VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, quel capolavoro chiamato triplete. Ma Allegri potrebbe salutare alla Mou. Keita in arrivo. Simeone, il PSG beffa l'Inter. Milan, 100 milioni da spendere

05.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35907 volte
© foto di Federico De Luca

Questa Juve è il capolavoro di Allegri, una squadra con un equilibrio raro: grande difesa, ma anche grande attacco. E’ difficile trovare oggi qualcosa di simile in grado di fare bene entrambe le fasi di gioco, forse il Chelsea di Conte, ma non è in Europa. Il Barcellona (l’abbiamo visto), ma anche il Real (per l’appunto) attaccano con fenomeni, ma difendono non benissimo. Proprio per questo nella finale di Cardiff (toccate ferro), una volta tanto, il Real di Zidane non parte favorito. La Juve è più squadra, il Real ha giocatori più forti (Ronaldo su tutti) e proprio per questo dico 50 possibilità su cento ciascuno.

Questa Juve che difende e attacca con lo stesso equilibrio è frutto del grande lavoro, dell’umiltà e dell’intelligenza di Allegri che ha mutato le sue idee, trasformando una cultura calcistica molto italiana (primo non prenderle) in un modo internazionale di pensare calcio: si vince con più facilità imponendo il proprio gioco e non subendo per ripartire. Del resto quando una società con una squadra già forte in attacco (Dybala, Mandzukic, Cuadrado) compra Higuain, il segnale era chiaro. E’ stato bravo Allegri, accompagnato da una società straordinariamente efficace, a miscelare i giocatori e a cambiare modulo senza sbilanciare niente e nessuno. Due gol presi in undici partite di Champions stanno a dimostrare la solidità anche con quattro uomini d’attacco tutti assieme in campo, più due terzini che spingono. Questa Juve è finalmente internazionale, mi riallaccio a quella di Lippi con Del Piero-Vialli-Ravanelli che (non a caso) vinse la Champions.

Detto questo, come vi abbiamo già riferito un mese fa in anteprima, Allegri ha pronto il rinnovo di contratto con la Juventus. La società gli ha proposto un allungamento al 2020 con ingaggio dagli attuali cinque milioni agli otto di Conte (tanto per capirci) più bonus. Allegri doveva soltanto mettere la firma in calce ai fogli già pronti già dopo i quarti con il Barcellona.

Perché non l’ha fatto?

Questo è il grande interrogativo. E’ vero che Allegri non vuole distrazioni nel momento decisivo della stagione e un altro anno di contratto comunque c’è, ma alcune voci dicono che non è solo questo. L’allenatore della Juve prende tempo perché se dovesse davvero essere triplete (le possibilità ci sono, eccome), fare come Mourinho, salutare e dirsi addio, potrebbe essere una strada.

Fare meglio sarebbe impossibile, questo sembra chiaro. E allora perchè legarsi per altri tre anni?

La società è informata, naturalmente tutti sperano nell’impresa sportiva, ma un discorso che sembrava chiuso potrebbe essere riaperto. Rimandiamo il tutto al tre di giugno, quando si conoscerà la fine di questa storia per ora bellissima.

Comunque i piani di potenziamento della Juve vanno avanti sulla falsariga tracciata con Allegri. I nomi nel mirino sono i soliti, da Verratti a Tolisso, da Di Maria a De Sciglio, passando per Caldara e Spinazzola già bianconeri. Un nome nuovo sul quale si è buttato decisamente Marotta è l’ex Barca Keita Balde ora alla Lazio. Il ragazzo con Inzaghi è maturato, non vuole rinnovare e con la scadenza 2018, dovrebbe andare sul mercato a un prezzo interessante. La Juve c’è, anche per ringiovanire l’attacco che in prospettiva ha bisogno di ricambi. Il Milan però non molla un obiettivo puntato da mesi forte dell’ok del ragazzo che è convinto di giocare titolare in rossonero, con la Juve avrebbe più difficoltà. Vedremo.

La Juve, comunque, non molla e non si è posta il problema di un eventuale addio di Allegri. Sperano che resti anche con l’eventuale triplete, comunque la società ha una forza tale che non si farà condizionare da niente e da nessuno. Ricorderete che proprio Allegri arrivò in corsa dopo le dimissioni di Conte a metà luglio. Della serie, un allenatore si trova.

Vallo a dire all’Inter che fatica a colpire gli obiettivi. Continuo a pensare che Conte non si muoverà dal Chelsea, vuol provare a vincere la Champions, e anche Simeone sembra scettico sui progetti nerazzurri. La sconfitta con il Real in Champions (l’ennesima) ha scavato un solco con l’Atletico, ma Simeone ha in testa il Psg più dell’Inter. A Parigi andrebbe in coppia con il ds dell’Atletico Berta, più facile lavorare a Parigi che non rifondare l’Inter e questo Simeone lo sa. In attesa di sviluppi, c’è sempre Spalletti che sembra diventato quella che tutti vogliono e nessuno piglia.

Il Milan cinese, invece, ha deciso di confermare Montella, le energie sono impiegate nella campagna acquisti. Per vendere quote societarie e quotare la società a Hong Kong, il nuovo proprietario mister Li ha assoluto bisogno di rilanciare il brand Milan costruendo una squadra competitiva. Musacchio del Villareal è il primo colpo per la difesa. Ieri un lungo colloquio fra Mirabelli e Percassi ha avvicinato Kessie ai rossoneri spiazzando la Roma. E’ solo l’inizio, Fassone ha il mandato di rifare grande il Milan con la finanza creativa. Auguri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.