VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, nessun allarme ma quest'anno occhi aperti. L'Inter prepara il gran finale. Milan, raggiunto il primo grande obiettivo stagionale. Tommasi e la solita minaccia ma l'AIC non tutela i calciatori

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
07.08.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 52832 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Il calcio di agosto non conta nulla. Lo scriviamo ogni anno, in questo mese. Anzi, se fossimo razionali ci dovremmo autoaugurare le sconfitte estive per ogni nostra squadra. Se vinci ad agosto credi che siano tutte rose e fiori e che la strada sarà in discesa, poi inizia la stagione il mercato chiude e il tempo di rimediare non c'è più. Se perdi ti fai sotto dalla paura, ti fai domande che normalmente non ti faresti e sei pronto ad intervenire. Poi ci sono le grandi società, come Bayern o Juventus, che guardano al risultato ma analizzano le prestazioni e non il risultato. Qui si vede la bravura di un club. Se vinci ad agosto e sei in grado, razionalmente, di intervenire dove le cose non vanno allora sei sulla strada giusta. Questo vale dalla A alla D. Certamente il Renate non è più forte dell'Empoli ma oggi va avanti il Renate in Coppa Italia. Certamente il Milan non è diventato nettamente più forte del Bayern ma ad agosto ci sta che il Bayern sembra una squadra di scappati di casa nelle amichevoli stupide in Asia ma poi appena c'è il primo trofeo che gira attorno al campo, chi lo vince? Ancelotti. L'abbiamo presa larga per dire che la Juventus che perde con il Tottenham ci può stare e il 2-0 frega niente a nessuno. Sicuramente gli inglesi sono più avanti in tutto, soprattutto nella condizione fisica, e la Juventus non è neanche al 30%. Premesso che il risultato va ignorato, vorremmo entrare nel merito delle prestazioni e dei fattori contingenti. La Juventus non deve avere la presunzione di credere di ripartire da Cardiff. Quella Juventus e quella stagione sono rimaste, purtroppo, a Cardiff. Quella Juventus non c'è più e devi resettare la mente di ogni singolo calciatore per costruire una Juventus ancora più forte. Dal mercato ci aspettiamo qualcosa di più e soprattutto, senza giri di parole, da Marotta ci aspettiamo un colpo pesante a centrocampo. Il budget e il bilancio bianconero consentono e, forse, obbligano la società a prendere un top player in mezzo al campo. Vi dico una cosa brutta. Ma brutta brutta. Anzi facciamo una cosa: cancellatela appena la leggerete. Dopo Cardiff, nel bene o nel male, si è chiuso un ciclo. Per azzerare tutto non basta la cessione di Bonucci. Questa Juventus ha bisogno di energie nuove e, forse forse, la migliore soluzione sarebbe stata la strada della separazione consensuale da Max Allegri. Apriti cielo! Cosa vuoi dire che è finito il ciclo di Allegri? No. Voglio dire che trovare ancora motivazioni forti nello stesso gruppo di lavoro rimasto così scottato nella finale Champions non sarà facile. Ogni anno devi provare a migliorare l'anno precedente. Ci riuscirà la Juventus? Quasi impossibile. Significa puntare al triplete ma questa Juventus, ad oggi, deve puntare al massimo a ripetersi in Italia. Ci vuole un'ondata di entusiasmo e freschezza nuova. A Vinovo ci sono ancora troppi scheletri che ballano negli armadietti e trovare nuove energie non sarà facile. Anche il tifoso vuole vincere sfide nuove e lo scudetto, brutto da dire così brutalmente, non emoziona più il popolo juventino.
Hanno ampi margini di crescita ed entusiasmo a Milano. Perché quando arrivi dal nulla hai più fame e voglia di arrivare. L'entusiasmo non lo devi cercare ma ti cade addosso. L'Inter, fin qui, ha fatto colpi mirati e sensati. Per acquistare Borja Valero e Vecino non c'era bisogno di una potenza come Suning, lo sappiamo tutti, ma Spalletti sta andando su giocatori mirati e che conoscano già la nostra serie A. Il mercato dell'Inter non è da titoloni in prima pagina ma ci può stare. E' vero, ci aspettavamo un altro mercato ma non vuol dire che questo faccia schifo. La base c'era e va gestita. Nonostante tutto, due colpetti da Sabatini ce li aspettiamo e siamo certi che la società che chiuderà con il botto sarà proprio quella nerazzurra. Milano apre e Milano chiude. Questa estate andrà così. A Napoli non avevano nulla da fare, la Juventus ci fa scrivere poco e la Roma punta sulle relazioni, ottime, di Monchi.
