VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Juve nell'aristocrazia d'Europa e ora sguardo al futuro. E le panchine per il prossimo anno continuano a ballare. Inter, Jovetic e la fascia sinistra

23.04.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 42410 volte
© foto di Federico De Luca

La soddisfazione del popolo juventino è grande, grandissima. Dopo 12 anni in finale, Allegri ha proseguito nel miglior modo possibile il lavoro iniziato da Conte con un grande filo rosso in sottofondo: Agnelli, Marotta e Paratici. La Juve è entrata nel tavolo delle grandi.
E' lì a giocarsi un sogno con chi negli ultimi anni ha letteralmente dominato la scena europea. Solo grandi squadre, le più forti in assoluto. Ogni accoppiamento sarà una grande partita, in cui per forza la Juve partirà da sfavorita. Ma la Champions è la Champions. E per essere più sicuri (anche con i soldi che arriveranno con la semifinale) per le prossime stagioni il lavoro bianconero va avanti.
Tevez forse stasera pensa meno al Boca, mentre la Juventus all'attaccante da affiancargli per il prossimo anno. Morata rimane, eccome. Llorente molto probabilmente no. No Matri. E quindi ci sono almeno due nomi che ballano e frullano nella testa della coppia mercato.
Dybala e Cavani. Operazioni certamente non semplici, ma affascinanti. Decisamente più caro l'uruguayano che nei prossimi giorni dovrebbe dire alla Juventus se è il caso di proseguire nel corteggiamento oppure no. Con grande concorrenza (soprattutto italiana: Inter e Roma) per l'argentino entrato anche nelle grazie del Tata Martino. La Juve ha la possibilità di avere un piccolo (grande) vantaggio rispetto alle avversarie italiane: i galloni europei e una solidità finanziaria invidiabile. Quest'estate ci sarà da divertirsi: ma le grandi manovre in casa Juve per forza devono iniziare ora. Per bruciare la concorrenza, per avere vantaggi da poter gestire. Il campionato è praticamente archiviato, la coppa Italia è all'atto finale, in Europa è stata piantata una bellissima bandierina al confine delle potenzialità. Ora si può spostare ancora più in là: ma per farlo anche nelle prossime stagioni si deve puntare a giocatori importanti.
Non solo in attacco: c'è anche il centrocampo da sistemare. Senza parlare per forza di Pogba, il cui futuro in questo momento non è stato deciso. Siamo certi che ne parleremo spesso, ma ora tutto tace. Mentre invece comincia a muoversi la Juve per Witsel dello Zenit. Offerti 18 milioni, chiesti 30. Le parti sono lontane ma la trattativa c'è. Peraltro Witsel può giocare anche da trequartista, ruolo che per Allegri è vitale. Ed Allegri sarà accontentato.
L'altro nome, più offensivo, è quello di Mkhitaryan, del Borussia. Cercato dalla Juventus a gennaio, i tedeschi ora devono cambiare molto, lui non è quasi mai stato protagonista in questa stagione. Ed è un assistito di Mino Raiola. Ci si può lavorare insomma.
Possono lavorare ancora anche Benitez e De Laurentiis ma in questo momento (nonostante il Napoli stasera possa conquistare la sua di semifinale) i rapporti non sono idilliaci. Ed è naturale che il presidente azzurro pensi anche a delle alternative. L'identikit è un allenatore di scuola "italiana" ma con esperienza internazionale. Il nome di Mihajlovic è sicuramente in pole. Ma finora solo contatti indiretti. Probabilmente dopo domenica il primo vero faccia a faccia. Per capire se può funzionare davvero. In attesa, ovvio, dei risultati che potrebbero sanare le frizioni di ora.
Inter e Milan sono alle prese con la loro ricostruzione. Stadio a parte per la sostituzione (eventuale ma probabile) di Handanovic il nome forte in questo momento è quello di Federico Marchetti, secondo di Buffon in Nazionale. Anche Marchetti è in scadenza di contratto 2016 con la Lazio e il suo costo non dovrebbe essere proibitivo e il suo ingaggio è decisamente inferiore (soprattutto alle richieste di Handa). Per il resto l'Inter incassa con piacere le parole del procuratore di Yaya Touré che dice di non pensare ai soldi ma al progetto e che considera Mancini un grandissimo. In attacco per il momento i nomi sono Dybala (come detto) e Jovetic per il quale l'Inter ha in testa una strategia come quella di Shaquiri: prestito con obbligo di riscatto. Si sta lavorando in questa direzione. Naturalmente insieme ad Icardi che come detto rinnoverà, anche se ancora la firma sul nuovo contratto non l'ha messo.
Per la difesa il nome più caldo è sempre quello di Vida della Dinamo Kiev: l'Inter ha offerto 6 milioni, i russi ne vogliono 9. Mentre sulla fascia sinistra i nomi sono due: Zukanovic del Chievo e Siqueira dell'Atletico (già seguito da tempo). Per Zukanovic contatti telefonici, incontro previsto nei prossimi giorni.
Anche a Roma, sponda giallorossa, sono in attesa di capire come va a finire la stagione. Se tutto va come i tifosi sperano, comunque una mezza rivoluzione ci sarà lo stesso. Cambieranno almeno 5/6 volti. Dove? In porta serve un titolare (Handanovic piace eccome), gli esterni di difesa devono arrivare (soprattutto a sinistra), a centrocampo c'è il problema del rinnovo di Keita, il riscatto di Nainggolan e la situazione di Pjanic. In attacco Totti, Doumbia, Destro tre prime punte…
Infine giro di panchine. A Genova se Gasperini dovesse salutare in anticipo, sondato Sarri (che evidentemente non piace solo al Milan). Gasp piace al Toro, sulla panchina del quale però Ventura è saldo (nonostante abbia delle esigenze tecniche per la prossima stagione). Ad Empoli se dovesse partire Sarri c'è stata già una chiacchierata con Boscaglia (uno degli artefici del sogno Trapani). A Udine a fine stagione si valuterà la situazione di Stramaccioni: Donadoni ha messo la freccia rispetto ai suoi concorrenti (Maran e Mandorlini). Mentre invece a Sassuolo sanno che Di Francesco è uno dei più richiesti (ad esempio la Fiorentina dovesse partire Montella un pensierino ce l'ha fatto) e allora sta sondando il terreno. Squinzi non ha abbandonato l'idea Inzaghi (cercato anche prima che diventasse allenatore del Milan, ricordate). L'alternativa è Marino, artefice di una clamorosa rimonta a Vicenza (dall'ultimo al secondo posto). Tenetevi forte…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.