VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

L'estate dei procuratori: i 3 top e i 3 flop... Ventura, baciato dal Signore. Tavecchio, occhio al trappolone

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
04.09.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 26289 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Si è concluso il mercato più bello degli ultimi dieci anni e Marotta propone di chiuderlo prima. Un mese prima perché altrimenti è troppo lungo. Stesso discorso dei campionati: iniziamoli prima perché altrimenti in Spagna rischiamo di prenderle il 2 settembre. Caro Ventura, il campionato lo puoi iniziare anche a maggio, ma se guidi tu l'Italia i risultati saranno sempre questi. Comunque degli azzurri scoloriti parleremo più avanti. Marotta propone la chiusura anticipata del mercato ma è follia pura. Il mercato deve durare fino al 31 agosto, forse servirebbe chiuderlo dopo la prima partita delle nazionali a settembre. Poi sta alle società brave non ridursi all'ultimo minuto. Vedi il Milan che è passato dai colpi del cobra alle 19 del 31 agosto alla programmazione di giugno e luglio. Marotta propone di chiudere il mercato prima, ma poi la Juventus è stata una di quelle a ridursi all'ultimo momento. Tante contraddizioni figlie del nostro calcio.
Come tradizione, prepariamo il podio dei procuratori e questa volta premiamo i migliori ma abbiamo anche la medaglia di legno per i peggiori.

1) Medaglia Oro: Alessandro Lucci
Ha vinto su tutta la linea. Il colpo dell'estate, Bonucci, è stata una genialata sua e di Mirabelli. Muove Bertolacci, porta nella Liga Muriel e chiude con Zappacosta al Chelsea il 31 agosto. A proposito: una sola tirata di orecchie a Lucci, quando scrivemmo un anno fa che Zappacosta avrebbe cambiato agente. Lucci fece un comunicato stampa per smentire ma - come avrete notato - l'operazione al Chelsea è farina del suo sacco. Tanti movimenti e numerosi affari per Lucci.

2) Medaglia Argento: Mario Giuffredi
Resta sul podio il procuratore napoletano che, negli ultimi anni, è stato protagonista di una vera scalata. Ha mosso, tra A e B, più di 30 calciatori. Operazioni ricche e alcune meno, ma come sempre ha cambiato la vita dei suoi assistiti. L'operazione Conti al Milan la ciliegina sulla torta. Porta un calciatore, Mario Rui, al Napoli dopo un anno di inattività alla Roma. Geniale. Piazza Biraghi e Laurini alla Fiorentina con contratti importanti. Roba da cinema. Vi risparmiamo i tanti rinnovi di contratto, come Sepe, o Memushaj al Benevento. Una macchina da guerra che si conferma ogni anno sempre più da battaglia.

3) Medaglia di Bronzo: Giovanni Branchini e Andrea D'Amico
Branchini meriterebbe l'oro solo per aver portato De Sciglio alla Juventus. Un numero da circo così lo puoi fare solo se hai 30 anni di professione sulle spalle. E' nell'operazione Douglas Costa e grazie agli ottimi rapporti con il Bayern Monaco risale alla grande, dopo alcuni anni in ombra. Se vai da Branchini sei al sicuro. Onore e professionalità. Uno dei pochi della vecchia guardia rimasti in prima fila. Sul podio sale anche D'Amico. La faccia ce la mette Andrea ma, qualcos'altro, anche Alessandro. Galabinov a zero al Genoa, Borriello alla Spal e far fare un triennale ad Acquafresca in Svizzera significa saper fare il proprio mestiere. E' da questi particolari che si giudica un procuratore...

