HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile

19.09.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 28244 volte

Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione.

Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter aveva giocato una buona partita, tenendo testa a una squadra che l’anno scorso era venuta a comandare in casa della Juventus, ed era uscita per 5 minuti di distrazione. Un’Inter inaspettata per concentrazione e intensità. Un’Inter che non sembrava essere stata assente per 7 anni dalla Champions, che si era subito immersa nel clima avvolgente e nel ritmo ossessivo delle partite europee, e che soprattutto non sembrava provenire dal mezzo psicodramma di questo inizio di campionato.

Eppure nonostante tutto, niente era bastato fino al minuto 86 di partita: non solo gli Spurs vincevano grazie a un gol sbilenco, ma pur giocando peggio erano anche quelli con le migliori occasioni.
Eppure l’Inter pressava bene, correva molto, non aspettava, provava a giocare il pallone.
Eppure perché non riusciva a creare occasioni, perché conduceva la partita ma non il risultato?
L’Inter l’ha vinta con il cuore martedì notte, ma da mercoledì mattina bisognerà usare la testa.
L’Inter l’ha vinta con il cuore di San Siro, che è fatto della stessa materia di cui è fatta la Champions, che è è stato commovente e scioccante nel suo ruggito e nella sua spinta, che ha cavato la forza della disperazione a quelli che erano in campo e a quelli che erano in panchina.

Ma adesso l’Inter dovrà usare la testa, per vedere l’errore più grosso che sembra sistematicamente vanificare i suoi sforzi psicologici e tecnici. L’Inter dovrà usare la testa per vedere come irrimediabilmente regali le partite agli avversari sempre nella stessa maniera.
Stava succedendo anche con il Tottenham: difesa solida, al massimo battuta solo da episodi fortuiti; stavolta anche una mediana alacre e precisa con Brozovic e Vecino.
E poi. E poi si perde tutto. E non certo per limiti tecnici, perché l’Inter strabocca di talento proprio davanti.

No. E’ che c’è un buco davanti a Brozovic. Trenta metri di campo vuoti, riempiti da nessuno se non dagli avversari, con gli esterni troppo alti e troppo avanti che riversano inutilmente cross a iosa.
Per alcuni tratti a San Siro si è rivisto un incubo tattico, quel 4-2-4 di Ventura con la Svezia, con i soliti cross per nessuno di Candreva, con una linea a 4 dove Nainggolan si sbraccia per ricevere il pallone.
Ha utilizzato il cuore l’Inter e ha vinto. Adesso bisogna usare la testa. Perché non è possibile che Spalletti non veda come 70 metri di buon gioco sono poi vanificati dagli ultimi 30 con quattro giocatori lontani e distanti che se la passano con un ordine da oratorio.
Martedì notte il cuore è bastato. Da mercoledì servirà la testa.

Da Valencia inizia una Champions storica per la Juventus. La prima Champions da venti anni a questa parte dove comincia da favorita assoluta. Per quella che è e che era l’anno scorso, per la fame di trofeo che nessuna ha come lei, per Cristiano che ha lei, per Cristiano che non ha più il Real Madrid, ma soprattutto perché a tutte le altre favorite manca qualcosa che la Juventus ha.
Nell’ordine: al Manchester City manca il fuoriclasse assoluto a cui aggrapparsi nei momenti difficili, e la Juve adesso ce l’ha; al Barcellona manca l’ineluttabilità di avere un appuntamento con la storia, che la Juventus invece sente; il Real Madrid è all’inizio di un percorso tattico, invece già ampiamente consolidato da anni alla Juve; al PSG manca addirittura di battezzare la paura persino di arrivare in finale, mentre la Juventus ha già esorcizzato il tremore di perdere l’atto conclusivo; al Bayern mancano ricambi, invece la Juve ha due titolari per posizione; al Liverpool forse manca molto di più un titolo in Premier, assente da 30 anni, mentre alla Juve beh non c’è bisogno nemmeno di dirlo; e al Manchester United manca la serenità e l’unita di intenti, che alla Juventus è invece un fiume in piena.
Rimane solo l’Atletico che può competere senza paura, ma che non ha certo la varietà tecnica dei bianconeri (e nemmeno la rinnovata potenza politica della società in Europa).
Per questo la Juventus entra con la responsabilità della favorita.

Altro che vittoria finale, il Napoli potrebbe aver già compromesso la qualificazione. Anche l’anno scorso steccò il primo appuntamento pareggiando con lo Shakhtar, e alla fine pagò amaramente le conseguenze. E stesso discorso stavolta: perché in un gruppo con Liverpool e PSG, dove dovrai andare ad Anfield e al Parco dei Principi, e dunque dovrai mettere in conto probabilmente di perdere in quelle due trasferte, in un gruppo simile il motore più potente è quello che mette dentro la benzina di 6 punti contro la Stella Rossa. Il Napoli adesso è nella situazione in cui vincerle tutte in casa e perdere le altre in trasferta potrebbe addirittura non essere sufficiente. Non ha giocato male a Belgrado, dove sarebbe stato difficile per chiunque bagnare l’esordio del Marakana in Champions 27 anni dopo. Ma adesso si sta sentendo tutta la mancanza di un cannoniere. Quello che era stato Higuain, e poi Mertens con un intuizione di Sarri. Perché puoi essere bello come con Sarri, o forte come con Ancelotti, ma se non c’è nessuno che la sbatte dentro con regolarità, rischi la qualificazione in Champions già dopo una giornata.

In una prima giornata complicata per tutti, paradossalmente il compito più semplice ce l’ha la Roma con il Real Madrid. Semplice, ma non facile. Perché è permesso perdere a Madrid, oggettivamente. E dunque tutto quello che ne viene in più è un guadagno. E in questo momento il Real Madrid ha un’identità in divenire, allontanandosi a grandi passi dalla macchina cinica di Zidane, per essere un meccanismo più arioso con Lopetegui. E la Roma non sarà più forte o migliore, ma sicuramente può essere un bastone messo tra gli ingranaggi che fa andare le merengue fuori giri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy