VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

L'Europa che fa male e quella che rilancia. De Boer e le conferme da trovare. E uno Juve-Milan che parte da lontano

20.10.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 14809 volte
© foto di Federico De Luca

Il Napoli apre la sua crisetta. Tre partite in fila sono un campanello d'allarme bello grosso. Soprattutto per come sono arrivate, soprattutto perché Sarri non aveva mai perso in casa e invece ora ha infilato una doppietta che non avrebbe mai voluto vivere. Sono sconfitte dolorose perché arrivano a cavallo dell'infortunio di Milik che invece, in questo primo spezzone di stagione, aveva retto alla grande il confronto con il suo ingombrante predecessore. Sono dolorose perché sono figlie di disattenzioni difensive che nel Napoli di Sarri non eravamo abituati a vedere e che hanno complicato eccome gli ultimi 180 minuti al San Paolo degli azzurri. Sono, infine, dolorose perché tra i protagonisti in negativo c'è anche Insigne ch ein questo campionato non riesce a brillare e ieri ha sulla coscienza quel rigore fallito che avrebbe invece potuto regalare al Napoli uno sviluppo di partita diverso.

Qui non c'entra il mercato, obiettivamente. E probabilmente non c'entra niente neanche il gioco che comunque a tratti è stato come al solito spumeggiante. Il problema è, molto probabilmente, la testa. Il Napoli è come se non si sentisse più sicuro, come se nei momenti di sconforto non avesse più quella convinzione della passata stagione (o dell'inizio di questa). E chissà che questo non possa dipendere dall'assenza (doppia) del totem lì davanti. Di quello che sai che la partita te la risolve, in un modo o nell'altro. Lo scorso anno toccava ad Higuain, come detto Milik quest'anno aveva dimostrato di poter recitare lo stesso ruolo. Evidentemente le caratteristiche tecniche di Mertens e Gabbiadini cambiano il modo di giocare, ma probabilmente cambiano la testa dei giocatori. La sensazione è che si sentano meno forti, al di là delle pressioni (dettate dalle etichette) che vengono dall'ambiente esterno. Il Napoli è il Napoli e dopo il campionato dello scorso anno è normale che ci siano delle aspettative. Ed è anche questo, a mio parere, un merito di Sarri.

Altra situazione delicata la sta vivendo l'Inter. Forse anche più di quella del Napoli. Il processo di Debourizazzione nerazzurra non sta certamente bruciando le tappe, la vicenda Icardi ha sicuramente condizionato la prestazione del terminale offensivo nerazzurro. L'Inter ha regalato finora ai suoi tifosi anche prestazioni interessanti, ma anche molte arrabbiature. Picchi e crolli, nel più classico dei copioni nerazzurri. Il problema è certamente la continuità, la tenuta fisica e alcune scelte del'allenatore che non hanno convinto fino in fondo. E' chiaro che i prossimi impegni ravvicinati daranno in un senso o nell'altro in'impronta alla stagione. Ma in questo momento la dirigenza tiene la barra dritta e continua a dare fiducia al proprio allenatore . Senza sbandate, anche se naturalmente all'interno il confronto c'è eccome. Ma per crescere insieme. E questo è un segnale da non sottovalutare. Anche la vicenda Icardi, su cui e di cui abbiamo tanto parlato (sebbene l'errore di non aver avuto la prontezza di verificare l'autobiografia appena uscita, anche ammesso, ci sia stato e doveva essere evitato) è stata gestita nel migliore dei modi possibili e soprattutto nel più breve tempo possibile. Segnali significativi di una società che prima a livello economico (con l'ingresso di Suning) ed ora con i fatti si sta consolidando sempre più. Ecco perché De Boer, sebbene il risultato sia sempre il giudice supremo, sa di poter lavorare con una relativa tranquillità. Ma comunque l'Inter deve invertire la tendenza...

In ultimo una considerazione su Milan Juventus che torna ad essere dopo 5 anni una partita da prima contro seconda. Grande entusiasmo nel mondo rossonero, una concretezza e forza (soprattutto mentale) ritrovata dopo l'impresa a Lione della Juventus. In questi ultimi 5 anni però la differenza è stata abissale. Tanto che nei fatturati il Milan è sceso dai 276 milioni (nell'anno del primo scudetto di Conte, quindi dal famoso Milan Juve del gol non gol di Muntari) ai circa 200 di questo periodo. Mentre invece la Juventus ha saputo far impennare i suoi introiti partendo proprio da una cifra vicina a quella rossonera di oggi (195 nel primo anno di Conte) per arrivare ai quasi 350 di oggi.

In mezzo ci sono naturalmente le mancate partecipazioni in Champions per i rossoneri, le vittorie in campionato per la Juve, gli investimenti sul mercato che hanno prodotto valori per i bianconeri, il Milan che invece ha dovuto controllare e calmierare gli stipendi e anche gli investimenti. In mezzo c'è tutto questo. Ecco perché Montella non vuol sentire parlare di scudetto. Profumo d'Europa l'ha definito. Ma i milanisti, visto il lavoro di Montella e i giovani di valore che si è crescito in casa, va a dormire più sereno. La Juve rimane davanti, rimane la favorita. Ha una forza tecnica e mentale incredibile. Ma per la sfida di una sera (senza pensare al campionato) si può divertire chiunque. Per tornare a sentire quel profumo che al Milan manca da un po' di tempo...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...
Telegram

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.