VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Juve-Napoli da studiare a Coverciano: il trionfo di due grandi tecnici. Zaza simbolo di un progetto, ma la Juve si affretti a blindare Barzagli. Fiorentina alla cinese: smentite e non solo. Leicester: sognare si può

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista e vicedirettore di Firenzeviola.it.
14.02.2016 00:01 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 49747 volte
© foto di Image Sport

C'era gran traffico di medici e sali per rinvenire le affollate stanze di Coverciano, ieri sera. Massimiliano Allegri e Maurizio Sarri hanno fatto emozionare così tanto i maestri della scuola italiana che questi non hanno resistito. Scherzi a parte, per il purista della tattica, Juventus-Napoli è stato spettacolo sublime. Reparti cortissimi, pressione infernale e undici uomini che riescono a rinculare ed a spostarsi come uno solo senza grandi patemi d'animo. Bianconeri ed azzurri, soprattutto nel primo tempo, non hanno permesso mai un'invenzione, un tocco particolare, il gesto di un singolo. Undici hanno vinto contro uno, per quasi tutta una partita, finché le energie non hanno tolto lucidità e gli schemi, pur non saltati, hanno lasciato spazio anche all'estro dei campioni.

Simone Zaza, forse, non è ancora campione. Anzi, di certo. Però ieri ha fatto l'Imperatore, sembrava Adriano con quel sinistro che ha rovesciato le gerarchie d'Italia. Con quella cattiveria positiva, con quei movimenti sporchi, duri e concreti, Zaza è l'uomo copertina di un progetto. Che parte dai giovani, cresciuti e cullati altrove, fino a diventare uomini capaci di poter anche decidere la partita dell'anno. E' la vittoria di Marotta, Paratici, ma pure di Allegri. Sul cui futuro chissà, nonostante le dichiarazioni della vigilia, perché un'anima del Chelsea vuole lui e l'altra Sampaoli. Però, per quanto riguarda il presente, ha dimostrato a tutti di essere stato la molla giusta capace di far rinascere la Juventus. Sì, lui. Con Buffon ed Evra. Quell'esame di coscienza chiamato a gran voce dal gruppo che ha una data precisa di svolta. Il derby di Torino. Lì, con quel gol di Cuadrado al 93', è cambiato tutto. La Juventus ha fatto 15 vittorie di fila, numeri da urlo, da campioni veri. Campioni come Barzagli, ieri insuperabile, che invecchiando migliora sempre e che la società dovrebbe pensare seriamente a blindare, già da domani. Campioni come Bonucci, decisivi su Higuain nonostante problemi fisici.

Ieri sera, intanto, è sceso in campo un giocatore che ha forse trovato, nonostante il ko, nonostante costantemente passi sotto l'ombra di Higuain ed Insigne, la consacrazione. Parliamo di Allan, motorino inesauribile del centrocampo di Maurizio Sarri. Uno che farebbe comodo a qualsiasi grande squadra d'Europa e che sussurri raccontano essere seguito da vicino, praticamente ad ogni partita, da due-tre osservatori dei maggiori club europei. Inevitabile. E' stato una scoperta meravigliosa, è un giocatore unico nel genere e De Laurentiis sì che potrà sparare alto anche per un giocatore che non ha paragoni.

Altri temi, sparsi. Ieri si è diffusa la notizia, tramite i colleghi di Sky, di una Fiorentina a caccia di un acquirente in Cina anche disposto a comprare il 100% del club. La società, intanto, smentisce categoricamente. Quel che c'è di certo, è che Diego Della Valle, da anni, ha stretti legami di lavoro con la Cina che venne definita appunto l'Eldorado di Della Valle nel 2013 dai media specializzati in finanza e con Credit Suisse che spiegò come fosse il momento proprio d'investire in Tod's. Nel quarto trimestre scorso la sua Fay ha visto le vendite salite del 3,7%, anche grazie alle vendite nella zona della Greater China. Ed Hogan, altro storico marchio di DDV, continua a crescere in quel territorio nonostante 'il rallentamento locale del lusso', come ha spiegato lo scorso gennaio Il Sole 24 Ore. Secondo le ultime, che la ACF ha però smentito, sarebbe proprio Credit Suisse l'istituto mandatario della possibile cessione del club. La Fiorentina, dal canto suo, potrebbe semmai cercar soci per la costruzione del nuovo stadio, che sta però trovando grandi intoppi (il progetto Cittadella risale, praticamente, all'epoca della Lira o quasi...).

Infine un monito. Una speranza. Un sogno. Che il Leicester City vinca, oggi contro l'Arsenal. Che Claudio Ranieri raggiunga questo fantastico tabù, chiamato titolo. Lì, non ci riuscì neanche Gordon Banks. Lì non ci è riuscito nessuno e la Premier, dalla sua nascita negli anni '90, è sempre andata a soli quattro club. Mai neppure al glorioso Liverpool. Porti un sogno nelle case degli inglesi, Ranieri. Mica solo a Leicester. E forse, anzi certamente, mica solo in Inghilterra. Vinca il titolo, e lo dice un sostenitore dei Reds, oramai disilluso dopo premesse e promesse stagionali con Rodgers prima e Klopp poi. Vinca, Ranieri. Per dimostrare che il calcio è ancora quello che sognavamo da piccoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Paperumma ha rovinato tutto: immagine da ricostruire. Gli agenti bravi e quelli che fanno danni: da Raiola a Di Campli fino a Giuffredi. Inter, tocca a te! Palermo, non trema solo Zamparini... 10.07 - Doveva essere un titolo da cartone animato è stato, invece, un titolo premonitore. Paperumma non ha portato benissimo a Gigio Donnarumma che oltre a costruire la sua carriera, adesso, dovrà ricostruire la sua immagine. Un anno fa aveva l'immagine migliore del nostro campionato. Il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.