HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà il Mondiale?
  Germania
  Brasile
  Spagna
  Argentina
  Portogallo
  Francia
  Belgio
  Inghilterra
  Altro

Editoriale

La FIGC vuole Di Biagio! Tutti i motivi per cui in Federazione sperano di non dover contattare Conte e Ancelotti. Ci sono due precedenti simili ed entrambi sono stati un disastro

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
21.03.2018 10:15 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 30046 volte

Non solo in Nazionale non abbiamo imparato niente. Ma rischiamo di fare anche peggio.
La scelta di Ventura era stata sciagurata, e anche se è troppo facile scriverlo dopo, in verità già a monte qualcuno di noi l'aveva segnalato, che essere eccellenti nel lavorare con i giovani non fosse sinonimo automatico del meritarsi di diventare CT dell'Italia.
Ventura ascendeva al soglio federale essendo titolare del secondo peggior curriculum nella storia dei commissari tecnici: il suo massimo in carriera era stato un 7° posto, nemmeno una semifinaluccia di Coppa Italia in 20 anni di tentativi. Peggio di lui solo Mondino Fabbri, che guidò l'Italia ai Mondiali del '66 forte solo di un 8° posto. In entrambi i casi sappiamo come è andata disastrosamente a finire.
Già adesso, Gigi Di Biagio è il terzo nella classifica dei ct della Nazionale con il peggior curriculum, forte rispetto agli altri di una semifinale all'Europeo Under 21. Doveva essere un interim il suo, già è diventato un traghettamento silenzioso, ma in verità la realtà è un'altra, e di questa tutti dovremmo esserne allarmati (senza che questo suoni come un attacco personale a Di Biagio).
La Figc ha deciso che se niente osterà nel cammino, Di Biagio sarà stabilmente il nuovo ct dell'Italia.
Per giorni dopo la sua nomina, Billy Costacurta ripeteva alla noia che nella quartina di possibili selezionatori c'erano Conte, Ancelotti, Mancini, Ranieri, ma mai menzionava il nome di Di Biagio.
Adesso con il passare delle settimane, con l'entusiasmo che si è sedimentato, i nomi di Ranieri e Ancelotti si sono persi per strada, e nella terzina possibile è entrato Di Biagio, prima mai citato.
Incredibile come abbia scalato le posizioni senza che il pallone si sia mosso una volta. Figuriamoci allora cosa potrebbe succedere se arrivasse un risultato positivo nelle amichevoli…

La storia è semplice: non ci sono molti soldi, e la Figc anzi vorrebbe pure risparmiare e tenersi il resto. E' stato sbandierato un budget di 3 milioni di € per il 2018 per il nuovo ct, che vuol dire tutto e niente. Infatti la domanda è: si tratta di un budget per i 6 mesi di stipendio del 2018? E se fosse così, questo vorrebbe dire che ci sarà un budget di 6 milioni nel 2019? Sicuri? Speriamo, ma ci sembra poco credibile programmare un budget di 6 milioni il prossimo anno, visto che già 4 anni fa per trovare i 5 milioni per Conte si dovettero fare i salti mortali, e nemmeno c'era stata ancora la botta economica sulle sponsorizzazioni che la Figc subirà con l'esclusione dal Mondiale.
Se invece i 3 milioni saranno per uno stipendio annuale, allora altro che 'ricco budget' come è stato solertemente fatto sapere: non sarebbe sufficiente per pagare nessuno stipendio dei candidati - Di Biagio escluso, guarda caso. E del resto, un conto è chiedere un sacrificio al prossimo ct, altro conto però è chiedere a Conte o Ancelotti di ridurre a un terzo o a un quinto i loro stipendi da 10 e 14 milioni di €.

