HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Eriksen è il giocatore che serve all'Inter per lottare per lo Scudetto?
  Sì, ha l'esperienza ad alto livello che manca a Conte
  No, la Juve rimane troppo distante dalla squadra di Conte
  No, servirebbe un giocatore come Vidal per aiutare Conte

La Giovane Italia
Editoriale

L'Atalanta è solo una chimera? Perché Gasperini non è in una big (e non lo sarà nemmeno l'anno prossimo)? Quanti acquisti a gennaio. Juventus, Inter e United su Kulusevski

Nato a Bergamo il 23-06-1984, vive a Firenze. Inviato e prima firma per TuttoMercatoWeb. Dal 2012 collabora per il Corriere della Sera
15.12.2019 12:50 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 37790 volte
L'Atalanta è solo una chimera? Perché Gasperini non è in una big (e non lo sarà nemmeno l'anno prossimo)? Quanti acquisti a gennaio. Juventus, Inter e United su Kulusevski

Nel gelo di Kharkiv, mercoledì sera, ci sono stati due momenti che possono cambiare la storia, non solo di una stagione. Il primo è successo intorno alla mezz'ora del primo tempo, quando Tete mette in mezzo un pallone al veleno, Junior Moraes salta sopra tutti i difensori atalantini e inzucca verso la porta. Gollini come Buffon nel 2006, con le dovute dimensioni chiaramente, e risultato salvato. Poi c'è il Var dello 0-1, quando Muriel tocca il pallone troppe volte ma lo spedisce all'ultimo millesimo utile per non mandare il Papu in fuorigioco, con Castagne che poi ha segnato da pochi passi. Gli episodi cambiano vite, stagioni e miracoli: il 3-3 al novantottesimo per un fallo su Pyatov ha spedito l'Atalanta agli ottavi, dopo tre partite da incubo e, probabilmente, dimostrato il peggio possibile nel girone.

L'Atalanta è solo una chimera? Impossibile dirlo, dopo tre anni. Però c'è un dato, ovvero che tutti i calciatori passati da Bergamo sotto l'egida di Gasperini, in altre piazze, non hanno fatto altrettanto bene. Qualcuno sta comunque facendo discrete annate, come Cristante o Kessie (al di là delle copiose critiche che arrivano per tutti i giocatori del Milan), altri sono stati sfortunati come Conti e Caldara. Il più vicino a sfondare è stato Spinazzola dopo Juventus-Atletico Madrid, ora però è alla Roma. Tutti fanno discretamente, nessuno però ha bissato le super prestazioni in nerazzurro. La domanda successiva, ammesso e non concesso che sia il tecnico la chiave, è evidente.

Perché Gasperini non è in una big? Anche qui bisogna capire se l'Atalanta può considerarsi tale. Sicuramente non lo è nelle intenzioni, perché prima c'è lo Scudetto del bilancio, il salary cap a 2 milioni di euro, un'idea di sostenibilità che deve perpetrarsi grazie alle plusvalenze. Invece lo è nelle prestazioni, dopo il terzo posto in classifica dell'anno scorso, la finale di Coppa Italia, gli ottavi di Champions. Ma c'era così tanta differenza fra Dinamo Zagabria e Juventus? Oppure Inter, Roma e Napoli? La risposta è evidentemente no, ma probabilmente serviva capire a che punto fosse la notte. Gasperini non è in una big perché ha carattere fumantino e la stagione all'Inter lo ha bruciato. Certo, per far crescere giocatori e farli diventare plusvalenze (il prossimo sarà Gosens in estate) è un vate. Non ha (ancora) vinto niente, ma nemmeno Sarri fino alla scorsa stagione. Perché il Napoli non è ripartito da lui? Oppure il Milan? Grandi domande da farsi, perché se arrivare al top è relativamente semplice, Gasp sta continuando a confermarsi, regalando una dimensione nuova all'Atalanta.

