HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Serie A, le panchine iniziano a scottare: chi subirà il primo esonero?
  Gian Piero Gasperini (Atalanta)
  Sinisa Mihajlovic (Bologna)
  Eugenio Corini (Brescia)
  Rolando Maran (Cagliari)
  Vincenzo Montella (Fiorentina)
  Aurelio Andreazzoli (Genoa)
  Ivan Juric (Hellas Verona)
  Antonio Conte (Inter)
  Maurizio Sarri (Juventus)
  Simone Inzaghi (Lazio)
  Fabio Liverani (Lecce)
  Marco Giampaolo (Milan)
  Carlo Ancelotti (Napoli)
  Roberto D'Aversa (Parma)
  Paulo Fonseca (Roma)
  Eusebio Di Francesco (Sampdoria)
  Roberto De Zerbi (Sassuolo)
  Leonardo Semplici (SPAL)
  Walter Mazzarri (Torino)
  Igor Tudor (Udinese)

La Giovane Italia
Editoriale

La Fiorentina non si ferma, Roma inizia la trattativa per Rugani, ancora stallo Icardi, l’attesa di Sanchez e il giro degli attaccanti in A (dalla Juve in giù)…

22.08.2019 07:36 di Luca Marchetti   articolo letto 48263 volte
© foto di Federico De Luca