La Figc spera che Di Biagio metta insieme come minimo due partite dignitose con Argentina e Inghilterra, per poter essere giustificata poi nella proclamazione dello status quo. Anche solo con due sconfitte onorevoli Di Biagio sarebbe ct (del resto, si tratta di Inghilterra e Argentina, si direbbe 'di più non è proprio possibile!'), figuriamoci in caso di pareggio o vittoria.
Ma qua, ragazzi, il momento è grave: non siamo in condizione di sperimentare, non siamo in condizione di gestire proprio un bel niente. Serve un ct che sia un valore aggiunto vero, come Antonio Conte: il gruppo della Nazionale perderà mano a mano anche l'esperienza degli ultimi colonnelli, e allora serve un allenatore che abbia dimostrato di poter portare il valore delle proprie squadre oltre le attese, proprio come Conte. Abbiamo una buona generazione di calciatori, migliore di quella a Euro2016, ma lontanissima dai nostri fasti comuni fino a 10 anni fa. Non abbiamo più i calciatori che ci possono fare vincere nonostante i limiti di gioco o dell'allenatore.
Il nostro allenatore è fondamentale ora più che mai. Comprendiamo i limiti economici: ma per risparmiare qualcosa come 5 milioni si rischia di creare un ulteriore danno economico ancora più grande.

Niente di personale come detto su Di Biagio, il cui futuro è un'incognita: potrebbe anche rivelarsi brillantissimo, ma è un tipo di incognita che la Nazionale italiana nel peggior momento della storia non può proprio sobbarcarsi. Abbiamo bisogno di certezze adesso.

Con Di Biagio la Figc risparmierebbe un mucchio di soldini, e non sarebbe costretta a intavolare trattative da cui rischierebbe di uscire sconfitta.
Insomma, il lavoro di Costacurta sarebbe stato solo quello di apporre il sigillo alla ratificazione di Di Biagio.
Costacurta è il vicecommissario straordinario, ma a fare un lavoro simile sarebbe bastato un funzionario ordinario…

PS Se Di Biagio fosse confermato, e raggiungesse agli Europei del 2020 le semifinali, personalmente sarei pronto a scusarmi. Con un editoriale vuoto, con solo una riga: "Di Biagio aveva ragione, io avevo torto". Se Di Biagio fosse confermato, tiferei per essere costretto a scrivere quell'editoriale, pur nella consapevolezza che invece in caso contrario da parte di Costacurta non ci sarebbe alcuna ammissione di colpa nella scelta...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Morata vuole solo la Juve, ma l'idea è quella di un centrocampo d'assalto. Folle dire di no a 50 milioni per Jorginho, così come allo scambio Icardi-Higuain. Ma chi è il presidente del Milan? 10.06 - È iniziato con le bombe, il calciomercato 2018. Più scritte che non realizzate, eccezion fatta per l'arrivo di Cristante alla Roma - con Coric e Marcano - e i parametri zero: dell'Inter, da de Vrij ad Asamoah, oppure della Juventus, con Emre Can. Latita però il grande acquisto, quello...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Roma, fatta per Kluivert, il Napoli pensa a Praet se va via Hamsik. Juventus e Inter pronte all’assalto su Chiesa 09.06 - La rivoluzione di Monchi è già cominciata. Spazio alla linea verde, un progetto iniziato già l’anno scorso con l’arrivo di due grandissimi prospetti come Ünder e Schick. Il ds giallorosso, dopo aver piazzato anche il colpo Cristante, ora è pronto a chiudere per Justin Kluivert, talento...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve cede Higuain e Benatia. Accordo con Morata, ma il Chelsea aspetta l’allenatore. Conte e Sarri derby Real. Anche Icardi in ballo. Inter, l’obiettivo vero è Chiesa 08.06 - Molti tifosi bianconeri si chiedono come mai la Juventus non dica che due giocatori importanti come Higuain e Benatia sono incedibili e non intervenga sulle voci sempre più insistenti. La risposta è banale: perché sono in vendita. La dura legge della Juventus colpisce ancora: come...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy