VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
10.12.2017 11:14 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 68694 volte
© foto di Image Sport

Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di scacchi ma dove le pedine, quando conta, faticano ad andare a matto. Higuain e Icardi, i Re del Derby d'Italia, hanno deluso. Mai serviti, ben braccati, le rispettive Maginot hanno tenuto sotto flebili colpi. L'Inter si è confermata, come da attese: solida, concreta, con Skriniar e Miranda a formare una diga stabile, col 'primo non prenderle' come imperativo. Perisic e Candreva sono stati poca cosa, Brozovic ha deluso ancora una volta e Borja Valero agisce meglio più avanzato che da frangiflutti. Meglio la Juventus ma Mandzukic ha lasciato l'istinto nello spogliatoio e la mediana non s'è mai resa pericolosa. Si salvano Pjanic e Cuadrado, dopo una prestazione sontuosa, ma il succo rimane lo stesso. La tattica sarà pure per i puristi, ma questa partita in Spagna e Inghilterra non sarà granché apprezzata.

Intanto la Juventus scopre due casi. Uno inatteso, uno un po' meno. Il primo è Paulo Dybala, ma non c'è niente di straordinario, nè di clamoroso, nella fase calante di un campione. Trattatsi di fase, di momento. Allegri lo ha spronato e non è servito. Adesso l'ha lasciato fuori e ai campioni non piace mai. " Paulo Dybala è un ragazzo di 23 anni che ha avuto una crescita esponenziale, ma ora non si sta esprimendo al meglio. Pian piano dovrà riprendere la condizione fisica. Deve essere sereno, non deve dimostrare niente. Ho fatto giocare chi stava meglio", ha spiegato Allegri nel post gara. Stona un po' con la linea e con la filosofia del tecnico, per il quale "i grandi giocano anche quando non al top, come Messi", ma non è solo spirito di conservazione del fisico ma pure monito al talento di non sentirsi appagato. Non è un caso, solo sana gestione, seppur opinabile vista la posta in palio.

L'altro caso è semmai più eclatante. Alex Sandro è stato bacchettato già alla vigilia della gara ma lì c'è il mercato, al di là delle smentite di rito, a condizionare evidentemente la stagione del giocatore. In breve: Alex Sandro è stato oggetto di offerte faraoniche in estate da parte del Chelsea, soprattutto. La Juventus ha fatto muro, poi gli ha proposto un rinnovo che non ha accettato, poi ha alzato la posta, conscia del valore del ragazzo, arrivando alle cifre proposte dai londinesi. La risposta? "No, grazie". Alex Sandro ha detto no al rinnovo con la Juventus e prepara l'addio. In estate, almeno ogni indizio porta a questo e sussurri inglesi dicono che il Manchester United stia lavorando da tempo per regalarlo a Josè Mourinho.

Chiosa su Mauro Icardi. Non è stata la sua miglior partita contro la Juventus, è evidente. Però, globalmente, sta subendo una maturazione incredibile, degna dei grandi campioni. La controprova, assoluta, arriverà prima al Mondiale (neanche un folle come Sampaoli potrebbe pensare di non portare Icardi e Higuain, insieme) e poi in Champions. In Spagna, c'è chi giura che il Real Madrid è pronto a coprirlo di ponti d'oro pur di averlo con sè dopo la Russia. Lui sta bene in Italia e ha sposato il progetto nerazzurro. Però a Perez si resiste male. Farlo, per Icardi, vorrebbe dire entrare definitivamente nei cuori di tutti, nessuno escluso, i tifosi nerazzurri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.