HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Cristiano Ronaldo alla Juve: ora chi andrà via?
  Gonzalo Higuain
  Miralem Pjanic
  Daniele Rugani
  Paulo Dybala
  Alex Sandro
  Più di un big
  Nessuno

Editoriale

La benedizione di Spalletti… Milan, progetto “da grande”! Wenger, scherziamo? Gabigol, non te ne andare…

31.05.2017 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 33197 volte
© foto di Federico De Luca

L’ho seguita interamente, senza perdermi né una virgola, né una smorfia. Spalletti ha salutato la Roma. Non un addio ma un arrivederci: “Non escludo il ritorno”, la citazione dell’ex allenatore capitolino. Insomma, un Spalletti 3.0, in futuro, potrebbe capitare. Prima c’è da metabolizzare, però, lo Spalletti 2.0. Tanti concetti, alcuni chiari, altri meno… Ovviamente ha detto tanto sulla sua nemesi, ossia Totti. “Diventeremo amici strettissimi”, la certezza di Luciano. Ho qualche dubbio… “Non sono mai stato nemico di Totti”, questo è vero ma neanche il suo estimatore migliore. Intendiamoci, la gestione di un fuoriclasse agli sgoccioli della carriera è complicato per tutti, pensate se poi si parla di Francesco Totti. Comunque, basta soffermarsi su quanto è stato, guardiamo a quello che sarà. “Chi vorrei alla Roma? Montella o Di Francesco”. La benedizione di Spalletti è lapidaria. Considerato che Montella non è destinato a lasciare la panchina rossonera (ha appena rinnovato), ben venuto Di Francesco. L’uomo giusto come suggerisce Spalletti? Sì, a patto che si capisce che, il gioco di Di Francesco, ha bisogno di tempo per diventare pane quotidiano dei suoi giocatori. Di Francesco ha bisogno di tempo per entrare nella testa dei suoi giocatori. Sa lavorare benissimo con i giovani, da testare con i big… E la Champions League? Ha abbastanza esperienza per non tremare al risuonare della musichetta? Di Francesco ha tanto “spessore umano” e c’è una novità: non sarà solo come è accaduto a Spalletti (comunque bravo a non dare colpe alla società che, invece, ne ha) ma avrà in Monchi un aiuto importante, fondamentale, decisivo. Se ci sarà alchimia tra i due, magari con Totti a fare da “traino alla piazza”, attenzione alla Roma del dopo Totti calciatore…
Bene la Roma, benissimo il Milan. I tempi in cui si aspettava l’ultimo giorno di calciomercato per “tentare qualche colpo” sembrano dimenticati. Musacchio, Kessie, forse Morata. Stiamo parlando di giocatori importanti e funzionali al progetto. Montella sa cosa serve per spiccare il volo (da buon Aeroplanino, battuta orribile…), la società lo sta accontentando. Ecco, poi bisognerà anche cedere qualcuno e qui sarà più complicato… Resta il fatto che il Diavolo ha ripreso vigore. Ecco, cerchiamo di non fare errori nel preliminare di Europa League. La Sampdoria ci ha lasciato reputazione e faccia due estati or sono (eliminata, ricordiamolo, dal Vojvodina…). Quindi, meglio arrivare al raduno (anticipato) con giocatori di qualità, così da entrare in Europa League in pompa magna e proseguire nella costruzione di un progetto “da grande”. Ecco, arrivasse anche l’ok di Donnarumma, saremmo tutti ancor più contenti (a parte Raiola).
Passiamo alle “notizie dal mondo”, come si diceva nei vecchi telegiornali anni ’80 (lo dicono anche oggi?). Wenger ha firmato il prolungamento di contratto con l’Arsenal. Gli hanno garantito un biennale. E’ seduto sulla panchina dei Gunners dal 1996, la lascerà (forse) nel 2019. Vero, ha vinto l’FA Cup e poi? Poi nient’altro… Anzi no, tante figuracce e molti tifosi sull’orlo di una crisi di nervi. Eppure, Wenger, resta al suo posto. E’ proprio vero che in Inghilterra sono diversi da noi, almeno nel giudicare l’operato degli allenatori. Chiedere a Ranieri e Mazzarri per conferme…
Chiudo con il mio disincantato eroe, l’uomo che mi porterà nel cuore come emblema di ciò che poteva essere e non è stato. Il mito assoluto, l’inarrivabile Gabigol… Costato 30 milioni di euro (circa, per la precisione), ha disputato 10 partite (circa, visto che è quasi sempre partito dalla panchina). Ad ogni apparizione, circa tre milioni di motivi per guardarlo (10 x 3 fa 30, corretto?). Un gol all’attivo e l’affetto smisurato dei tifosi dell’Inter. In una stagione da cancellare in toto, Gabigol è entrato nel cuore dei tifosi nerazzurri. Perché? I maligni dicono perché non ha giocato e quindi non ha colpe… Altri, invece, ne hanno apprezzato la sua esuberanza in campo e la sua “voglia di farcela”. Che sia un mago? Io, personalmente, non so il reale motivo per cui ho perso la testa per Gabigol. So solo che spero, con tutto il cuore, che non se ne stia per andare dall’Italia per sempre. Ha cinguettato che sta per tornare in Brasile. Per le vacanze, pare… Non fare scherzi Gabigol… Bluff o campione incompreso? Non lo sappiamo ancora ma c’è un solo Gabigol e va amato a prescindere… Chissà, forse l’anno prossimo potrebbe anche sbocciare e diventare un fuoriclasse da 30 milioni, o no? Pensate se sarà, come sembra, Spalletti ad allenarlo… Non vedo l’ora!!!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan giustamente riammesso in Europa. Juve Galactica, dopo Ronaldo almeno altri due acquisti... come l'Inter. 75 milioni di motivi per divertirsi con Monchi 22.07 - Vorrei partire con un disclaimer, sebbene la prima regola del giornalismo indichi come non si debba scrivere articoli alla prima persona singolare (sono in buona compagnia, nell’infrangere questa legge, non lo farò più). Dopo una settimana a seguire eventi come la presentazione di...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma: Olsen e Malcom. Il Milan insiste per Morata. Napoli tra Sabaly, Lainer e Arias. Juve c’è Darmian 21.07 - La Roma torna protagonista sul mercato. La cessione di Alisson, che ha portato nelle casse giallorosse 75 milioni di euro compresi bonus, permette a Monchi di lavorare su altri 2 obiettivi. Olsen è in pole position. Il portiere svedese è passato in testa e sta battendo un’agguerrita...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci, Donnarumma e Suso via dal Milan: oggi si saprà. Sarri vuole Reina, in ballo Morata. Cavani e il Napoli, dalla Francia insistono. E la suggestione continua anche per Luigi De Laurentiis... 20.07 - Soltanto oggi sapremo se il Milan giocherà o meno l’Europa League, il Tas si è preso qualche ora in più per decidere. Da questa sentenza dipenderà molto del futuro di Bonucci, Donnarumma e Suso. Senza l’Europa ci sarà un’altra perdita di una ventina di milioni e una ricaduta negativa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Alisson al Liverpool e il giro dei portieri, la Juve fra Higuain, Rugani e Pjanic. Il Milan fra TAS, Elliot e mercato. Un mese in apnea (non solo per il mercato) 19.07 - Ormai Alisson è un giocatore del Liverpool. E così a spuntarla è stata il terzo, che si prende uno dei portieri più forti del mondo, sicuramente il più caro. Lo ha seguito il Real che però non ha mail voluto affondare il colpo perché non convinto di voler spendere così tanto. Ci ha...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: c’è qualcosa che nessuno vi ha detto sul Mondiale. Che forse sentite lo stesso. Perché chi se ne frega che abbia vinto la Francia o la Croazia (beh certo, fosse stata l’Italia…) 18.07 - Qui Radio Mosca, è l’ultima corrispondenza di Russia2018, siamo sul treno per San Pietroburgo per disperdere la malinconia per questo Mondiale che si allontana nel tempo e che dice a ognuno di noi che si chiude un periodo della nostra vita, ché ammettiamolo: tutti ragioniamo scandendo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la lezione di Ronaldo, il nodo-Higuain e gli alibi agli avversari. Inter: da Perisic a Icardi, il cambio di rotta dei critici a prescindere (e occhio a centrocampo). Napoli "vede" Cavani. E il Milan sceglie il suo bomber (Morata o...) 17.07 - “Cristiano Ronaldo fa la cacca anche lui”. Era la grande lezione di vita di mio nonno: “Quando qualcuno ti sembra inarrivabile, lontano, quando hai paura e ti senti in difetto, ricordati che fa la cacca anche lui. In un attimo lo vedrai sotto altri occhi”. Questa grande pillola di...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Benvenuti al Ronaldo day. Tra depistaggi e ombre. Higuain, giusto andare. Milan, cambiare ora non avrebbe senso. Napoli, ripetersi così è difficile... 16.07 - Ci siamo! Il momento, di mercato, più atteso degli ultimi 30-50 anni è arrivato. Ronaldo, il più forte del mondo, alla Juventus, la più forte d'Italia. In questa settimana il calcio italiano si è diviso in due; come sempre: c'è chi ha visto il vantaggio solo per la Juventus e chi,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

