VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
24.07.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 86891 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in un biennio, potranno togliersi grandi soddisfazioni. Tra le prime 4, quest'anno, e assalto al tricolore il prossimo. Sono queste le tappe del grande viaggio di Marco Fassone. La Juventus parte con una base solida e consolidata ma deve fare ancora qualcosa perché questa estate ha perso pezzi importanti. Su tutti il leader della difesa Bonucci e il secondo Dani Alves della stagione non era poi così da buttare. Arrivano Douglas Costa, buon giocatore, e Bernardeschi che se lo paragonate a Baggio significa volerlo ammazzare ma è un calciatore di ottima prospettiva se impiegato nel suo ruolo. E non come faceva Sousa che ha rischiato di bruciarlo. La Juventus non deve sottovalutare l'imminente ritorno delle milanesi e il consolidamento del Napoli. Sicuramente Allegri partirà ancora con circa il 70% di probabilità di conquistare lo scudetto ma per il sogno Champions servirà un miracolo tornare a disputare la finale. Il morale della squadra non può essere quello di 12 mesi fa e senza un acquisto top, i bianconeri rischiano di ridurre di troppo il vantaggio accumulato in tutti in questi anni. Serve un vero difensore. Se Marotta prende Thiago Silva, allora, saremo tutti felici e contenti, in caso contrario sarà dura pensare di sostituire Leo con Benatia o Rugani e Caldara in futuro.
La scorsa settimana si è consumato il divorzio tra Marco Verratti e il suo procuratore, Donato Di Campli. Sicuramente, come ben sapete, non abbiamo apprezzato il metodo di lavoro degli ultimi anni del procuratore di Lanciano che ha rischiato, per eccesso di protagonismo, di rovinare molte carriere dei suoi assistiti. Verratti era un suo figlioccio e perderlo con uno schiaffo pubblico è stato umiliante. Per un procuratore è, a prescindere, umiliante perdere un calciatore. Figuriamoci quando è tuo da inizio carriera, figuriamoci quando tutto il Mondo ti deride perché pubblicamente il tuo assistito prende le distanze dalle malefatte di una persona che paghi e di cui ti dovresti fidare. Verratti lascia Di Campli per andare da Raiola, come a dire, sono cresciuto troppo e adesso ho bisogno di un procuratore internazionale e non di Provincia. Verratti, involontariamente, ha dato un assist a tanti altri assistiti di Di Campli, a tal punto che circolano già le prime voci su Favilli e Orsolini. Il primo potrebbe finire da Branchini o Lucci, il secondo è corteggiato da Mario Giuffredi, Giuseppe Riso e Alessandro Moggi. Ad oggi non ci sono conferme, come non c'erano conferme circa un possibile cambio di agente da parte del talento del PSG.
Rientrati dalla Cina, Marco Fassone si gode il suo primo top player acquistato nella campagna rafforzamenti: Massimiliano Mirabelli. Secondo indiscrezioni, Fassone è sempre più contento dell'intuizione avuta qualche mese fa quando scelse Mirabelli come suo Direttore Sportivo per l'occasione più importante della propria vita professionale. A Torino, Napoli e all'Inter Fassone era importante ma non era il Presidente in pectore. Qui il Milan è nelle sue mani. Al momento della scelta del DS avrà ricevuto 1.200 chiamate ma senza neanche mai pensarci scelse Mirabelli. Fassone apprezzò le relazioni e le discussioni tra Mirabelli e Ausilio e capì subito, poi tutto confermato dal campo, che le intuizioni di Mirabelli erano giuste al contrario delle analisi di Ausilio. Suning oggi paga tre direttori sportivi, tra questi c'è Baccin che è molto bravo e competente, ma il vero Direttore lo aveva in casa e se lo è fatto sfuggire con troppa superficialità. Mirabelli ha tre grandi qualità: viene dalla gavetta, è una persona onesta e guadagna solo dal Milan e non da giri strani con i procuratori amici e sceglie i calciatori perché li conosce. Se gli fate un nome di un '98 di serie C, mi gioco 100 Euro, che vi saprà indicare ruolo e caratteristiche. In questo calcio malato, avere un Direttore che non prende soldi da agenti amici per poi rigirarli in operazioni societarie ad Ibiza, è già un guadagno importante.
L'Inter deve sparare i colpi ma quelli veri. Abbiamo sempre avuto fiducia in Suning ma abbiamo anche ripetuto che a luglio sarebbero arrivati calciatori di valore. Ci fidiamo di Spalletti che ha voluto Borja Valerio e Vecino ma per ridurre il gap dall'Inter serve ben altro. L'Inter ha il vantaggio, rispetto al Milan, di avere un allenatore più pronto e navigato, ma a questa squadra va dato uno zoccolo duro di italiani, prima o poi. Il mercato chiuderà il 31 agosto, c'è tempo, però Sabatini torni dalla Cina con le idee chiare e soprattutto con colpi da vera Inter. Non possiamo accontentarci del solito Keita e del solito Calenda. Walter, sei magnifico? Dimostralo!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La lezione a Di Francesco: peccato di superbia o di sottovalutazione degli avversari? Che cosa succede alla panchina dell'Italia: la spilorceria dell'Arsenal che può portare Ancelotti a sorpassare MancinI 25.04 - Certo, adesso è facile, anche troppo, rimproverare a Di Francesco tutto quello che è evidente dopo il tracollo di Anfield. E sembra molto ovvio ricordare che il Liverpool non è il Barcellona e che quindi non ha senso affrontarlo nella stessa maniera: quelli giocano orizzontale e guizzi,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri andrà via, ma guai a dare i bianconeri per “finiti”. Milan: la follia dei processi a Gattuso. Inter: l’operazione Champions spaventa solo i deboli. Napoli: occhio all’uragano Sarri. E forza Roma, ovvio 24.04 - Tra breve parleremo di calcio. Davvero. Ma prima l’Uomo-Ken. Ognuno nasce con uno scopo: alcuni diventano astronauti, altri benzinai, altri missionari, altri Uomo-Ken. L’Uomo-Ken è un tizio che ha come unica ragione di vita assomigliare a Ken, il noto bambolotto Anni ‘80. In questi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.