VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

L'ombra di Ancelotti anche su Di Francesco. Allegri e quel vizietto del futuro. Pavoletti: con Sarri poi te ne vai

30.09.2017 15:21 di Mauro Suma   articolo letto 16493 volte

Di Ancelotti e Montella si è detto e scritto abbastanza. Ma non è giusto restringere il cerchio. Sarebbe limitativo e parziale. C'è ad esempio un allenatore, protetto da un calendario benevolo, su cui l'ombra di Ancelotti, almeno mediaticamente, potrebbe proiettarsi ugualmente. Si tratta proprio di Eusebio Di Francesco. E non ci riferiamo solo al fatto che Carlo Ancelotti, proiettato psicologicamente in questo momento sulla Premier League dopo l'esonero bavarese, potrebbe essere molto affascinato dal richiamo della foresta giallorosso, dal ritorno in una piazza che lui ha amato e dalla quale è stato amato negli anni Ottanta. Sono altri i dati di fatto. Il problema di Montella qual è? Le due partite contro Lazio e Sampdoria. Giusto. Corretto. Di Francesco ha avuto lo stesso problema contro Inter e Atletico Madrid. Dopo la sconfitta contro i nerazzurri, la mancata riscossa per motivi di maltempo contro la Sampdoria e la prestazione in forte soggezione contro gli spagnoli, erano trapelati, e non solo trapelati, gli spifferi e i mugugni di Dzeko e Nainggolan per il "nuovo sistema di gioco". Ma a dare manforte a Di Francesco è stato il calendario, morbido e benevolo, rappresentato dalle sfide contro Verona, Benevento, Udinese e Qarabag. Anche per la Roma quella contro il Milan è una partita-esame, non può essere solo Montella allo scoperto, solo Montella con il cerino in mano perchè dopo i primi problemi gli è piombato addosso un calendario che fra Sampdoria, Roma e Inter nella contingenza attuale è molto più duro. Da una parte banchi di prova, dall'altra impegni calibrati, sì insomma con tutto il rispetto morbidi. La Roma è più collaudata e assestata? Certo, ma perchè ha vissuto negli anni scorsi un ciclo diverso da quello rossonero e non ha dovuto fare rivoluzioni nel corso dell'ultima estate. La forza della Roma prescinde dalla mano dell'attuale allenatore che è molto bravo e professionale ma che dopo Inter e Atletico Madrid non ha avuto altre verifiche dello stesso livello. Si giocano molto entrambe dunque domani, Milan e Roma. Sia Milan che Roma. Sia Montella che Di Francesco. Gli esami non finiscono mai, ma per tutti.

Nel calcio di oggi, soprattutto parlato, il tempo non esiste. Quello che accade un minuto prima cancella mesi e anni di tendenze, oppure quello che si prevede possa accadere nel giro di qualche anno viene reso così ridondante dai media, viene stressato e ricordato a tal punto che il futuro può bussare alla porta in men che non si dica. Massimiliano Allegri ha dichiarato questa settimana che fra cinque, sei anni smette e che la Nazionale non gli dispiacerebbe. Adesso che la Juventus vince in Campionato e si è ripresa in Champions League la dichiarazione fila liscia. Ma intanto rimane negli archivi. E nel caso remoto ed eventuale di problemi sul cammino bianconero, in quanti la rinfaccerebbero al tecnico di Livorno? Pensa già a come e quando smettere, è demotivato etc. Era già accaduto ad Allegri al Milan, nel mese di Gennaio del 2014, in una situazione ambientale e societaria nettamente diversa da quella granitica e vincente della Juventus di oggi, di anticipare di qualche mese il suo addio al Milan. A fine stagione non sarò più l'allenatore del Milan. E nel giro di otto giorni, dopo le due partite contro Atalanta e Sassuolo, si verificò proprio quanto aveva annunciato Max. Non era più l'allenatore del Milan. E' positivo che Allegri sia rimasto sè stesso e non abbia perso la libertà di progettare il proprio futuro, ma bisogna sempre immaginare l'altra metà di quello che si dice. O di quello che si paventa. Soprattutto quando si è lassù.

Una vera e propria crudeltà. il secondo crociato di Milik. Una doppia ingiustizia, di cui conoscono il retrogusto amaro anche Perin e Florenzi nella nostra Serie A. Tutto molto bello quello che si è fatto, detto e scritto a Napoli per rendere il meno angoscioso possibile il futuro prossimo di Arek. Ma qualcuno che si è chiesto perchè mai il Napoli non si fosse cautelato tenendo almeno uno fra Pavoletti e Duvan Zapata, non è mancato. Già perchè? Vista la delicatezza del pregresso del gigante polacco, non valeva la pena salvaguardare almeno Duvan, visto che Pavoletti era magari particolarmente demotivato? Domande legittime, ma soluzione del problema impossibile. La società e la dirigenza lo avrebbero anche fatto, ma i giocatori volevano andare via. Perchè sapevano che con Sarri poi non avrebbero giocato mai. Il gioco del Napoli è così specifico, affascinante e complesso nella sua organizzazione, che chi non entra nei meccanismi alla perfezione è destinato a non vedere il campo mai. Ecco perchè. Ed ecco perchè, nel calcio a volte non ci sono colpe, ma solo conseguenze. Di scelte e linee di lavoro che rendono una creatura assolutamente unica.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.