HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Fitwalking for AIL
SONDAGGIO
Chi tra le italiane passerà il girone di Champions League?
  Tutte
  Juventus, Inter e Roma
  Juventus, Inter e Napoli
  Juventus, Napoli e Roma
  Inter, Napoli e Roma
  Juventus e Roma
  Juventus e Inter
  Juventus e Napoli
  Inter e Roma
  Inter e Napoli
  Roma e Napoli
  Solo la Juventus
  Solo la Roma
  Solo l'Inter
  Solo il Napoli
  Nessuna

La Giovane Italia
Editoriale

La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano?

23.11.2017 07:25 di Luca Marchetti   articolo letto 19204 volte
© foto di Federico De Luca

Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare i loro matchpoint.
Per la Juve era difficile ipotizzare di battere il Barcellona, ma una vittoria avrebbe regalato ai bianconeri la qualificazione con un turno di anticipo. E' vero che è ancora in piedi tutto per la Juve ma quella rivalsa che ci si aspettava dopo lo scivolone di Genova, non c'è stato. La Juve non è stata brillante, ha sofferto (e questo ci poteva stare) anche se ha provato a graffiare. Basta un dato ad indicare la serata poco efficace dei bianconeri: la Juve ha fatto un possesso palla del 36,4%. In questa stagione solo una volta i bianconeri hanno fatto peggio tra tutte le competizioni: sempre 36.4% e sempre contro il Barcellona nella sfida d'andata. Ancora Allegri avrà da lavorare per ritrovare quella macchina quasi perfetta della scorsa stagione: lui ha detto di avere le soluzioni e non ne dubitiamo, visto che la qualità della sua conduzione e la qualità della rosa non è in discussione. Quello che può fare la differenza (ma questo lo sanno per primi i senatori juventini) la fa la testa. Quello che sta cercando di fare anche Di Francesco con la Roma. La partita con l'Atletico è stata scorbutica. Il risultato probabilmente è bugiardo nelle dimensioni, non in assoluto. L'Atletico aveva più voglia di vincere rispetto a una Roma che obiettivamente da un Atletico all'altro ha veramente fatto un salto di qualità. Ed è stato evidente anche nella partita. E quello che la Roma ha (a differenza della Juve) è un turno più "comodo". In casa con il Qarabag i giallorossi hanno ancora il match point e se vincono passano il turno in uno dei gironi più difficili della Champions. Insomma Juve e Roma hanno il destino nelle loro mani, il Napoli deve sperare, nonostante la netta vittoria di martedì. E al di là della Champions siamo ancora in un momento di profonda riflessione del calcio italiano. E ancora la strada da fare è moltissima. L'ultimo capitolo è stato scritto da Malagò, presidente del Coni in una conferenza stampa tanto incisiva quanto chiara, nei suoi intenti. Il Coni avrebbe voluto commissariare la Federcalcio, ma non può. Perché se qualcuno si opponesse arriverebbe un ricorso al TAR che potrebbe annullare tutto. E allora Malagò nel suo discorso spiega comunque la sua posizione e la strada che, secondo lui, si dovrebbe percorrere. Il commissariamento servirebbe per cambiare le regole, per rinnovare profondamente il calcio, perché di questo c'è bisogno. Non solo di un cambio ai vertici, quindi non solo delle dimissioni di Tavecchio. La discriminante ora passa alle due leghe più importanti la A e la B, ancora senza presidenti. Dovessero arrivare all'elezione il calcio si ricompatterebbe e avrebbe la possibilità di cambiare senza interventi esterni. Interventi che però, sempre secondo Malagò, solo necessari e possono essere fatti con un lungo commissariamento. E' come se stavolta il presidente del Coni avesse indicato alla A e la B di non dover per forza eleggere i presidenti. Il mancato accordo, in questo caso, sarebbe una scelta precisa: accompagnare la Federazione verso il commissariamento (visto che mancherebbero i presidenti delle leghe principali). E quindi verso un cambiamento, naturalmente condiviso da una maggioranza "politica" ampia. Si apre ora dunque una grande e nuova trattativa che con il calciomercato c'entra poco ma con il calcio forse tutto. Bisognerà capire nei prossimi giorni la posizione delle società professionistiche: hanno la percezione e la convinzione di poter modificare e migliorare il calcio senza aiuti interni e senza eventuali ingerenze da parte di un commissario (e quindi del Coni) oppure accettano la lettura di Malagò e comincia una stagione di confronti comuni per cambiare regole e impostazioni in maniera più radicale.
