Menu Serie ASerie BSerie CCalcio EsteroFormazioniCalendari
Eventi LiveCalciomercato H24MobileNetworkRedazioneContatti
Canali Serie A AtalantaBeneventoBolognaCagliariCrotoneFiorentinaGenoaHellas VeronaInterJuventusLazioMilanNapoliParmaRomaSampdoriaSassuoloSpeziaTorinoUdinese
Canali altre squadre AkragasAlessandriaAscoliAvellinoBariBresciaCasertanaCataniaCesenaFrosinoneLatinaLecceLivornoMonzaNocerinaPalermoPerugiaPescaraPordenonePotenzaRegginaSalernitanaTernanaTrapaniTurrisVeneziaVirtus Entella
Altri canali Serie BSerie CChampions LeagueFantacalcioNazionali

L‘Inter continua la caccia alla Juve. Napoli fra futuro prossimo e remoto. Milan per risollevarsi

L‘Inter continua la caccia alla Juve. Napoli fra futuro prossimo e remoto. Milan per risollevarsiTUTTOmercatoWEB.com
© foto di Federico De Luca
giovedì 19 dicembre 2019 00:00Editoriale
di Luca Marchetti

Ora che la Juventus ha piazzato una nuova vittoria, l’Inter deve inseguire. Deve rispondere, meglio. Rispondere sul camo per passare tutte le feste in testa alla classifica (seppur in coabitazione) e rispondere poi con il mercato.
Se dovesse vincere anche l’ultima del 2019 (contro il Genoa) l’Inter in questo anno avrebbe messo insieme 72 punti contro i 79 totalizzati dlala Juventus. Sarebbe il secondo miglior risultato delle italiane, insieme all’Atalanta (appaiata ora in questa speciale classifica).
Per andare - con i buoni propositi del nuovo anno - a recuperare questi 8 punti è evidente che servirà anche il mercato. Dovrebbero essere 3 i giocatori con cui impreziosire la squadra. Un esterno a sinistra (viste le condizioni di Asamoah): il nome di Alonso è certamente quello più affascinante. E due centrocampisti. I nomi della short list sono noti: Kulusevski, Castrovilli, Ferreira (del River Plate), De Paul e Vidal (che non è sinceramencontento della sua situazione a Barcellona e su cui Conte punta molto). Per ognuno di questi ci sono dei problemi, anche perché per alcuni di questi (soprattutto i giovani) l’Inter sarebbe disposta anche a fare un investimento, per altri sarebbe molto più indicato il prestito. E poi - comunque vada - l’Inter uno sguardo ai bilanci lo deve fare. Non perché manchi la solidità economica, ma per mantere l’equilibrio necessario (come tutti). Ecco che quindi saranno molto importanti (anche per il futuro) le cessioni. E da questo punto di vista l’Inter è messa bene. Icardi sta facendo benissimo, Gabigol in Brasile ha spaccato. Solo per citare i due che ora hanno più appeal. Ma per rimanere a quelli che non sono in rosa Perisic e Nainngolan non stanno certo deludendo. Per non dover parlare dei gioiellini in organico come Lautaro Martinez e Skriniar. Ecco perché l’Inter sa che il mercato sarà movimentato. E che bisogna dare a questa squadra quel propellente in più per la seconda parte della stagione. E l’attaccante? Non necessario. Neanche se dovesse partire Politano che è stato utilizzato veramente poco e quasi mai da titolare. Con il rientro di Sanchez e l’esplosione di Esposito le 4 punte ci sono. Meglio investire in mezzo...
Come il Napoli. Con la virata al 433 di Gattuso è presumibile ritenere che un giocatore, davanti alla difesa, serva. Uno che sappia dettare i tempi. Uno alla Torreira, con il quale però ancora non si è approfondita la questione. Anche in questo caso il Napoli preferirebbe il prestito, ma non disdegna in assoluto l’investimento: come per Berge e Amrabat (addirittura preso per la prossima stagione). Ma anche a Napoli, Gattuso o non Gattuso,sono pronti ad intervenire. Soprattutto in vista della prossima stagione: bisogna chiarire molti punti. Gli stessi che hanno portato all’allontanamento di Ancelotti. E la domanda è sempre la stessa: questo gruppo è a fine ciclo? Le risposte le darà anche il finale di stagione.
La vicenda Ibra ancora non si è sbloccata. Aveva detto - lui stesso - che nella prima metà di dicembre ci sarebbe stata una risposta. Non è arrivata. Anzi, la situazione pare allentarsi giorno dopo giorno. Il Bologna si è sfilato, dicendo che Ibra aveva scelto altre avventure professionali, il Napoli - per bocca di De Laurentiis - non è più così caldo. Lato Milan non tornano i conti e non regna ottimismo, ma la pista non è tramontata.
Come non è tramontata quella di Todibo, uno degli obiettivi per rinforzare la squadra a gennaio. Lui e un attaccante, Ibra o meno.
Al Genoa hanno grandi idee. Potrebbe tornare Perin, dalla Juventus, in prestito. Ci si sta provando per Borini, in uscita dal Milan. E sta per arrivare anche Bruno Amione, difensore del Belgrano, stessa squadra di Romero, per 4,5 milioni di euro.
All’estero si sistemano le panchine della Premier. All’Arsenal, andrà Arteta, il secondo di Guardiola, il City ha dato l’ok. All’Everton Ancelotti, che già domenica sarà a vedere la partita e dalla prossima settimana dirigerà l’allenamento.

TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
Editor: TC&C srl web content publisher since 1994
Testata giornalistica Aut.Trib.di Arezzo n. 13/05 del 10/11/2005
Direttore Responsabile: Michele Criscitiello

Iscritto al Registro Operatori di Comunicazione n. 18246

Copyright © 2000-2021 - TUTTOmercatoWEB.com ®
Tutti i diritti riservati

P.IVA 01488100510

TMW Radio
TMW News
TMW Magazine
TMW Mob Calcio 2000