VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/2018 al via: chi vince il campionato?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Milan
  Inter
  Lazio
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
24.07.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 86199 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in un biennio, potranno togliersi grandi soddisfazioni. Tra le prime 4, quest'anno, e assalto al tricolore il prossimo. Sono queste le tappe del grande viaggio di Marco Fassone. La Juventus parte con una base solida e consolidata ma deve fare ancora qualcosa perché questa estate ha perso pezzi importanti. Su tutti il leader della difesa Bonucci e il secondo Dani Alves della stagione non era poi così da buttare. Arrivano Douglas Costa, buon giocatore, e Bernardeschi che se lo paragonate a Baggio significa volerlo ammazzare ma è un calciatore di ottima prospettiva se impiegato nel suo ruolo. E non come faceva Sousa che ha rischiato di bruciarlo. La Juventus non deve sottovalutare l'imminente ritorno delle milanesi e il consolidamento del Napoli. Sicuramente Allegri partirà ancora con circa il 70% di probabilità di conquistare lo scudetto ma per il sogno Champions servirà un miracolo tornare a disputare la finale. Il morale della squadra non può essere quello di 12 mesi fa e senza un acquisto top, i bianconeri rischiano di ridurre di troppo il vantaggio accumulato in tutti in questi anni. Serve un vero difensore. Se Marotta prende Thiago Silva, allora, saremo tutti felici e contenti, in caso contrario sarà dura pensare di sostituire Leo con Benatia o Rugani e Caldara in futuro.
La scorsa settimana si è consumato il divorzio tra Marco Verratti e il suo procuratore, Donato Di Campli. Sicuramente, come ben sapete, non abbiamo apprezzato il metodo di lavoro degli ultimi anni del procuratore di Lanciano che ha rischiato, per eccesso di protagonismo, di rovinare molte carriere dei suoi assistiti. Verratti era un suo figlioccio e perderlo con uno schiaffo pubblico è stato umiliante. Per un procuratore è, a prescindere, umiliante perdere un calciatore. Figuriamoci quando è tuo da inizio carriera, figuriamoci quando tutto il Mondo ti deride perché pubblicamente il tuo assistito prende le distanze dalle malefatte di una persona che paghi e di cui ti dovresti fidare. Verratti lascia Di Campli per andare da Raiola, come a dire, sono cresciuto troppo e adesso ho bisogno di un procuratore internazionale e non di Provincia. Verratti, involontariamente, ha dato un assist a tanti altri assistiti di Di Campli, a tal punto che circolano già le prime voci su Favilli e Orsolini. Il primo potrebbe finire da Branchini o Lucci, il secondo è corteggiato da Mario Giuffredi, Giuseppe Riso e Alessandro Moggi. Ad oggi non ci sono conferme, come non c'erano conferme circa un possibile cambio di agente da parte del talento del PSG.
Rientrati dalla Cina, Marco Fassone si gode il suo primo top player acquistato nella campagna rafforzamenti: Massimiliano Mirabelli. Secondo indiscrezioni, Fassone è sempre più contento dell'intuizione avuta qualche mese fa quando scelse Mirabelli come suo Direttore Sportivo per l'occasione più importante della propria vita professionale. A Torino, Napoli e all'Inter Fassone era importante ma non era il Presidente in pectore. Qui il Milan è nelle sue mani. Al momento della scelta del DS avrà ricevuto 1.200 chiamate ma senza neanche mai pensarci scelse Mirabelli. Fassone apprezzò le relazioni e le discussioni tra Mirabelli e Ausilio e capì subito, poi tutto confermato dal campo, che le intuizioni di Mirabelli erano giuste al contrario delle analisi di Ausilio. Suning oggi paga tre direttori sportivi, tra questi c'è Baccin che è molto bravo e competente, ma il vero Direttore lo aveva in casa e se lo è fatto sfuggire con troppa superficialità. Mirabelli ha tre grandi qualità: viene dalla gavetta, è una persona onesta e guadagna solo dal Milan e non da giri strani con i procuratori amici e sceglie i calciatori perché li conosce. Se gli fate un nome di un '98 di serie C, mi gioco 100 Euro, che vi saprà indicare ruolo e caratteristiche. In questo calcio malato, avere un Direttore che non prende soldi da agenti amici per poi rigirarli in operazioni societarie ad Ibiza, è già un guadagno importante.
L'Inter deve sparare i colpi ma quelli veri. Abbiamo sempre avuto fiducia in Suning ma abbiamo anche ripetuto che a luglio sarebbero arrivati calciatori di valore. Ci fidiamo di Spalletti che ha voluto Borja Valerio e Vecino ma per ridurre il gap dall'Inter serve ben altro. L'Inter ha il vantaggio, rispetto al Milan, di avere un allenatore più pronto e navigato, ma a questa squadra va dato uno zoccolo duro di italiani, prima o poi. Il mercato chiuderà il 31 agosto, c'è tempo, però Sabatini torni dalla Cina con le idee chiare e soprattutto con colpi da vera Inter. Non possiamo accontentarci del solito Keita e del solito Calenda. Walter, sei magnifico? Dimostralo!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Matuidi non basta. Con questo mercato l’obiettivo Champions si allontana. Oltre a Spinazzola anche Caldara? Il modulo da cambiare. Cuadrado via. Inter, Spalletti vuole un fantasista. Schick vice Icardi, arriva un centrale 18.08 - Erano due anni che un giorno si’ e un altro pure, puntualmente, Matuidi era dato come imminente acquisto della Juve. Una storia simile a quella del lupo e il lupo questa volta e’ arrivato. Un giocatore cosi’, fisico, ma anche piedi discreti e visione di gioco, servira’ di sicuro e...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui 17.08 - Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Quanti pensieri sotto il sole di Riccione… Kondo, che pasticcio! Juve e le scuse di Higuain… Sarri, ora o mai più! Ma Asensio? 16.08 - Le spensierate vacanze sono agli sgoccioli… Sotto il sole di Riccione ci si diverte e la mente (e il fisico) si rilassa, immagazzinando energie per i mesi futuri… Eppure, tre o quattro volte al giorno, ci si ritrova a parlare di calcio! Impossibile farne a meno… La Juventus ridimensionata...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’ 11.08 - Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo. Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve un 10 in attesa del centrocampista, la Roma insiste, l'Inter dribbla. Il Torino scatenato a centrocampo, Schick rifa le visite e ora? 10.08 - La Juve, sebbene non abbia più piazzato la zampata del centrocampista, la notizia della giornata l'ha comunque tirata fuori: Dybala sarà il nuovo 10 bianconero. Voi direte: col mercato non c'entra niente. Vero ma intanto possiamo sgombrare il campo da qualsiasi tipo di voce che continuava...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Bacca & Gabigol, noie milanesi! Juve-Strootman, impossibile… Napoli quanti esuberi! Ibra, dacci una gioia… 09.08 - Lo ammetto: sono anni che non vedevo tanto entusiasmo, a Milano, attorno ad entrambe le squadre della città. Il Diavolo è tornato a dettar legge (almeno d’estate), con un mercato faraonico… L’Inter, con calma e raziocinio, sta plasmando una squadra “alla Spalletti”. Tutti felici ma...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.