Sarà decisamente interessante seguire l'evoluzione della vicenda e dovremo avere la forza, la pazienza e la curiosità di non sminuire a "politica sportiva" queste dinamiche: da questi movimenti, esattamente come succede per il mercato, può dipendere l'esito più o meno positivo di trattative. Solo che stavolta sul tavolo non ci sono contratti da firmare, commissioni o questioni tecniche, ma veramente una serie di pesi e contrappesi (che vanno dall'autonomia del calcio alla volontà di cambiamento o di ristrutturazione su tantissimi aspetti del calcio).
Come esempio, puramente di scuola, riportiamo un'analisi fatta dal CIES sull'utilizzo degli U21 in Europa, nei cinque paesi più importanti in Europa (Italia, Spagna, Inghilterra, Germania e Francia). Sono stati presi i primi 10 più utilizzati per ogni zona del campo: portieri, difensori centrali, terzini, centrocampisti difensivi, centrocampisti offensivi e attaccanti. Bene 54 nomi (i portieri sono solo 4) e soltanto 8 giocano in A. Meno ancora se consideriamo gli italiani: 7 (l'ottavo sarebbe Pol Lirola del Sassuolo). A cui per onore di "regolarità" dovremmo togliere anche Crosta che ha giocato soltanto l'8% dei minuti disponibili.
Quindi 6 italiani U21 che giocano con regolarità Donnarumma, Romagna, Adjapong, Barella, Mandragora e Chiesa. Sicuramente bravi e sicuramente di avvenire. Ma peggio di noi solo la Spagna (che fa giocare solo 7 U21), addirittura l'Inghilterra con 9 ci supera. Senza parlare della Germania (11) e Francia (19). Ecco perché forse conviene cominciare a fare davvero delle riflessioni più che profonde. Indipendentemente che arrivino da un commissario o meno...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Inter in sala di attesa. Roma, per Monchi iniziano i primi test. Se il Milan non le chiude diventa tutto difficile. Da visionario a luminare: Faggiano ha vinto con Gervinho. E De Zerbi non sarà più solo bello… 24.09 - In Italia conta solo una cosa: vincere! E fin qui siamo tutti d’accordo. Le prestazioni non vengono mai analizzate e, sinceramente, capiamo che l’unica medicina sono i tre punti. L’Inter non è guarita, ci mancherebbe, però in 4 giorni ha vinto due partite a tempo scaduto e alla Pinetina...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa 23.09 - Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter con la Samp per la svolta in campionato. Juventus: Dybala un anno decisivo, Bernardeschi ora è l’arma in più. Di Francesco merita fiducia ma serve un cambio di marcia. Atalanta: il rinnovo di Gasperini segnale forte della società 22.09 - Ne ero convinto e alla fine la Champions ha confermato la mia sensazione. Contro il Tottenham, l’Inter ha trovato il risultato, la prestazione ma soprattutto la reazione che voleva Spalletti. Quella rabbia che ha portato a ribaltare una situazione che avrebbe aperto in maniera ufficiale...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Var, ora è uno scandalo. Ecco perché gli arbitri sono tornati indietro e non lo usano quasi più. Il caso Ronaldo lo imporrebbe anche in Champions. La guerra fra Infantino (Fifa) e Ceferin (Uefa) dietro il cambio di linea 21.09 - Chi ha ucciso il Var? Quasi il titolo di un giallo, ma in effetti quello che sta succedendo ha molto del giallo. Nello scorso campionato di serie A il Var era stata una piacevole novità, un elemento in grado di aiutare gli arbitri e portare l’idea di giustizia e serenità nel calcio,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Champions delle emozioni: ecco chi è "condannato" a vincere... 20.09 - E' tornata la Champions. Ed è tornata in tutto il suo splendore. La Champions esalta, la Champions non perdona. La Champions dimostra che la Juve ha una squadra forte fisicamente, tecnicamente e mentalmente, anche senza CR7, anzi con l'espulsione di CR7. Ha mandato all'inferno la...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

L’Inter ha il cuore, ma la testa? Ecco l’errore più grosso che sembra non vedere. Le ragioni per cui la Juventus è la favorita per la Champions. Il Napoli può aver già compromesso la qualificazione. Mentre per la Roma a Madrid è facile 19.09 - Forse il Tottenham aveva creduto di vincerla. E forse poteva anche avere ragione. Ma aveva sottovalutato un aspetto: mai dare per finito chi ha mangiato merda per 7 anni, ed adesso è disperato per uscire dalla sua condizione. Eppure, a prescindente dalla folle rimonta, l’Inter...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy