HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Il Napoli esonera Ancelotti e punta su Gattuso. Decisione giusta?
  Giusto cambiare, e Gattuso è la scelta giusta
  Giusto cambiarlo, ma Ancelotti non andava sostituito con Gattuso
  Sbagliata: bisognava andare avanti con Ancelotti

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: se anche l'inciampo è "indolore"... Inter: la strategia Conte e l'idea di Marotta. Milan: un abisso sempre meno sopportabile. E su Ribery...

29.10.2019 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 20137 volte
Juve: se anche l'inciampo è "indolore"... Inter: la strategia Conte e l'idea di Marotta. Milan: un abisso sempre meno sopportabile. E su Ribery...

Ci sono state le assemblee dei soci di Milan e Inter. Quando vai alle assemblee o hai delle lauree in economia e metafisica, oppure devi far finta di capire. Io in genere faccio finta di capire. “Il consolidato al netto del bla bla bla raggiunge quota bla bla bla miliardi di milioni di miliardi bla bla bla tra breve potete accomodarvi al buffet”. Su “a breve potete accomodarvi al buffet” molti hanno dei sussulti, come se improvvisamente tutto tornasse chiaro.

Alle assemblee dei soci, chi parla, prova in tutti i modi a convincerti che le cose stiano andando benissimo. Cose tipo “la sede sta bruciando, ma i pompieri sono a un tiro di schioppo”. È il gioco delle parti e ovviamente tutti sfruttano il fatto che nessuno tra chi ascolta ha lauree in metafisica.

Qui non faremo analisi tecniche di nessun genere (potremmo copiare i comunicati vari, ma che noia) e, invece, opteremo per ragionamenti terra-terra. Da quello che abbiamo capito le cose in casa Inter procedono piuttosto bene, i ricavi aumentano, si intende fare mercato anche a gennaio, si punta a crescere un passo alla volta, l’incazzatura di Conte è quella di tutti eccetera eccetera. Il tutto nella consapevolezza che la Juve è ancora piuttosto lontana (sì, lo è).

In casa Milan, invece, è tutto più complicato. Lasciamo perdere i numeri e pensiamo al campo, che poi è quello che conta. Il “campo” dice che i rossoneri sono al minimo storico con cinque sconfitte in nove partite e una partita contro la Spal che spaventa moltissimo. Chi ha sbagliato? Tutti, l’abbiamo detto più volte. La proprietà, la dirigenza, i giocatori. E per una volta, dopo il cambio di allenatore, c’è da puntare il dito contro quelli che in campo ci vanno per davvero. Perché si può perdere una partita per minore qualità, ma non regalando agli avversari le palle della vittoria. Pioli ha chiarito la situazione: “Ad alcuni sembra non importare se si vince o si perde”.

Sullo sfondo resta la questione stadio, con il Comune di Milano che dice sì al progetto a patto che San Siro non venga abbattuto. Praticamente l’amministrazione locale dice alle due società come e dove investire i loro soldi, obbligandoli a rinunciare alla parte commerciale (cioè a quello che permetterebbe ai due club di rientrare di parte dell’investimento). Non sarà un caso che oggi il presidente rossonero Scaroni sia tornato a parlare dell’opzione B (Sesto San Giovanni).

Anche la Juventus aveva la solita fame di vittoria, ma la Signora dei fenomeni per una volta è tornata a casa senza tre punti. Succede veramente di rado, soprattutto quando i bianconeri giocano in provincia. Tutti sapevano, tutti potevano approfittarne. E invece no, ci è riuscita (discretamente bene) solo l’Atalanta che studia da Leicester (sto esagerando, lo so, ma volevo essere tra i primi a dirlo che non si sa mai...). Le concorrenti sulla carta - che poi sono Napoli e Inter - hanno fatto la stessa fine dei primi della classe, con una colpa doppia. Pareggiare con Parma e Spal ci può stare se hai medie ambizioni e non se vuoi tentare il miracolo, che poi è riuscire a far abdicare i soliti bianconeri.

Ecco perché Antonio Conte si è parecchio incazzato e, soprattutto, ha fatto di tutto per darlo a vedere. Ha usato un po’ di sana strategia, certo, ma forse il nervoso ce l’aveva per davvero perché sa che combattere ad armi pari con la rosa dei suoi ex datori di lavoro è praticamente impossibile, in particolare se si ha la legittima ambizione di andare avanti anche in Europa. È dura, durissima, ma non c’è soluzione: portar via lo scudetto alla Juve significa non lasciare per strada punti “teoricamente già assegnati” (molto teoricamente).

