VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

La benedizione di Spalletti… Milan, progetto “da grande”! Wenger, scherziamo? Gabigol, non te ne andare…

31.05.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 33025 volte
© foto di Federico De Luca

L’ho seguita interamente, senza perdermi né una virgola, né una smorfia. Spalletti ha salutato la Roma. Non un addio ma un arrivederci: “Non escludo il ritorno”, la citazione dell’ex allenatore capitolino. Insomma, un Spalletti 3.0, in futuro, potrebbe capitare. Prima c’è da metabolizzare, però, lo Spalletti 2.0. Tanti concetti, alcuni chiari, altri meno… Ovviamente ha detto tanto sulla sua nemesi, ossia Totti. “Diventeremo amici strettissimi”, la certezza di Luciano. Ho qualche dubbio… “Non sono mai stato nemico di Totti”, questo è vero ma neanche il suo estimatore migliore. Intendiamoci, la gestione di un fuoriclasse agli sgoccioli della carriera è complicato per tutti, pensate se poi si parla di Francesco Totti. Comunque, basta soffermarsi su quanto è stato, guardiamo a quello che sarà. “Chi vorrei alla Roma? Montella o Di Francesco”. La benedizione di Spalletti è lapidaria. Considerato che Montella non è destinato a lasciare la panchina rossonera (ha appena rinnovato), ben venuto Di Francesco. L’uomo giusto come suggerisce Spalletti? Sì, a patto che si capisce che, il gioco di Di Francesco, ha bisogno di tempo per diventare pane quotidiano dei suoi giocatori. Di Francesco ha bisogno di tempo per entrare nella testa dei suoi giocatori. Sa lavorare benissimo con i giovani, da testare con i big… E la Champions League? Ha abbastanza esperienza per non tremare al risuonare della musichetta? Di Francesco ha tanto “spessore umano” e c’è una novità: non sarà solo come è accaduto a Spalletti (comunque bravo a non dare colpe alla società che, invece, ne ha) ma avrà in Monchi un aiuto importante, fondamentale, decisivo. Se ci sarà alchimia tra i due, magari con Totti a fare da “traino alla piazza”, attenzione alla Roma del dopo Totti calciatore…
Bene la Roma, benissimo il Milan. I tempi in cui si aspettava l’ultimo giorno di calciomercato per “tentare qualche colpo” sembrano dimenticati. Musacchio, Kessie, forse Morata. Stiamo parlando di giocatori importanti e funzionali al progetto. Montella sa cosa serve per spiccare il volo (da buon Aeroplanino, battuta orribile…), la società lo sta accontentando. Ecco, poi bisognerà anche cedere qualcuno e qui sarà più complicato… Resta il fatto che il Diavolo ha ripreso vigore. Ecco, cerchiamo di non fare errori nel preliminare di Europa League. La Sampdoria ci ha lasciato reputazione e faccia due estati or sono (eliminata, ricordiamolo, dal Vojvodina…). Quindi, meglio arrivare al raduno (anticipato) con giocatori di qualità, così da entrare in Europa League in pompa magna e proseguire nella costruzione di un progetto “da grande”. Ecco, arrivasse anche l’ok di Donnarumma, saremmo tutti ancor più contenti (a parte Raiola).
Passiamo alle “notizie dal mondo”, come si diceva nei vecchi telegiornali anni ’80 (lo dicono anche oggi?). Wenger ha firmato il prolungamento di contratto con l’Arsenal. Gli hanno garantito un biennale. E’ seduto sulla panchina dei Gunners dal 1996, la lascerà (forse) nel 2019. Vero, ha vinto l’FA Cup e poi? Poi nient’altro… Anzi no, tante figuracce e molti tifosi sull’orlo di una crisi di nervi. Eppure, Wenger, resta al suo posto. E’ proprio vero che in Inghilterra sono diversi da noi, almeno nel giudicare l’operato degli allenatori. Chiedere a Ranieri e Mazzarri per conferme…
Chiudo con il mio disincantato eroe, l’uomo che mi porterà nel cuore come emblema di ciò che poteva essere e non è stato. Il mito assoluto, l’inarrivabile Gabigol… Costato 30 milioni di euro (circa, per la precisione), ha disputato 10 partite (circa, visto che è quasi sempre partito dalla panchina). Ad ogni apparizione, circa tre milioni di motivi per guardarlo (10 x 3 fa 30, corretto?). Un gol all’attivo e l’affetto smisurato dei tifosi dell’Inter. In una stagione da cancellare in toto, Gabigol è entrato nel cuore dei tifosi nerazzurri. Perché? I maligni dicono perché non ha giocato e quindi non ha colpe… Altri, invece, ne hanno apprezzato la sua esuberanza in campo e la sua “voglia di farcela”. Che sia un mago? Io, personalmente, non so il reale motivo per cui ho perso la testa per Gabigol. So solo che spero, con tutto il cuore, che non se ne stia per andare dall’Italia per sempre. Ha cinguettato che sta per tornare in Brasile. Per le vacanze, pare… Non fare scherzi Gabigol… Bluff o campione incompreso? Non lo sappiamo ancora ma c’è un solo Gabigol e va amato a prescindere… Chissà, forse l’anno prossimo potrebbe anche sbocciare e diventare un fuoriclasse da 30 milioni, o no? Pensate se sarà, come sembra, Spalletti ad allenarlo… Non vedo l’ora!!!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.