per la sua nuova squadra, non contro la sua ex squadra. Se Kolarov inizia a preoccuparsi delle reazioni dei laziali, non potrà mai iniziare una nuova avventura professionale con i romanisti. Il suo se segno esulto fa titolo, ma dovrebbe essere la normalità. In un derby vale tutto. Soprattutto il colpo basso dell'ex.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.