HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

L'Italia delle barzellette. Il Genoa "vende-non vende", il funerale a Modena, la Vibonese in C e poi in D e le istituzioni che latitano. Serve la svolta

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
02.10.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 24629 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Davvero vogliamo parlare di Montella che ne ha persa un'altra o dobbiamo stare ancora qui a rimarcare i meriti di un Napoli divertente e vincente? Ma cosa ci interessa il campo quando fuori è tutto un disastro. La più grande delusione, fin qui, è Carlo Tavecchio che avrebbe dovuto fare la rivoluzione prima di ritirarsi in pensione sul Lago di Como, città a lui tanto cara. Ne parleremo più avanti. Anche gli uomini di Tavecchio che con tante belle parole avevano compilato i programmi e poi, invece, non hanno cambiato un bel nulla. Gli amici degli amici sono sempre lì, le regole scritte ed interpretate a uso e consumo proprio. Ci sono tanti elementi da pubblicare perché, prima o poi, il palazzo salta per davvero. Volete parlare di Montella? Facciamolo. Il Milan non ha giocato una brutta partita. Ha retto contro la Roma che oggi è più squadra e poteva anche passare in vantaggio. Una volta preso il gol, il Milan si è disgregato; ma la sconfitta di ieri ci può stare. Le prestazioni con Lazio e Sampdoria non sono giustificabili, ma la gara con la Roma non può essere la goccia che fa traboccare il vaso. Il Milan ha bisogno di tempo per diventare squadra; anche se l'allenatore attuale non ha tutte le competenze per velocizzare l'operazione. Si deve dare una sveglia il Torino, sarebbe da ufficio inchieste il primo tempo della Sampdoria a Udine se non fossimo ad inizio ottobre. Sarebbe da psicanalisi il momento di Benevento e Sassuolo, mentre il Verona dà segnali di vita nel finale. Parlerei di calcio giocato ore, ma i problemi veri sono altri e vanno risolti. Sono a Roma dove il governo del pallone latita e più che risolvere i problemi continua a nascondere la polvere sotto il tappeto. In Italia pensiamo solo alla serie A ma ci sono altre tre leghe che vanno curate. Basti pensare che la A e la B ancora non hanno un Presidente. Continuiamo a puntare sui politici quando abbiamo bisogno di "governi tecnici". La serie A deve essere guidata da Brunelli Presidente e Santoro Direttore. La soluzione ce l'hanno sotto il naso ma la ignorano tutti. La B deve essere presieduta da qualcuno che capisca di diritti televisivi, considerato che il contratto con Sky scade a fine anno e non nel 2055. La serie B si mantiene in piedi solo con quei soldi, più la mutualità, se non parti oggi a fare la trattativa con un Presidente capace rischi di andare giù per le scale. In Italia siamo il Paese che urla agli scandali, poi lo scandalo non c'è e sul giornale ti trovi un trafiletto di due righe, contro le mille prime pagine. Prendete il caso Infront. Hanno distrutto una organizzazione che funzionava e produceva soldi, tirava avanti il sistema. Sembrava tutto da Inchiesta della Procura della Repubblica, poi è finito in pochi mesi in una bolla di sapone, molta gente ha perso il posto di lavoro ma ormai il vaso è stato rotto. Il caso Genoa è da scrivere nei libri di storia. Preziosi è l'unico Presidente che avrà venduto la società 40 volte ma alla fine se l'è sempre tenuta stretta. I motivi sono tanti ma soprattutto due: Preziosi non vuole lasciare il calcio e il Genoa, con questi debiti, non troverà mai un acquirente serio. Il problema è che parliamo della società più vecchia d'Italia con un appeal clamoroso e una delle migliori tifoserie del calcio italiano. Come può il Genoa guardare con fiducia al futuro? Il cielo è nero, nerissimo e Preziosi continua a non fare chiarezza. Ma qualcuno che guardi i numeri a bilancio c'è? Nel nostro calcio mancano controlli veri. Manca la meritocrazia. Devono andare avanti le società serie e non le società affidate a imprenditori improvvisati e dirigenti squalificati. Il funerale ci mancava. Dopo le croci di Avellino, negli anni '90, sono arrivati manifesti a lutto e bara al Braglia di Modena. Al primo ottobre, una squadra gloriosa come Modena perde la partita a tavolino perché senza stadio. Siamo all'assurdità più assoluta. Se chiediamo perché il Modena sia stato iscritto al campionato ci rispondono che aveva i requisiti e ha presentato regolare fideiussione; ma qui neanche ci poniamo il problema se una squadra può finire il campionato, neanche lo riesce ad iniziare. Continuiamo ad iscrivere società che non arrivano a fine mese e non proteggiamo società serie e facoltose. Questo si meritano le istituzioni del calcio. Il Presidente Gravina è l'unico che battaglia dalla mattina alla sera e si dà sempre un gran da fare ma non può cambiare lui le normative e non può essere il garante di tutti. I problemi sono al piano di sopra. Il caso Pisa non ha insegnato nulla, il caso Messina è già stato dimenticato e anche il paradosso Vibonese è qualcosa che Gravina ha subito senza poter mettere becco. I problemi sono federali, la Lega è un'altra cosa. A Tavecchio, di fatto, volevano far firmare un documento che smentisse un documento firmato da lui stesso. Signori, champagne. Tavecchio non ha saputo vigilare a casa sua, Como, quando 3 mesi fa una avvenente, mica tanto, signora di colore voleva fare shopping sul lago e non trovando nulla nei negozi più IN ha deciso di comprare, si fa per dire, il Como. Non ha saputo vigilare prima e neanche dopo. Anzi, si è reso complice insieme ad un sistema che prima o poi andrà scardinato. Volete sapere le prossime mosse romane? Ve le racconteremo più avanti, con nomi e fatti. I compagni di merende ci sono sempre e saranno eterni ma, prima o poi, finiranno queste merende o dureranno in eterno?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy