VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Juve, quel capolavoro chiamato triplete. Ma Allegri potrebbe salutare alla Mou. Keita in arrivo. Simeone, il PSG beffa l'Inter. Milan, 100 milioni da spendere

05.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35981 volte
© foto di Federico De Luca

Questa Juve è il capolavoro di Allegri, una squadra con un equilibrio raro: grande difesa, ma anche grande attacco. E’ difficile trovare oggi qualcosa di simile in grado di fare bene entrambe le fasi di gioco, forse il Chelsea di Conte, ma non è in Europa. Il Barcellona (l’abbiamo visto), ma anche il Real (per l’appunto) attaccano con fenomeni, ma difendono non benissimo. Proprio per questo nella finale di Cardiff (toccate ferro), una volta tanto, il Real di Zidane non parte favorito. La Juve è più squadra, il Real ha giocatori più forti (Ronaldo su tutti) e proprio per questo dico 50 possibilità su cento ciascuno.

Questa Juve che difende e attacca con lo stesso equilibrio è frutto del grande lavoro, dell’umiltà e dell’intelligenza di Allegri che ha mutato le sue idee, trasformando una cultura calcistica molto italiana (primo non prenderle) in un modo internazionale di pensare calcio: si vince con più facilità imponendo il proprio gioco e non subendo per ripartire. Del resto quando una società con una squadra già forte in attacco (Dybala, Mandzukic, Cuadrado) compra Higuain, il segnale era chiaro. E’ stato bravo Allegri, accompagnato da una società straordinariamente efficace, a miscelare i giocatori e a cambiare modulo senza sbilanciare niente e nessuno. Due gol presi in undici partite di Champions stanno a dimostrare la solidità anche con quattro uomini d’attacco tutti assieme in campo, più due terzini che spingono. Questa Juve è finalmente internazionale, mi riallaccio a quella di Lippi con Del Piero-Vialli-Ravanelli che (non a caso) vinse la Champions.

Detto questo, come vi abbiamo già riferito un mese fa in anteprima, Allegri ha pronto il rinnovo di contratto con la Juventus. La società gli ha proposto un allungamento al 2020 con ingaggio dagli attuali cinque milioni agli otto di Conte (tanto per capirci) più bonus. Allegri doveva soltanto mettere la firma in calce ai fogli già pronti già dopo i quarti con il Barcellona.

Perché non l’ha fatto?

Questo è il grande interrogativo. E’ vero che Allegri non vuole distrazioni nel momento decisivo della stagione e un altro anno di contratto comunque c’è, ma alcune voci dicono che non è solo questo. L’allenatore della Juve prende tempo perché se dovesse davvero essere triplete (le possibilità ci sono, eccome), fare come Mourinho, salutare e dirsi addio, potrebbe essere una strada.

Fare meglio sarebbe impossibile, questo sembra chiaro. E allora perchè legarsi per altri tre anni?

La società è informata, naturalmente tutti sperano nell’impresa sportiva, ma un discorso che sembrava chiuso potrebbe essere riaperto. Rimandiamo il tutto al tre di giugno, quando si conoscerà la fine di questa storia per ora bellissima.

Comunque i piani di potenziamento della Juve vanno avanti sulla falsariga tracciata con Allegri. I nomi nel mirino sono i soliti, da Verratti a Tolisso, da Di Maria a De Sciglio, passando per Caldara e Spinazzola già bianconeri. Un nome nuovo sul quale si è buttato decisamente Marotta è l’ex Barca Keita Balde ora alla Lazio. Il ragazzo con Inzaghi è maturato, non vuole rinnovare e con la scadenza 2018, dovrebbe andare sul mercato a un prezzo interessante. La Juve c’è, anche per ringiovanire l’attacco che in prospettiva ha bisogno di ricambi. Il Milan però non molla un obiettivo puntato da mesi forte dell’ok del ragazzo che è convinto di giocare titolare in rossonero, con la Juve avrebbe più difficoltà. Vedremo.

La Juve, comunque, non molla e non si è posta il problema di un eventuale addio di Allegri. Sperano che resti anche con l’eventuale triplete, comunque la società ha una forza tale che non si farà condizionare da niente e da nessuno. Ricorderete che proprio Allegri arrivò in corsa dopo le dimissioni di Conte a metà luglio. Della serie, un allenatore si trova.

Vallo a dire all’Inter che fatica a colpire gli obiettivi. Continuo a pensare che Conte non si muoverà dal Chelsea, vuol provare a vincere la Champions, e anche Simeone sembra scettico sui progetti nerazzurri. La sconfitta con il Real in Champions (l’ennesima) ha scavato un solco con l’Atletico, ma Simeone ha in testa il Psg più dell’Inter. A Parigi andrebbe in coppia con il ds dell’Atletico Berta, più facile lavorare a Parigi che non rifondare l’Inter e questo Simeone lo sa. In attesa di sviluppi, c’è sempre Spalletti che sembra diventato quella che tutti vogliono e nessuno piglia.

Il Milan cinese, invece, ha deciso di confermare Montella, le energie sono impiegate nella campagna acquisti. Per vendere quote societarie e quotare la società a Hong Kong, il nuovo proprietario mister Li ha assoluto bisogno di rilanciare il brand Milan costruendo una squadra competitiva. Musacchio del Villareal è il primo colpo per la difesa. Ieri un lungo colloquio fra Mirabelli e Percassi ha avvicinato Kessie ai rossoneri spiazzando la Roma. E’ solo l’inizio, Fassone ha il mandato di rifare grande il Milan con la finanza creativa. Auguri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La lezione a Di Francesco: peccato di superbia o di sottovalutazione degli avversari? Che cosa succede alla panchina dell'Italia: la spilorceria dell'Arsenal che può portare Ancelotti a sorpassare MancinI 25.04 - Certo, adesso è facile, anche troppo, rimproverare a Di Francesco tutto quello che è evidente dopo il tracollo di Anfield. E sembra molto ovvio ricordare che il Liverpool non è il Barcellona e che quindi non ha senso affrontarlo nella stessa maniera: quelli giocano orizzontale e guizzi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri andrà via, ma guai a dare i bianconeri per “finiti”. Milan: la follia dei processi a Gattuso. Inter: l’operazione Champions spaventa solo i deboli. Napoli: occhio all’uragano Sarri. E forza Roma, ovvio 24.04 - Tra breve parleremo di calcio. Davvero. Ma prima l’Uomo-Ken. Ognuno nasce con uno scopo: alcuni diventano astronauti, altri benzinai, altri missionari, altri Uomo-Ken. L’Uomo-Ken è un tizio che ha come unica ragione di vita assomigliare a Ken, il noto bambolotto Anni ‘80. In questi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.