VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

La formazione più cara d'Europa e il derby di mercato di Milano

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
10.09.2015 07:09 di Luca Marchetti   articolo letto 73628 volte
© foto di Federico De Luca

Finito il mercato, pausa delle nazionali. Per fortuna che c'è la B, altrimenti solo a ragionare sulle attese e sulle aspettative, sai che noia...
Anche se qualche giochino divertente da fare c'è sempre. Come il classico: la top acquisti dell'estate. Un estate pazza, completamente diversa da quelle che abbiamo vissuto recentemente. I soldi sono girati, i buoni giocatori sono arrivati. Ora la parola spetta al campo ovvio, e fra poco magari parleremo proprio del derby delle milanesi, il deby fra chi ha cambiato di più, insomma capiremo davvero se il campo darà ragione a una restaurazione o l'altra.
Ma intanto a proposito di campo ecco la formazione dei più cari d'Europa. Il criterio non è solo chi ha speso di più, ma anche cercare di dare un senso alla formazione e ci siamo aiutati con Transfermarkt.it che in questi casi è come una bibbia. Per farla ci vogliono 471 milioni di euro. In porta Cech passato dal Chelsea all'Arsenal per 14 milioni di euro. La difesa è di prim'ordine. A destra Danilo (al Real per 31 mln) a sinistra Alex Sandro (alla Juve per 26) entrambi provenienti dal Porto. In mezzo non poteva non esserci Otamendi con i sui 44,6 milioni spesi da City per prenderlo dal Valencia e spunta Romagnoli al Milan per gli ormai famosi 25.
Centrocampo, già lo diciamo molto offensivo con Vidal (37 al Bayern) Di Maria (63 al Psg) Sterling (al City per 62,5) e De Bruyne colpo più caro dell'estate con 74 milioni di euro versari dal City al Wolfsburg. In avanti due promesse: Benteke (46,5 mln andato al Liverpool) e Martial (50mln senza contare i bonus passato allo United).
Piccole riflessioni: 6 giocatori su 11 sono in Premier, 3 del Manchester City (alla faccia del fair play). La nota positiva è che ci sono due italiane: Juve e Milan a testimonianza che anche il calcio italiano è tornato protagonista. Senza le esagerazioni inglesi, ma ci siamo. Va detta però una cosa: questa è una formazione, non una top ten. Ecco, nei primi dieci colpi del mercato europeo le italiane ci sono ma in cessione: Vidal (37 mln) all'ottavo posto e Kovacic (35 mln) al decimo. Anche qui sei su dieci sono inglesi. In primi 6 tranne il Psg, giusto per rimarcare la tendenza che avevamo visto appena prima.
Il primo acquisto (in ordine di soldi spesi) in Italia è Dybala, della Juventus (32 più bonus), poi Bacca (30) e Kondogbia (30 più bonus). Juve, Milan e Inter, giusto per cambiare! Sono gli unici tre colpi presenti nelle prime 20 posizioni europee. Nei primi 25 spunta Alex Sandro, sempre della Juve. Che infatti sono le tre squadre che hanno speso di più in Italia e rientrano nella top ten europea. In testa (ovvio) il City con 204 mln), poi Valencia. Juve quinta (127mln spesi), Milan ottavo (90 mln spesi), Inter decima (86 mln spesi). Attenzione però che per esempio l'Inter ha utilizzato delle formule di acquisto dilazionate nel tempo e quindi alcuni acquisti saranno effettivi dalle prossime stagioni. È per questo che i nerazzurri nel saldo figurano in positivo (sempre secondo i dati transfemarkt). Ed è per questo che centrare la Champions sarà necessari per non vendere ancora.
Insomma Inter e Milan confronto subito dopo la sosta per capire chi dei due ha veramente indovinato la rivoluzione. Certo è presto per dirlo, è presto anche per dare giudizi definitivi visto che qualcuno nei rispettivi centri sportivi non ha praticamente messo piede. L'Inter ha preso 9 giocatori nuovi, più i nuovi innesti che già erano arrivati a gennaio. Sarà compito di Mancini trovare subito l'amalgama e il sistema di gioco giusto, ma la qualità e la personalità ci sono. Nelle prime due partite c'è stata anche un pizzico di buona sorte, ma questa aiuta per costruire un gruppo. Le cessioni importanti di Kovacic e Hernanes sono quelle che hanno permesso all'Inter di essere mobile sul mercato, sempre sub iudice la vicenda Alvarez.
Il Milan ha scelto di puntare su 4 acquisti importanti (Bacca, Luiz Adriano, Bertolacci e Romagnoli) per rifare la spina dorsale della squadra. Poi ha cercato di rifinire con Kucka, di scommettere con Balotelli, di guardare al futuro con Jose Mauri. Le cessioni non sono state roboanti, El Shaarawy a parte (che formalmente è presito). Insomma il saldo è decisamente negativo e la scelta precisa: essere subito competitivi grazie ai soldi di Berlusconi in attesa di Bee.
Ecco perché sarà un bel derby, carico di significati. È l'anno della rinascita, ma come per Highlander ne rimarrà soltanto uno...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Qualcuno aiuti Spalletti: ecco di cosa ha bisogno l'Inter a gennaio. Milan, DNA Gattuso ma non credete ai miracoli. Tommasi in FIGC? Ha già distrutto la sua categoria. Gravina, unica soluzione credibile 08.01 - Spalletti se ne va in vacanza sbattendo la porta. Per uno come lui è stato già un miracolo aver aspettato il 5 gennaio prima di sbottare. Lo hanno preso, in estate, facendogli credere in una campagna acquisti che a Roma avrebbe potuto solo sognare. Gli hanno preso 4 rinforzi, di cui...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Dall'aperitivo allo Zero, passando per Donnarumma, Pulcinella e Kondogbia. L'alfabeto del mercato di gennaio, per evitare delusioni 07.01 - A come Aperitivo Pare un refrain che ogni anno va consolidandosi. Gli affari migliori si fanno davanti a un bicchiere di vino, magari in un bar con terrazza che guarda Milano. Per il resto ci sono Ipad, Whatsapp e le PEC. I locali oramai vietano pure l'entrata ai giornalisti, come...

EditorialeDI: Mauro Suma

Mercato: il patrimonio del Milan. Siviglia-Innaurato: e Marra? Pellò e Corsaro: juventini, che succede? Roma, Ninja paga per tutti 06.01 - Non c'è nessun bisogno disperato di soldi nel Milan. E non ci sono nemmeno limiti e restrizioni. Questi sono solo luoghi comuni autoreferenziali fra loro: triti, ritriti, ruminati, stressati. Considerando una parte e non il tutto. A inizio 2018, vale la pena tirare le file di tutte...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.