HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Come finirà il derby di Milano?
  Vincerà l'Inter
  Finirà in pari
  Vincerà il Milan

La Giovane Italia
Editoriale

L’Inter ora è al completo, il Napoli balla sulle punte, Defrel e le tre pretendenti (che studiano alternative) e i no alle cessioni

29.08.2019 07:55 di Luca Marchetti   articolo letto 35237 volte
© foto di Federico De Luca

E’ stato l’Inter day: due arrivi, due visite mediche e mercato – salvo clamorose sorprese – virtualmente chiuso. Prima la firma sul contratto di Biraghi, terzino sinistro della Nazionale Italiana, che si va a sommare al plotoncino azzurro su cui può contare Antonio Conte, qualche ora dopo è toccato ad Alexis Sanchez, l’ultimo colpo nerazzurro, quello che serviva a Marotta e Ausilio per completare nel miglior modo possibile l’attacco. Dopo la lunga corte a Dzeko, quando si era capito che la situazione si stava complicando e che Dzeko stava pensando sempre più a una permanenza giallorossa, l’Inter aveva già cominciato a riallacciare i rapporti con il Manchester per il cileno. E ora dopo una trattativa (più lunga forse del previsto) torna in Italia un altro signor giocatore. E la rincorsa che - come ha detto Conte – è appena iniziata ora ha un protagonista in più.
Per capire se invece un altro dei possibili protagonisti, ovvero Icardi, potrebbe in qualche modo farne parte bisognerà aspettare un altro paio di giorni. Necessari per far sedimentare l’ennesima chiacchierata con i dirigenti nerazzurri, stavolta anche alla presenza di Zhang, dove gli è stato ribadito che l’Inter non intende puntare su di lui. Senza dubbi. Il Napoli ancora ci spera, non certo fino a lunedì. Tanto è vero che nei prossimi giorni comunque ci sarà un incontro con gli agenti di Llorente (che è vero che sono passati anche nella sede Inter ma per altre questioni che non riguardano l’attaccante spagnolo e neanche operazioni di mercato). Insomma il Napoli, se riesce, un altro colpo in avanti vorrebbe farlo (e nel frattempo potrebbe cedere al Valencia in prestito Hysaj), per aumentare la potenza offensiva e le opzioni a disposizione di Ancelotti. In quel caso potrebbe partire Verdi, sempre nel mirino del Torino, a meno che nelle prossime ore non si chiuda l’operazione con il Bordeaux per Kamano.

La Juventus nel frattempo è ancora alle prese con le cessioni, e non è una situazione semplice. Mandzukic preferisce non andare al PSG, che lo aveva richiesto soprattutto dopo gli infortuni di Mbappé e Cavani. Il croato però non è convinto della destinazione (e comunque lasciare la Juventus che ha queste ambizioni è difficile per tutti quelli in partenza) ma pur di trovare la soluzione a lui più gradita vuole aspettare, consapevole di non essere inserito nella lista Champions. Situazione diversa invece per Rugani. La Roma non affonda il colpo e la trattativa con la Juventus (attraverso intermediari) procede a singhiozzo se non di fatto bloccata, ferma. Così come quella per Lovren, anche qui in piedi da diverse settimane, senza però giungere a conclusione. Ecco perché la Roma si vuole cautelare con la terza via, cercando in giro per l’Europa il profilo più giusto, magari in versione low cost (quindi in prestito).

Per quanto riguarda l’attacco invece sempre in stand by Kalinic in attesa che si torni alla formula giusta con il Lipsia per il trasferimento di Schick. Una volta chiusa la partenza di Schick, si farà arrivare il croato. E’ comunque in partenza Defrel, il più desiderato di questa ultima settimana di mercato: ultima notte di riflessione poi la decisione. Ballano in tre Sassuolo, Cagliari e Samp. L’ordine non è casuale, ma un possibile rilancio del Cagliari nella notte potrebbe cambiare le gerarchie. Si deciderà a breve. Tanto è vero che comunque la Sampdoria si è cautelata e nelle prossime ore potrebbe stringere sia per Simeone dalla Fiorentina che per Rigoni dallo Zenit (entrambi in prestito con obbligo di riscatto).

