HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A: quale di questi attaccanti vi ha deluso di più?
  Giovanni Simeone
  Edin Dzeko
  Arkadiusz Milik
  Patrik Schick
  Marko Pjaca
  Paulo Dybala
  Duvan Zapata
  Keita Balde Diao
  Simone Zaza

La Giovane Italia
Editoriale

Juve regina ma per il futuro serve altro. Sarri, cambia aria. Verona, l'ha voluto tu. Un giorno con Tavecchio...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
07.05.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 43744 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Ha vinto la più forte, non la più bella. Ha vinto anche se si iniziano ad intravedere le prime crepe nel palazzo. Scricchiola. La Juventus trionfa ancora, in Italia, ma questa volta è un successo sudato. Forse anche più bello, anche se i tifosi bianconeri sono abituati a questo tipo di vittorie e al sistema non fa bene. Almeno quest'anno ci siamo divertiti. Grazie al Napoli e alla stessa Juventus. Non sappiamo se il ciclo di Allegri sia finito oppure no. Sarebbe difficile dirlo, anche se la mia idea resta la stessa di un anno fa. Era finito a Cardiff il ciclo, non oggi. Con scudetto e Coppa Italia, la Juve salverebbe la stagione ma per il futuro serve altro. Lo sanno anche Marotta e Paratici che, dopo Berlino, hanno perso pezzi da 90. Se non sappiamo quando finirà il ciclo Allegri, invece, sappiamo che il ciclo degli italiani a Torino è bello che finito. Finisce con Buffon che è stato un poeta tra i pali, sta finendo con Barzagli e forse anche con Marchisio che ne gioca una su venti. Resta la bandiera di Chiellini a sventolare, in difesa, ma quando le cose si mettono male (come quest'anno) lo zoccolo duro deve essere italiano. E Rugani non è una soluzione per il futuro. Nello spogliatoio si deve parlare una sola lingua (la nostra). In campo se volete, anche, cento. Prendete il caso dell'Udinese. Ha sempre avuto mille stranieri in rosa per business ma si è sgonfiata quando ha perso Di Natale, Pinzi e Domizzi. Di Natale faceva 102 gol a stagione, starete pensando voi, è vero ma nello spogliatoio comandavano gli italiani. La Juve ha bisogno di rifondare il gruppo non la squadra. Sono due cose diverse. I leader non possono essere Benatia, Gonzalo o Khedira. Bravi ma certamente la base italiana che sta abbandonando Torino sarà una grande perdita. La Juventus ha vinto lo scudetto a Milano. In quella pazza partita di due settimane fa. La follia di non far giocare in contemporanea le ultime 4 gare, neanche quando in palio c'è lo scudetto, ha ammazzato un Napoli che era già scaricato fisicamente. Il resto l'ha fatto la testa che è arrivata dove il fisico non ci arrivava più. Come accaduto, in casa, con Chievo Verona e Udinese.
Se il ciclo di Allegri potrebbe anche continuare, per Agnelli e Marotta, quello di Sarri dovrebbe finire qui. Non è una notizia ma un invito. Non si può parlare di ciclo Sarri. I cicli si definiscono tali se vinci. Sarri, a Napoli, ha fatto vedere grandi cose e ha fatto sognare un popolo intero ma i grandi risultati li ha visti solo da vicino. Continuare con De Laurentiis, e a Napoli, non è facile. Più di quello che ha fatto non può fare. Inoltre perderà molti pezzi pregiati dello spogliatoio. Si deve andare via da vincenti e ora, anche se è triste dirlo, le strade di Sarri e il Napoli dovranno separarsi per il bene di entrambi. Il prossimo anno per gli azzurri non sarà facile. Ripetersi è sempre molto più complicato che affermarsi e, prima o poi, le milanesi dovranno darsi una svegliata generale. La Premier nel futuro di Sarri? Sinceramente non vedo molto bene Sarri in Inghilterra. Non ho elementi per dare questo giudizio. E' solo a pelle. In Premier, Sarri, arriverebbe ad una età adulta. Vivere e lavorare in Inghilterra significa non cambiare luogo di lavoro ma cambiare vita. Se lo fai a 40 anni è un conto, per Sarri sarebbe tutto diverso. Meglio un'italiana in cerca di rilancio che una scommessa estera. Le parole di De Laurentiis vanno, infine, sempre decifrate. Ci lamentavamo del silenzio del Presidente, poi, quando parla preghiamo per il futuro che il silenzio sia ancora più lungo la prossima volta.
