HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

Juve: Zidane arriva, per Pjanic c’è la maxi offerta. Milan: Leonardo “spinge” per Higuain, Bonucci va (e su Maldini…). Inter: due colpi, ma non fatevi fregare. Roma: attenti a Malcom!

24.07.2018 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 77091 volte
© foto di Alessio Alaimo

Ciao. Oggi c’è il buffet offerto a Sky per la presentazione del palinsesto e, quindi, ho realmente un buon motivo per fare in fretta. So che capirete (i mini cannoncini vanno via come il pane).

Il mercato è una guerra. Ma ho scoperto che ci sono delle formule perfette per farla franca.

Formule per salvarti da insulti come “tua mamma è maiala, infame” e altre cattiverie.

Se la tua fonte ti dice “guarda che il Marinozzi (nome inventato) non lo prendiamo, è impossibile”, tu non scrivere “Marinozzi non lo prendono, è impossibile” ma “intrigo Marinozzi”. La formula “intrigo Marinozzi” allungata con frasi come “ci proveranno fino all’ultimo” ti permette di essere osannato. Quando Marinozzi non arriverà e ti diranno “non è arrivato!”, tu rispondigli “è un intrigo andato a finire male e comunque ci hanno provato fino all’ultimo”.

Se la tua fonte ti dice “in questo momento non stiamo cercando nessuno in difesa, lo faremo più avanti” ma tutti dicono “stanno cercando qualcuno in difesa”, tu non dissociarti dalla massa, pazzo! Altrimenti ti diranno “è arrivato Ciccio Pasticcio a fare la voce fuori dal coro”, prova semmai a confondere le acque con formule tipo “c’è un intrigo per la difesa che porta al centrocampo e forse anche a Mirabilandia”. Insomma, non andare mai contro le masse, altrimenti ti diranno “tua mamma maiala, infame”.

Se tieni a tua mamma, in generale, stai fuori dalle logiche del mercato. Le logiche del mercato sono quella cosa per cui ormai non è più una questione di “provare a dire quel poco che sai”, ma “evitare di scrivere il tutto che non sai”. Rileggete questa frase, perché è importante.

Ora, a soli 20 minuti dall’apertura del buffet, ci sono degli intrighi croccanti per voi. Il primo riguarda la Juve.

So che sembra una boiata, ma la Juve pare che sia davvero vicina a riabbracciare Zidane. Lo ha scritto una settimana fa un portale spagnolo e tutti quanti abbiamo pensato “sì, vabbé”. E invece no, a quanto pare esiste davvero un piano (già ben impostato) per riportare Zizou in bianconero. Verrebbe a fare il dirigente e poi chissà. Lo so, è difficile da credere, anche solo per una questione di “fastidioso pressing su Allegri”, ma l’idea è concreta e avvalorata da fonti parecchio vicine al mondo bianconero. Le tempistiche? “Morbide”: se l’accordo di massima è già stato raggiunto, il ritorno dovrebbe essere annunciato solo tra qualche settimana. In uscita occhio a Pjanic: City (soprattutto) e Chelsea sono in piena asta per il bosniaco (a Manchester si ragiona su un’offerta da 100 milioni).

Molto diverse, invece, le tempistiche del “nuovo Milan”. Il Diavolo ha fretta, vuole recuperare il tempo perso e lavora per sistemare al meglio il suo organigramma. L’amministratore delegato sarà Ivan Gazidis, il direttore generale Umberto Gandini, l'area tecnica sarà responsabilità di Leonardo, con Paolo Maldini tentato dal ritorno in rossonero. A prescindere da tutto, il “nodo” resta il mercato, ovvero il “vendi e compra” necessario per dare una mano a mister Gattuso. Higuain è il biglietto da visita che Leonardo sogna di mettere sul piatto per “tornare a casa” nel miglior modo possibile (ma il Chelsea non molla), Morata l’attaccante a cui Mirabelli e Gattuso avevano chiesto “pazienza”. Una specie di accordo sulla parola (“aspettaci”) che in ogni caso deve passare da una o più cessioni. Con Bonucci la situazione è chiara: per andare avanti insieme serve la ferma volontà del difensore e anche quella del club; al momento sembra che entrambe le parti remino verso la più classica delle “separazioni consensuali” (Psg la destinazione, Juve più complicato).

Personalissima nota a margine: l’era Fassone è rapidamente tramontata tra un errore di valutazione e l’altro. Nell’epoca del calcio moderno, quello degli affari, dei “tentativi di fare affari”, dei giornalisti che ragionano di economia senza saperne una mazza, del calcio “masticato” e molto poco “ragionato”, ci si ritrova a voltare pagina come se niente fosse. Nell’ambito di una affare mai decollato e affidato a uno “scommettitore” (Li), Fassone ha certamente commesso più di un errore di valutazione, ma a differenza di molti è sempre stato il più possibile “chiaro”, anche e soprattutto con chi un anno fa lo osannava (“che grande mercato! Così si fa!”) e oggi lo ha scaricato come si fa con le cose vecchie (“un mercato da 220 milioni era chiaramente una cosa folle, io l’ho sempre detto!”). Bah…

E poi l’Inter. C’è molta ansia per questa faccenda del terzino e del centrocampista, ovvero le due pedine “annunciate” che i nerazzurri vogliono portare a Milano per completare la rosa da consegnare a Spalletti. Si parla del solito Vrsaljko, il tentativo è sempre quello del prestito oneroso, ma l’Atletico continua a opporre resistenza. A centrocampo fioccano nomi come castagne alla sagra del marrone: Vidal piace, ovvio, ma al momento non c’è trattativa e comunque le possibilità restano minime. Nessun genere di interesse, invece, per il messicano Herrera (ah no, “intrigo Herrera”). E allora? E allora nessun timore: l’acquisto del centrocampista passa dalla cessione di Joao Mario, manca poco meno di un mese alla chiusura del mercato e in troppi si dimenticano di quello che i nerazzurri hanno fatto fino ad oggi, ovvero 5 acquisti “mirati”, “voluti”, “di livello”, oltre al consolidamento di un gruppo che ha dimostrato di avere un potenziale. Il problema è sempre lo stesso: tutti desiderano i giocatori che non hanno, pochi si accorgono di quelli che già ci sono. Il mercato verrà completato, ma non è tutto: avere le idee “chiare” è più importante, l’Inter per una volta le ha chiarissime.

E poi c’è la faccenda Malcom, ovvero il brasiliano che tutti vogliono perché hanno visto il “best of” su youtube, ma che evidentemente deve essere bravo davvero se il Barcellona, come pare, ha bloccato all’ultimo lo “sbarco a Roma” (offerti 41 milioni rispetto ai 36 dei giallorossi). Oggi ne sapremo di più, sempre nell’ottica di un pensiero che non deve mai abbandonarci: “Il mercato è importante, ma anche sticazzi”.

Torno al buffet. Ciao. (twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

2024, l'anno della svolta: le coppe si sostituiranno ai campionati e viceversa. Agnelli e l'ECA a capo di un progetto che rivoluzionerà il calcio per sempre 24.03 - European Club Association. E' il nome dell'associazione che sta lavorando per cambiare per sempre il mondo per calcio. Forse non tutti ci hanno fatto caso, ma questa settimana tanti top club europei (alcuni anche italiani come Napoli e Milan) hanno fatto sapere tramite i loro profili...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, Politano sarà riscattato, c’è anche l’idea Bergwjin. Roma, per la panchina il favorito è Sarri. Senza Champions Under e Manolas potrebbero partire. Napoli, riflettori accesi su Lazzari, ma piace anche Lazaro dell’Hertha Berlino 23.03 - La sosta ci riporta inevitabilmente a parlare di mercato. Le grandi manovre stanno cominciando. L’Inter ha in mente di fare molte operazioni. È chiaro che tanto dipenderà anche dalle uscite. In attacco Politano verrà sicuramente riscattato dal Sassuolo. Perisic potrebbe invece partire....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve prova il grande colpo: Salah in cambio di Dybala. Paratici ha in mano Chiesa e Zaniolo. Una cena col romanista. Marotta punta Andrè Gomes. Icardi accordo per l’addio. Veretout al Napoli 22.03 - In Inghilterra svelano una nuova, clamorosa pista del mercato della Juventus: i bianconeri hanno offerto Dybala al Liverpool per avere Salah. L’indiscrezione è forte, ma anche consistente e ci conferma che l’estate prossima la Juventus farà grandi cose, soprattutto ha in cantiere...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Icardi-Inter: telenovela finita? E un altro cambio in panchina: le difficoltà di un progetto 21.03 - Potremmo essere arrivati alla fine. Sicuramente alla fine delle cure. Icardi scende dal lettino delle cure fisioterapiche al ginocchio (day35) e dovrebbe essere guarito. Si allenerà con il gruppo, salvo sorprese. Si allenerà in realtà con quello che rimane del gruppo visto che molti...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Dybala ha detto no all’Inter! Ecco i dettagli. La Juventus può perderlo, ma ecco le squadre in Premier per Paulo. Real Madrid insiste per Icardi, e venerdì è lcardi-day: quello che succederà, da cui dipende il futuro 20.03 - Essere interista non è mai normale, come recita lo stesso inno nerazzurro. E così può capitare che al giovedì ti umilino in casa in Europa League, e poi alla domenica tu giochi uno dei derby più gagliardi degli ultimi anni e in una delle condizioni più difficili. Allo stesso modo,...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve vs. Uefa: la decisone su Ronaldo (e quella già presa a prescindere). Inter: i 5 segreti di una battaglia vinta col cuore (e l'incontro pre-derby di Icardi). Milan: su Gattuso il solito banco degli imputati (con un’incredibile compagnia) 19.03 - Complimenti per la trasmissione. La differenza tra la pausa per la nazionale e la pausa per la nazionale dopo una vittoria è che ti rompi le balle lo stesso, ma con una bella faccia di tolla stampata sul volto. Il qui scrivente c’ha la faccia di tolla, perché temeva di essere suonato...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510