CR7 a Torino è un colpaccio per la Juventus, non per la Serie A. In Italia (e non solo) va avanti il monopolio e il risultato finale sarà uno solo: la nascita della Superlega 15.07 - Se ne sono dette tante, troppe. E forse è anche giusto così. Perché Cristiano Ronaldo è un acquisto che almeno per qualche giorno ha riportato l'Italia al centro del mondo calcistico. Ha risvegliato i sogni e riportato con la memoria indietro nel tempo, quando i grandi campioni -...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, assalto a Vrsaljko e Dembelé. Per Milinkovic Savic ora c’è il Real. Higuain e Rugani verso il Chelsea, che pensa anche ad Alisson. Florenzi rinnova fino al 2023 14.07 - L’Inter non si ferma e tenta il doppio colpo. Ausilio continua a lavorare per provare a chiudere altri due acquisti. A centrocampo l’obiettivo è Dembélé. Il belga è fortemente tentato dall’idea di misurarsi nel campionato italiano. La presenza di Nainggolan è uno stimolo in più per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cavani è la risposta del Napoli a Ronaldo. De Laurentiis tratta con il Psg, ingaggio da spalmare. Ma è il Milan il futuro di Giuntoli con Conte in panchina. Sarri e Zola firmano per il Chelsea. Juve lascia via libera al Real per Milinkovic Savic 13.07 - De Laurentiis ha incassato da signore (o quasi) il colpo del secolo messo a segno dalla Juventus. E adesso come risponderà all’acquisto di Ronaldo? Chi lo conosce bene sa che le dichiarazioni di questi giorni sono fumo per mascherare le intenzioni e la realtà. Non si prende un allenatore...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy