VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Caso Donnarumma: come finirà?
  Dirà addio al Milan per il Real Madrid
  Rinnoverà separandosi da Raiola
  Rinnoverà restando con Raiola
  Dirà addio al Milan per la Juventus
  Dirà addio al Milan con altra destinazione

TMW Mob
Editoriale

Juve, quel capolavoro chiamato triplete. Ma Allegri potrebbe salutare alla Mou. Keita in arrivo. Simeone, il PSG beffa l'Inter. Milan, 100 milioni da spendere

05.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35804 volte
© foto di Federico De Luca

Questa Juve è il capolavoro di Allegri, una squadra con un equilibrio raro: grande difesa, ma anche grande attacco. E’ difficile trovare oggi qualcosa di simile in grado di fare bene entrambe le fasi di gioco, forse il Chelsea di Conte, ma non è in Europa. Il Barcellona (l’abbiamo visto), ma anche il Real (per l’appunto) attaccano con fenomeni, ma difendono non benissimo. Proprio per questo nella finale di Cardiff (toccate ferro), una volta tanto, il Real di Zidane non parte favorito. La Juve è più squadra, il Real ha giocatori più forti (Ronaldo su tutti) e proprio per questo dico 50 possibilità su cento ciascuno.

Questa Juve che difende e attacca con lo stesso equilibrio è frutto del grande lavoro, dell’umiltà e dell’intelligenza di Allegri che ha mutato le sue idee, trasformando una cultura calcistica molto italiana (primo non prenderle) in un modo internazionale di pensare calcio: si vince con più facilità imponendo il proprio gioco e non subendo per ripartire. Del resto quando una società con una squadra già forte in attacco (Dybala, Mandzukic, Cuadrado) compra Higuain, il segnale era chiaro. E’ stato bravo Allegri, accompagnato da una società straordinariamente efficace, a miscelare i giocatori e a cambiare modulo senza sbilanciare niente e nessuno. Due gol presi in undici partite di Champions stanno a dimostrare la solidità anche con quattro uomini d’attacco tutti assieme in campo, più due terzini che spingono. Questa Juve è finalmente internazionale, mi riallaccio a quella di Lippi con Del Piero-Vialli-Ravanelli che (non a caso) vinse la Champions.

Detto questo, come vi abbiamo già riferito un mese fa in anteprima, Allegri ha pronto il rinnovo di contratto con la Juventus. La società gli ha proposto un allungamento al 2020 con ingaggio dagli attuali cinque milioni agli otto di Conte (tanto per capirci) più bonus. Allegri doveva soltanto mettere la firma in calce ai fogli già pronti già dopo i quarti con il Barcellona.

Perché non l’ha fatto?

Questo è il grande interrogativo. E’ vero che Allegri non vuole distrazioni nel momento decisivo della stagione e un altro anno di contratto comunque c’è, ma alcune voci dicono che non è solo questo. L’allenatore della Juve prende tempo perché se dovesse davvero essere triplete (le possibilità ci sono, eccome), fare come Mourinho, salutare e dirsi addio, potrebbe essere una strada.

Fare meglio sarebbe impossibile, questo sembra chiaro. E allora perchè legarsi per altri tre anni?

La società è informata, naturalmente tutti sperano nell’impresa sportiva, ma un discorso che sembrava chiuso potrebbe essere riaperto. Rimandiamo il tutto al tre di giugno, quando si conoscerà la fine di questa storia per ora bellissima.

Comunque i piani di potenziamento della Juve vanno avanti sulla falsariga tracciata con Allegri. I nomi nel mirino sono i soliti, da Verratti a Tolisso, da Di Maria a De Sciglio, passando per Caldara e Spinazzola già bianconeri. Un nome nuovo sul quale si è buttato decisamente Marotta è l’ex Barca Keita Balde ora alla Lazio. Il ragazzo con Inzaghi è maturato, non vuole rinnovare e con la scadenza 2018, dovrebbe andare sul mercato a un prezzo interessante. La Juve c’è, anche per ringiovanire l’attacco che in prospettiva ha bisogno di ricambi. Il Milan però non molla un obiettivo puntato da mesi forte dell’ok del ragazzo che è convinto di giocare titolare in rossonero, con la Juve avrebbe più difficoltà. Vedremo.

