HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

L'ombra di Ancelotti anche su Di Francesco. Allegri e quel vizietto del futuro. Pavoletti: con Sarri poi te ne vai

30.09.2017 15:21 di Mauro Suma   articolo letto 16972 volte

Di Ancelotti e Montella si è detto e scritto abbastanza. Ma non è giusto restringere il cerchio. Sarebbe limitativo e parziale. C'è ad esempio un allenatore, protetto da un calendario benevolo, su cui l'ombra di Ancelotti, almeno mediaticamente, potrebbe proiettarsi ugualmente. Si tratta proprio di Eusebio Di Francesco. E non ci riferiamo solo al fatto che Carlo Ancelotti, proiettato psicologicamente in questo momento sulla Premier League dopo l'esonero bavarese, potrebbe essere molto affascinato dal richiamo della foresta giallorosso, dal ritorno in una piazza che lui ha amato e dalla quale è stato amato negli anni Ottanta. Sono altri i dati di fatto. Il problema di Montella qual è? Le due partite contro Lazio e Sampdoria. Giusto. Corretto. Di Francesco ha avuto lo stesso problema contro Inter e Atletico Madrid. Dopo la sconfitta contro i nerazzurri, la mancata riscossa per motivi di maltempo contro la Sampdoria e la prestazione in forte soggezione contro gli spagnoli, erano trapelati, e non solo trapelati, gli spifferi e i mugugni di Dzeko e Nainggolan per il "nuovo sistema di gioco". Ma a dare manforte a Di Francesco è stato il calendario, morbido e benevolo, rappresentato dalle sfide contro Verona, Benevento, Udinese e Qarabag. Anche per la Roma quella contro il Milan è una partita-esame, non può essere solo Montella allo scoperto, solo Montella con il cerino in mano perchè dopo i primi problemi gli è piombato addosso un calendario che fra Sampdoria, Roma e Inter nella contingenza attuale è molto più duro. Da una parte banchi di prova, dall'altra impegni calibrati, sì insomma con tutto il rispetto morbidi. La Roma è più collaudata e assestata? Certo, ma perchè ha vissuto negli anni scorsi un ciclo diverso da quello rossonero e non ha dovuto fare rivoluzioni nel corso dell'ultima estate. La forza della Roma prescinde dalla mano dell'attuale allenatore che è molto bravo e professionale ma che dopo Inter e Atletico Madrid non ha avuto altre verifiche dello stesso livello. Si giocano molto entrambe dunque domani, Milan e Roma. Sia Milan che Roma. Sia Montella che Di Francesco. Gli esami non finiscono mai, ma per tutti.

Nel calcio di oggi, soprattutto parlato, il tempo non esiste. Quello che accade un minuto prima cancella mesi e anni di tendenze, oppure quello che si prevede possa accadere nel giro di qualche anno viene reso così ridondante dai media, viene stressato e ricordato a tal punto che il futuro può bussare alla porta in men che non si dica. Massimiliano Allegri ha dichiarato questa settimana che fra cinque, sei anni smette e che la Nazionale non gli dispiacerebbe. Adesso che la Juventus vince in Campionato e si è ripresa in Champions League la dichiarazione fila liscia. Ma intanto rimane negli archivi. E nel caso remoto ed eventuale di problemi sul cammino bianconero, in quanti la rinfaccerebbero al tecnico di Livorno? Pensa già a come e quando smettere, è demotivato etc. Era già accaduto ad Allegri al Milan, nel mese di Gennaio del 2014, in una situazione ambientale e societaria nettamente diversa da quella granitica e vincente della Juventus di oggi, di anticipare di qualche mese il suo addio al Milan. A fine stagione non sarò più l'allenatore del Milan. E nel giro di otto giorni, dopo le due partite contro Atalanta e Sassuolo, si verificò proprio quanto aveva annunciato Max. Non era più l'allenatore del Milan. E' positivo che Allegri sia rimasto sè stesso e non abbia perso la libertà di progettare il proprio futuro, ma bisogna sempre immaginare l'altra metà di quello che si dice. O di quello che si paventa. Soprattutto quando si è lassù.

Una vera e propria crudeltà. il secondo crociato di Milik. Una doppia ingiustizia, di cui conoscono il retrogusto amaro anche Perin e Florenzi nella nostra Serie A. Tutto molto bello quello che si è fatto, detto e scritto a Napoli per rendere il meno angoscioso possibile il futuro prossimo di Arek. Ma qualcuno che si è chiesto perchè mai il Napoli non si fosse cautelato tenendo almeno uno fra Pavoletti e Duvan Zapata, non è mancato. Già perchè? Vista la delicatezza del pregresso del gigante polacco, non valeva la pena salvaguardare almeno Duvan, visto che Pavoletti era magari particolarmente demotivato? Domande legittime, ma soluzione del problema impossibile. La società e la dirigenza lo avrebbero anche fatto, ma i giocatori volevano andare via. Perchè sapevano che con Sarri poi non avrebbero giocato mai. Il gioco del Napoli è così specifico, affascinante e complesso nella sua organizzazione, che chi non entra nei meccanismi alla perfezione è destinato a non vedere il campo mai. Ecco perchè. Ed ecco perchè, nel calcio a volte non ci sono colpe, ma solo conseguenze. Di scelte e linee di lavoro che rendono una creatura assolutamente unica.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Il derby di Milano: strade incrociate, obiettivi comuni 18.10 - Siamo entrati nel vivo: la settimana del derby di Milano. E dopo la pausa per gli impegni della Nazionale, che ci ha regalato una bella vittoria contro la Polonia fatta di speranza e di bel gioco, non poteva tornare con una partita migliore, il campionato di serie A. Milan e Inter...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby time: ecco perché il Milan è favorito. L’Inter sarebbe più in forma, ma… Cristiano Ronaldo con vista Manchester: la Juventus pensa già allo United per spaventare l’Europa. I 35 milioni offerti dal Napoli per Piatek 17.10 - Come si vince il Derby della Madonnina? E chi rischia di più? Inter-Milan è la partita che noi tutti ci meritiamo dopo due settimane di pausa, ristoratrici per la Nazionale e per il nostro amor proprio, ma che ci hanno lasciato una fame di calcio tale da sbirciare quasi con curiosità...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: quel che si può dire (e non dire) su Ronaldo. Inter e Milan: un derby lunghissimo (con Marotta sullo sfondo). Napoli: il prezzo di Piatek. Italia: bentornati azzurri, ma sugli stadi… 16.10 - Ciao. Domenica c’è il derby, l’altro giorno invece ha giocato la Nazionale. Ci si divide tra chi dice “uh ma che bella Nazionale! Parliamone!” e chi “che due maroni la sosta, pensiamo al derby di Milano”. Solo che il derby è domenica sera, manca ancora una vita. E allora ci si spreme...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy