VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve-Pogba, tante bugie e una sola certezza: ecco dove va! Milan: tutti i dubbi dei tifosi (e una sensazione). Inter, per Imbula non è finita (e su Kovacic...). Napoli: una risposta di Giuntoli preoccupa i tifosi

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
30.06.2015 07:38 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 185429 volte
© foto di Federico De Luca

Ore 3.30 del mattino, Castiglioncello (Livorno), post Tmw-Awards.

Punto numero 1: intendo preservare l'identità del mio interlocutore "Alfrè".

Punto numero 2: vi dirò solo che ha un cognome che finisce con l'accento ma non è Imbula (che tra l'altro non ha l'accento).

Al decimo "Amaro del Capo" Alfrè molla gli ormeggi: "Andare a dormire non è vietato in molti Paesi del mondo tra cui anche l'Italia...". Io, visibilmente barcollante: "Ce ne sta ancora uno, dai Alfrè, immaginala come una raffica di calcio mercato". Lui e gli altri presenti al tavolo, tutti più o meno devastati dalla consistenza zuccherina dell'amaro (salcazzo perché lo chiamano "amaro..."): "Ma i camerieri ci odiano già, stanno chiudendo!". Intervento a gamba tesissima della gentil-cameriera: "No cari, qui siamo aperti 24 ore su 24, abbiamo turni come i cinesi, state pure finché vi garba". Risposta secca di uno dei presenti al tavolo (probabilmente io): "Allora ci porti direttamente la bottiglia!". Alfrè ha una specie di mancamento ma tiene il punto: "Sì, ci porti la bottiglia e anche due cornetti alla crema, ma che stai a dì. Comunque so già che martedì inizierai l'editoriale da qui". Io: "No, Alfrè, non potrei mai...". Lui: "Sì, lo farai...". Aveva ragione lui.

Ci alziamo, facciamo per uscire e un commensale totalmente fuori di senno esclama: "Forse dovremmo pagare almeno gli amari, no?!". Sul "Forse..." improvviso uno scatto verso l'uscita tipo finale olimpica dei 100 metri: ci fosse stato uno starter, mi avrebbe sparato alla giugulare per clamorosa falsa partenza. Alfrè, invece, è rimasto ai blocchi di partenza, cazzi sua...

E, insomma, è stata una gran bella serata. C'erano i calciatori che se la tiravano tipo fionda, c'erano i direttori sportivi tutti con panze di un certo livello tranne Capozucca che invece ha una curiosa somiglianza con il protagonista del videogioco a me caro "MediEvil", avete presente (https://upload.wikimedia.org/wikipedia/en/a/af/Sir_Daniel_Fortesque.jpg)? Credo che l'espressione "hai la pancia piena" rispecchi molto gli amici ds, comunque tutti molto disponibili a differenza dei calciatori "fionda". C'era Sua Santità l'arbitro Rizzoli (unico fischietto dotato di favella), c'era una quantità infinita di colleghi, molti dei quali a loro volta fan dell'ammazzacaffè e della cena a sbafo, c'era il mattatore Michele Criscitiello che è meno abbronzato di Carlo Conti ma io continuo a sponsorizzare per i futuri Sanremo. C'erano infine discrete manze del genere "accalappia-calciatori" che tu gli dici "questa è facile Marisa: 3+2!" e loro ti rispondono "non rilascio commenti, tra me e Pupazzi del Chievo non c'è niente, però tu scrivi pure quello che vuoi". Ah, ovviamente c'era anche l'editore di Tmw Andrea "Santo subito" Pasquinucci che ha pagato tutto il cucuzzaro, compresi gli Amari del Capo di cui sopra. Lui non vuole pubblicità, noi dai grandissimi paraculi lo osanniamo: "An-dre-a! An-dre-a! An-dre-a!". E così via.

In ogni caso la soddisfazione più grande della 36 ore a Castiglioncello è derivata da quelli che si avvicinano e ti dicono "tu sei quello che scrive le minchiate, bravo!". Io: "Sì, ma le cose sul calcio?". Loro: "Sì, beh certo, scrivi anche quelle, ma meglio le minchiate". Io: "Sì, ma...". Loro: "Oh, taci, scrivi le minchiate e stop che è l'unica cosa che sai fare". Tutti tranne uno: "Sei bravo, davvero, scrivi cose molto gradevoli e sei competente". Io: "Grazie mille, molto gentile". Lui: "Figurati Ponciroli, te lo meriti". Ponci, perdonami, non ho osato contraddirlo.

Ora il mercato. Anzi no, il fantamercato che è assai bello ma fino a un certo punto. Da 48 ore (ma in realtà da più di un anno) non si fa altro che parlar di Pogba "venduto" e di Juventus che non vede l'ora di disfarsene per fare cassa e realizzare la sua bella plusvalenza.

Il Real lo vuole e ce lo dice Zidane, il City lo vuole e ce lo dicono i tabloid ("offerti 250 milioni!"), il Barcellona lo vuole e ce lo dicono Laporta e Bartomeu per farsi la "bua" virtuale e vincere la guerra elettorale. E i dirigenti della Juve cosa ci dicono? Niente, tacciono. Sapete che c'è? Fanno bene.

Tutte le notizie uscite fino ad oggi a proposito di questa e quella offerta - perdonate la terminologia - sono balle, bugie, cazzate, boiate. Pogba piace a tutti, è vero, ma nessuno ha ancora "osato" formalizzare una proposta e sapete perché? Perché la Juve vuole tanti soldi, quasi 100 milioni, li vuole tutti, non ha necessità di vendere e può aspettare senza farsi prendere dalla fretta (spesso cattivissima consigliera).

Si parla molto della volontà blaugrana di portare il francese a fare "picci-picci" con Messi sulle Ramblas. Ecco, questa è l'unica cosa vera: i due candidati alla presidenza del Barcellona farebbero carte false per avere Pogba, lo "userebbero" come grimaldello per vincere le piccantissime elezioni, sarebbero disposti a parcheggiarlo a Torino un altro anno con il solo scopo di avere la possibilità di dire agli elettori "l'ho preso io, mica quell'altro, arriverà l'anno prossimo". Insomma, rischiano di creare una clamorosa asta interna che farebbe la fortuna solo e soltanto della Juve. Raiola lo sa e (ovviamente) lascia fare, la Juve continua a tacere e tacere e tacere. Sapete quindi dove giocherà Pogba l'anno prossimo? Nella Juve, che vuole e in un certo modo "pretende" che nel post-Berlino le avversarie trattino i bianconeri alla pari e non come un supermercato dal quale attingere a piacimento.

Così i detrattori: "Eh ma l'anno prossimo difficilmente la Signora farà la finale di Champions". Grazie al piffero, certo che sarà difficile, ma l'obiettivo delle grandi non è "garantire tutti gli anni la vittoria della Champions" (non lo può fare nessuno, neanche lo stesso Barcellona), semmai mettersi in condizione di avere una squadra capace di arrivare sempre nel G8 del calcio europeo.

La Juve lavora per questo, Allegri pure. La sua richiesta è chiara: un trequartista con i controfiocchi. La priorità resta Oscar, prediletto del mister toscano, Jovetic una seconda scelta. Dopo l'accelerata delle scorse settimane ora i bianconeri sanno che è meglio aspettare: il brasiliano nonostante le parole del suo agente resta una pista calda, caldissima, ma da percorrere un passo alla volta.

Quattro chiacchiere sul Milan. Premessa: settimana scorsa mi sono preso clamorosi vaffanculi per una dichiarazione apparsa su Milannews e titolata "Biasin: Nell'affare Kondogbia l'Inter ha dato una lezione al Milan". Mi sono accorto, in effetti, che in troppi leggono solo il titolo e lì si fermano. È stato un profluvio di "vaffanculi", "pezzo di m...", "figlio di maialaccia", "culattone", "schifoso raccomandato", "Mastro Lindo". Altri, più concettuali, mi hanno augurato una morte lenta e possibilmente dolorosa. Son cose che capitano. Per dire, mio padre (milanista fino al midollo) mi fa: "Coglionaccio smettila di dire stronzate, ma quale lezione?". Mia madre invece si è risentita per il "figlio di maiala", ma ad oggi non ha ancora portato prove per smentire l'epiteto.

Per fortuna c'è anche chi ha letto e si è accorto che al di là del titolo, il qui presente figlio di maialaccia ha provato a motivare. Mettiamo da parte la questione Kondogbia e pensiamo a quello che è successo negli ultimi sette giorni. Il Milan ha ufficializzato Bertolacci e a giorni farà lo stesso con Bacca (per la gioia di molti, ma non di tutti ehm...). Due ottimi colpi per come la vedo io, un po' cari se vogliamo, ma in questo momento possiamo anche mettere in secondo piano la questione economica: in fondo se uno ha soldi da spendere a profusione (e il Milan li ha, confermiamo), li spenda pure come vuole.

