HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
18.09.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34636 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche l'Inter quest'anno si divertirà ma la Juventus contro Genoa, Sassuolo, Chievo e via dicendo non avrà grossi problemi. Dai bianconeri ci aspettiamo di più quando il gioco si fa duro. Quando vai a Barcellona e non crolli, quando vai a Madrid e parti alla pari. Allegri ha una squadra costruita per vincere anche in Europa; in Italia ormai è prassi consolidata. Tutti dicono che quest'anno la Juventus è come lo scorso anno, se non addirittura meglio. Credo che Allegri abbia perso molto e non ritengo la Juve una squadra capace di arrivare fino in fondo in Europa. In Italia facciamo altri discorsi ma non puoi allenarti la domenica e giocare il mercoledì. Sul mercato sono state fatte scelte giuste e sbagliate. La difesa andava rinforzata e in mezzo al campo serviva un giocatore di qualità e quantità. Quando la Juve ha perso Vidal ha fatto uno degli errori più grandi della gestione degli ultimi cinque anni. Higuain è un grandissimo attaccante ma le partite che contano non le vince da solo. Dybala è un talento ma non ancora un fenomeno. Lo può diventare? Credo di sì. Ma solo quando deciderà le gare internazionali. Bisogna essere fenomeno con i fenomeni e non con le squadre di Provincia. Prendete il Sassuolo. Quest'anno la società ha sbagliato tantissimo sul mercato, sottovalutando i pericoli dell'attuale serie A. Servivano un terzino sinistro, due centrocampisti e un attaccante. A fine mercato doveva arrivare uno tra Zapata e Pavoletti. Uno è alla Samp, l'altro a Cagliari. Quando il mercato finisce, tutti ci dimentichiamo di quello che andava fatto e non è stato fatto. Il problema non è il campo ma gli uomini che hai a disposizione. Se ti mancano gli ingredienti, il minestrone non puoi farlo certo con due zucchine e una carota. Fai un passato di carote, buono certo, ma non lo paragoniamo ad un minestrone.
Il minestrone lo stanno facendo Pecchia a Verona e Baroni a Benevento. Squadre senza idee di gioco e in cerca prima della dignità perduta e poi dei punti. Il Benevento era partito benino ma l'attacco può essere considerato buono per la B, neanche minimamente competitivo per la serie A. Mi metto nei panni del tifoso medio del Benevento: ha aspettato una vita per fare un derby in serie A con il Napoli. Ha sognato questo giorno. Ha visto i derby degli anni '80 alla tv Napoli-Avellino, dove Maradona e Juary si affrontavano per il campanile e per l'orgoglio campano. Era un derby storico anche per il Napoli che in serie A aveva giocato sempre e solo contro l'Avellino. Arriva il Benevento al San Paolo! Chi? Sì, gli Stregoni del Sannio. Salvatore Di Somma, oggi direttore del Benevento, al San Paolo di derby ne ha vissuti tanti con la fascia di capitano dei lupi ma umiliazioni così non ne aveva mai subite. Il derby, insomma, non è mai iniziato. Il Napoli ha deriso il Benevento che con 6 babà in pancia si è confermato vulnerabile e non all'altezza della serie A. Vigorito ha investito tanto in questi anni e avrebbe meritato una partenza diversa. Baroni è alla prima in A, certo, gli va dato tempo, ma ricordiamoci che non è la serie B. Questi punti persi a settembre non torneranno, come in B, nei prossimi mesi.
A Verona l'errore più grande è stato della società. Confermare Fabio Pecchia, dopo che aveva già stentato in B con una squadra nettamente più forte dell'altra, suona come una sfida che ha voluto intraprendere il Verona. Una sfida assurda perché, solo due anni fa, l'Hellas si è bruciato con le proprie mani e quest'anno rischierà di nuovo. Passi per il Benevento che paga gli errori della "prima volta" ma il Verona - con l'esperienza in A che si ritrova e la piazza gloriosa - non può commettere errori così grossolani. Come si risolve la situazione? Guidolin o Di Carlo per Verona e poi subito pronti per il mercato di gennaio, a Benevento Baroni merita ancora due partite altrimenti la scosa potrebbe provare a darla un De Zerbi o Ballardini, allenatori giovani, di carattere e nel caso di Ballardini con grande esperienza in A.
W Montella. L'aeroplanino ha capito che il pilota deve solo guidare e non inventare. Il Milan non deve dare spettacolo ma deve vincere. Quest'anno deve pensare al sodo: quarto posto e buona figura in Europa League. A Roma Montella non aveva capito molto del suo Milan, adesso, gli avranno spiegato che nel calcio non serve a nulla inventare e che se in estate ti hanno acquistato calciatori importanti devi metterli in campo e non in panchina. Purtroppo quando gli allenatori inventano distruggono le società. Kalinic e Andrè Silva sono la base dell'attacco, Suso e Chala ti danno qualità, se gioca Biglia non può giocare Montolivo... Questa è la base del Milan 2017/2018. Montella è furbo e intelligente. Guidi senza inventarsi percorsi alternativi. Per gli esperimenti non c'è tempo. C'è tempo solo per le cose normali e sensate, così il Milan potrà ritornare in Champions League grazie ad un mercato stellare che ha riportato grande entusiasmo nel popolo rossonero.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Qui Radio Mosca: perché da luglio niente sarà più come prima in Russia. E nel frattempo ecco i Premi del primo turno: Miglior Squadra Messico; Miglior Giocatore Cristiano Ronaldo, mentre per colpa di Khedira... 20.06 - Qui Radio Mosca, vi scrivo dal treno Sochi-Rostov, 12 ore di viaggio, dalla costa del Mar Nero risalendo la Circassia, dal confine con la Georgia fino ad arrivare a quello con l’Ucraina, quello sensibile, quello dove al di là della dogana c’è la distrutta Donbass Arena di Donetsk,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy