VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve nell'aristocrazia d'Europa e ora sguardo al futuro. E le panchine per il prossimo anno continuano a ballare. Inter, Jovetic e la fascia sinistra

23.04.2015 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 42412 volte
© foto di Federico De Luca

La soddisfazione del popolo juventino è grande, grandissima. Dopo 12 anni in finale, Allegri ha proseguito nel miglior modo possibile il lavoro iniziato da Conte con un grande filo rosso in sottofondo: Agnelli, Marotta e Paratici. La Juve è entrata nel tavolo delle grandi.
E' lì a giocarsi un sogno con chi negli ultimi anni ha letteralmente dominato la scena europea. Solo grandi squadre, le più forti in assoluto. Ogni accoppiamento sarà una grande partita, in cui per forza la Juve partirà da sfavorita. Ma la Champions è la Champions. E per essere più sicuri (anche con i soldi che arriveranno con la semifinale) per le prossime stagioni il lavoro bianconero va avanti.
Tevez forse stasera pensa meno al Boca, mentre la Juventus all'attaccante da affiancargli per il prossimo anno. Morata rimane, eccome. Llorente molto probabilmente no. No Matri. E quindi ci sono almeno due nomi che ballano e frullano nella testa della coppia mercato.
Dybala e Cavani. Operazioni certamente non semplici, ma affascinanti. Decisamente più caro l'uruguayano che nei prossimi giorni dovrebbe dire alla Juventus se è il caso di proseguire nel corteggiamento oppure no. Con grande concorrenza (soprattutto italiana: Inter e Roma) per l'argentino entrato anche nelle grazie del Tata Martino. La Juve ha la possibilità di avere un piccolo (grande) vantaggio rispetto alle avversarie italiane: i galloni europei e una solidità finanziaria invidiabile. Quest'estate ci sarà da divertirsi: ma le grandi manovre in casa Juve per forza devono iniziare ora. Per bruciare la concorrenza, per avere vantaggi da poter gestire. Il campionato è praticamente archiviato, la coppa Italia è all'atto finale, in Europa è stata piantata una bellissima bandierina al confine delle potenzialità. Ora si può spostare ancora più in là: ma per farlo anche nelle prossime stagioni si deve puntare a giocatori importanti.
Non solo in attacco: c'è anche il centrocampo da sistemare. Senza parlare per forza di Pogba, il cui futuro in questo momento non è stato deciso. Siamo certi che ne parleremo spesso, ma ora tutto tace. Mentre invece comincia a muoversi la Juve per Witsel dello Zenit. Offerti 18 milioni, chiesti 30. Le parti sono lontane ma la trattativa c'è. Peraltro Witsel può giocare anche da trequartista, ruolo che per Allegri è vitale. Ed Allegri sarà accontentato.
L'altro nome, più offensivo, è quello di Mkhitaryan, del Borussia. Cercato dalla Juventus a gennaio, i tedeschi ora devono cambiare molto, lui non è quasi mai stato protagonista in questa stagione. Ed è un assistito di Mino Raiola. Ci si può lavorare insomma.
Possono lavorare ancora anche Benitez e De Laurentiis ma in questo momento (nonostante il Napoli stasera possa conquistare la sua di semifinale) i rapporti non sono idilliaci. Ed è naturale che il presidente azzurro pensi anche a delle alternative. L'identikit è un allenatore di scuola "italiana" ma con esperienza internazionale. Il nome di Mihajlovic è sicuramente in pole. Ma finora solo contatti indiretti. Probabilmente dopo domenica il primo vero faccia a faccia. Per capire se può funzionare davvero. In attesa, ovvio, dei risultati che potrebbero sanare le frizioni di ora.
Inter e Milan sono alle prese con la loro ricostruzione. Stadio a parte per la sostituzione (eventuale ma probabile) di Handanovic il nome forte in questo momento è quello di Federico Marchetti, secondo di Buffon in Nazionale. Anche Marchetti è in scadenza di contratto 2016 con la Lazio e il suo costo non dovrebbe essere proibitivo e il suo ingaggio è decisamente inferiore (soprattutto alle richieste di Handa). Per il resto l'Inter incassa con piacere le parole del procuratore di Yaya Touré che dice di non pensare ai soldi ma al progetto e che considera Mancini un grandissimo. In attacco per il momento i nomi sono Dybala (come detto) e Jovetic per il quale l'Inter ha in testa una strategia come quella di Shaquiri: prestito con obbligo di riscatto. Si sta lavorando in questa direzione. Naturalmente insieme ad Icardi che come detto rinnoverà, anche se ancora la firma sul nuovo contratto non l'ha messo.
Per la difesa il nome più caldo è sempre quello di Vida della Dinamo Kiev: l'Inter ha offerto 6 milioni, i russi ne vogliono 9. Mentre sulla fascia sinistra i nomi sono due: Zukanovic del Chievo e Siqueira dell'Atletico (già seguito da tempo). Per Zukanovic contatti telefonici, incontro previsto nei prossimi giorni.
Anche a Roma, sponda giallorossa, sono in attesa di capire come va a finire la stagione. Se tutto va come i tifosi sperano, comunque una mezza rivoluzione ci sarà lo stesso. Cambieranno almeno 5/6 volti. Dove? In porta serve un titolare (Handanovic piace eccome), gli esterni di difesa devono arrivare (soprattutto a sinistra), a centrocampo c'è il problema del rinnovo di Keita, il riscatto di Nainggolan e la situazione di Pjanic. In attacco Totti, Doumbia, Destro tre prime punte…
Infine giro di panchine. A Genova se Gasperini dovesse salutare in anticipo, sondato Sarri (che evidentemente non piace solo al Milan). Gasp piace al Toro, sulla panchina del quale però Ventura è saldo (nonostante abbia delle esigenze tecniche per la prossima stagione). Ad Empoli se dovesse partire Sarri c'è stata già una chiacchierata con Boscaglia (uno degli artefici del sogno Trapani). A Udine a fine stagione si valuterà la situazione di Stramaccioni: Donadoni ha messo la freccia rispetto ai suoi concorrenti (Maran e Mandorlini). Mentre invece a Sassuolo sanno che Di Francesco è uno dei più richiesti (ad esempio la Fiorentina dovesse partire Montella un pensierino ce l'ha fatto) e allora sta sondando il terreno. Squinzi non ha abbandonato l'idea Inzaghi (cercato anche prima che diventasse allenatore del Milan, ricordate). L'alternativa è Marino, artefice di una clamorosa rimonta a Vicenza (dall'ultimo al secondo posto). Tenetevi forte…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.