Quanti acquisti a gennaio? Il lato oscuro dell'allenatore, però, è quello di gettare i nuovi in campo con (moltissima) cautela. È successo con tutti, da Castagne a Gosens, da Freuler a Djimsiti, passando per Zapata (in ballottaggio continuo con Barrow nella scorsa annata) oppure Muriel. Lo sta facendo anche con Ruslan Malinovskyi, che sembra davvero un grandissimo giocatore, ma vede il campo molto meno di altri: oggi lo farà, vista l'assenza di Alejandro Gomez. Capita anche a Simon Kjaer e Guilherme Arana: se ne andranno tutti e due a gennaio, così come Ibanez e Barrow potrebbero andare a giocare di più, per esperienza e per il poco spazio avuto fin qui. Quindi è evidente che l'Atalanta, con i 20 milioni di euro dal passaggio del turno (all inclusive) può fare discretamente. Poi bisogna capire: Zapata tornerà oppure dovrà essere sostituito? Perché sono quasi due mesi per un infortunio che solitamente si risolve con 25-30 giorni. Insomma, la realtà è che ci sono almeno 3-4 giocatori in arrivo a Bergamo, magari alzando anche l'asticella con i prestiti. I nomi ci sono, da Caldara a Demiral, passando per Politano. Tutti "acquistabili" in prestito e che potrebbe far comodo.

Ultimo, ma non in ordine di importanza, l'affare Kulusevski. Il Manchester United vuole fare un pacchetto con Traoré, offrendo magari anche cifre davvero importanti. Intanto la valutazione è di 40 milioni per lo svedese, in gol anche oggi. Il Parma non vuole assolutamente cederlo: lo ha preso in prestito secco, puntandoci molto, forse anche con qualche recriminazione: "Ma come, nemmeno il riscatto e controriscatto?". L'Atalanta sapeva di avere un asset incredibile in casa, pur se fumantino proprio come Gasp: il rapporto fra i due non è stato idilliaco nella scorsa stagione, perché il fantasista del Parma avrebbe voluto più spazio, perché si considerava fuori categoria in Primavera. Aveva ragione. Ma anche l'Atalanta, che ora prenderà 40 milioni e potrà vincere un altro Scudetto del bilancio. Però per arrivare quarti servirà qualcosa di più, perché tra romane e Cagliari la lotta potrebbe essere serratissima (e affollata) fino alla fine.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter scatenata: blitz a Londra, ancora attesa per lo scambio con la Roma, e anche il Milan ora parla con i giallorossi 16.01 - Si muove - eccome - il mercato, fra Milano, Londra e Roma. Andiamo per ordine. Intanto blitz a Londra di Piero Ausilio, volato nella capitale inglese per approfondire i discorsi relativi a Eriksen e Giroud. Sul danese si è certificata, in un ulteriore incontro con il suo procuratore,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Eriksen-Inter: ci siamo. PSG sorpassato, ecco la richiesta del Tottenham. Il Best XI del girone d’andata: vince l’Inter, i tifosi non votano Cristiano Ronaldo, quattro allenatori davanti a Conte 15.01 - Si entra nel vivo. Giro di boa del mercato di gennaio, e l’Inter prova a sferrare l’attacco decisivo per Eriksen. La settimana scorsa vi informavamo di come i nerazzurri fossero davanti a tutti nella trattativa per il giocatore, adesso dopo 7 giorni la situazione è in rapidissima...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema di Sarri non è in campo (e per la difesa c'è...). Inter: Eriksen e Spinazzola (con Politano a Roma) a un passo! Milan: Ibra, il modulo... ma c'è di più. Napoli: mercato caldissimo 14.01 - Cose che sono successe nelle ultime ore e che mescoliamo con il calcio per creare ulteriore confusione. 1)      Salvo Veneziano è stato eliminato dal Grande Fratello ed è svincolato: può essere un buon rinforzo per molte squadre. 2)      Tal Favoloso era scomparso, ma per...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter, sei arrivata corta: serve il mercato. Rinnovo Ausilio meritato. Milan, finalmente il cambio modulo. La C è tornata dopo un mese: a cosa è servito?. Dal Pino in Lega ma più poteri a De Siervo 13.01 - Che l'Inter stia facendo molto di più di quello che ci aspettavamo è un semplice dato di fatto. Beppe Marotta ha lavorato benissimo in estate, ma lui stesso era consapevole lo scorso 2 settembre che bisognava aggiungere pezzi a gennaio e, soprattutto, completare la rivoluzione in...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Una lezione anche a San Siro: Gasperini è il miglior allenatore italiano. E' il Re di Bergamo e sarà difficile schiodarlo, ma chi vorrà provarci eviti l'errore della Roma 12.01 - Inter-Atalanta è stata una bella partita, uno spettacolo che è difficile da vedere altrove quando si parla di Serie A. Lo è stata perché il pressing di questa Inter è da studiare, è il segreto del successo di una squadra che arriva al giro di boa con 46 punti (meglio dell'anno del...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, il Tottenham su Piatek, per la difesa idea Rugani, si avvicina Politano. Viviano per il dopo Reina. Inter, per l’attacco sempre più vicino Giroud, Young vuole solo i nerazzurri. La Fiorentina insiste per Duncan e Bonifazi 11.01 - Il mercato è entrato nel vivo e cominciano ad arrivare i primi colpi. Il Milan dopo l’arrivo di Zlatan Ibrahimovic deve risolvere anche alcune situazioni, una di queste riguarda il futuro di Piatek. L’attaccante polacco è in uscita e su di lui si stanno muovendo in tanti. Soprattutto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco il piano per Icardi. Dopo Kulusevski, Paratici vuole soffiare all’Inter Tonali e Chiesa. Marotta replica: Vidal e Young subito, Kumbulla a giugno. Milan, il giallo cessione Armani-Arnault. Fiorentina, ecco Cutrone 10.01 - La Juventus di oggi va bene così, non ci sono soluzioni di mercato in grado di alzare da subito il livello della rosa e Sarri non gradisce troppo mettere mano al lavoro a stagione in corso. Fra l’altro si stanno vedendo progressi decisivi in Ramsey e Rabiot e pure Emre Can sta crescendo...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Mercato effervescente: Milan su Politano, Napoli doppio colpo, l’Inter aspetta Young e tutti i colpi per non retrocedere 09.01 - E' mercato effervescente, visto il grande equilibrio in tutte le zone della classifica. Ma il protagonista di giornata è il Milan che irrompe su Politano. In giornata infatti gli agenti dell'attaccante nerazzurro sono stati a casa Milan per parlare delle condizioni economiche del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Eriksen: l’Inter c’è. Difficile ma il tentativo è serio, ed è indipendente da Vidal. Pogba: la Juventus attende, Paratici e Raiola puntano ad abbassare il prezzo, tutto passa da questo maxiscambio 08.01 - La beffa Juventus per Haaland ha provocato la beffa Inter per Kulusevski. La Juve si è subito consolata, il tempo dirà se a torto o a ragione, e ha lasciato il cerino infiammato dalla delusione tra le dita dell’Inter. Il bello del mercato e del calcio in senso lato è che, come si...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Ronaldo e il "piano" mercato. Inter: doppio colpo in arrivo... ma senza esagerare. Milan: ok Ibra, ma la soluzione è un'altra. La lezione di Lazio e Atalanta 07.01 - Rieccoci. Saremo sbrigativi. L'anno nuovo regala situazioni antiche. E ci introduce al maledetto mercato di gennaio. E allora ecco le situazioni antiche. E allora ecco quello che serve alle grandi per affrontare la seconda parte della stagione senza avere rimpianti. La Juve stravince....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510