HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà il Mondiale?
  Germania
  Brasile
  Spagna
  Argentina
  Portogallo
  Francia
  Belgio
  Inghilterra
  Altro

Editoriale

Juve, quel capolavoro chiamato triplete. Ma Allegri potrebbe salutare alla Mou. Keita in arrivo. Simeone, il PSG beffa l'Inter. Milan, 100 milioni da spendere

05.05.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36009 volte
© foto di Federico De Luca

Questa Juve è il capolavoro di Allegri, una squadra con un equilibrio raro: grande difesa, ma anche grande attacco. E’ difficile trovare oggi qualcosa di simile in grado di fare bene entrambe le fasi di gioco, forse il Chelsea di Conte, ma non è in Europa. Il Barcellona (l’abbiamo visto), ma anche il Real (per l’appunto) attaccano con fenomeni, ma difendono non benissimo. Proprio per questo nella finale di Cardiff (toccate ferro), una volta tanto, il Real di Zidane non parte favorito. La Juve è più squadra, il Real ha giocatori più forti (Ronaldo su tutti) e proprio per questo dico 50 possibilità su cento ciascuno.

Questa Juve che difende e attacca con lo stesso equilibrio è frutto del grande lavoro, dell’umiltà e dell’intelligenza di Allegri che ha mutato le sue idee, trasformando una cultura calcistica molto italiana (primo non prenderle) in un modo internazionale di pensare calcio: si vince con più facilità imponendo il proprio gioco e non subendo per ripartire. Del resto quando una società con una squadra già forte in attacco (Dybala, Mandzukic, Cuadrado) compra Higuain, il segnale era chiaro. E’ stato bravo Allegri, accompagnato da una società straordinariamente efficace, a miscelare i giocatori e a cambiare modulo senza sbilanciare niente e nessuno. Due gol presi in undici partite di Champions stanno a dimostrare la solidità anche con quattro uomini d’attacco tutti assieme in campo, più due terzini che spingono. Questa Juve è finalmente internazionale, mi riallaccio a quella di Lippi con Del Piero-Vialli-Ravanelli che (non a caso) vinse la Champions.

Detto questo, come vi abbiamo già riferito un mese fa in anteprima, Allegri ha pronto il rinnovo di contratto con la Juventus. La società gli ha proposto un allungamento al 2020 con ingaggio dagli attuali cinque milioni agli otto di Conte (tanto per capirci) più bonus. Allegri doveva soltanto mettere la firma in calce ai fogli già pronti già dopo i quarti con il Barcellona.

Perché non l’ha fatto?

Questo è il grande interrogativo. E’ vero che Allegri non vuole distrazioni nel momento decisivo della stagione e un altro anno di contratto comunque c’è, ma alcune voci dicono che non è solo questo. L’allenatore della Juve prende tempo perché se dovesse davvero essere triplete (le possibilità ci sono, eccome), fare come Mourinho, salutare e dirsi addio, potrebbe essere una strada.

Fare meglio sarebbe impossibile, questo sembra chiaro. E allora perchè legarsi per altri tre anni?

La società è informata, naturalmente tutti sperano nell’impresa sportiva, ma un discorso che sembrava chiuso potrebbe essere riaperto. Rimandiamo il tutto al tre di giugno, quando si conoscerà la fine di questa storia per ora bellissima.

Comunque i piani di potenziamento della Juve vanno avanti sulla falsariga tracciata con Allegri. I nomi nel mirino sono i soliti, da Verratti a Tolisso, da Di Maria a De Sciglio, passando per Caldara e Spinazzola già bianconeri. Un nome nuovo sul quale si è buttato decisamente Marotta è l’ex Barca Keita Balde ora alla Lazio. Il ragazzo con Inzaghi è maturato, non vuole rinnovare e con la scadenza 2018, dovrebbe andare sul mercato a un prezzo interessante. La Juve c’è, anche per ringiovanire l’attacco che in prospettiva ha bisogno di ricambi. Il Milan però non molla un obiettivo puntato da mesi forte dell’ok del ragazzo che è convinto di giocare titolare in rossonero, con la Juve avrebbe più difficoltà. Vedremo.

La Juve, comunque, non molla e non si è posta il problema di un eventuale addio di Allegri. Sperano che resti anche con l’eventuale triplete, comunque la società ha una forza tale che non si farà condizionare da niente e da nessuno. Ricorderete che proprio Allegri arrivò in corsa dopo le dimissioni di Conte a metà luglio. Della serie, un allenatore si trova.

Vallo a dire all’Inter che fatica a colpire gli obiettivi. Continuo a pensare che Conte non si muoverà dal Chelsea, vuol provare a vincere la Champions, e anche Simeone sembra scettico sui progetti nerazzurri. La sconfitta con il Real in Champions (l’ennesima) ha scavato un solco con l’Atletico, ma Simeone ha in testa il Psg più dell’Inter. A Parigi andrebbe in coppia con il ds dell’Atletico Berta, più facile lavorare a Parigi che non rifondare l’Inter e questo Simeone lo sa. In attesa di sviluppi, c’è sempre Spalletti che sembra diventato quella che tutti vogliono e nessuno piglia.

Il Milan cinese, invece, ha deciso di confermare Montella, le energie sono impiegate nella campagna acquisti. Per vendere quote societarie e quotare la società a Hong Kong, il nuovo proprietario mister Li ha assoluto bisogno di rilanciare il brand Milan costruendo una squadra competitiva. Musacchio del Villareal è il primo colpo per la difesa. Ieri un lungo colloquio fra Mirabelli e Percassi ha avvicinato Kessie ai rossoneri spiazzando la Roma. E’ solo l’inizio, Fassone ha il mandato di rifare grande il Milan con la finanza creativa. Auguri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma, fatta per Kluivert, il Napoli pensa a Praet se va via Hamsik. Juventus e Inter pronte all’assalto su Chiesa 09.06 - La rivoluzione di Monchi è già cominciata. Spazio alla linea verde, un progetto iniziato già l’anno scorso con l’arrivo di due grandissimi prospetti come Ünder e Schick. Il ds giallorosso, dopo aver piazzato anche il colpo Cristante, ora è pronto a chiudere per Justin Kluivert, talento...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve cede Higuain e Benatia. Accordo con Morata, ma il Chelsea aspetta l’allenatore. Conte e Sarri derby Real. Anche Icardi in ballo. Inter, l’obiettivo vero è Chiesa 08.06 - Molti tifosi bianconeri si chiedono come mai la Juventus non dica che due giocatori importanti come Higuain e Benatia sono incedibili e non intervenga sulle voci sempre più insistenti. La risposta è banale: perché sono in vendita. La dura legge della Juventus colpisce ancora: come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy