VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano?

23.11.2017 07:25 di Luca Marchetti   articolo letto 18669 volte
© foto di Federico De Luca

Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare i loro matchpoint.
Per la Juve era difficile ipotizzare di battere il Barcellona, ma una vittoria avrebbe regalato ai bianconeri la qualificazione con un turno di anticipo. E' vero che è ancora in piedi tutto per la Juve ma quella rivalsa che ci si aspettava dopo lo scivolone di Genova, non c'è stato. La Juve non è stata brillante, ha sofferto (e questo ci poteva stare) anche se ha provato a graffiare. Basta un dato ad indicare la serata poco efficace dei bianconeri: la Juve ha fatto un possesso palla del 36,4%. In questa stagione solo una volta i bianconeri hanno fatto peggio tra tutte le competizioni: sempre 36.4% e sempre contro il Barcellona nella sfida d'andata. Ancora Allegri avrà da lavorare per ritrovare quella macchina quasi perfetta della scorsa stagione: lui ha detto di avere le soluzioni e non ne dubitiamo, visto che la qualità della sua conduzione e la qualità della rosa non è in discussione. Quello che può fare la differenza (ma questo lo sanno per primi i senatori juventini) la fa la testa. Quello che sta cercando di fare anche Di Francesco con la Roma. La partita con l'Atletico è stata scorbutica. Il risultato probabilmente è bugiardo nelle dimensioni, non in assoluto. L'Atletico aveva più voglia di vincere rispetto a una Roma che obiettivamente da un Atletico all'altro ha veramente fatto un salto di qualità. Ed è stato evidente anche nella partita. E quello che la Roma ha (a differenza della Juve) è un turno più "comodo". In casa con il Qarabag i giallorossi hanno ancora il match point e se vincono passano il turno in uno dei gironi più difficili della Champions. Insomma Juve e Roma hanno il destino nelle loro mani, il Napoli deve sperare, nonostante la netta vittoria di martedì. E al di là della Champions siamo ancora in un momento di profonda riflessione del calcio italiano. E ancora la strada da fare è moltissima. L'ultimo capitolo è stato scritto da Malagò, presidente del Coni in una conferenza stampa tanto incisiva quanto chiara, nei suoi intenti. Il Coni avrebbe voluto commissariare la Federcalcio, ma non può. Perché se qualcuno si opponesse arriverebbe un ricorso al TAR che potrebbe annullare tutto. E allora Malagò nel suo discorso spiega comunque la sua posizione e la strada che, secondo lui, si dovrebbe percorrere. Il commissariamento servirebbe per cambiare le regole, per rinnovare profondamente il calcio, perché di questo c'è bisogno. Non solo di un cambio ai vertici, quindi non solo delle dimissioni di Tavecchio. La discriminante ora passa alle due leghe più importanti la A e la B, ancora senza presidenti. Dovessero arrivare all'elezione il calcio si ricompatterebbe e avrebbe la possibilità di cambiare senza interventi esterni. Interventi che però, sempre secondo Malagò, solo necessari e possono essere fatti con un lungo commissariamento. E' come se stavolta il presidente del Coni avesse indicato alla A e la B di non dover per forza eleggere i presidenti. Il mancato accordo, in questo caso, sarebbe una scelta precisa: accompagnare la Federazione verso il commissariamento (visto che mancherebbero i presidenti delle leghe principali). E quindi verso un cambiamento, naturalmente condiviso da una maggioranza "politica" ampia. Si apre ora dunque una grande e nuova trattativa che con il calciomercato c'entra poco ma con il calcio forse tutto. Bisognerà capire nei prossimi giorni la posizione delle società professionistiche: hanno la percezione e la convinzione di poter modificare e migliorare il calcio senza aiuti interni e senza eventuali ingerenze da parte di un commissario (e quindi del Coni) oppure accettano la lettura di Malagò e comincia una stagione di confronti comuni per cambiare regole e impostazioni in maniera più radicale.
Sarà decisamente interessante seguire l'evoluzione della vicenda e dovremo avere la forza, la pazienza e la curiosità di non sminuire a "politica sportiva" queste dinamiche: da questi movimenti, esattamente come succede per il mercato, può dipendere l'esito più o meno positivo di trattative. Solo che stavolta sul tavolo non ci sono contratti da firmare, commissioni o questioni tecniche, ma veramente una serie di pesi e contrappesi (che vanno dall'autonomia del calcio alla volontà di cambiamento o di ristrutturazione su tantissimi aspetti del calcio).
Come esempio, puramente di scuola, riportiamo un'analisi fatta dal CIES sull'utilizzo degli U21 in Europa, nei cinque paesi più importanti in Europa (Italia, Spagna, Inghilterra, Germania e Francia). Sono stati presi i primi 10 più utilizzati per ogni zona del campo: portieri, difensori centrali, terzini, centrocampisti difensivi, centrocampisti offensivi e attaccanti. Bene 54 nomi (i portieri sono solo 4) e soltanto 8 giocano in A. Meno ancora se consideriamo gli italiani: 7 (l'ottavo sarebbe Pol Lirola del Sassuolo). A cui per onore di "regolarità" dovremmo togliere anche Crosta che ha giocato soltanto l'8% dei minuti disponibili.
Quindi 6 italiani U21 che giocano con regolarità Donnarumma, Romagna, Adjapong, Barella, Mandragora e Chiesa. Sicuramente bravi e sicuramente di avvenire. Ma peggio di noi solo la Spagna (che fa giocare solo 7 U21), addirittura l'Inghilterra con 9 ci supera. Senza parlare della Germania (11) e Francia (19). Ecco perché forse conviene cominciare a fare davvero delle riflessioni più che profonde. Indipendentemente che arrivino da un commissario o meno...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.