Il primo, vero, grande obiettivo l'ha già raggiunto il Milan. Ridare entusiasmo ad un popolo depresso è stato un trionfo. Le code a casa Milan, il record di incasso ad agosto per una partita contro rumeni sconosciuti e i tifosi che si sono riavvicinati alla società. Il primo scudetto è andato. Certamente il campo, al primo anno, sarà un giudice severo ma chi capisce un pò di calcio è consapevole che alla prima stagione, con una squadra tutta nuova, non ti puoi aspettare i miracoli dal Paradiso. Il Milan, di quest'anno, ha bisogno solo di serenità e del quarto posto. Al prossimo agosto parleremo di altri obiettivi. Il Milan subirà attacchi violenti dalla stampa e dalle male lingue che alla prima partita pareggiata contro il Chievo scriveranno che questa squadra fa schifo e questa è una società di incompetenti, dimenticando che negli ultimi anni era un trionfo vincere contro Empoli e Crotone. Hanno fatto prime pagine e articoloni sulle fidejussioni di Bonucci e Biglia quando c'è mezza serie A che ancora non le ha depositate in Lega e quando diverse società, dalla A alla C, non le hanno depositate neanche per iscriversi ai rispettivi campionati. Una società viene acquistata per 750 milioni di euro, eredita 75 milioni di debiti dalla vecchia gestione, spende 250 milioni di euro in due mesi sul mercato e non trova una banca che gli garantisca due fidejussioni? In tutto ciò, probabilmente, chi parla e scrive di fidejiussioni non conosce neanche il significato, la materia e forse non ne ha mai ottenuta una.
In chiusura l'angolo della politica che nessuno mi ha chiesto ma che comunque affronto. Ogni anno ad agosto l'Associazione Italiana Calciatori minaccia lo sciopero. O fate come vi diciamo oppure non si gioca. Fermiamo la A, fermiamo la B, stavolta fermiamo la C. I più ingenui sono i calciatori che ancora credono a questa Associazione che fa politica ma che non affronta le vere criticità per la professione. Stimo Tommasi ma preferisco dire sempre quello che penso. Tommasi è giovane e bravo, si impegna ma è reduce da una serie di sconfitte politiche che ricadono sulla testa dei calciatori. Purtroppo i calciatori non hanno una testa da premio Nobel e non sanno riconoscere i proprio interessi e vantaggi. Tomassi non può minacciare, ogni anno, uno scipero. Piuttosto dovrebbe risolvere i problemi durante le stagioni. I calciatori non sono tutelati da nessuno. Perdono gli stipendi, a 24 anni non giocano più perché sono "vecchi" e abbiamo sempre meno posti di lavoro. Ignoriamo i 50 paperoni che guadagnano 4 milioni all'anno, pensiamo a quelli che escono dalle primavere e due anni dopo senza aver avuto mezza opportunità sono già fuori dai giochi. Pensiamo a quelli che, se tutto va bene, guadagnano 1.200 euro al mese e non li prendono neanche tutti i mesi. Questi sono i veri problemi ma risolti e perdere 6 società non è un dramma perché anche 54 sono ancora tante. Il problema non è la Lega di C ma le società iscritte che non si possono permettere la gestione di un club calcistico. Vi ha ordinato il medico di fare calcio? La serie D, grazie a Cosimo Sibilia, ha trovato valide soluzioni come, ad esempio, le 5 sostituzioni dalla D in giù. Rose più ampie e meno giocatori con il broncio in panchina. Ogni week end giocheranno 10.000 calciatori, di media, in più. Meno proclami e minacce di sciopero e più soluzioni concrete per la categoria. Da Tommasi ci aspettiamo i fatti, non altro...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.