E chiudiamo con Franck Ribery. All’attaccante viola andava eccome di vincere contro la Lazio: si è arrabbiato per la sostituzione, ha litigato col suo allenatore e ha spinto un assistente. Poi si è ricordato di essere un campione e ha chiesto scusa a tutti. Ma il giudice sportivo è stato (giustamente) inflessibile: tre giornate di stop per il francese. Puniti con un turno di stop (giustamente) anche Magnanelli e Scozzarella beccati a bestemmiare in campo con quelle telecamere. Bene, ora resta solo da "accendere" le telecamere per identificare i responsabili di gesti violenti e cori razzisti, quelle sono sempre rotte (e con questa la quota "retorica & populismo" l'abbiamo coperta anche questa settimana).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Atalanta, sei una vera Dea. A Napoli, Gattuso e a capo. E Ibra che tiene tutti in bilico 12.12 - L'impresa dell'Atalanta ce la ricorderemo a lungo. Intanto perché è praticamente unica: provate voi a qualificarvi agli ottavi di finale dopo che nelle prime 4 partite avete messo insieme un solo punto. Dopo che il conto della competizione più importante d'Europa te lo hanno presentato...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ancelotti esonerato! Date i braccioli a Gattuso, perché la società affonda. L’Inter non ha attenuanti, quello che manca (ancora) a Conte. Sarri nel sacco di Inzaghi, come sempre: la Juventus può aiutare l’allenatore? 11.12 - Nella maniera più cruda e crudele, il Napoli alle 23.39 annuncia l’esonero di Carlo Ancelotti. Lui non si sarebbe mai dimesso, anche se oltre che dal club era arrivata anche la sfiducia dell’intero spogliatoio, sentitosi abbandonato a torto o a ragione dalla notte dell’ammutinamento....

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il processo a Sarri nasconde i veri responsabili (ma non chiamiamola crisi...). Inter, il giorno più importante: in ballo ottavi e il nome "grosso" per gennaio. Milan: due (inattesi) valori aggiunti. Ibra: occhio alle sorprese 10.12 - Oggi procediamo con dei pensierini a caso. 1)      Messi salta Inter-Barcellona. Ottima notizia per Conte e per l’Inter, ovvio. Quanto al resto dell'ampio turnover, occhio: fa più paura un rincalzo che ha bisogno di visibilità di un titolare in gita di piacere. 2)      Conte...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri, l'Immacolata e il primo giro di boa. Insigne, tempo scaduto. Fiorentina a pezzi. Spal, il problema non è... Semplici 09.12 - Silenzio. Stai a vedere che quest'anno non consegniamo lo scudetto, alla Juventus, a marzo e forse forse ci divertiamo un po' anche per la lotta al titolo. Un primo dato è, quasi, certo. Aveva ragione Max Allegri che vince anche quando non gioca.... vincente! Lo spettacolo non conta...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il preoccupante segnale Juve, crollata dopo l'uscita di Bentancur. La coperta corta dell'Inter che sogna a gennaio, il crollo del ciclo finito a Napoli. Fonseca e una nuova Roma, la Lazio che vuol fare il Leicester 08.12 - Sono stati due giorni densi di spunti di riflessione. L'apertura con l'Inter che patisce i freddi d'inverno con una coperta troppo corta per l'alta quota, o quanto meno per non andare in ipotermia da brame di gloria senza cadere. Fa bene Antonio Conte a chiedere, gli servono quantità...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Cristiano Ronaldo resta almeno fino al 2021 e fissa gli obiettivi: Champions League e Pallone d’Oro. Per Demiral pronta l’offerta del Milan. Marotta e Paratici, che sfida per Tonali a giugno. Il Real Madrid su Koulibaly 07.12 - Ormai manca meno di un mese all’inizio del mercato e le strategie cominciano ad essere chiare. Parto dal futuro di Cristiano Ronaldo. Resterà sicuramene anche l’anno prossimo alla Juventus. Poi a fine 2021 farà le sue valutazioni, la Cina potrebbe essere un’ipotesi, ma ad oggi la...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Tonali alla Juventus, Kulusevski all’Inter a gennaio: patto di non aggressione. Conte e Sarri, ecco chi vincerà. Ibra al Milan, presto l’annuncio. Napoli, un compromesso per portare Ancelotti a fine stagione 06.12 - Il ricordo della vicenda Lukaku è ancora fresco e una volta di più Juventus e Inter si ritrovano sugli stessi obiettivi. Tonali piace all’Inter? Ma lo vuole anche la Juve. Kulusewski pronto per la Juve? Ma l’Inter non molla. Ovvio, quasi normale, che due grandi società e...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Gli intermediari, la FIFA e i soldi delle società 05.12 - Su 17896 trasferimenti internazionali in 3558 sono stati utilizzati intermediari (quasi il 20% del totale) per una spesa complessiva di 653,9 milioni di dollari in commissioni. Così recita il report Fifa, che prende in considerazione tutti i trasferimenti di tutto il mondo. Nella...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510