Al Sassuolo - nonostante siano ottimisti – comunque hanno le loro carte di riserva ovvero Augustin del Lipsia e Idrissi dell’AZ Alkmaar. Così come al Cagliari (Stepinski, che però piace anche al Verona) dove potrebbero chiudere ugualmente per Olsen, indipendentemente dalla trattativa per Defrel. Qualche ora ancora di attesa, poi gli incastri saranno ancora più nitidi alla luce del sole.

Nel frattempo il Bologna abbraccia Medel (arrivato per le visite mediche) che da sostanza e personalità al centrocampo rossoblu. Ma il mercato non finisce qui: infatti Bigon e Sabatini sono ad un passo da Nicolas Dominguez, 21 anni centrocampista argentino. La trattativa con il Velez procede bene. Il giocatore partirà nelle prossime ore per l’Italia dove arriverà per firmare il contratto. Il club emiliano comprerebbe il centrocampista per 5 milioni di euro e lo lascerebbe un anno in Argentina, ma ci sarebbe l’opzione per prenderlo già a gennaio se il Bologna ne dovesse aver bisogno.

Il Milan continua a tenere in stand by Correa (anche se ogni giorno che passa la pista si fa più stretta) con un’offerta che finora non ha soddisfatto l’Atletico e che probabilmente non lo soddisferà mai. Ecco perché al Milan hanno cercato di capire se è possibile arrivare a Everton del Gremio a segno la scorsa notte nella Libertadores contro il Palmeiras,. Operazione complicata perché il cartellino è diviso in diverse proprietà (società e vari procuratori).

A Firenze, dopo aver accolto Dalbert (arrivato nello scambio con Biraghi) la Fiorentina vista la difficoltà di arrivare a De Paul, ritenuto ormai praticamente incedibile dall’Udinese, punta su Raphinha dello Sporting Lisbona, che si punta di chiudere per 20 milioni.

In difesa la scelta è caduta su Caceres: contratto annuale con opzione. Ma non c’è ancora intesa totale sull’ingaggio del giocatore. C’è fiducia nonostante la concorrenza del Valencia.

Al Torino interessa molto Laxalt (oggi di nuovo a colloquio attraverso i suoi agenti a casa Milan) su cui c’è stato un sondaggio del Sassuolo. Che ora per sostituire Rogerio infortunato punta a Kennedy del Chelsea, che è molto offensivo ma intriga la società neroverde. Per la difesa si fa avanti per Chiriches.

A Lecce manca solo un ok per prendere Giannelli Imbula centrocampista classe ’92 dello Stoke City. L’operazione si può chiudere in prestito gratuito con diritto di riscatto a 4 milioni.

A Verona in arrivo Salcedo (oltre all’interesse per Stepinski)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le risposte della Champions sui progetti delle italiane. Cosa funziona e cosa non va... 19.09 - Un progetto per crescere ha bisogno di tempo. E soprattutto le battute d'arresto (più o meno dolorose) fanno parte del processo. E' necessario mantenere i nervi saldi, la capacità di poter guardare oltre un orizzonte che vada oltre i 90 minuti. Lo dimostra anche questa due giorni...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi 18.09 - Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri (forse) non nascerà, ma Maurizio ha un piano. Milan: il problema di Giampaolo è nell’estate (e il mercato non c’entra). Inter: il lavoro di Marotta e...il pensiero di Conte. Napoli: c'è il Liverpool, alla faccia dei comunicati 17.09 - Buon martedì. Eccoci qui a parlare di calcio. Ho perso al fantacalcio perché hanno annullato il gol a Joao Pedro. Non si fa. Ma veniamo a noi. Il calcio fa ammattire tutti e infatti spuntano le polemiche come funghi. Spunta la polemica su Sarri che parla degli orari di giuoco “e poi...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Sarri serve tempo ma Conte non ne concede. Inter concreta ma non bella. Cellino ci riprova con lo stadio... a Cagliari finì male. Samp, tra Vialli e Ferrero perde Di Francesco 16.09 - Se passi da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri devi preventivare che il passaggio possa risultare traumatico e, soprattutto, che ci voglia del tempo. Lo diciamo da due mesi: ai bianconeri, quest'anno, servirà tanta pazienza. Sarri è un allenatore vero e non impari i suoi schemi...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Il caso Mandzukic è chiaro: accetta il Qatar, aspetta la Cina o inguaia la Juventus?  La sicurezza di Koulibaly e la bacchetta magica di Conte. Il Milan riuscirà a ritornare grande? 15.09 - Doveva essere l'attacco di Mauro Icardi e Mario Mandzukic, sarà probabilmente di Gonzalo Higuain e Paulo Dybala. I due argentini erano sul mercato ad agosto, nella speranza di trovare una sistemazione e una plusvalenza. Due motivi diversi per la permanenza: il primo non voleva lasciare...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Mandzukic verso  il Qatar. Per gennaio ipotesi scambio Emre Can-Rakitic. Inter, per il centrocampo idea Matic. De Paul, oltre alla Fiorentina  attenzione anche al Milan 14.09 - Gennaio è lontanissimo, ma il mercato non si ferma, mai. Anche perché la chiusura della sessione estiva ha lasciato alcune situazioni in sospeso. In casa Juventus ci sono due vicende aperte: Mandzukic e Emre Can. Il futuro dell’attaccante (escluso dalla lista Champions e assente anche...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Sarri seduto su un vulcano. Torna dove perse lo scudetto e chi esclude Matuidi o Rabiot? Khedira o Emre Can? E Dybala? Mandzukic sta in panca o va in Qatar? E Montella rischia già. Conte fra Lautaro e Sanchez 13.09 - Penso a Sarri e ancora una volta ho come la sensazione che esista davvero la Dea Eupalla, come sosteneva il mitico Gianni Brera del quale abbiamo parlato giustamente tanto in questi giorni. O se non esiste, credo che da qualche parte almeno si nasconda un Folletto malizioso capace...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Chi spende e chi vince: non sempre coincide, anzi... le classifiche in Europa e in Italia 12.09 - Manca poco meno di una settimana e poi inizierà anche la Champions League. E le ambizioni delle squadre che parteciperanno i "pronostici" possono arrivare anche da un'analisi economica. E ci viene in aiuto una ricerca fatta dal CIES, pochi giorni fa, che testimonia come la voglia...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

I problemi delle grandi. Juventus: difesa fragile, scontenti rumorosi. Inter: esterni in prova, l’Europa di Conte. Napoli: poca intensità, cazzimma da trovare. Roma: nazionali senza filtro, e senza storia. Milan: poche idee ma confuse 11.09 - Tra le sette piaghe bibliche inflitte all’umanità non c’era ancora la pausa per le Nazionali a settembre solo perché ancora in quel tempo non era iniziato il campionato, ma nell’anno 2019 di grazia del Signore la sosta di inizio settembre si piazza come indice di gradimento esattamente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Balle da post-mercato: occhio alle fregature. Nazionale: la retorica ci ucciderà. Zhang-DeLaurentiis e la sfida per l’Eca: molto più di una poltrona. 10.09 - Rieccoci. Non è che ci sia molto da dire. Del resto siamo al 43242° giorno di pausa per la nazionale, una calamità capace di uccidere persino taluni virus rari. Durante la pausa per la nazionale c’è talmente poco da dire che il livello di balle raggiunge l’iperuranio. Per dire, il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510