HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano?

23.11.2017 07:25 di Luca Marchetti   articolo letto 19206 volte
© foto di Federico De Luca

Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare i loro matchpoint.
Per la Juve era difficile ipotizzare di battere il Barcellona, ma una vittoria avrebbe regalato ai bianconeri la qualificazione con un turno di anticipo. E' vero che è ancora in piedi tutto per la Juve ma quella rivalsa che ci si aspettava dopo lo scivolone di Genova, non c'è stato. La Juve non è stata brillante, ha sofferto (e questo ci poteva stare) anche se ha provato a graffiare. Basta un dato ad indicare la serata poco efficace dei bianconeri: la Juve ha fatto un possesso palla del 36,4%. In questa stagione solo una volta i bianconeri hanno fatto peggio tra tutte le competizioni: sempre 36.4% e sempre contro il Barcellona nella sfida d'andata. Ancora Allegri avrà da lavorare per ritrovare quella macchina quasi perfetta della scorsa stagione: lui ha detto di avere le soluzioni e non ne dubitiamo, visto che la qualità della sua conduzione e la qualità della rosa non è in discussione. Quello che può fare la differenza (ma questo lo sanno per primi i senatori juventini) la fa la testa. Quello che sta cercando di fare anche Di Francesco con la Roma. La partita con l'Atletico è stata scorbutica. Il risultato probabilmente è bugiardo nelle dimensioni, non in assoluto. L'Atletico aveva più voglia di vincere rispetto a una Roma che obiettivamente da un Atletico all'altro ha veramente fatto un salto di qualità. Ed è stato evidente anche nella partita. E quello che la Roma ha (a differenza della Juve) è un turno più "comodo". In casa con il Qarabag i giallorossi hanno ancora il match point e se vincono passano il turno in uno dei gironi più difficili della Champions. Insomma Juve e Roma hanno il destino nelle loro mani, il Napoli deve sperare, nonostante la netta vittoria di martedì. E al di là della Champions siamo ancora in un momento di profonda riflessione del calcio italiano. E ancora la strada da fare è moltissima. L'ultimo capitolo è stato scritto da Malagò, presidente del Coni in una conferenza stampa tanto incisiva quanto chiara, nei suoi intenti. Il Coni avrebbe voluto commissariare la Federcalcio, ma non può. Perché se qualcuno si opponesse arriverebbe un ricorso al TAR che potrebbe annullare tutto. E allora Malagò nel suo discorso spiega comunque la sua posizione e la strada che, secondo lui, si dovrebbe percorrere. Il commissariamento servirebbe per cambiare le regole, per rinnovare profondamente il calcio, perché di questo c'è bisogno. Non solo di un cambio ai vertici, quindi non solo delle dimissioni di Tavecchio. La discriminante ora passa alle due leghe più importanti la A e la B, ancora senza presidenti. Dovessero arrivare all'elezione il calcio si ricompatterebbe e avrebbe la possibilità di cambiare senza interventi esterni. Interventi che però, sempre secondo Malagò, solo necessari e possono essere fatti con un lungo commissariamento. E' come se stavolta il presidente del Coni avesse indicato alla A e la B di non dover per forza eleggere i presidenti. Il mancato accordo, in questo caso, sarebbe una scelta precisa: accompagnare la Federazione verso il commissariamento (visto che mancherebbero i presidenti delle leghe principali). E quindi verso un cambiamento, naturalmente condiviso da una maggioranza "politica" ampia. Si apre ora dunque una grande e nuova trattativa che con il calciomercato c'entra poco ma con il calcio forse tutto. Bisognerà capire nei prossimi giorni la posizione delle società professionistiche: hanno la percezione e la convinzione di poter modificare e migliorare il calcio senza aiuti interni e senza eventuali ingerenze da parte di un commissario (e quindi del Coni) oppure accettano la lettura di Malagò e comincia una stagione di confronti comuni per cambiare regole e impostazioni in maniera più radicale.
Sarà decisamente interessante seguire l'evoluzione della vicenda e dovremo avere la forza, la pazienza e la curiosità di non sminuire a "politica sportiva" queste dinamiche: da questi movimenti, esattamente come succede per il mercato, può dipendere l'esito più o meno positivo di trattative. Solo che stavolta sul tavolo non ci sono contratti da firmare, commissioni o questioni tecniche, ma veramente una serie di pesi e contrappesi (che vanno dall'autonomia del calcio alla volontà di cambiamento o di ristrutturazione su tantissimi aspetti del calcio).
Come esempio, puramente di scuola, riportiamo un'analisi fatta dal CIES sull'utilizzo degli U21 in Europa, nei cinque paesi più importanti in Europa (Italia, Spagna, Inghilterra, Germania e Francia). Sono stati presi i primi 10 più utilizzati per ogni zona del campo: portieri, difensori centrali, terzini, centrocampisti difensivi, centrocampisti offensivi e attaccanti. Bene 54 nomi (i portieri sono solo 4) e soltanto 8 giocano in A. Meno ancora se consideriamo gli italiani: 7 (l'ottavo sarebbe Pol Lirola del Sassuolo). A cui per onore di "regolarità" dovremmo togliere anche Crosta che ha giocato soltanto l'8% dei minuti disponibili.
Quindi 6 italiani U21 che giocano con regolarità Donnarumma, Romagna, Adjapong, Barella, Mandragora e Chiesa. Sicuramente bravi e sicuramente di avvenire. Ma peggio di noi solo la Spagna (che fa giocare solo 7 U21), addirittura l'Inghilterra con 9 ci supera. Senza parlare della Germania (11) e Francia (19). Ecco perché forse conviene cominciare a fare davvero delle riflessioni più che profonde. Indipendentemente che arrivino da un commissario o meno...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la miglior risposta al sorteggio è quella meno scontata, parola di Allegri. Inter: la cifra sul rinnovo di Icardi, le voci (esagerate) su Spalletti. Milan: la "resistenza" di Gattuso in attesa del mercato. Var: basta ostruzionismo 18.12 - Ciao. Siamo entrati nei clamorosi sette giorni del “tanti auguri a te e ai tuoi cari” che alcuni temerari trasformano da subito in “buon Natale, ma anche buon anno nuovo, a te e ai tuoi cari”. La maggior parte della gente che ti dice “a te e ai tuoi cari” odia te e anche i tuoi cari,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Disfatta europea figlia di un campionato inutile e di un sistema morto. Spalletti-Gattuso: due pesi e due misure. Gravina, servono fatti. Anche in Kosovo il mercato chiude il 31. Lega Pro, la Capotondi e il paracadute... 17.12 - Inutile girarci intorno. Possiamo dire che il PSV è diventato il Barcellona o che ad Atene il rigore non c'era ma la verità è una sola: non possiamo ridurci a tifare il Barcellona o ad attaccare l'arbitro per passare il turno in Champions League ed Europa League in situazioni di estrema...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Chi deciderà all'Inter? Spalletti rischia e non poco. Il Milan viene colpito dall'UEFA, ma non affondato. Settimana nera in Europa, ma nulla è perduto 16.12 - Il tentativo è stato quello di introdurlo con tranquillità, come una figura che mancava in una già nutrita dirigenza. Ma l'arrivo di Giuseppe Marotta rivoluziona le decisioni all'Inter, per forza di cose. Niente scossoni, nessun addio brusco, ma lo stop dei rinnovi contrattuali e...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->