VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
18.09.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34210 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche l'Inter quest'anno si divertirà ma la Juventus contro Genoa, Sassuolo, Chievo e via dicendo non avrà grossi problemi. Dai bianconeri ci aspettiamo di più quando il gioco si fa duro. Quando vai a Barcellona e non crolli, quando vai a Madrid e parti alla pari. Allegri ha una squadra costruita per vincere anche in Europa; in Italia ormai è prassi consolidata. Tutti dicono che quest'anno la Juventus è come lo scorso anno, se non addirittura meglio. Credo che Allegri abbia perso molto e non ritengo la Juve una squadra capace di arrivare fino in fondo in Europa. In Italia facciamo altri discorsi ma non puoi allenarti la domenica e giocare il mercoledì. Sul mercato sono state fatte scelte giuste e sbagliate. La difesa andava rinforzata e in mezzo al campo serviva un giocatore di qualità e quantità. Quando la Juve ha perso Vidal ha fatto uno degli errori più grandi della gestione degli ultimi cinque anni. Higuain è un grandissimo attaccante ma le partite che contano non le vince da solo. Dybala è un talento ma non ancora un fenomeno. Lo può diventare? Credo di sì. Ma solo quando deciderà le gare internazionali. Bisogna essere fenomeno con i fenomeni e non con le squadre di Provincia. Prendete il Sassuolo. Quest'anno la società ha sbagliato tantissimo sul mercato, sottovalutando i pericoli dell'attuale serie A. Servivano un terzino sinistro, due centrocampisti e un attaccante. A fine mercato doveva arrivare uno tra Zapata e Pavoletti. Uno è alla Samp, l'altro a Cagliari. Quando il mercato finisce, tutti ci dimentichiamo di quello che andava fatto e non è stato fatto. Il problema non è il campo ma gli uomini che hai a disposizione. Se ti mancano gli ingredienti, il minestrone non puoi farlo certo con due zucchine e una carota. Fai un passato di carote, buono certo, ma non lo paragoniamo ad un minestrone.
Il minestrone lo stanno facendo Pecchia a Verona e Baroni a Benevento. Squadre senza idee di gioco e in cerca prima della dignità perduta e poi dei punti. Il Benevento era partito benino ma l'attacco può essere considerato buono per la B, neanche minimamente competitivo per la serie A. Mi metto nei panni del tifoso medio del Benevento: ha aspettato una vita per fare un derby in serie A con il Napoli. Ha sognato questo giorno. Ha visto i derby degli anni '80 alla tv Napoli-Avellino, dove Maradona e Juary si affrontavano per il campanile e per l'orgoglio campano. Era un derby storico anche per il Napoli che in serie A aveva giocato sempre e solo contro l'Avellino. Arriva il Benevento al San Paolo! Chi? Sì, gli Stregoni del Sannio. Salvatore Di Somma, oggi direttore del Benevento, al San Paolo di derby ne ha vissuti tanti con la fascia di capitano dei lupi ma umiliazioni così non ne aveva mai subite. Il derby, insomma, non è mai iniziato. Il Napoli ha deriso il Benevento che con 6 babà in pancia si è confermato vulnerabile e non all'altezza della serie A. Vigorito ha investito tanto in questi anni e avrebbe meritato una partenza diversa. Baroni è alla prima in A, certo, gli va dato tempo, ma ricordiamoci che non è la serie B. Questi punti persi a settembre non torneranno, come in B, nei prossimi mesi.
A Verona l'errore più grande è stato della società. Confermare Fabio Pecchia, dopo che aveva già stentato in B con una squadra nettamente più forte dell'altra, suona come una sfida che ha voluto intraprendere il Verona. Una sfida assurda perché, solo due anni fa, l'Hellas si è bruciato con le proprie mani e quest'anno rischierà di nuovo. Passi per il Benevento che paga gli errori della "prima volta" ma il Verona - con l'esperienza in A che si ritrova e la piazza gloriosa - non può commettere errori così grossolani. Come si risolve la situazione? Guidolin o Di Carlo per Verona e poi subito pronti per il mercato di gennaio, a Benevento Baroni merita ancora due partite altrimenti la scosa potrebbe provare a darla un De Zerbi o Ballardini, allenatori giovani, di carattere e nel caso di Ballardini con grande esperienza in A.
W Montella. L'aeroplanino ha capito che il pilota deve solo guidare e non inventare. Il Milan non deve dare spettacolo ma deve vincere. Quest'anno deve pensare al sodo: quarto posto e buona figura in Europa League. A Roma Montella non aveva capito molto del suo Milan, adesso, gli avranno spiegato che nel calcio non serve a nulla inventare e che se in estate ti hanno acquistato calciatori importanti devi metterli in campo e non in panchina. Purtroppo quando gli allenatori inventano distruggono le società. Kalinic e Andrè Silva sono la base dell'attacco, Suso e Chala ti danno qualità, se gioca Biglia non può giocare Montolivo... Questa è la base del Milan 2017/2018. Montella è furbo e intelligente. Guidi senza inventarsi percorsi alternativi. Per gli esperimenti non c'è tempo. C'è tempo solo per le cose normali e sensate, così il Milan potrà ritornare in Champions League grazie ad un mercato stellare che ha riportato grande entusiasmo nel popolo rossonero.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....

EditorialeDI: Andrea Losapio

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella? 03.12 - C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra...

EditorialeDI: Mauro Suma

Napoli disinnescato dalla Juve. Il macellaio di Carnago. Giochi di guerra a Novara. Icardi-Tevez, bivio Inter 02.12 - Lo stesso abbraccio sportivamente "cattivo" visto a San Siro, al termine di Milan-Juventus. Se lo sono regalati i giocatori della Juventus, cinici più che mai al San Paolo nell'ennesimo capitolo della saga di Higuain. Più ha male alla mano e più lo fischiano, più segna. Gol decisivi,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.