VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

L'ombra di Ancelotti anche su Di Francesco. Allegri e quel vizietto del futuro. Pavoletti: con Sarri poi te ne vai

30.09.2017 15:21 di Mauro Suma   articolo letto 16670 volte

Di Ancelotti e Montella si è detto e scritto abbastanza. Ma non è giusto restringere il cerchio. Sarebbe limitativo e parziale. C'è ad esempio un allenatore, protetto da un calendario benevolo, su cui l'ombra di Ancelotti, almeno mediaticamente, potrebbe proiettarsi ugualmente. Si tratta proprio di Eusebio Di Francesco. E non ci riferiamo solo al fatto che Carlo Ancelotti, proiettato psicologicamente in questo momento sulla Premier League dopo l'esonero bavarese, potrebbe essere molto affascinato dal richiamo della foresta giallorosso, dal ritorno in una piazza che lui ha amato e dalla quale è stato amato negli anni Ottanta. Sono altri i dati di fatto. Il problema di Montella qual è? Le due partite contro Lazio e Sampdoria. Giusto. Corretto. Di Francesco ha avuto lo stesso problema contro Inter e Atletico Madrid. Dopo la sconfitta contro i nerazzurri, la mancata riscossa per motivi di maltempo contro la Sampdoria e la prestazione in forte soggezione contro gli spagnoli, erano trapelati, e non solo trapelati, gli spifferi e i mugugni di Dzeko e Nainggolan per il "nuovo sistema di gioco". Ma a dare manforte a Di Francesco è stato il calendario, morbido e benevolo, rappresentato dalle sfide contro Verona, Benevento, Udinese e Qarabag. Anche per la Roma quella contro il Milan è una partita-esame, non può essere solo Montella allo scoperto, solo Montella con il cerino in mano perchè dopo i primi problemi gli è piombato addosso un calendario che fra Sampdoria, Roma e Inter nella contingenza attuale è molto più duro. Da una parte banchi di prova, dall'altra impegni calibrati, sì insomma con tutto il rispetto morbidi. La Roma è più collaudata e assestata? Certo, ma perchè ha vissuto negli anni scorsi un ciclo diverso da quello rossonero e non ha dovuto fare rivoluzioni nel corso dell'ultima estate. La forza della Roma prescinde dalla mano dell'attuale allenatore che è molto bravo e professionale ma che dopo Inter e Atletico Madrid non ha avuto altre verifiche dello stesso livello. Si giocano molto entrambe dunque domani, Milan e Roma. Sia Milan che Roma. Sia Montella che Di Francesco. Gli esami non finiscono mai, ma per tutti.

Nel calcio di oggi, soprattutto parlato, il tempo non esiste. Quello che accade un minuto prima cancella mesi e anni di tendenze, oppure quello che si prevede possa accadere nel giro di qualche anno viene reso così ridondante dai media, viene stressato e ricordato a tal punto che il futuro può bussare alla porta in men che non si dica. Massimiliano Allegri ha dichiarato questa settimana che fra cinque, sei anni smette e che la Nazionale non gli dispiacerebbe. Adesso che la Juventus vince in Campionato e si è ripresa in Champions League la dichiarazione fila liscia. Ma intanto rimane negli archivi. E nel caso remoto ed eventuale di problemi sul cammino bianconero, in quanti la rinfaccerebbero al tecnico di Livorno? Pensa già a come e quando smettere, è demotivato etc. Era già accaduto ad Allegri al Milan, nel mese di Gennaio del 2014, in una situazione ambientale e societaria nettamente diversa da quella granitica e vincente della Juventus di oggi, di anticipare di qualche mese il suo addio al Milan. A fine stagione non sarò più l'allenatore del Milan. E nel giro di otto giorni, dopo le due partite contro Atalanta e Sassuolo, si verificò proprio quanto aveva annunciato Max. Non era più l'allenatore del Milan. E' positivo che Allegri sia rimasto sè stesso e non abbia perso la libertà di progettare il proprio futuro, ma bisogna sempre immaginare l'altra metà di quello che si dice. O di quello che si paventa. Soprattutto quando si è lassù.

Una vera e propria crudeltà. il secondo crociato di Milik. Una doppia ingiustizia, di cui conoscono il retrogusto amaro anche Perin e Florenzi nella nostra Serie A. Tutto molto bello quello che si è fatto, detto e scritto a Napoli per rendere il meno angoscioso possibile il futuro prossimo di Arek. Ma qualcuno che si è chiesto perchè mai il Napoli non si fosse cautelato tenendo almeno uno fra Pavoletti e Duvan Zapata, non è mancato. Già perchè? Vista la delicatezza del pregresso del gigante polacco, non valeva la pena salvaguardare almeno Duvan, visto che Pavoletti era magari particolarmente demotivato? Domande legittime, ma soluzione del problema impossibile. La società e la dirigenza lo avrebbero anche fatto, ma i giocatori volevano andare via. Perchè sapevano che con Sarri poi non avrebbero giocato mai. Il gioco del Napoli è così specifico, affascinante e complesso nella sua organizzazione, che chi non entra nei meccanismi alla perfezione è destinato a non vedere il campo mai. Ecco perchè. Ed ecco perchè, nel calcio a volte non ci sono colpe, ma solo conseguenze. Di scelte e linee di lavoro che rendono una creatura assolutamente unica.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti 17.12 - Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.