VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
10.12.2017 11:14 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 68352 volte
© foto di Image Sport

Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di scacchi ma dove le pedine, quando conta, faticano ad andare a matto. Higuain e Icardi, i Re del Derby d'Italia, hanno deluso. Mai serviti, ben braccati, le rispettive Maginot hanno tenuto sotto flebili colpi. L'Inter si è confermata, come da attese: solida, concreta, con Skriniar e Miranda a formare una diga stabile, col 'primo non prenderle' come imperativo. Perisic e Candreva sono stati poca cosa, Brozovic ha deluso ancora una volta e Borja Valero agisce meglio più avanzato che da frangiflutti. Meglio la Juventus ma Mandzukic ha lasciato l'istinto nello spogliatoio e la mediana non s'è mai resa pericolosa. Si salvano Pjanic e Cuadrado, dopo una prestazione sontuosa, ma il succo rimane lo stesso. La tattica sarà pure per i puristi, ma questa partita in Spagna e Inghilterra non sarà granché apprezzata.

Intanto la Juventus scopre due casi. Uno inatteso, uno un po' meno. Il primo è Paulo Dybala, ma non c'è niente di straordinario, nè di clamoroso, nella fase calante di un campione. Trattatsi di fase, di momento. Allegri lo ha spronato e non è servito. Adesso l'ha lasciato fuori e ai campioni non piace mai. " Paulo Dybala è un ragazzo di 23 anni che ha avuto una crescita esponenziale, ma ora non si sta esprimendo al meglio. Pian piano dovrà riprendere la condizione fisica. Deve essere sereno, non deve dimostrare niente. Ho fatto giocare chi stava meglio", ha spiegato Allegri nel post gara. Stona un po' con la linea e con la filosofia del tecnico, per il quale "i grandi giocano anche quando non al top, come Messi", ma non è solo spirito di conservazione del fisico ma pure monito al talento di non sentirsi appagato. Non è un caso, solo sana gestione, seppur opinabile vista la posta in palio.

L'altro caso è semmai più eclatante. Alex Sandro è stato bacchettato già alla vigilia della gara ma lì c'è il mercato, al di là delle smentite di rito, a condizionare evidentemente la stagione del giocatore. In breve: Alex Sandro è stato oggetto di offerte faraoniche in estate da parte del Chelsea, soprattutto. La Juventus ha fatto muro, poi gli ha proposto un rinnovo che non ha accettato, poi ha alzato la posta, conscia del valore del ragazzo, arrivando alle cifre proposte dai londinesi. La risposta? "No, grazie". Alex Sandro ha detto no al rinnovo con la Juventus e prepara l'addio. In estate, almeno ogni indizio porta a questo e sussurri inglesi dicono che il Manchester United stia lavorando da tempo per regalarlo a Josè Mourinho.

Chiosa su Mauro Icardi. Non è stata la sua miglior partita contro la Juventus, è evidente. Però, globalmente, sta subendo una maturazione incredibile, degna dei grandi campioni. La controprova, assoluta, arriverà prima al Mondiale (neanche un folle come Sampaoli potrebbe pensare di non portare Icardi e Higuain, insieme) e poi in Champions. In Spagna, c'è chi giura che il Real Madrid è pronto a coprirlo di ponti d'oro pur di averlo con sè dopo la Russia. Lui sta bene in Italia e ha sposato il progetto nerazzurro. Però a Perez si resiste male. Farlo, per Icardi, vorrebbe dire entrare definitivamente nei cuori di tutti, nessuno escluso, i tifosi nerazzurri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.