HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: una fantasia e una possibilità... Real. Inter: Joao Mario e Eder, occhio alle partenze! Milan: gli effetti della vittoria sugli attacchi esterni (e Gattuso...). Napoli: ecco quali sono i colpi giusti. Roma: "i tempi" sbagliati

23.01.2018 07:04 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 51283 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. Volevo partire con un ragionamento a voce alta. Siamo in piena campagna elettorale. Ma perché tutti i candidati dicono sempre “ho fatto”, “farò”, “quell’altro è uno stronzo” e nessuno, mai, dice “allora, parliamoci chiaro, non sono proprio il numero uno, a volte combino delle cazzate, ma prometto di mettercela tutta”? Mi chiedo: funziona ancora lo schema “voglio essere eletto e allora mi auto-dipingo come lo stra-genio totale dell’universo”? La gente ci crede per davvero? Questa cosa della “menzogna alle masse” che portano avanti tutti quanti (nessuno escluso) mi sembra una roba fuori moda, molto Anni 80, secondo me funzionerebbe molto di più lo schema rivoluzionario del “dire la verità”. Ma sono certamente io che non ci capisco un cazzo di tattica-politica. Scusate lo sfogo.

E veniamo alle nostre cose.

Santon ha fatto una cazzata in campo. Una roba che a un giocatore dell’Inter non dovrebbe capitare. Ma è capitata. Ha chiesto scusa. Non è bastato. Gli hanno insozzato Instagram di insulti. Ha chiuso il profilo “per troppi insulti”. Ecco, noi persone normali (più o meno) ci rivogliamo a te, insozzatore: se trovi il tempo di postare insulti sotto il profilo Instagram di Santon – fidati - non sei un tifoso "giustamente arrabbiato", sei solo fuori di testa.

Che poi la verità è che in molti si sono risentiti durante Inter-Roma, anche il sottoscritto. Abbiamo detto e pensato un sacco di cattiverie (Handanovic “non sa uscire”, Gagliardini “non sa impostare”, Candreva “non sa crossare”, Perisic “non sa soffrire”, Brozovic “non sa sorridere”, Santon “non sa nulla”). Poi vai a vedere e il migliore in campo è stato Alisson, portiere guizzante. E allora è vero, i nerazzurri hanno necessità di ritrovare ritmo e convinzioni, ma non deve essere sempre e per forza tutto da buttare via. Skriniar, per dire: 23 anni, 82 palloni toccati, 93% di passaggi riusciti, 100% tackles vinti. Doveva essere l’alternativa di qualcuno che non è mai arrivato, ora è semplicemente un esempio per tutti, anche per noi critici a tutti i costi.

Ora, per dire, chiediamo ad alta voce altri due giocatori “ma non in prestito con diritto! Cosa siamo, pezzenti?”. E non capiamo che qui non è una questione di taccagneria, ma di necessità. L’Inter ha preso Lopez e Rafinha in prestito con diritto, non tratta Kovacic, lavora per trovare un accordo col West Ham per Joao Mario e con il Crystal Palace per Eder. Trattasi di operazioni che possiamo serenamente definire “possibili ma complicate”. “Possibili” perché sono tutti d’accordo (i giocatori e i club), “complicate” perché – guarda un po’ – ci sono conti economici da far tornare e alternative di livello da trovare in soli sette giorni. Questo significa che Spalletti è spacciato, arrabbiato, pelato, condannato al fallimento, sconfortato? Nessuna di queste (tranne una): Spalletti pensa semplicemente a fare il suo mestiere e sa bene che il quarto posto è missione difficile, ma assolutamente possibile.

La stessa “necessità” sta complicando non poco la vita della Roma. Dzeko e Emerson sono a un passo dal Chelsea (50 milioni più 10 di bonus), i giallorossi scelgono la via del “tanto subito” piuttosto che quella del “chi lo sa a giugno”. Una scelta legittima, per carità, ma molto pericolosa. 1) Ok, incassi ora, ma se poi perdi i milioni della Champions? 2) Che segnale dai al gruppo e all’ambiente se rinunci al capocannoniere della passata stagione? 3) Torno a farmi i fatti miei perché, in fondo, di economia gestionale ci capisco molto poco.

In un mare di rogne registriamo un piccolo miracolo: da ben 5, ma forse addirittura 6 giorni non si associa al Milan la parola “fallimento”, “flop”, “cinesi cacca e pipì”. Sapete perché accade tutto ciò? Perché il Milan ha vinto. Fateci caso, nell’era del fango buttato nel ventilatore dell’informazione, funziona proprio così: se una squadra “funziona” i possibili “problemi societari” diventano quisquilie; se, invece, sul campo attraversi un periodo di merda, allora tutto si trasforma in tragedia, mistero e “moriremo tutti”. È una regola non scritta e legata al “socialismo”, che non è un vecchio partito politico, ma il modo con cui reagiscono e di conseguenza fanno “rimbalzare” le notizie i vari twittatori, blogger e chattatori. Sapete quale luminare ha elaborato questa teoria? Nessuno, l’ho inventata io, ma ci credo molto e quindi se non vi piace siate delicati con i “sei scemo?”.

Il resto lo fa Gattuso, grandioso per atteggiamento. 1) Non mette se stesso davanti al gruppo, ma viceversa. 2) Non pensa alla conferma, ma a far rendere chi fino ad ora ha deluso. 3) Esalta i pre-partita ma spegne gli entusiasmi nei post per far capire ai suoi che, in assenza di continuità, una vittoria non serve a nulla. E allora consentiteci: ancora non sappiamo se Gennaro Ivan si guadagnerà la conferma, né sappiamo se è maestro con la lavagnetta, ma osiamo dire che quanto a comunicazione sa molto bene quello che fa. E non è poco.

E poi ci sono loro, Napoli e Juve, ovvero le regine.

La vittoria del Napoli a Bergamo sa tanto di “scatto mentale”. Vincere in quello stadio, alla ripresa, vale tanto, tantissimo, paradossalmente più di un successo contro un avversario anche più quotato. Sarri ha fatto partire il conto alla rovescia (-17, come le partite che mancano alla fine del campionato) e guarda al mercato, ma senza ossessione. Chi dice “i giocatori non vengono perché il tecnico li lascia in disparte” scusate, ma prende una cantonata: il problema non è Sarri “che non li fa giocare” ma il fatto che per prendere il posto di “quei signori lì” non basta essere “bravi”, bisogna sfiorare il livello “campioni”.

Nel frattempo la Juve continua la sfida a distanza, batte il Genoa e conserva numeri impressionanti, soprattutto in difesa. Quello che sembrava il reparto “da rifondare” è tornato ad essere il punto di forza di Allegri. I bianconeri lavorano per il futuro e, secondo gli inglesi, sarebbero vicini a Balotelli: definiamola pure un’ipotesi fantasiosa. Molte più chance, invece, per Emre Can, che però temporeggia e valuta alternative: il City, per dire. Per questo la Juve tiene gli occhi aperti su altri fronti e, per esempio, guarda a Madrid: Kovacic resta un’alternativa assai apprezzata…

Bene, dopo questo pot-pourri di boiate, veniamo al sodo, ovvero al ritorno della rubrica “Notizie cliccatissime su siti sportivi italiani”. Questo l’atteso podio delle indiscrezioni più importanti nel mondo dello sport in queste ultime ore:

3) Raffaella Modugno in bianco: la scollatura è birichina.

2) Alexa, dal bus al porno: un passato da autista per la pornostar spagnola.

3) Sanchez e i soldi per il sesso. "Tutto falso, rispettatemi".

Per il bene dell’umanità analizziamo quest’ultima notizia relativa al neo-bomber del Manchester United.

Dice tal Paulina, ragazza non bruttina, parlando con i tabloid: “Ero in un bar di Londra e vedevo che questo ragazzo mi fissava. Poi un uomo si è avvicinato e mi ha detto che c’era un ospite speciale e che era davvero interessato a parlare con me. Ho chiesto chi fosse e ha detto che era Alexis Sanchez, un calciatore dell’Arsenal; non sapevo chi fosse. Gli aveva chiesto di chiedermi quanto sarebbe costato fare l’amore con me e per scherzare ho detto 10mila sterline, ma lui insisteva”.

La risposta di uno choccato Alexis: “È falso ed è anche falso che abbia un figlio, sono stanco di dover negare notizie false, chiedo rispetto per la mia vita privata”.

Sottolineiamo il passaggio più complesso e significativo della drammatica storia: “Per scherzare ho detto 10mila sterline”. Lei, signori della Corte, scherzava: sia chiaro.

(Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, il Real vuole Kean. De Ligt, passi avanti. Conte, scatto della Roma. Un piano con Faggiano come ds. L’ombra del Qatar. Ma l’Inter vuole chiudere in fretta. Skriniar rinnova, Chiesa più lontano. Pioli-Fiorentina alle carte bollate 12.04 - La Juve deve fare in fretta a rinnovare il contratto di Moise Kean in scadenza fra un anno. Dopo la raffica di gol e le capacità tecniche e fisiche messe in mostra dal ragazzo del 2000, mezza Europa lo sta monitorando, ma in particolare è scattata l’attenzione del Real Madrid. Zidane...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la legge di CR7 e le panchine che cambiano in Serie A 11.04 - Tiene duro la Juventus, CR7 ci mette sempre la sua firma per un gol che fra una settimana potrebbe valere moltissimo. La Juve tocca con mano la freschezza dei giovani talenti olandesi, ma ha assolutamente imparato la lezione impartita al Real Madrid negli ottavi di finale. Non ha...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

L’assenza di Chiellini è più pesante di quella di Cristiano Ronaldo. Ma è la Champions della Juventus: anche così Allegri può vincere. Conte dentro, Icardi fuori: perché l’Inter deve decidersi, e presto 10.04 - Senza Chiellini contro l’Ajax non mancherà solo uno dei migliori tre difensori del mondo. Mancherà il condottiero, ancora prima che il capitano, quello che è capace di trascinare l’esercito fuori dal fuoco di fila. Si teme uno stop che possa includere anche il ritorno, ma il Chiello...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Inter: Conte in avvicinamento (e non arriva da solo...). Milan: la "finale" di Gattuso e un futuro già scritto. Juve: le polemiche e il campionato vinto a ottobre. Salvate il Var dagli arbitri! 09.04 - Parto con una primizia: lo scudetto è andato, assegnato, lo vince la Juve. Sarà per quei 323423423 punti di vantaggio sulla seconda. E allora parliamo d'altro, di una roba noiosa ma che ci tocca affrontare: parliamo di arbitri. E di Var. E di arbitri al Var. E di designatori che mandano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510