La Juve, comunque, non molla e non si è posta il problema di un eventuale addio di Allegri. Sperano che resti anche con l’eventuale triplete, comunque la società ha una forza tale che non si farà condizionare da niente e da nessuno. Ricorderete che proprio Allegri arrivò in corsa dopo le dimissioni di Conte a metà luglio. Della serie, un allenatore si trova.

Vallo a dire all’Inter che fatica a colpire gli obiettivi. Continuo a pensare che Conte non si muoverà dal Chelsea, vuol provare a vincere la Champions, e anche Simeone sembra scettico sui progetti nerazzurri. La sconfitta con il Real in Champions (l’ennesima) ha scavato un solco con l’Atletico, ma Simeone ha in testa il Psg più dell’Inter. A Parigi andrebbe in coppia con il ds dell’Atletico Berta, più facile lavorare a Parigi che non rifondare l’Inter e questo Simeone lo sa. In attesa di sviluppi, c’è sempre Spalletti che sembra diventato quella che tutti vogliono e nessuno piglia.

Il Milan cinese, invece, ha deciso di confermare Montella, le energie sono impiegate nella campagna acquisti. Per vendere quote societarie e quotare la società a Hong Kong, il nuovo proprietario mister Li ha assoluto bisogno di rilanciare il brand Milan costruendo una squadra competitiva. Musacchio del Villareal è il primo colpo per la difesa. Ieri un lungo colloquio fra Mirabelli e Percassi ha avvicinato Kessie ai rossoneri spiazzando la Roma. E’ solo l’inizio, Fassone ha il mandato di rifare grande il Milan con la finanza creativa. Auguri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, la verità su Alex Sandro! Milan-Donnarumma-Raiola, chi ha vinto? Inter-Napoli-Genoa, che intreccio… Chi è Karsdorp? 28.06 - C’è tensione tra il popolo bianconero. C’è preoccupazione per le tante, troppe voci di mercato che riguardano, principalmente, Bonucci e Alex Sandro, due colonne della banda di Allegri. Andranno davvero via durante questa afosa estate? Facciamo chiarezza… Bonucci non si muoverà da...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la tensione si combatte a colpi di “francese”. Inter, 2 fuori e 2 dentro: le mosse nella settimana decisiva. Milan: un punto al caso-Donnarumma e la pesca in Germania. Fiorentina: ci sono cose da dire 27.06 - Ciao. Nelle ultime ore ho pensato molto all’hacker di Donnarumma: cosa farà nella vita? L’impiegato di banca? Il commesso al Calzedonia? L’hacker a tempo pieno? Cosa lo ha spinto ad hackerare il profilo Instagram di Donnarumma? Perché proprio quello di Donnarumma e non – chessò –...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Fassone in tre mesi ha fatto quello che il Milan doveva fare da 5 anni. La trappola per "Topo Gigio". Firenze, le "non colpe" del Corvo. Inter, count down partito per Walter (People from Ibiza) 26.06 - Sta arrivando una bufera dalla Procura Federale che i venti dell'Est a novembre, in confronto, sono cicloni provenienti dal Marocco. Adesso bisognerà capire se la Procura andrà avanti o, come spesso accade, deciderà di fermarsi per questioni politiche. Nel mirino degli uomini di Tavecchio...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Alex Sandro vale 70 milioni, chissà quanto valeva Cafù. Troppi giovani non fanno vincere niente, così come spendere soldi. Donnarumma è solo un portiere, Spalletti un allenatore. De Laurentiis non può decidere per tutti 25.06 - Il candidato svolga, al netto dell'attuale situazione patrimoniale, le quotazioni di mercato dei seguenti calciatori. Berardi, Bernardeschi, Alex Sandro, Salah, Manolas, Belotti, Pellegri. Niente di più semplice per chi segue un pochino il chiacchiericcio che negli ultimi giorni si...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.