VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Juventus o Napoli, chi è meglio? Il Sarrismo come il Sacchismo. Zeman e dintorni. Vincere o giocare bene? Ghoulam rotto dopo Milik, una maledizione. Dybala da rimettere a posto

03.11.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 18400 volte
© foto di Federico De Luca

Dopo gli elogi incredibili di Pep Guardiola al Napoli sconfitto in Champions “è la squadra più forte che ho incontrato”, è in atto una sorta di guerra ideologica applicata al calcio che mi riporta indietro ai tempi remoti del sacchismo contro il trapattonismo. Nel nostro caso siamo all’esaltazione del Sarrismo.
E contro il sarrismo si sono scagliati tutti gli altri (soprattutto gli juventini) che si domandano: ma come si fa a esaltare chi perde? Nello sport conta solo vincere. Difficile dar loro torto. E allora? Cerchiamo di far ordine nel rispetto di tutte le posizioni, ma senza essere ad ogni costo democristiano. La premessa vale per tutti gli argomenti in campo: se l’unico obiettivo è vincere chi vince ha sempre ragione. Inutile discutere.
Ma oggi il calcio e il mondo sono cambiati, tanto per capirci, il Leicester di Ranieri resterà sicuramente negli almanacchi, ma non farà mai la storia del calcio. E’ durato lo spazio di una Premier. Basta? A qualcuno
sì, ai tifosi del Leicester sicuro, ma di quel calcio non parlava più nessuno un giorno dopo la vittoria.
C’è chi, invece, nel calcio di oggi cerca anche altri valori che vadano oltre la vittoria o la sconfitta, cerca lo spettacolo, il bel gioco, l’appagamento anche morale oltre che pratico. E visto che il calcio è diventato uno sport-business, pensare allo spettacolo non è sbagliato. Gli stadi si riempiono se si fa spettacolo, se si fa godere la gente. Gli sponsor arrivano se le squadre fanno parlare, suscitano interesse. Questa è un po’ la storia del Napoli di oggi che, sarristi o non sarristi, dobbiamo riconoscere che negli ultimi tre anni ha fatto cose straordinarie.
Il Napoli è un fenomeno calcistico, su questo dobbiamo essere tutti d’accordo. La macchina è quasi perfetta, il gioco scorre con una fluidità, una velocità straordinari e (almeno in Italia) produce risultati e spettacolo assieme.
Non si tratta di essere o non essere tifosi del Napoli, non si può negare che quando si ha voglia di vedere una partita spettacolare, divertente, ben giocata, si debba necessaria guardare gli azzurri. Dentro la partita di calcio ci sono movimenti spesso perfetti, spostamenti dei giocatori come alla play station, fase offensiva e fase difensiva curate con la stessa intensità e precisione nei meccanismi. Il Napoli è una piccola-grande macchina da calcio frutto di un grande lavoro e di grandi idee.
Dove sta il miracolo del lavoro e di una cultura calcistica? Nell’aver portato una squadra tutto

sommato normale, a vertici altissimi. Ragioniamo. Chi c’è nel Napoli che possiamo definire campione assoluto? Forse nessuno. Forse l’ultimo è stato Higuain. La forza di questa squadra è che attraverso il lavoro e l’applicazione è riuscita a toccare vette altissime, a giocare alla pari per lunghi tratti con squadre come il City o il Real (l’anno scorso) che hanno fatturati enormemente superiori, storie diverse, e sono piene di campioni in campo e in panchina.
Gli undici giocatori del Napoli, sono buoni giocatori, ma messi in undici squadre diverse, probabilmente non farebbero la differenza, sarebbero poco più che normali (alcuni normalissimi) e la controprova l’abbiamo quando giocano nelle loro nazionali. Nel Napoli sembrano straordinari.
E se in Europa è logico che il Napoli faccia fatica con squadroni del genere City (oggi il meglio che c’è in giro), in Italia questa squadra ha raggiunto la testa della classifica e lotterà per lo scudetto proprio in virtù del gioco che esprime. Gioco e risultati in Italia li ottiene. E con il valore tecnico a disposizione, con i ricambi e le soluzioni alternative, nessuno può negare che il Sarrismo produca risultati. Per me, oltre alla Juve, hanno un organico superiore anche l’Inter e la Roma. Forse anche la Lazio. Provate a prendere giocatore per giocatore e fate il confronto. Se il Napoli è lassù, lo deve al gioco. E questo lo devono ammettere anche i pragmatici e gli italianisti, che io rispetto, per carità. Non ripudio certamente la Juventus che vince, ci mancherebbe. Ma anche qui