La Fiorentina non si ferma a Ribery. Il grande entusiasmo scatenato a Firenze per l’arrivo del francese non è solo della tifoseria, ma anche della nuova proprietà che vuole mantenere le promesse di costruire una squadra competitiva e che abbia la stessa ambizione finora mostrata da Commisso e i suoi dirigenti.
La sbornia Ribery non si ferma qui. Dopo l’arrivo a Peretola con un volo privato (insieme al suo agente Migliaccio e a Davide Lippi, intermediario dell’operazione) ha firmato un biennale a 4 milioni di euro più bonus legati a gol e assist. Il clou sarà la presentazione in serata allo stadio “Franchi” dove mostrerà la maglia numero 7. Ma la dirigenza già guarda al futuro: sta già valutando un possibile nuovo colpo, sempre come attaccante esterno. Dopo i tentativi per Suso, Berardi e Politano, considerati incedibili dai rispettivi club va avanti la trattativa per Raphinha, esterno ‘96 dello Sporting Lisbona. Operazione che si può chiudere in prestito oneroso con diritto di riscatto. E poi c’è da sistemare la difesa. Non solo Tonelli, ma è viva anche l’ipotesi Bonifazi (su cui ci sono anche Parma e Sassuolo): domani incontro con agente a Firenze per capire i contorni economici dell’affare.
E poi con l’Inter c’è da definire lo scambio fra Dalbert e Biraghi. Per l’esterno francese l’ipotesi Nizza ha sempre un certo fascino, ma il prestito che chiede l’Inter (oneroso) non ha buoni riscontri nella dirigenza francese. Ecco perché la Fiorentina diventa ora dopo ora una strada sempre più percorribile. E anche il colpo Ribery può convincere il ragazzo. A quel punto Biraghi sarebbe libero di tornare in nerazzurro: entrambi in prestito con diritto di riscatto.
Dopo invece un lungo periodo in cui se ne parlava più in tv e suoi giornali piuttosto che fra società è entrata nel vivo la trattativa fra Juventus e Roma per Rugani. Primo incontro (attraverso un intermediario) per cominciare a discutere concretamente dell’operazione. La Roma ha rotto gli indugi perché questo tipo di operazione avrebbe dei vantaggi anche finanziari visto che nella trattativa sarebbero inseriti (oltre 20/25 milioni di cash) anche i cartellini di due giocatori della Primavera giallorossa, al momento individuati in Riccardi e Celar. I ragazzi valuteranno nelle prossime ore la proposta da parte della Juventus (sia il progetto tecnico che l’aspetto economico) prima di dare ok definitivo. Se qualcuno non dovesse accettare verrebbero inseriti altri giocatore nell’operazione. Rugani arriverebbe alla Roma in prestito con obbligo di riscatto e Juventus e Roma stanno ragionando anche su come poter mantenere una corsia preferenziale per riacquistare eventualmente in futuro i rispettivi giocatori. Le parti – naturalmente - si riaggiorneranno nelle prossime ore.
A Roma intanto hanno ufficializzato il trasferimento di Davide Zappacosta con una formula particolare: prestito per sei mesi (fino a gennaio 2020), con possibilità di prolungarlo poi fino a fine stagione. Questo perché il Chelsea, che ha il mercato bloccato, qualora dovesse aver bisogno (causa infortuni) di un giocatore, potrebbe proprio far rientrare Zappacosta a Londra. Santon rimane vicino al Maiorca, mentre Schick aspetta ancora il Lipsia.
Il capitolo Icardi tiene ancora banco, come da 6 mesi a questa parte. Novità non ce ne sono: Icardi continua a dire che vuole rimanere all’Inter. Il Napoli molto probabilmente non aspetterà più il centravanti argentino e cercherà di stringere magari per Llorente. Quindi rimarrebbe soltanto la Juventus che però finora non ha ceduto neanche Mandzukic. Unica possibilità (al momento decisamente remota) è che il PSG possa virare su Dybala una volta venduto Neymar e quindi comprare Icardi dall’Inter. Ma obiettivamente ancora mancano le prime tessere di questo eventuale domino, molto più scenario giornalistico che notizia. E la Juventus ha anche provato a capire se – una volta arrivato Ribery – magari la Fiorentina poteva vendere Chiesa (incontro nel pomeriggio con Ramadani che si era occupato dell’intermediazione dell’affare all’inizio dell’estate): ma la risposta viola è sempre la stessa, Chiesa non si vende.
Non c’è ancora invece la risposta del Manchester per Alexis Sanchez all’Inter. I nerazzurri non sono comunque preoccupati: anzi aspettano Sanchez con una cena di squadra organizzata ieri sera. La proposta interista può essere chiaramente modificata ma questo tempo di attesa non cambia la strategia interista né tantomeno inficia la possibilità di arrivare al cileno. Fermo restando che Llorente rimane sempre un’opzione ancora praticabile.
Ore molto importanti anche a Genova, perché nelle prossime ore potrebbero arrivare passi avanti importanti per la cessione del club. Il presidente Ferrero sta trattando con la cordata di cui fa parte anche Gianluca Vialli. Atteso comunicato congiunto nel quale verrà ufficializzata la trattativa in esclusiva. Per quanto riguarda il mercato invece Defrel è diventato l’obiettivo numero uno dei blucerchiati. Da battere la forte concorrenza del Sassuolo, che lo vuole fortemente. La Roma cederebbero il francese per una cifra tra i 13 e i 14 milioni di euro, a titolo definitivo o in prestito con obbligo.
Per il Napoli novità di giornata non ci sono. Ma è atteso in città nelle prossime ore l’arrivo più costoso della storia partenopea: Hirving Lozano. Ancelotti non vede l’ora di poterlo allenare visto che lo ha seguito (e inseguito) a lungo. L’impatto con la realtà napoletana sarà molto importante anche per l’umore della tifoseria che ora sogna un altro colpo in avanti. E se di Icardi abbiamo spiegato la situazione, il Napoli sa che c’è sempre quel Llorente – con cui flirta da parecchio – pronto a vestire la maglia azzurra.
Il Verona ha ufficializzato Adjapong, ha fatto fare le visite mediche a Amrabat del Club Bruges e vorrebbe rinforzarsi anche con Pessina dell’Atalanta. In attacco insiste per Salcedo (Inter) e ha richiesto all’Atalanta Musa Barrow. Tentantivo anche per Simeone della Fiorentina (che Juric ha avuto al Genoa).
All’Atalanta è sempre più vicina all’arrivo di Diego Laxalt: nelle prossime ore è previsto un incontro tra l’agente del giocatore e la società per trovare l’intesa sull’ ingaggio, tra i club invece c’è già base di accordo. La formula dell’operazione dovrebbe essere prestito con diritto di riscatto (che può diventare obbligo a determinate condizioni). L’arrivo di Laxalt permette di liberare Reca direzione Spal.
Spal che continua a parlare con il Chievo per lo scambio Tomovic Vaisanen. A Sassuolo dopo l’arrivo di Murdur a titolo definitivo dal Rapid Vienna, il primo nome per la difesa dei neroverdi è sempre Pablo, difensore brasiliano del Bordeaux, oltre a Bonifazi. A Parma vicina la chiusura per Pezzella.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Alla Juventus per ora ci sono solo i risultati (e due casi ancora irrisolti). Il derby dà, il derby toglie: il miglior Milan resta quello di Cardiff. Che risposta di Corini: tre punti dopo una settimana surreale 22.09 - Tre vittorie e due pareggi, entrambi maturati in trasferta. A giudicare dai risultati, l'inizio di stagione della Juventus è da solita Juventus. Da Firenze, nonostante una partita a tratti inguardabile, è venuta via comunque con un pareggio. Al Wanda Metropolitano, contro l'Atletico...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, con il Liverpool il salto di qualità. Mertens e Callejon due rinnovi difficili. Sarri, ora l’obiettivo è trovare il giusto spazio a Dybala. Giampaolo-Conte, quanta pressione per il derby. Fiorentina, la proposta per blindare Chiesa 21.09 - È già tempo di campionato ma prima una veloce riflessione sula due giorni di Champions: Napoli e Juventus si confermano due certezze. Comincio da Insigne e compagni. Battere i campioni d’Europa non è cosa da tutti i giorni. Era successo anche l’anno scorso, sempre nella fase a gironi,...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, Conte furibondo attacca tutti. Caccia alla talpa che ha raccontato la lite Lukaku-Brozovic. Il belga è un problema. Sanchez nel derby. Milan, basta esperimenti. E’ Suso l’enigma, serve Bonaventura. Juve, troppi gufi attorno a Sarri 20.09 - Dopo il pareggio con lo Slavia in Champions, Antonio Conte si è autodefinito pubblicamente “un asino”, ben sapendo che gli asini sono altri. E’ furibondo per quello che sta succedendo in campo e fuori dal campo, e non l’ha mandato a dire alla squadra chiamata a raccolta in un faccia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le risposte della Champions sui progetti delle italiane. Cosa funziona e cosa non va... 19.09 - Un progetto per crescere ha bisogno di tempo. E soprattutto le battute d'arresto (più o meno dolorose) fanno parte del processo. E' necessario mantenere i nervi saldi, la capacità di poter guardare oltre un orizzonte che vada oltre i 90 minuti. Lo dimostra anche questa due giorni...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Conte mai così: che succede? Inter quasi fuori. A Napoli c’è squadra e società: non c’era invece il rigore, e un po’ di tifosi... Juventus: contro l’Atletico già decisiva, ecco perché. Atalanta con obbligo di qualificarsi 18.09 - Non era mai successo di vedere una squadra di Antonio Conte così. Chi scrive segue Conte da vicino da più di una decade, dal suo arrivo a Bari, e certo dalla Juve in poi non è certo un mistero da disvelare. Bene: mai una squadra di Conte aveva giocato in questa maniera, semplicemente...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

