HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma…

15.05.2018 07:35 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 50993 volte
© foto di Alessio Alaimo

L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che si arrivi a questa conclusione. Hanno molta paura. E quindi troveranno un’intesa. Abbiate fede.

Sembra una sorta di reality: “Chi vuol esser Primo Ministro”, siamo riusciti a spettacolarizzare il tutto, con le “Maratone Mentana”, le dirette, i dibattiti. Insomma, stiamo facendo qualunque cosa per tenere occupata la testa in vista dei “non-Mondiali”. I “non-Mondiali” ci angosciano e allora stiamo addirittura pensando di ovviare al “solito” calcio con le elezioni estive. Invece delle partite guarderemo Vespa: non è molto, ma in qualche modo dobbiamo arrangiarci.

Nell’ottica del “non-Mondiale” stiamo facendo di tutto per tenere vivo persino il campionato. Erano anni che non si arrivava all’ultima giornata con tutto ancora in ballo. Tranne lo scudetto. Lo scudetto lo ha vinto la Juve: complimenti. Quanti sono gli scudetti della Juve? Gli juventini dicono 36, l’ottimo collega Cucchi fa notare “scusate, sarebbero 34” e si scatena il solito puttanaio tra chi dice una cosa, chi un’altra e il Palazzo che pilatescamente se ne fotte e lascia fare. Mio cugino, per dire, sostiene di avere vinto 7 scudetti pure lui. Da solo. Gli ho detto: “Non dire cazzate”. Mi ha risposto: “Fino a quando nessuno mi dirà che non è vero, io dirò che li ho vinti”. Mio cugino finché qualcuno non gli imporrà un tso ha gli stessi scudetti della Pro Vercelli.

Che poi, quale Palazzo? Al momento abbiamo solo i commissari. Il commissario Fabbricini e il “sub” Costacurta. Oggi presentano Mancini, novello ct. In bocca al lupo a Mancini, sperando che in conferenza non dica “punto tutto su Yaya Tourè”. Yaya Tourè piace molto al Mancio, in generale al Mancio piacciono tutti i calciatori, tranne i suoi. Qui dovrà arrangiarsi con quel che passa il convento, ma non è il caso di essere iper-critici prima del dovuto, in fondo il Mancio ha rinunciato a 13 milioni dello Zenit. Qualcuno ha detto 15, qualcuno 704353. Sembra un po’ una “calbonata”. Di sicuro a qualcosa ha rinunciato e, quindi, in bocca al lupo Mancio, in un modo o nell’altro hai fregato sul tempo il Primo Ministro. Costacurta batte l’accoppiata Di Maio-Salvini 1-0, non è poco.

Cose che ancora non sappiamo: chi sarà la quarta rappresentante italiana alla prossima Champions? Molti dicono “la Lazio! Merita molto di più dell’Inter” e a guardare come sono andate le cose forse hanno ragione. La Lazio è stata più “lineare”, ma è anche vero che il campionato non è una gara di regolarità e l’Inter grazie a una colossale “botta di culo” (l’ottimo Crotone di Walter Zenga, capace di fermare proprio i biancocelesti) ha ancora una possibilità.

Curioso quello che è successo nelle ultime 72 ore: l’Inter perde 1-2 in casa col Sassuolo, la gente si incazza, è delusa, triste, dice addio ai sogni Champions, impreca legittimamente e incassa gli sfottò di tutti quanti (“l’anno prossimo altro abbonamento del mercoledì al cinema ahahaha”. Grandi risate, insomma). Poi, dopo il 2-2 di Crotone, a Milano inizia a diluviare e tutti tornano a sperare: “Ora basta battere la Lazio! Possiamo farcela!”. Sapete cosa sarebbe accaduto in caso di successo dell’Inter col Sassuolo per 5-0? Niente, i nerazzurri avrebbero comunque dovuto battere la Lazio. Per l’Inter vincere o perdere è diventato “relativo”, se non è un segnale divino questo.

Oh, si scherzava. Non dicevamo sul serio. È sarcasmo. Il sarcasmo non piace alla gente. Alla gente piace il sangue. Tipo Tonelli e Chiellini che si mandano discretamente affanculo sulla questione “lo scudetto l’ho vinto io”, “sì ma i veri vincenti siamo noi”, oppure su Donnarumma.

Donnarumma fa incazzare molto la gente perché a 19 anni guadagna molti soldi e noi no. Non prendiamoci in giro, è così. Soprattutto pensiamo “porca schifa, almeno parasse tutto”. E invece non para tutto. Lo chiamano Paperumma. Donnarumma andrà via dal Milan, ma se prima nelle intenzioni di Mirabelli c’era la volontà di creare una plusvalenza da almeno 50 milioni, ora la cosa si complica un po’. Tutti sono passati dal dire “Donnarumma è il nuovo Yashin” a “Donnarumma è una sega”. Ovviamente non è vera né la prima né la seconda. Il problema è il suo Agente, Raiola. Raiola potrebbe essere l’uomo adatto per Di Maio e Salvini, ma i due non se la sentono di rischiare perché Raiola sarebbe in grado di fotterli entrambi. Raiola ti fa guadagnare un sacco di soldi, ma non bada alla tua crescita. Se lo sai e accetti la cosa, buon per te; se invece pensi “minchia, così però cresco male” meglio per te se cambi in fretta. Hamsik l’ha capito, la famiglia Donnarumma no.

Ora altre cose inutili. Il Napoli cambierà allenatore. Sarri andrà via e si punta su Ancelotti. Io non so se l’indiscrezione sia vera, ma la cavalcano in molti e chi sono io per smentirli? Ho mandato un messaggio a un amico-amico di Ancelotti per capire se c’è della “ciccia”. Sapete cosa mi ha risposto? Niente. Neanche “ciao”. Ho un problema con i miei contatti.

Per dire, Allegri. Molti dicono “Resterà”. Io avevo capito “no, non resterà”. Me l’aveva detto un suo amico-amico. Ieri gli ho scritto “siamo ancora convinti che andrà via?”. Sapete cosa mi ha risposto? Niente. Quel che sappiamo è che Dybala resterà, Mandzukic invece no e che il vero colpo arriverà a centrocampo.

E il mercato dell’Inter? Icardi? Andrà via? Dipende dalla Champions? No, lui resterebbe a prescindere, anche se non ci crede nessuno. Oppure Cancelo e Rafinha. Tutti si domandano: “Cosa succederà con i due prestiti?”. Ho scritto per capire. Mi hanno risposto con una frase che più o meno suona così: “Non rompere il cazzo che c’è ancora una partita importante. Il mercato facciamo che inizia settimana prossima”. Almeno mi hanno risposto.

Bello il mercato.

Che vita di merda.

W l’uomo Ken.

(Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia? 23.01 - E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510