La lotta salvezza è la più bella in serie A. Tremano tutti. Dalla Spal al Cagliari, fino a Chievo, Crotone e Udinese. Attenzione alla sorpresa. L'Udinese ha un calendario per amico ma questa stagione è stata la peggiore dell'era Pozzo. Mai così male. Crotone e Spal è giusto che siano lì a lottare con i denti fino all'ultima giornata. Le vere delusioni sono Chievo Verona e Cagliari. Soprattutto i sardi hanno fatto un mix di disastri. A partire dal prematuro esonero di Rastelli alle continue conferme di Lopez. Per non parlare del potere concesso ai capetti dello spogliatoio. Il calciatore è un dipendente e non il capo, o dirigente, dell'azienda. Per fortuna di tutte queste squadre c'era Pecchia a Verona. Dispiace per la città e la tifoseria ma sono 9 mesi che imploriamo Setti di mandare a casa Pecchia. Lui è rimasto, simil Ventura con l'Italia, e questo è stato il risultato finale. Un allenatore che doveva essere esonerato già in B non si è capito da chi fosse protetto per non essere sollevato dall'incarico in serie A. Per come ha trattato Pazzini e Bessa gli andava stracciato il tesserino vinto con i punti di Benitez a Coverciano.
Infine vi racconto un sabato mattina trascorso con Carlo Tavecchio nella sua Ponte Lambro. Da 168 giorni non parlava con la stampa. Faceva caldo e ha preteso di fare l'intervista su un campo da calcio e non dietro la scrivania. Mia ha mostrato la Montagna che giganteggiava sul campo e mi ha spiegato del passato di Napoleone. Gli ho chiesto di Conte. E' impazzito. Ha rotto il silenzio e questa sera andrà in onda una lunga esclusiva, alle 22.30, su Sportitalia. Vi dico la mia sensazione. Tavecchio e Malagò non avrebbero dovuto, politicamente, litigare ma andare avanti insieme a braccetto e governare chi il calcio italiano e chi lo sport. Si sono rotti e ci hanno perso tutti. Tavecchio ha idee, ragiona come un quarantenne anche se a volte avrebbe bisogno della tutela di 3 addetti stampa perché è un fiume in piena e, in alcuni casi, serve maggiore diplomazia. Lo ha dimostrato il passato non il presente. Dalle seconde squadre al var, dai centri sportivi al rapporto con il Coni, da Opti Pobà alle lesbiche nel calcio. Gli ho chiesto tutto quello che mi passava per la testa, mi mancava che dicesse anche a quanti anni ha dato il suo primo bacio da adolescente e poi siamo a cavallo. Tavecchio dice cose giuste e interessanti ma il suo errore più grande è stato non aver trovato un'intesa con Malagò. Parla di Ventura, Conte, Mancini e di chi farà il tifo ai prossimi Mondiali... Va bene, un'anticipazione ve la dò: tiferà per l'Inghilterra. Alle 22.30, su Sportitalia, saprete il perché.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter, Marotta c'è: le date, il contratto, la sfida alla Juve e il mercato (già a gennaio). Milan: la iella, l'orgoglio, la resa dei conti con l'Uefa... e Ibra. Italia: un azzurro mai visto. Ma attenti alla mer... 20.11 - La menata della sosta ci impedisce di essere brillanti ma, al contrario, molto diretti e avvelenati (la verità è che c’è Cantù-Pesaro di basket e stiamo volando a Desio per sostenere Cantù, glorioserrima società a rischio fallimento per questioni – che caso – legate a patron che se...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Italia, che noia. Giorgetti-Malagò: la ragione sta nel mezzo. Juve B, progetto inutile e da abolire. I 3 migliori allenatori (tutti di C) pronti per il salto 19.11 - Un editoriale senza parlare di mercato oppure senza parlare di Milan, Inter, Juventus e Napoli è sicuramente di poco interesse per il pubblico. Almeno per il grande pubblico. Ma con il campionato fermo e il mercato lontano non avrebbe senso occuparsi dei soliti temi. Allora andiamo...