La Juve di Sarri (forse) non nascerà, ma Maurizio ha un piano. Milan: il problema di Giampaolo è nell’estate (e il mercato non c’entra). Inter: il lavoro di Marotta e...il pensiero di Conte. Napoli: c'è il Liverpool, alla faccia dei comunicati 17.09 - Buon martedì. Eccoci qui a parlare di calcio. Ho perso al fantacalcio perché hanno annullato il gol a Joao Pedro. Non si fa. Ma veniamo a noi. Il calcio fa ammattire tutti e infatti spuntano le polemiche come funghi. Spunta la polemica su Sarri che parla degli orari di giuoco “e poi...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

A Sarri serve tempo ma Conte non ne concede. Inter concreta ma non bella. Cellino ci riprova con lo stadio... a Cagliari finì male. Samp, tra Vialli e Ferrero perde Di Francesco 16.09 - Se passi da Massimiliano Allegri a Maurizio Sarri devi preventivare che il passaggio possa risultare traumatico e, soprattutto, che ci voglia del tempo. Lo diciamo da due mesi: ai bianconeri, quest'anno, servirà tanta pazienza. Sarri è un allenatore vero e non impari i suoi schemi...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Il caso Mandzukic è chiaro: accetta il Qatar, aspetta la Cina o inguaia la Juventus?  La sicurezza di Koulibaly e la bacchetta magica di Conte. Il Milan riuscirà a ritornare grande? 15.09 - Doveva essere l'attacco di Mauro Icardi e Mario Mandzukic, sarà probabilmente di Gonzalo Higuain e Paulo Dybala. I due argentini erano sul mercato ad agosto, nella speranza di trovare una sistemazione e una plusvalenza. Due motivi diversi per la permanenza: il primo non voleva lasciare...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, Mandzukic verso  il Qatar. Per gennaio ipotesi scambio Emre Can-Rakitic. Inter, per il centrocampo idea Matic. De Paul, oltre alla Fiorentina  attenzione anche al Milan 14.09 - Gennaio è lontanissimo, ma il mercato non si ferma, mai. Anche perché la chiusura della sessione estiva ha lasciato alcune situazioni in sospeso. In casa Juventus ci sono due vicende aperte: Mandzukic e Emre Can. Il futuro dell’attaccante (escluso dalla lista Champions e assente anche...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Sarri seduto su un vulcano. Torna dove perse lo scudetto e chi esclude Matuidi o Rabiot? Khedira o Emre Can? E Dybala? Mandzukic sta in panca o va in Qatar? E Montella rischia già. Conte fra Lautaro e Sanchez 13.09 - Penso a Sarri e ancora una volta ho come la sensazione che esista davvero la Dea Eupalla, come sosteneva il mitico Gianni Brera del quale abbiamo parlato giustamente tanto in questi giorni. O se non esiste, credo che da qualche parte almeno si nasconda un Folletto malizioso capace...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510