La questione semmai è un'altra: il Diavolo sta seguendo una logica nel suo mercato? Ha preso Bacca per vero interesse o solo per tappare la "falla mediatica" creata per il no di Martinez? Bertolacci che buco va a coprire? I dirigenti addetti al mercato (usiamo un plurale piuttosto inutile, ce ne rendiamo conto) sanno che la vera emergenza non è in attacco (importantissimo, per carità), ma a centrocampo? Il tempo per sistemare la rosa c'è, le risorse pure, ma serve un piano d'azione che dia qualche certezza in più ai tifosi (che fessi non sono) e li spinga a sottoscrivere qualche abbonamento. Witsel, per dire, non è forte: è fortissimo. Solo che non è Kondogbia. Cioè, se dopo il "no" del francese punti al belga e rinnovi De Jong, significa che hai cambiato rotta, che pensi a una squadra diversa, significa che stai dicendo a Mihajlovic "noi prendiamo i giocatori che ci pare, poi tu penserai a metterli in campo a seconda di quello che ti mettiamo a disposizione". Per carità, ci può stare, ma la sensazione è che così si rischi di complicare il lavoro del nuovo allenatore, soprattutto se metà dei contratti in scadenza (Bonera, Abate, Mexes) che tutti pensavano "non saranno rinnovati" invece sono già stati rinnovati. Solo vedere che Muntari dopo tutto quello che ha combinato abbia ancora speranze di restare, scusatemi, ma è allucinante...

Quindi l'Inter. Imbula è saltato. Andrà al Porto. Oddio, di ufficiale ancora non c'è niente, ma di sicuro l'Inter non parteciperà ad alcuna asta con i portoghesi per lusingare il Marsiglia. Questo significa che l'interesse per il francese non è così significativo? No, significa soltanto che Ausilio non può (e non vuole) modificare l'offerta di 1 + 18 milioni. O così o niente. La sensazione è che quel simpaticone di Lucas abbia messo il becco nell'affare per rifarsi dello sgambetto dei nerazzurri con Kondogbia. Forse è così, forse no, ma Ausilio non si scompone: dovesse rinunciare a Imbula (al momento non lo ha fatto, aspetta...), cercherà un'alternativa "fisica" (non Melo). Intanto arriva Montoya, si attendono le decisioni di Salah e parte la fase più dura dell'estate "ausiliana", quella delle cessioni. Con 20 milioni scarsi già incassati tra Mbaye, Bonazzoli, Taider, Alvarez (prima o poi il Sunderland pagherà), all'ad si chiede di incassarne altri 30 per completare il mercato "auto sostenibile". Ci riuscirà? Sarà in grado di trattenere Kovacic? Dovesse farcela realizzerebbe decisamente un piccolo capolavoro.

Chiusura con le due domande (senza risposta) fatte ad Abodi e Giuntoli sul palco dei Tmw Awards.

Ad Abodi. Domanda: "Visti gli scandali preferirebbe una serie B con 22 o con 20 squadre?". Risposta: "Non è una questione numerica, ma di bla bla bla. Tutti insieme dobbiamo trovare il modo di bla bla bla. E quindi non è una questione di quante squadre ma bla bla bla". A casa mia si chiama "politichese", ma capiamo bene che per la B (e quindi anche per il suo presidente) non sia un momento facile.
A Giuntoli. Domanda: "Mi sa dire che budget avete a disposizione a Napoli per fare il mercato?". Risposta: "No". Le cose sono due: o le idee sono poco chiare, o Giuntoli ha pensato "attè te lo vengo a dire pirletti...". Propendiamo per la seconda ipotesi e, anzi, rilanciamo: la pista Darmian si è raffreddata ma non è affatto tramontata, Immobile arriverà perché non vede l'ora di tornare "a casa", Versaljko è vicino, uomini vicini a Sarri ci dicono che abbia le idee chiarissime su quello che vuole e soprattutto su chi "non vuole" nel suo gruppo di lavoro. Chi bene inizia...
Saluti a tutti. Con il rischio di farmi dare dell'omofobo che non sono (di questi tempi il rischio è altissimo) chiuderò con un appello: va bene tutto, tutto, proprio tutto... ma il pallone rosa in serie A no, checcazzo!

E ora cose populiste a caso per recuperare:

1)Mangiate frutta nelle ore calde e non mettete la testa sull'asfalto a mezzogiorno.

2)Pulvirenti brutto e cattivo.

3)Povera Grecia, cattiva Merkel.

4)Non ci sono più i tormentoni estivi di una volta tipo quelli dei Righeira.

5)Non abbandonate i cani negli autogrill. Se lo fate gli animali siete voi (evidentemente durante le vacanze di Natale invece si può, perché nessuno dice un cazzo). Twitter: @FBiasin.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.