I tre peggiori sono tutti sullo stesso piano: Mino Raiola, Giuseppe Riso e Sergio Lancini
E' stata la peggior estate di Mino Raiola da quando ha deciso di fare il procuratore. Sicuramente il suo bilancio è in netto attivo ed è come prendere gol al 94' quando, però, sei avanti 4-0. Intanto il gol l'hai preso e l'uscita a vuoto l'hai fatta. Partiamo da un presupposto: Raiola viene citato solo quando fa le grandi operazioni: Ibra, Balotelli, Pogba e Donnarumma ma c'è una miriade di ragazzini persi nel nulla ai quali ha distrutto delle carriere. Un nome? Ely! Il Milan gli dà 8 milioni di commissioni e questo ragazzo non decolla neanche con Mino alla guida dell'aereo. Su Donnarumma ha sbagliato tutta la strategia estiva. Roba da strappargli il tesserino. Alla fine l'assistito fa il contrario di quello che gli ha suggerito l'agente e, con un pizzico di orgoglio, avrebbe dovuto salutare tutti e rinunciare alla procura di Gigio. Tra conferenze stampa e sceneggiate a casa Milan, Raiola ha fatto la figura dell'improvvisato.
Male anche l'estate di Giuseppe Riso. Qualche rinnovo e operazione di bassa leva, niente di più. Sicuramente i tempi stanno cambiando e senza Santi in Paradiso diventa tutto più difficile. Anche pregare. L'Atalanta ha ceduto anche i pali delle porte ma l'unico rimasto è Papu Gomez, suo assistito. Offerte per Petagna zero. Sicuramente saprà riscattarsi, ma per quest'anno meglio chiudere il libro delle disfatte.
Nei flop finisce anche Sergio Lancini, procuratore poco conosciuto ma graziato dalle esplosioni di Belotti e Zappacosta. Il secondo l'ha perso e al Chelsea, se vorrà, potrà vederlo in tv mentre per Belotti non è riuscito a combinare nulla. A Belotti ha fatto danni. Ha accettato una clausola da 100 milioni per il suo assistito facendo guadagnare, a stagione, 4 soldi a Belotti. Non si può mettere una clausola da 100 milioni su un ragazzo che guadagna 1,2 a stagione. Lancini è bravo a mettere le maxi penali sulla procura, ma Cairo e Petrachi gliel'hanno incartata alla grande. La prossima volta è consigliato prima un maxi aumento dell'ingaggio e poi si accetta la clausola da 100 milioni. Il problema non si pone perché Belotti ha già deciso di cambiare agente. Caccia aperta ma a spuntarla potrebbe essere... la moglie Giorgia. Brava, bella e palermitana! Al posto di Lancini almeno avrebbe fatto guadagnare al marito qualche arancina in più.
Volete un mio giudizio sull'Italia? Non saprei. Dopo essermi goduto calci, spinte e tanto agonismo in Reggina-Catanzaro, su Sportitalia, ho portato mia moglie a cena fuori. Ma come c'era Spagna-Italia? Ancora con questa Nazionale? Non riesco proprio ad appassionarmi agli azzurri. Ventura, sulla panchina dell'Italia, è come quando avevamo Donadoni CT. Conte sarà antipatico e arrogante ma cosa gli vuoi dire se non...bravo? Ventura è un allenatore con ottime idee che può guidare una squadra di metà classifica di serie A. Un Cagliari, una Samp ma niente di più. Si presenta a Madrid e prende schiaffi e pugni, mettendo a rischio l'unico divertimento che abbiamo con la Nazionale ogni 4 anni. Ha rotto le scatole lui e il campionato che doveva iniziare prima perché altrimenti non entravamo in condizione e questi sono i risultati. Squadra sbilanciata, messa male in campo e calciatori con le pile scariche.
In chiusura un consiglio a Tavecchio. Parliamo di Vibonese. Di Cosa? Della Vibonese? Sì, perché sul ricorso della Vibonese c'è qualcosa di molto più grande sotto. C'è un trappolone politico nel quale Carletto non deve cadere. Vi faccio la sintesi dell'estrema sintesi: Tavecchio ha firmato, in qualità di Presidente federale, la riammissione della Vibonese in serie C. Adesso stanno facendo pressione su Tavecchio perché firmi parere negativo contro la riammissione della Vibonese in serie C. Insomma, andrebbe a firmare una nota che contrasta la firma sulla sua nota precedente. Mi sono spiegato? Spero di sì. La serie C di quest'anno è bellissima, con grandi piazze e ottimi giovani calciatori; un mix perfetto under-senior. Il Presidente Gravina aveva promesso un campionato spettacolare e ci sta riuscendo. Gravina ha un obiettivo: ridare ordine e qualità alla Lega Pro. E' sulla buona strada e se continua a seminare così, presto, potrà passare alla raccolta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.