VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Juventus, il pezzo da 90 è Modric. Il Milan gioca a Football Manager, ma ha già speso 141 milioni (e non è finita). Inter a rilento, Roma in ricostruzione. E se fosse l'anno del Napoli?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
09.07.2017 13:40 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 160658 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Doverosa premessa: se il Milan non esistesse, questo sarebbe un mercato quasi terminale. Più che altro le notizie si sorpassano sempre, le trattative stanno ferme fino a che non arriva l'ufficialità, o quasi. Così i rossoneri paiono gli unici che mediaticamente stanno muovendo i fili, perché sembrano quasi tutte telenovele. A parte André Silva, praticamente preso in una sera, gli altri sono stati lunghi tira e molla. Kessie bruciato alla Roma, Donnarumma che rinnova, Conti che si mette in mezzo con l'Atalanta, Musacchio e Rodriguez presi quando la stagione non era ancora finita, Calhanoglu che finalmente batte le punizioni in Italia, Borini scippato alla Lazio. Tra giovani futuribili, calciatori pronti a esplodere e ottime occasioni, il Milan in realtà sta giocando a Football Manager, inserendo pedine più o meno buone per fare un grande campionato. Nel tritacarne però rischia di finirci Montella che ora dovrà amalgamare i 141 milioni spesi finora (senza il riscatto di Kessie). E non è ancora finita, perché arriverà almeno un altro grande acquisto, forse il più importante economicamente: non Kalinic, ma un grande centravanti che possa fare la differenza anche in futuro. Andrea Belotti è il nome principale, perché giovane, mentre Aubameyang perde qualche incollatura. O forse Morata, ma dopo le parole di Cardiff la pista si è raffreddata, molto. Intanto manca un vero e proprio regista: per questo è impossibile non essere d'accordo con Zvonimir Boban che sostiene come il Milan non sia ancora una fuoriserie. Ma può diventarlo.

Invece la Juventus rallenta perché non ha bisogno di accelerare più di tanto. E, dopo l'arrivo di Rodrigo Bentancur, non vuole sbagliare l'extracomunitario. Douglas Costa oppure Danilo, ma la realtà è che il problema non risiede sulle fasce, al di là dell'offerta ufficiale per Federico Bernardeschi della Fiorentina. Il colpo forte, fortissimo, la Juventus vuole farlo in mezzo al campo. Il nome principale è quello di Luka Modric, centrocampista di proprietà del Real Madrid, uno dei migliori sulla piazza. Se non il più forte, perché togliere lui dall'ingranaggio perfetto dei Galacticos sarebbe un azzardo. L'intenzione delle Merengues è quello di non cederlo, sebbene il croato abbia oramai 31 anni e potrebbe, condizionale d'obbligo, avere voglia di un ulteriore step di carriera. Valutazione mostruosa per l'età, stipendio altrettanto record (ora prende più di 6 milioni di euro all'anno), trattativa praticamente proibitiva. Però l'idea c'è stata e le pareti raccontano che un tentativo verrà fatto. D'altro canto Allegri vuole un centrocampista di livello assoluto da oramai un paio di anni, oltre all'arrivo di Pjanic: il fatto di essere passato da tre a due in mezzo è un segnale di come un Pogba o un Vidal manchino all'ottimo ingranaggio bianconero. C'è un tempo per cedere e uno per acquistare i campioni. La Juventus ora è nella seconda fase, più avanti rispetto a tutti.

Forse solo il Napoli, in questo momento, può reggere il confronto. L'idea è stata chiara, cioè quella di fare gruppo e sperare di riportare, dopo quasi tre decadi, lo Scudetto in azzurro. Per farlo non bisognerà sbagliare nulla, nemmeno negli acquisti. Bene Mario Rui per blindare le fasce, serve un portiere di livello assoluto - non può più essere Reina - e un centrocampista capace di fare la differenza. Zielinski e Hamsik sono a livelli straordinari, servirebbe un... Modric, anche qui, oppure un Nainggolan. Sono due nomi, ma è il calibro del calciatore a fare la differenza: insomma, se fosse stato acquistato Mascherano, qualche tempo fa, sarebbe stato l'identikit perfetto. E Ounas può essere l'ennesimo grande colpo arrivato quasi in sordina, anche perché davanti non è stato ceduto nessuno: Giaccherini e Pavoletti se ne andranno via.

L'Inter va a rilento, a parte Skriniar, Pellegri, Salcedo e Borja Valero. Per lo spagnolo piccolo inciso: ma è possibile che chiunque vada via dalla Fiorentina debba farlo con coup de théâtre vari ed eventuali? Suning comunque è al metà del guado: diventare una super potenza europea oppure galleggiare? Già aver scelto un allenatore a inizio luglio è un gran passo in avanti rispetto alle figure dell'ultima annata. La Roma invece deve ricostruire e non sarà facile, ma Monchi è davvero una garanzia. Sempre ammesso che lo facciano lavorare, perché l'addio di Rudiger potrebbe già essere un colpo alla sua credibilità.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.