HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
18.09.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34763 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche l'Inter quest'anno si divertirà ma la Juventus contro Genoa, Sassuolo, Chievo e via dicendo non avrà grossi problemi. Dai bianconeri ci aspettiamo di più quando il gioco si fa duro. Quando vai a Barcellona e non crolli, quando vai a Madrid e parti alla pari. Allegri ha una squadra costruita per vincere anche in Europa; in Italia ormai è prassi consolidata. Tutti dicono che quest'anno la Juventus è come lo scorso anno, se non addirittura meglio. Credo che Allegri abbia perso molto e non ritengo la Juve una squadra capace di arrivare fino in fondo in Europa. In Italia facciamo altri discorsi ma non puoi allenarti la domenica e giocare il mercoledì. Sul mercato sono state fatte scelte giuste e sbagliate. La difesa andava rinforzata e in mezzo al campo serviva un giocatore di qualità e quantità. Quando la Juve ha perso Vidal ha fatto uno degli errori più grandi della gestione degli ultimi cinque anni. Higuain è un grandissimo attaccante ma le partite che contano non le vince da solo. Dybala è un talento ma non ancora un fenomeno. Lo può diventare? Credo di sì. Ma solo quando deciderà le gare internazionali. Bisogna essere fenomeno con i fenomeni e non con le squadre di Provincia. Prendete il Sassuolo. Quest'anno la società ha sbagliato tantissimo sul mercato, sottovalutando i pericoli dell'attuale serie A. Servivano un terzino sinistro, due centrocampisti e un attaccante. A fine mercato doveva arrivare uno tra Zapata e Pavoletti. Uno è alla Samp, l'altro a Cagliari. Quando il mercato finisce, tutti ci dimentichiamo di quello che andava fatto e non è stato fatto. Il problema non è il campo ma gli uomini che hai a disposizione. Se ti mancano gli ingredienti, il minestrone non puoi farlo certo con due zucchine e una carota. Fai un passato di carote, buono certo, ma non lo paragoniamo ad un minestrone.
Il minestrone lo stanno facendo Pecchia a Verona e Baroni a Benevento. Squadre senza idee di gioco e in cerca prima della dignità perduta e poi dei punti. Il Benevento era partito benino ma l'attacco può essere considerato buono per la B, neanche minimamente competitivo per la serie A. Mi metto nei panni del tifoso medio del Benevento: ha aspettato una vita per fare un derby in serie A con il Napoli. Ha sognato questo giorno. Ha visto i derby degli anni '80 alla tv Napoli-Avellino, dove Maradona e Juary si affrontavano per il campanile e per l'orgoglio campano. Era un derby storico anche per il Napoli che in serie A aveva giocato sempre e solo contro l'Avellino. Arriva il Benevento al San Paolo! Chi? Sì, gli Stregoni del Sannio. Salvatore Di Somma, oggi direttore del Benevento, al San Paolo di derby ne ha vissuti tanti con la fascia di capitano dei lupi ma umiliazioni così non ne aveva mai subite. Il derby, insomma, non è mai iniziato. Il Napoli ha deriso il Benevento che con 6 babà in pancia si è confermato vulnerabile e non all'altezza della serie A. Vigorito ha investito tanto in questi anni e avrebbe meritato una partenza diversa. Baroni è alla prima in A, certo, gli va dato tempo, ma ricordiamoci che non è la serie B. Questi punti persi a settembre non torneranno, come in B, nei prossimi mesi.
A Verona l'errore più grande è stato della società. Confermare Fabio Pecchia, dopo che aveva già stentato in B con una squadra nettamente più forte dell'altra, suona come una sfida che ha voluto intraprendere il Verona. Una sfida assurda perché, solo due anni fa, l'Hellas si è bruciato con le proprie mani e quest'anno rischierà di nuovo. Passi per il Benevento che paga gli errori della "prima volta" ma il Verona - con l'esperienza in A che si ritrova e la piazza gloriosa - non può commettere errori così grossolani. Come si risolve la situazione? Guidolin o Di Carlo per Verona e poi subito pronti per il mercato di gennaio, a Benevento Baroni merita ancora due partite altrimenti la scosa potrebbe provare a darla un De Zerbi o Ballardini, allenatori giovani, di carattere e nel caso di Ballardini con grande esperienza in A.
W Montella. L'aeroplanino ha capito che il pilota deve solo guidare e non inventare. Il Milan non deve dare spettacolo ma deve vincere. Quest'anno deve pensare al sodo: quarto posto e buona figura in Europa League. A Roma Montella non aveva capito molto del suo Milan, adesso, gli avranno spiegato che nel calcio non serve a nulla inventare e che se in estate ti hanno acquistato calciatori importanti devi metterli in campo e non in panchina. Purtroppo quando gli allenatori inventano distruggono le società. Kalinic e Andrè Silva sono la base dell'attacco, Suso e Chala ti danno qualità, se gioca Biglia non può giocare Montolivo... Questa è la base del Milan 2017/2018. Montella è furbo e intelligente. Guidi senza inventarsi percorsi alternativi. Per gli esperimenti non c'è tempo. C'è tempo solo per le cose normali e sensate, così il Milan potrà ritornare in Champions League grazie ad un mercato stellare che ha riportato grande entusiasmo nel popolo rossonero.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->