dobbiamo sottolineare che la cultura è cambiata. Non è più la Juventus del primo non prenderle, delle barricate e del contropiede dei tempi d’oro del trapattonismo e dintorni. Conte ha portato grande intensità di gioco modificando la sua cultura italianista (primo non prenderle) e trasformandola in manovre d’attacco e occupazione degli spazi degni di un calcio moderno. L’evoluzione della cultura italiana e italianista. Lo stesso Allegri da oltre un anno sta lavorando a un calcio diverso. Ci si è resi conto che in Europa per provare a vincere i grandi giocatori non bastano più, è necessario anche un grande gioco, unito a una grande mentalità offensiva. Le più belle partite della Juventus dell’anno scorso restano quelle con il Barcellona. Allegri ha schierato tutti assieme quattro attaccanti e due soli centrocampisti. E in più ha utilizzato anche terzini di spinta. E’ chiaro che riesci a trovare equilibrio solo con un gioco corale, il lavoro, i meccanismi. E quando sei in forma.
Ma anche qui, per onestà intellettuale, non si può non riconoscere che la Juventus è più forte del Napoli. E non solo per i fatturati come dice De Laurentiis. E allora perchè il Napoli fa paura e riesce a competere, addirittura è in testa alla classifica da undici domeniche? Perché il suo gioco in questo momento è più efficace. Poi succede che Sergio Ramos faccia due gol di testa e col City succeda altrettanto, su palle inattive, ma solo perché in quelle circostanze il Napoli ha fatto errori e (soprattutto) gli interpreti sono più forti.

Ma non dimentico neppure l’Inter di Spalletti o la Roma di Di Francesco, anche loro hanno rivisitato la cultura italiana e italianista modernizzandola e dando comunque un gioco diverso dal Napoli, ma un gioco che (infatti) produce degli effetti.
In sostanza il Napoli gioca un calcio più moderno e spettacolare, ma anche le altre sono notevolmente evolute in questa direzione e qui si vede la crescita cultural-calcistica del nostro campionato. Grazie ai nostri allenatori.
Purtroppo per il Napoli l’infortunio di Ghoulam è una brutta roba. Il giocatore è praticamente insostituibile, nessun altro in rosa ha le sue caratteristiche e Mario Rui non gioca da troppo tempo. Peccato, dopo Milik due brutte botte anche a livello psicologico. Se il Napoli passa anche questa vuol davvero significare che questo gruppo è maturo e forte sotto tutti gli aspetti.
La Juve, invece, ha altri problemi. Fatica a tenere la concentrazione, forse le motivazioni sono davvero calate dopo sei scudetti e due finali Champions, sette anni da fenomeni. Non si spiegano altrimenti i troppi alti e bassi, la sufficienza mostrata da tanti giocatori che, come disse Lippi una volta, andrebbero preso a calci dove sappiamo. Il ragazzino Dybala prenda esempio da Barzagli o da altri. Alex Sandro più o meno. Se c’è qualcuno che pensa di essere arrivato ancora prima di arrivare, va fatto scendere.
E questa è una regola che va bene con il Sarrismo e senza il Sarrismo. Ma Allegri la conosce bene.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.