VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
23.04.2017 00:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 53248 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale ricorda un po' la Juventus pre Antonio Conte, con allenatori buoni ma un'assenza societaria che andava riparata. Suning ha bisogno di tempo per capire il calcio italiano, la necessità di crescere subito ed esponenzialmente non si può scontrare che in investimenti che porteranno il fair play finanziario in secondo piano: detta in soldoni, se Suning vuole può far diventare l'Inter come Manchester City o Paris Saint Germain in un anno (considerato quello in essere di anticamera) ma necessiterebbe di sponsorizzazioni di livello molto alto. La fortuna, se si può considerare tale, è in una stagione da dimenticare o quasi. Mancini, de Boer, Pioli: tre tecnici che l'anno prossimo porterebbero l'Inter in Europa oggi difficilmente la centreranno. Di fatto è un esercizio semplice: se Pioli fosse arrivato in Champions League probabilmente si sarebbe meritato la riconferma. Quello che servirebbe è un allenatore di livello assoluto, come Simeone (o Jardim? o Conte?) per ripulire e ripartire. Non necessariamente stravolgere la rosa, ma comportamenti e gestione di un gruppo che anche quest'anno ha navigato in mezzo a crisi tecniche.

La Juventus, beh, non ne ha bisogno. Ottima partita con il Barcellona, avrebbe potuto anche vincere - Messi ha sbagliato qualche gol di troppo, come lato della stessa medaglia - ma pescando il Monaco c'è meno hype che in una sfida con il Real Madrid. Non sarà facile, anzi. I biancorossi sono il miglior attacco d'Europa ma prendono troppi gol: per la Juve potrebbe essere una condizione perfetta, vista la solidità difensiva dimostrata sin dai gironi. Poi il campionato è già vinto, la Coppa Italia un'appendine che può far solo migliorare una stagione comunque più che positiva, ma senza stravolgerla.

Facendo un passo indietro, sia di argomento che temporale, prima di Suning c'era Thohir: non mi sorprenderebbe se il Milan cinese fosse un'operazione come quella fatta dall'indonesiano con l'Inter, prima di cederla. Trovare un partner intenzionato a spendere milioni e milioni di euro per ritornare una potenza mondiale e, nel frattempo, risanare conti, bilanci e portare avanti idee. Anche in questo senso l'hedge fund Elliot potrebbe essere soddisfatto: in 18 mesi sapremo molto di più. Impossibile però credere che la rivoluzione sia indolore: ci sarà bisogno di tempo anche per il Milan, nonostante i tanti nomi circolanti.

Chi rimane ben saldo al timone è De Laurentiis, che ogni giorno pensa all'introduzione di una nuova regola. Volendo fare una battuta, sembra quasi che cerchi cose nuove per non far venire a noia il prodotto calcio, in un momento che sarà decisivo per tutte le società, verso i diritti televisivi del triennio 2018-2021. Il nostro calcio è troppo legato a tutto ciò, continuare a modificarlo aiuta che non cali l'attenzione. Ma dopo un po' tutto sembra uguale a se stesso. Troppo. Un po' come certi cinepanettoni... Anche Pallotta è saldo, bisognerà capire come finirà davvero con lo stadio, ma l'impressione è che la Roma abbia perso qualche occasione di poter vincere qualcosa in questi anni, soprattutto dovessero tornare le milanesi, oltre al rafforzamento eventuale con il Napoli. Monchi ed Emery sarebbero una coppia perfetta ma... da decrescita felice, un po' come il Siviglia degli anni passati.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.