HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma…

15.05.2018 07:35 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 50981 volte
© foto di Alessio Alaimo

L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che si arrivi a questa conclusione. Hanno molta paura. E quindi troveranno un’intesa. Abbiate fede.

Sembra una sorta di reality: “Chi vuol esser Primo Ministro”, siamo riusciti a spettacolarizzare il tutto, con le “Maratone Mentana”, le dirette, i dibattiti. Insomma, stiamo facendo qualunque cosa per tenere occupata la testa in vista dei “non-Mondiali”. I “non-Mondiali” ci angosciano e allora stiamo addirittura pensando di ovviare al “solito” calcio con le elezioni estive. Invece delle partite guarderemo Vespa: non è molto, ma in qualche modo dobbiamo arrangiarci.

Nell’ottica del “non-Mondiale” stiamo facendo di tutto per tenere vivo persino il campionato. Erano anni che non si arrivava all’ultima giornata con tutto ancora in ballo. Tranne lo scudetto. Lo scudetto lo ha vinto la Juve: complimenti. Quanti sono gli scudetti della Juve? Gli juventini dicono 36, l’ottimo collega Cucchi fa notare “scusate, sarebbero 34” e si scatena il solito puttanaio tra chi dice una cosa, chi un’altra e il Palazzo che pilatescamente se ne fotte e lascia fare. Mio cugino, per dire, sostiene di avere vinto 7 scudetti pure lui. Da solo. Gli ho detto: “Non dire cazzate”. Mi ha risposto: “Fino a quando nessuno mi dirà che non è vero, io dirò che li ho vinti”. Mio cugino finché qualcuno non gli imporrà un tso ha gli stessi scudetti della Pro Vercelli.

Che poi, quale Palazzo? Al momento abbiamo solo i commissari. Il commissario Fabbricini e il “sub” Costacurta. Oggi presentano Mancini, novello ct. In bocca al lupo a Mancini, sperando che in conferenza non dica “punto tutto su Yaya Tourè”. Yaya Tourè piace molto al Mancio, in generale al Mancio piacciono tutti i calciatori, tranne i suoi. Qui dovrà arrangiarsi con quel che passa il convento, ma non è il caso di essere iper-critici prima del dovuto, in fondo il Mancio ha rinunciato a 13 milioni dello Zenit. Qualcuno ha detto 15, qualcuno 704353. Sembra un po’ una “calbonata”. Di sicuro a qualcosa ha rinunciato e, quindi, in bocca al lupo Mancio, in un modo o nell’altro hai fregato sul tempo il Primo Ministro. Costacurta batte l’accoppiata Di Maio-Salvini 1-0, non è poco.

Cose che ancora non sappiamo: chi sarà la quarta rappresentante italiana alla prossima Champions? Molti dicono “la Lazio! Merita molto di più dell’Inter” e a guardare come sono andate le cose forse hanno ragione. La Lazio è stata più “lineare”, ma è anche vero che il campionato non è una gara di regolarità e l’Inter grazie a una colossale “botta di culo” (l’ottimo Crotone di Walter Zenga, capace di fermare proprio i biancocelesti) ha ancora una possibilità.

Curioso quello che è successo nelle ultime 72 ore: l’Inter perde 1-2 in casa col Sassuolo, la gente si incazza, è delusa, triste, dice addio ai sogni Champions, impreca legittimamente e incassa gli sfottò di tutti quanti (“l’anno prossimo altro abbonamento del mercoledì al cinema ahahaha”. Grandi risate, insomma). Poi, dopo il 2-2 di Crotone, a Milano inizia a diluviare e tutti tornano a sperare: “Ora basta battere la Lazio! Possiamo farcela!”. Sapete cosa sarebbe accaduto in caso di successo dell’Inter col Sassuolo per 5-0? Niente, i nerazzurri avrebbero comunque dovuto battere la Lazio. Per l’Inter vincere o perdere è diventato “relativo”, se non è un segnale divino questo.

Oh, si scherzava. Non dicevamo sul serio. È sarcasmo. Il sarcasmo non piace alla gente. Alla gente piace il sangue. Tipo Tonelli e Chiellini che si mandano discretamente affanculo sulla questione “lo scudetto l’ho vinto io”, “sì ma i veri vincenti siamo noi”, oppure su Donnarumma.

Donnarumma fa incazzare molto la gente perché a 19 anni guadagna molti soldi e noi no. Non prendiamoci in giro, è così. Soprattutto pensiamo “porca schifa, almeno parasse tutto”. E invece non para tutto. Lo chiamano Paperumma. Donnarumma andrà via dal Milan, ma se prima nelle intenzioni di Mirabelli c’era la volontà di creare una plusvalenza da almeno 50 milioni, ora la cosa si complica un po’. Tutti sono passati dal dire “Donnarumma è il nuovo Yashin” a “Donnarumma è una sega”. Ovviamente non è vera né la prima né la seconda. Il problema è il suo Agente, Raiola. Raiola potrebbe essere l’uomo adatto per Di Maio e Salvini, ma i due non se la sentono di rischiare perché Raiola sarebbe in grado di fotterli entrambi. Raiola ti fa guadagnare un sacco di soldi, ma non bada alla tua crescita. Se lo sai e accetti la cosa, buon per te; se invece pensi “minchia, così però cresco male” meglio per te se cambi in fretta. Hamsik l’ha capito, la famiglia Donnarumma no.

Ora altre cose inutili. Il Napoli cambierà allenatore. Sarri andrà via e si punta su Ancelotti. Io non so se l’indiscrezione sia vera, ma la cavalcano in molti e chi sono io per smentirli? Ho mandato un messaggio a un amico-amico di Ancelotti per capire se c’è della “ciccia”. Sapete cosa mi ha risposto? Niente. Neanche “ciao”. Ho un problema con i miei contatti.

Per dire, Allegri. Molti dicono “Resterà”. Io avevo capito “no, non resterà”. Me l’aveva detto un suo amico-amico. Ieri gli ho scritto “siamo ancora convinti che andrà via?”. Sapete cosa mi ha risposto? Niente. Quel che sappiamo è che Dybala resterà, Mandzukic invece no e che il vero colpo arriverà a centrocampo.

E il mercato dell’Inter? Icardi? Andrà via? Dipende dalla Champions? No, lui resterebbe a prescindere, anche se non ci crede nessuno. Oppure Cancelo e Rafinha. Tutti si domandano: “Cosa succederà con i due prestiti?”. Ho scritto per capire. Mi hanno risposto con una frase che più o meno suona così: “Non rompere il cazzo che c’è ancora una partita importante. Il mercato facciamo che inizia settimana prossima”. Almeno mi hanno risposto.

Bello il mercato.

Che vita di merda.

W l’uomo Ken.

(Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan giustamente riammesso in Europa. Juve Galactica, dopo Ronaldo almeno altri due acquisti... come l'Inter. 75 milioni di motivi per divertirsi con Monchi 22.07 - Vorrei partire con un disclaimer, sebbene la prima regola del giornalismo indichi come non si debba scrivere articoli alla prima persona singolare (sono in buona compagnia, nell’infrangere questa legge, non lo farò più). Dopo una settimana a seguire eventi come la presentazione di...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy