HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

L'Italia delle barzellette. Il Genoa "vende-non vende", il funerale a Modena, la Vibonese in C e poi in D e le istituzioni che latitano. Serve la svolta

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
02.10.2017 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 24620 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

Davvero vogliamo parlare di Montella che ne ha persa un'altra o dobbiamo stare ancora qui a rimarcare i meriti di un Napoli divertente e vincente? Ma cosa ci interessa il campo quando fuori è tutto un disastro. La più grande delusione, fin qui, è Carlo Tavecchio che avrebbe dovuto fare la rivoluzione prima di ritirarsi in pensione sul Lago di Como, città a lui tanto cara. Ne parleremo più avanti. Anche gli uomini di Tavecchio che con tante belle parole avevano compilato i programmi e poi, invece, non hanno cambiato un bel nulla. Gli amici degli amici sono sempre lì, le regole scritte ed interpretate a uso e consumo proprio. Ci sono tanti elementi da pubblicare perché, prima o poi, il palazzo salta per davvero. Volete parlare di Montella? Facciamolo. Il Milan non ha giocato una brutta partita. Ha retto contro la Roma che oggi è più squadra e poteva anche passare in vantaggio. Una volta preso il gol, il Milan si è disgregato; ma la sconfitta di ieri ci può stare. Le prestazioni con Lazio e Sampdoria non sono giustificabili, ma la gara con la Roma non può essere la goccia che fa traboccare il vaso. Il Milan ha bisogno di tempo per diventare squadra; anche se l'allenatore attuale non ha tutte le competenze per velocizzare l'operazione. Si deve dare una sveglia il Torino, sarebbe da ufficio inchieste il primo tempo della Sampdoria a Udine se non fossimo ad inizio ottobre. Sarebbe da psicanalisi il momento di Benevento e Sassuolo, mentre il Verona dà segnali di vita nel finale. Parlerei di calcio giocato ore, ma i problemi veri sono altri e vanno risolti. Sono a Roma dove il governo del pallone latita e più che risolvere i problemi continua a nascondere la polvere sotto il tappeto. In Italia pensiamo solo alla serie A ma ci sono altre tre leghe che vanno curate. Basti pensare che la A e la B ancora non hanno un Presidente. Continuiamo a puntare sui politici quando abbiamo bisogno di "governi tecnici". La serie A deve essere guidata da Brunelli Presidente e Santoro Direttore. La soluzione ce l'hanno sotto il naso ma la ignorano tutti. La B deve essere presieduta da qualcuno che capisca di diritti televisivi, considerato che il contratto con Sky scade a fine anno e non nel 2055. La serie B si mantiene in piedi solo con quei soldi, più la mutualità, se non parti oggi a fare la trattativa con un Presidente capace rischi di andare giù per le scale. In Italia siamo il Paese che urla agli scandali, poi lo scandalo non c'è e sul giornale ti trovi un trafiletto di due righe, contro le mille prime pagine. Prendete il caso Infront. Hanno distrutto una organizzazione che funzionava e produceva soldi, tirava avanti il sistema. Sembrava tutto da Inchiesta della Procura della Repubblica, poi è finito in pochi mesi in una bolla di sapone, molta gente ha perso il posto di lavoro ma ormai il vaso è stato rotto. Il caso Genoa è da scrivere nei libri di storia. Preziosi è l'unico Presidente che avrà venduto la società 40 volte ma alla fine se l'è sempre tenuta stretta. I motivi sono tanti ma soprattutto due: Preziosi non vuole lasciare il calcio e il Genoa, con questi debiti, non troverà mai un acquirente serio. Il problema è che parliamo della società più vecchia d'Italia con un appeal clamoroso e una delle migliori tifoserie del calcio italiano. Come può il Genoa guardare con fiducia al futuro? Il cielo è nero, nerissimo e Preziosi continua a non fare chiarezza. Ma qualcuno che guardi i numeri a bilancio c'è? Nel nostro calcio mancano controlli veri. Manca la meritocrazia. Devono andare avanti le società serie e non le società affidate a imprenditori improvvisati e dirigenti squalificati. Il funerale ci mancava. Dopo le croci di Avellino, negli anni '90, sono arrivati manifesti a lutto e bara al Braglia di Modena. Al primo ottobre, una squadra gloriosa come Modena perde la partita a tavolino perché senza stadio. Siamo all'assurdità più assoluta. Se chiediamo perché il Modena sia stato iscritto al campionato ci rispondono che aveva i requisiti e ha presentato regolare fideiussione; ma qui neanche ci poniamo il problema se una squadra può finire il campionato, neanche lo riesce ad iniziare. Continuiamo ad iscrivere società che non arrivano a fine mese e non proteggiamo società serie e facoltose. Questo si meritano le istituzioni del calcio. Il Presidente Gravina è l'unico che battaglia dalla mattina alla sera e si dà sempre un gran da fare ma non può cambiare lui le normative e non può essere il garante di tutti. I problemi sono al piano di sopra. Il caso Pisa non ha insegnato nulla, il caso Messina è già stato dimenticato e anche il paradosso Vibonese è qualcosa che Gravina ha subito senza poter mettere becco. I problemi sono federali, la Lega è un'altra cosa. A Tavecchio, di fatto, volevano far firmare un documento che smentisse un documento firmato da lui stesso. Signori, champagne. Tavecchio non ha saputo vigilare a casa sua, Como, quando 3 mesi fa una avvenente, mica tanto, signora di colore voleva fare shopping sul lago e non trovando nulla nei negozi più IN ha deciso di comprare, si fa per dire, il Como. Non ha saputo vigilare prima e neanche dopo. Anzi, si è reso complice insieme ad un sistema che prima o poi andrà scardinato. Volete sapere le prossime mosse romane? Ve le racconteremo più avanti, con nomi e fatti. I compagni di merende ci sono sempre e saranno eterni ma, prima o poi, finiranno queste merende o dureranno in eterno?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non solo Cristiano Ronaldo... la serie A risponde 12.07 - Cristiano Ronaldo alla Juventus ha avuto un’eco mediatica incredibile. E questo è solo l’assaggio di quello che succederà in Italia da adesso in poi. A cominciare da lunedì, quando ci sarà il CR7-day. Arrivo, visite mediche, conferenza stampa e presentazione. Poi da lì in poi inizierà...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

La Juventus porta avanti il calcio italiano riportando indietro l’orologio di 20 anni: entriamo in una nuova era. Nella storia del calcio italiano solo il passaggio di Ronaldo all’Inter è paragonabile, ecco perché 11.07 - Qui Radio Mosca, ma il terremoto di Torino è arrivato a ondate fino a qua. Qua dove sono io adesso, nel Media Center dell’astronave aliena della Krushovka Arena di San Pietroburgo, qua dove c’era una semifinale dei Mondiali. Ah, c’era una semifinale dei Mondiali? Se ne sono accorti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy