VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve-Pato: Marotta non scherzare! Torino, che pasticcio su Barreto. Regalati 850.000 euro. Benitez si prepari, quest'anno il Napoli deve puntare allo scudetto. Cesena, quando allenatore e Ds fanno la differenza...

Nato ad Avellino il 30-09-1983 vive e lavora a Milano dal 2005. Direttore di Sportitalia. Direttore di Tuttomercatoweb. Organizzatore e conduttore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 2012. Twitter: MCriscitiello
23.06.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 77039 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Era sabato sera, circa le 22, quando con un sms mi preannunciano che la Juventus aveva avviato i contatti con agenti brasiliani per provare a portare Pato a Torino. Avviso la Redazione di Tuttomercatoweb di verificare la notizia (sinceramente sembrava una bufala) e neanche il tempo di ricevere risposta che la troviamo anche sul sito di Tuttosport e della Gazzetta dello Sport. "Sembra vera" mi hanno risposto da Tmw. Risposta: "Ok, scrivetela ma usate 102 condizionali". Adesso, dopo la notizia c'è spazio per la riflessione. L'editoriale serve soprattutto, per non dire solo, a questo. Erano passate da poche ore le 19 e la chiusura della fascia dedicata alle comproprietà. Sappiamo come la Juventus ha gestito le operazioni Berardi, Gabbiadini e Zaza e nessuno ha messo becco. Se Marotta e Paratici hanno deciso di attuare questa strategia avranno le loro, valide, ragioni. E' un pianoforte stonato, però, quando a queste note segue la notizia di un interesse per Pato. Stiamo parlando di un calciatore che per le qualità che ha doveva essere il nuovo Ronaldo, invece, tra infortunii e pessima gestione della sua carriera se n'è tornato in Brasile, dove tutto è più facile. Conte è rimasto per andare avanti in Europa e, se vogliamo, per continuare a vincere lo scudetto. Capovolgiamo la considerazione: se la Juve non vince lo scudetto, ormai, è un fallimento perchè tutto è dovuto (almeno in Italia) se non va avanti in Champions resta l'allenatore che vince in casa perchè gli altri sono scarsi e fuori dai confini prende solo schiaffi. Pato non serve a nulla a questa Juventus. Era un talento, il Milan lo ha rispedito a casa e a Torino non può pensare di essere rinato. Questa Juventus ha bisogno di campioni, necessita di difensori e non deve sottovalutare l'effetto Mondiale. I campioni, dopo la competizione iridata, subiscono sempre un contraccolpo; che sia fisico o mentale. Aspettiamo di vedere come andrà domani e poi avremo un quadro più completo. Certo, la Juve è la più a rischio di tutte considerato che ha quasi tutti i suoi calciatori impegnati in Brasile. Restando a Torino va menzionato il pasticcio di Petrachi. Il Direttore Sportivo granata, non resosi conto del bluff dell'Udinese, ha creduto che Pozzo volesse riscattare Barreto, ha giocato al rilancio su se stesso e ha provato a cambiare le carte in tavola a 15 minuti dalla consegna delle buste. Risultato: l'Udinese non voleva Barreto e nella busta ha messo 0, il Torino voleva confermare il brasiliano e ha rilanciato con un'offerta da 850.000 euro. Sarebbero bastati 1.000 euro. Chissà cosa avrà pensato il Presidente Urbano Cairo, presente all'Ata e sempre attento anche all'euro in più e in meno, di questa trattativa nata male e finita peggio.
Sta piano piano nascendo anche il nuovo Napoli. C'è grande attesa. Dalla Spagna lo spavento è stato grande, sull'interesse del Barcellona per Higuain e le frasi sibilline dell'argentino invitano De Laurentiis a tenere gli occhi ben aperti. Il top player non può essere sacrificato per il terzo anno consecutivo se si vuole fare il definitivo passo in avanti. Questo Napoli ha bisogno di qualità, soprattutto in difesa, e non va sottovalutata l'esperienza di calciatori che hanno già militato in Italia. In attesa del preliminare di Champions League, Benitez deve costruire una squadra per vincere. Questa volta, subito. Per due anni, il Napoli ha ragionato da grande, ha sentito l'odore dell'impresa ma poi si è fermato. Quest'anno deve vincere, non solo la Coppa Italia. Perché i tempi sono maturi, perchè la Juve non potrà comandare in eterno e perchè la concorrenza è poca roba. Se Lotito dice di voler vincere lo scudetto, con la Lazio, anche De Laurentiis può ragionare in grande.
Infine complimenti al Cesena per il ritorno in serie A, dopo due anni di B. E' la dimostrazione che un allenatore e un Direttore Sportivo, da soli, possono costruire un impero. Bisoli e Foschi hanno lavorato bene e hanno saputo ricompattare l'ambiente anche quando dopo lo 0-3 interno con il Brescia sembrava tutto andato a farsi benedire. Foschi ha gestito l'annata in maniera esemplare, ha toccato i tasti giusti e Bisoli ha dato continuità ad un progetto nato e poi interrotto. La società era in difficoltà e grazie a questa promozione può tornare a vivere momenti magici. L'acquisto a gennaio di Marilungo ha dato la svolta ma anche il mercato estivo è stato esemplare. Con pochi soldi una grande squadra. In un mondo dove regna incompetenza e approssimazione, Cesena merita il nostro plauso. Fateci caso: i Direttori che vincono non lavorano (in primis Lo Monaco e Corvino), quelli che retrocedono e accumulano debiti trovano sempre una scrivania da occupare. Perché nel calcio di oggi è meglio dire "Si signore" che produrre utile.
Buona settimana...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella, questo Milan ha bisogno di identità. Verona, in "Pecchiata" verso il baratro. Baroni, è stato bello... Juve e Napoli, avanti così! 25.09 - Quest'ultima giornata di campionato ci consegna diverse cartoline. Una da Milano: una volta l'Inter queste partite non le avrebbe mai vinte, invece, anche se non indovina la domenica giusta Spalletti fa punti. Nel calcio si dice: sono segnali. Seconda cartolina da Torino: Mihajlovic...
Telegram

EditorialeDI: Marco Conterio

Troppe Serie A, il calcio sia riformato subito: chi ha la memoria corta non è De Laurentiis. Juve schiacciasassi e Higuain non è diventato un brocco mentre il Torino è ancora vittima degli eccessi di Mihajlovic. 24.09 - I campionati di Serie A vanno avanti. No, non c'è refuso e neppure stortura in questo attacco ma la pura e semplice, nonché amara, verità. La Juventus, il Napoli e la Roma sono da Champions. Inter e Milan degne di una lega d'alto spessore e perché no pure una Lazio mai doma nonostante...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva: a Suso era andata molto peggio. Moratti: ruolo operativo non significa quote. Napoli: e goditela una volta per tutte! 23.09 - C'è qualcosa di psicologicamente ossessivo e di calcisticamente patologico nei detrattori di Andrè Silva. Dopo la tripletta di Vienna, era la fine del mondo se un talento del genere non giocava contro l'Udinese. Dopo la Spal, è tornato un boomerang da usare contro la campagna acquisti...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.