HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano?

23.11.2017 07:25 di Luca Marchetti   articolo letto 19175 volte
© foto di Federico De Luca

Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare i loro matchpoint.
Per la Juve era difficile ipotizzare di battere il Barcellona, ma una vittoria avrebbe regalato ai bianconeri la qualificazione con un turno di anticipo. E' vero che è ancora in piedi tutto per la Juve ma quella rivalsa che ci si aspettava dopo lo scivolone di Genova, non c'è stato. La Juve non è stata brillante, ha sofferto (e questo ci poteva stare) anche se ha provato a graffiare. Basta un dato ad indicare la serata poco efficace dei bianconeri: la Juve ha fatto un possesso palla del 36,4%. In questa stagione solo una volta i bianconeri hanno fatto peggio tra tutte le competizioni: sempre 36.4% e sempre contro il Barcellona nella sfida d'andata. Ancora Allegri avrà da lavorare per ritrovare quella macchina quasi perfetta della scorsa stagione: lui ha detto di avere le soluzioni e non ne dubitiamo, visto che la qualità della sua conduzione e la qualità della rosa non è in discussione. Quello che può fare la differenza (ma questo lo sanno per primi i senatori juventini) la fa la testa. Quello che sta cercando di fare anche Di Francesco con la Roma. La partita con l'Atletico è stata scorbutica. Il risultato probabilmente è bugiardo nelle dimensioni, non in assoluto. L'Atletico aveva più voglia di vincere rispetto a una Roma che obiettivamente da un Atletico all'altro ha veramente fatto un salto di qualità. Ed è stato evidente anche nella partita. E quello che la Roma ha (a differenza della Juve) è un turno più "comodo". In casa con il Qarabag i giallorossi hanno ancora il match point e se vincono passano il turno in uno dei gironi più difficili della Champions. Insomma Juve e Roma hanno il destino nelle loro mani, il Napoli deve sperare, nonostante la netta vittoria di martedì. E al di là della Champions siamo ancora in un momento di profonda riflessione del calcio italiano. E ancora la strada da fare è moltissima. L'ultimo capitolo è stato scritto da Malagò, presidente del Coni in una conferenza stampa tanto incisiva quanto chiara, nei suoi intenti. Il Coni avrebbe voluto commissariare la Federcalcio, ma non può. Perché se qualcuno si opponesse arriverebbe un ricorso al TAR che potrebbe annullare tutto. E allora Malagò nel suo discorso spiega comunque la sua posizione e la strada che, secondo lui, si dovrebbe percorrere. Il commissariamento servirebbe per cambiare le regole, per rinnovare profondamente il calcio, perché di questo c'è bisogno. Non solo di un cambio ai vertici, quindi non solo delle dimissioni di Tavecchio. La discriminante ora passa alle due leghe più importanti la A e la B, ancora senza presidenti. Dovessero arrivare all'elezione il calcio si ricompatterebbe e avrebbe la possibilità di cambiare senza interventi esterni. Interventi che però, sempre secondo Malagò, solo necessari e possono essere fatti con un lungo commissariamento. E' come se stavolta il presidente del Coni avesse indicato alla A e la B di non dover per forza eleggere i presidenti. Il mancato accordo, in questo caso, sarebbe una scelta precisa: accompagnare la Federazione verso il commissariamento (visto che mancherebbero i presidenti delle leghe principali). E quindi verso un cambiamento, naturalmente condiviso da una maggioranza "politica" ampia. Si apre ora dunque una grande e nuova trattativa che con il calciomercato c'entra poco ma con il calcio forse tutto. Bisognerà capire nei prossimi giorni la posizione delle società professionistiche: hanno la percezione e la convinzione di poter modificare e migliorare il calcio senza aiuti interni e senza eventuali ingerenze da parte di un commissario (e quindi del Coni) oppure accettano la lettura di Malagò e comincia una stagione di confronti comuni per cambiare regole e impostazioni in maniera più radicale.
Sarà decisamente interessante seguire l'evoluzione della vicenda e dovremo avere la forza, la pazienza e la curiosità di non sminuire a "politica sportiva" queste dinamiche: da questi movimenti, esattamente come succede per il mercato, può dipendere l'esito più o meno positivo di trattative. Solo che stavolta sul tavolo non ci sono contratti da firmare, commissioni o questioni tecniche, ma veramente una serie di pesi e contrappesi (che vanno dall'autonomia del calcio alla volontà di cambiamento o di ristrutturazione su tantissimi aspetti del calcio).
Come esempio, puramente di scuola, riportiamo un'analisi fatta dal CIES sull'utilizzo degli U21 in Europa, nei cinque paesi più importanti in Europa (Italia, Spagna, Inghilterra, Germania e Francia). Sono stati presi i primi 10 più utilizzati per ogni zona del campo: portieri, difensori centrali, terzini, centrocampisti difensivi, centrocampisti offensivi e attaccanti. Bene 54 nomi (i portieri sono solo 4) e soltanto 8 giocano in A. Meno ancora se consideriamo gli italiani: 7 (l'ottavo sarebbe Pol Lirola del Sassuolo). A cui per onore di "regolarità" dovremmo togliere anche Crosta che ha giocato soltanto l'8% dei minuti disponibili.
Quindi 6 italiani U21 che giocano con regolarità Donnarumma, Romagna, Adjapong, Barella, Mandragora e Chiesa. Sicuramente bravi e sicuramente di avvenire. Ma peggio di noi solo la Spagna (che fa giocare solo 7 U21), addirittura l'Inghilterra con 9 ci supera. Senza parlare della Germania (11) e Francia (19). Ecco perché forse conviene cominciare a fare davvero delle riflessioni più che profonde. Indipendentemente che arrivino da un commissario o meno...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy