VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
24.07.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 86512 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in un biennio, potranno togliersi grandi soddisfazioni. Tra le prime 4, quest'anno, e assalto al tricolore il prossimo. Sono queste le tappe del grande viaggio di Marco Fassone. La Juventus parte con una base solida e consolidata ma deve fare ancora qualcosa perché questa estate ha perso pezzi importanti. Su tutti il leader della difesa Bonucci e il secondo Dani Alves della stagione non era poi così da buttare. Arrivano Douglas Costa, buon giocatore, e Bernardeschi che se lo paragonate a Baggio significa volerlo ammazzare ma è un calciatore di ottima prospettiva se impiegato nel suo ruolo. E non come faceva Sousa che ha rischiato di bruciarlo. La Juventus non deve sottovalutare l'imminente ritorno delle milanesi e il consolidamento del Napoli. Sicuramente Allegri partirà ancora con circa il 70% di probabilità di conquistare lo scudetto ma per il sogno Champions servirà un miracolo tornare a disputare la finale. Il morale della squadra non può essere quello di 12 mesi fa e senza un acquisto top, i bianconeri rischiano di ridurre di troppo il vantaggio accumulato in tutti in questi anni. Serve un vero difensore. Se Marotta prende Thiago Silva, allora, saremo tutti felici e contenti, in caso contrario sarà dura pensare di sostituire Leo con Benatia o Rugani e Caldara in futuro.
La scorsa settimana si è consumato il divorzio tra Marco Verratti e il suo procuratore, Donato Di Campli. Sicuramente, come ben sapete, non abbiamo apprezzato il metodo di lavoro degli ultimi anni del procuratore di Lanciano che ha rischiato, per eccesso di protagonismo, di rovinare molte carriere dei suoi assistiti. Verratti era un suo figlioccio e perderlo con uno schiaffo pubblico è stato umiliante. Per un procuratore è, a prescindere, umiliante perdere un calciatore. Figuriamoci quando è tuo da inizio carriera, figuriamoci quando tutto il Mondo ti deride perché pubblicamente il tuo assistito prende le distanze dalle malefatte di una persona che paghi e di cui ti dovresti fidare. Verratti lascia Di Campli per andare da Raiola, come a dire, sono cresciuto troppo e adesso ho bisogno di un procuratore internazionale e non di Provincia. Verratti, involontariamente, ha dato un assist a tanti altri assistiti di Di Campli, a tal punto che circolano già le prime voci su Favilli e Orsolini. Il primo potrebbe finire da Branchini o Lucci, il secondo è corteggiato da Mario Giuffredi, Giuseppe Riso e Alessandro Moggi. Ad oggi non ci sono conferme, come non c'erano conferme circa un possibile cambio di agente da parte del talento del PSG.
Rientrati dalla Cina, Marco Fassone si gode il suo primo top player acquistato nella campagna rafforzamenti: Massimiliano Mirabelli. Secondo indiscrezioni, Fassone è sempre più contento dell'intuizione avuta qualche mese fa quando scelse Mirabelli come suo Direttore Sportivo per l'occasione più importante della propria vita professionale. A Torino, Napoli e all'Inter Fassone era importante ma non era il Presidente in pectore. Qui il Milan è nelle sue mani. Al momento della scelta del DS avrà ricevuto 1.200 chiamate ma senza neanche mai pensarci scelse Mirabelli. Fassone apprezzò le relazioni e le discussioni tra Mirabelli e Ausilio e capì subito, poi tutto confermato dal campo, che le intuizioni di Mirabelli erano giuste al contrario delle analisi di Ausilio. Suning oggi paga tre direttori sportivi, tra questi c'è Baccin che è molto bravo e competente, ma il vero Direttore lo aveva in casa e se lo è fatto sfuggire con troppa superficialità. Mirabelli ha tre grandi qualità: viene dalla gavetta, è una persona onesta e guadagna solo dal Milan e non da giri strani con i procuratori amici e sceglie i calciatori perché li conosce. Se gli fate un nome di un '98 di serie C, mi gioco 100 Euro, che vi saprà indicare ruolo e caratteristiche. In questo calcio malato, avere un Direttore che non prende soldi da agenti amici per poi rigirarli in operazioni societarie ad Ibiza, è già un guadagno importante.
L'Inter deve sparare i colpi ma quelli veri. Abbiamo sempre avuto fiducia in Suning ma abbiamo anche ripetuto che a luglio sarebbero arrivati calciatori di valore. Ci fidiamo di Spalletti che ha voluto Borja Valerio e Vecino ma per ridurre il gap dall'Inter serve ben altro. L'Inter ha il vantaggio, rispetto al Milan, di avere un allenatore più pronto e navigato, ma a questa squadra va dato uno zoccolo duro di italiani, prima o poi. Il mercato chiuderà il 31 agosto, c'è tempo, però Sabatini torni dalla Cina con le idee chiare e soprattutto con colpi da vera Inter. Non possiamo accontentarci del solito Keita e del solito Calenda. Walter, sei magnifico? Dimostralo!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.