Editoriale DI: Marco Conterio

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric 18.11 - Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Il Milan tra Rodrigo Caio e Ibrahimovic. De Ligt primo nome per la difesa della Juventus. La Roma vuole blindare Manolas, che piace anche a Real e Barcellona. Napoli si continua a lavorare ai rinnovi di Zielinski e Hysaj 17.11 - Un mese e mezzo e si parte, anzi il mercato è già partito. E allora andiamo dritti all’obiettivo. In casa Milan è scattato l’allarme rosso. Gli infortuni di Musacchio e Caldara in difesa e di Biglia e Bonaventura a centrocampo hanno creato una situazione difficile. Insomma ci sono...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ecco tutti gli obiettivi di mercato di Juve, Milan, Inter, Roma e Napoli. Da Barella a Diawara, da Lazzari a Chiesa. Tornano Rafinha e Paredes. E Marotta va in Cina 16.11 - Questa sosta per la Nazionale è utile alle società, tutte stanno facendo un check per capire cosa serve sul mercato di gennaio, ma anche e soprattutto per gettare le basi e mettersi avanti per obiettivi e trattative future. La squadra più in difficoltà, con necessità immediate...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Pronti per gennaio: il Milan più attivo ecco i primi nomi. E poi attenzione: parametri zero pazzeschi! 15.11 - Il mercato si avvicina alla velocità della luce. Sarà più corto del previsto, visto che chiuderà il 18 gennaio, ma non per questo sarà meno intenso. Se dovessimo sbilanciarci potremmo dire che per il Milan potrebbe essere una sessione di primo livello. Nel senso che a gennaio Elliot,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Allegri cosa dici?! Hai cambiato idea rispetto a quando eri al Milan, e proprio prima di una partita con la Juve… Ibrahimovic in rossonero è possibile: ecco a che punto è la trattativa. Juventus su De Gea e James? C’è questo retroscena 14.11 - Massimilano Allegri è già l’allenatore che ha vinto più Panchine d’Oro nella storia, 4. Anche se ovviamente i suoi obiettivi sono altri. Il primo e ovvio è vincere la Champions (Allegri è anche il primo allenatore italiano a perdere entrambe le prime due finali di Champions a cui...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la panchina d’oro, i cervelli di ghisa. Inter: le scelte di Spalletti (e un segreto…). Milan: il (troppo) rigore di Higuain. Arbitri: l’esempio di Irrati 13.11 - Quando c’è la Sosta per la Nazionale a nessuno frega nulla di qualunque cosa, si fa finta di appassionarsi a temi come “Balotelli può essere ancora il futuro degli azzurri?” o “ci sono troppi stranieri!”, o “bisogna puntare sui vivai!”. Ma poi ti rendi conto che il buon Marione tra...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, no a Ibra. Napoli, un salto nel fango. Spal, l'unica società che ha sfruttato il triplo salto. Liverani, oro di Lecce. Gravina, ecco il primo colpo: Brunelli dalla Lega 12.11 - Arriva la sosta, nel momento meno opportuno, e come sempre si tornerà a parlare di calciomercato. La Juventus cerca un centrocampista, l'Inter in teoria è a posto così, la Roma necessita di almeno due tasselli, mentre il Napoli potrebbe aver bisogno di un vice Milik che, a gennaio,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy