VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

L'Inter pensa al grande ritorno di Mancini in panchina. Icardi in partenza per Wanda Nara. Juve, slitta il rinnovo di Conte. I piani del Milan per trovare un socio e rifare la squadra. Cuadrado all'asta

Nato ad Aulla (Massa Carrara) il 16/03/54 comincia giovanissimo a collaborare con La Nazione portando la partita che giocava lui. Poi inviato speciale e commentatore, oggi direttore del Qs Quotidiano sportivo della Nazione, Resto del Carlino e Giorno
04.04.2014 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 38599 volte
© foto di Federico De Luca

Al di là del valore del tecnico, dei risultati ottenuti in quindici anni di serie A e di quello che potrà ancora dare, Mazzarri dovrebbe porsi soltanto una domanda: se io fossi Thohir terrei sulla panchina dell'Inter l'allenatore scelto da Moratti? E su questo Mazzarri dovrebbe cominciare a ragionare e a guardarsi attorno. Le probabilità che il tecnico resti in nerazzurro sono veramente poche e al di là di De Boer e Laudrup che piacciono molto per lo spessore internazionale, nelle ultime ore è arrivata una soffiata niente male non da uno dei soliti giornalisti che alimentano il fuoco, ma da un allenatore che sulla panchina dell'Inter c'è stato: Hector Cuper.
Proprio Cuper fa sapere che sarebbe stato consigliato a Thohir di riprendersi Roberto Mancini. Le considerazioni che sarebbero state fatte sono tutte pertinenti, l'identikit potrebbe davvero essere quello giusto. Mancini è un vincente, ovunque sia stato da allenatore e da giocatore ha portato a casa campionati nazionali e coppe. Ha un profilo internazionale, ha vinto la Premier con il City e da giocatore è stato un grande. Conosce l'Inter e gli interismi come pochi altri, dalla società ai tifosi, passando per lo spogliatoio, il nerazzurro non ha segreti per Roberto Mancini. Ora è al Galatasaray, ma si tratta di una soluzione di passaggio, tanto che sul contratto ha fatto scrivere che in qualsiasi momento può liberarsi. L'unico problema potrebbe essere l'ingaggio, Mancini è uno abituato a guadagnare cifre molto importanti (al City 5 milioni più i premi), ma per tornare all'Inter e nel grande giro è disposto a tagliare le pretese.
A Mancini aveva già pensato anche la Juventus nella eventualità che la trattativa per il rinnovo con Conte non dovesse andare a buon fine, ma nelle ultime settimane la candidatura di Spalletti (proposto ai bianconeri) sempre come alternativa a Conte, sta prendendo forza.
La rivelazione di Cuper, dunque, è una novità che anima ancora di più questo finale di campionato e Mazzarri per sperare in una riconferma dovrebbe conquistare un posto in Europa League, ma anche dimostrare di avere la squadra in mano con grande lucidità cosa che non è sembrata a Livorno. La gara di domani sera con il Bologna, sulla carta semplice, nasconde quindi molte insidie con un candidato pesante come Roberto Mancini alle spalle.
Tra l'altro Mancini ha sempre dimostrato di saperci fare con i giovani e Thohir vuol fare una squadra di giovani. Il suo carisma è importante quando devi insegnare calcio. A proposito di giovani, però, c'è Icardi che non sembra molto gradito al presidente indonesiano attento anche alla immagine del suo club. La vicenda personale con la moglie di Maxi Lopez e l'ostentata relazione sui social, la maglia con Wanda Nara sbandierata alle telecamere, non ha fatto impazzire Thohir . Icardi sarà messo sul mercato per monetizzare, ma anche per togliersi un motivo di gossip che non fa bene quando si parla di sport. Anche Guarin è nella lista dei partenti per fare cassa anche in questo caso, ma anche per eliminare un problema dopo la vicenda con la Juve e la contestazione dei tifosi. Lo vogliono soprattutto in Spagna e in Inghilterra.
In tema allenatori, è slittata la firma sul rinnovo di Conte. Come vi abbiamo detto qualche settimana fa, la trattativa sta andando bene, molto meglio rispetto all'autunno scorso, i piani di rafforzamento prospettati dalla società sono stati approvati dall'allenatore, ma nero su bianco non c'è ancora. Conte non vuole distrazioni, ha chiesto di far slittare tutto dopo la conquista matematica dello scudetto che se tutto va bene dovrebbe avvenire fra tre-quattro domeniche. Insomma, ancora un mese per sapere.
Grande attenzione hanno destato anche le parole di Barbara Berlusconi sulla ricerca di un partner per rilanciare il Milan. Un socio al 30 per cento avrebbe la possibilità di trovare una importante apertura sul mercato italiano per la costruzione del nuovo stadio e tutto il relativo business che ne può derivare, il rilancio del brand Milan uno dei più importanti nel mondo, ma anche l'eventuale testa di ponte per l'ingresso nel mercato dei diritti televisivi del campionato italiano attraverso la Fininvest. Tutte situazioni capaci di stimolare magnati dei paesi emergenti con i quali Barbara Berlusconi si incontrerà nelle prossime settimane.
Infine un'altra vicenda che sta tenendo banco: dove andrà Cuadrado? Fino a qualche tempo fa Andrea Della Valle era fermamente deciso a riscattare il giocatore dall'Udinese pagando l'altra metà per tenerlo poi alla Fiorentina. C'è già stato anche un contatto con l'entourage del colombiano per strappare l'ok alla permanenza a Firenze per almeno un altro anno con adeguamento dell'ingaggio. La mancata partecipazione alla Champions League della Fiorentina e le numerose richieste per il giocatore arrivate dalle più grandi società d'Europa ( Bayern, Barcellona prima del blocco del mercato, Arsenal, Manchester e Juventus) stanno facendo vacillare la Fiorentina e il giocatore potrebbe finire all'asta per finanziare il mercato viola con l'obiettivo di fare una squadra ancora più forte. Come è successo in sostanza nel 2012 con Nastasic e nel 2013 con Jovetic. Il riscatto sarà comunque trattato con Pozzo forse domenica prossima prima di Fiorentina-Udinese. I viola propongono dodici milioni per la metà, l'Udinese ne vuole 15. A Montella piace molto anche Muriel e non da oggi, potrebbe essere inserito nell'affare con le solite modalità adottate per Cuadrado due anni fa. Anche la Juventus è alla finestra, ha proposto all'Udinese l'acquisto del giovanissimo portiere Scuffett, ma piace da sempre pure Cuadrado. Anche di questo hanno parlato quindici giorni fa Andrea Della Valle e Andrea Agnelli, ma Cuadrado in bianconero non si può fare. Dappertutto, ma non alla Juve, una storia simile a quella di Jovetic.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: una fantasia e una possibilità... Real. Inter: Joao Mario e Eder, occhio alle partenze! Milan: gli effetti della vittoria sugli attacchi esterni (e Gattuso...). Napoli: ecco quali sono i colpi giusti. Roma: "i tempi" sbagliati 23.01 - Ciao. Volevo partire con un ragionamento a voce alta. Siamo in piena campagna elettorale. Ma perché tutti i candidati dicono sempre “ho fatto”, “farò”, “quell’altro è uno stronzo” e nessuno, mai, dice “allora, parliamoci chiaro, non sono proprio il numero uno, a volte combino delle...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, mercato di gennaio intelligente: ecco cosa manca. Milan, si accende la luce di Rino e si spegne quella di Fassone. Verona assurdo: Pecchia e Fusco non da A. FIGC, Tommasi faccia un passo indietro... 22.01 - Difficile chiedere qualcosa di più, sul mercato, all'Inter. Senza soldi ma con molte idee. Suning tiene chiusa la borsa cinese e, prima o poi, dovrà spiegare anche cosa vorrà fare di questa Inter; affida a Sabatini l'arduo compito di rinforzare una squadra che senza Champions vedrebbe...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Verdi-Napoli: in estate scopriremo la verità. Milan, fidarsi di Mendes è stato un errore. Cosa fai Monchi? La Roma sta rischiando grosso 21.01 - Ma cosa passa nella testa di alcune persone? Me lo sono chiesto in questi giorni vedendo le reazioni e alcuni messaggi rivolti a Simone Verdi - e persino alla sua compagna - per la scelta di restare al Bologna. Offese personali, addirittura qualche minaccia di morte. Ma perché? Badate...

EditorialeDI: Mauro Suma

Balotelli: il Milan c'entra Buffon: come Rivera l'ultimo anno Thohir: Inter usata in chiave anti Milan? 20.01 - Cosa c'entra il Milan con Mario Balotelli? Niente. Anzi, parliamone. La prima sensazione infatti è che l'apertura di credito a quanto sta facendo Balo in Ligue 1 significa che i cannoni mediatici restano belli accesi e belli carichi proprio sul Milan in relazione a eventuali sviluppi...

EditorialeDI: Luca Serafini

Napoli, Inter, Roma: mercato pro-Juve, ma fanno notizia le ombre del Milan 19.01 - Non cadete nelle trappole propagandistiche. La politica italiana ha così pochi argomenti propositivi che l’unico esercizio remunerativo appare la distruzione verbale dell’avversario. Insulti, minacce, dubbi e sospetti, così l’operazione Berlusconi-Milan cinese è diventato (dopo il...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.