VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Karpov e Kasparov sembrano due dilettanti guardando l'interminabile sfida a scacchi tra De Laurentiis e Benitez. Rinnovo del contratto rinviato alla prossima settimana. Quando si giocherà una nuova manche o un'altra mano: poker d'assi o astuto bluff

Laurea in Giurisprudenza, scrittore, giornalista professionista, radiocronista dal 1985 e telecronista Mediaset Premium per le partite del Napoli. Corrispondente di Tuttosport, coordinatore per Piùenne, produce e conduce "Si gonfia la rete"
03.05.2015 00.00 di Raffaele Auriemma   articolo letto 22727 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

La mente torna indietro di 30 anni. Nella Sala delle Colonne al Cremlino, dal settembre 1984 ed ininterrottamente dal fino al febbraio 1985, Eugeny Karpov e Garri Kasparov si sfidarono per il titolo di campione del mondo di scacchi. Non se lo aggiudicò nessuno dei due, dopo aver giocato 48 partite per un totale di oltre 200 ore: 40 in parità, Karpov ne vinse cinque e Kasparov tre. Anche se il russo era in vantaggio, non ebbe la meglio sull’azero perché il regolamento assicurava il titolo mondiale a chi avesse superato l’avversario almeno sei volte. Impossibile per due mostri della scacchiera, talmente abili da neutralizzarsi e costringere la federazione a sospendere la sfida per salvaguardare la loro salute mentale. Per carità, tra De Laurentiis non siamo a quei livelli, anche se la partita a scacchi sul rinnovo del contratto si arricchisce ogni volta di una mossa nuova, un’iniziativa che costringe l’avversario a studiarne un’altra più astuta. L’ennesimo confronto dovrebbe andare in scena a metà della prossima settimana, più presumibilmente dopo la semifinale di andata contro il Dnipro al San Paolo. Per quella occasione è atteso a Napoli anche Manuel Quilon, il manager di Benitez che il giorno successivo alla sfida di Europa League dovrebbe vedersi con il suo assistito e De Laurentiis per chiarire definitivamente il da farsi relativamente al prossimo oppure ai prossimi anni. Fino ad un numero di 5, così come ha proposto pubblicamente il patron ad un Benitez titubante sul progetto tecnico-economico del Napoli. Lo avranno rassicurato le parole del patron sui rinforzi (3) per la squadra, la realizzazione dello stadio (inizio lavori: marzo 2016) e del complesso tecnico per il settore giovanile (6 campi da costruire in 8 ettari di terreno)? Forse o più probabilmente potrebbe chiedere garanzie scritte prima di accettare qualsiasi proposta di rinnovo. Lo slittamento ulteriore della firma (De Laurentiis aveva chiesto a Benitez di decidere entro sabato 2 maggio) può voler dire proprio questo per poi mostrare il tutto al senor Quilon. Oppure no, più semplicemente c’è l’attesa di verificare se una delle panchine gradite a don Rafè possano liberarsi prima che scada l’ennesimo ultimatum di De Laurentiis. L’aereo che ha sorvolato Anfield con la scritta “Rodgers out, Rafa in” è il segnale evidente di quanto i tifosi della Kop vorrebbero il ritorno a Liverpool del grande maestro. E chi dice che anche De Laurentiis non stia, a sua volta, aspettando proprio un evento di questo tipo? Magari non lo auspica, perché con Benitez avrebbe comunque dalla sua parte una buona fetta di tifosi che apprezzano il trainer spagnolo; viceversa potrebbe allargare le braccia e dire che “era a fine contratto e ha voluto andar via”, per poi avere la serenità di presentare un altro tecnico, probabilmente, meno blasonato di Benitez. Come Karpov e Kasparov, l’un contro l’altro a studiare la mossa con la quale neutralizzare quella dell’avversario. Oppure no, De Laurentiis e Benitez potrebbero somigliare anche più a Max Pescatori e Salvatore Bonavena, i due campioni di poker che osservano con cura le proprie carte e studiano le mosse dell’avversario. Forza, chi viene allo scoperto? De Laurentiis e Benitez stanno costringendo il concorrente a “vedere” se l’altro ha in mano il poker d’assi o semplicemente un bluff.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.