HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
La Juventus non ha confermato Allegri: siete d'accordo?
  Si, il ciclo Allegri s'è esaurito
  No, bisognava andare avanti con Allegri

La Giovane Italia
Editoriale

La Juve aspetta Pochettino. Lui dice: Posso lasciare il Tottenham. Deschamps non convince. Ecco perche’ Allegri non restera’. Anche il Barcellona pensa a Conte, ma l’Inter non trema. Marotta ha in mano Barella

10.05.2019 22:08 di Enzo Bucchioni   articolo letto 81288 volte
© foto di Federico De Luca

La Juventus sa benissimo che sarebbe un errore tenere Allegri e dall’altra parte Allegri sa benissimo che sarebbe un errore restare alla Juventus. Questa è l’unica cosa certa di una telenovela (Resta? Non resta?) destinata a durare ancora qualche giorno, fino a quando Agnelli non avrà trovato una soluzione convincente.

E’ anche logico che la Juve smentisca l’addio del tecnico (come ha fatto ieri) fino a quando non troverà un sostituto e continui a tenere in caldo Allegri che ha il contratto, perché quel sostituto potrebbe anche non trovarlo. Il colpo di scena sarebbe che Allegri vada al Psg, ma evidentemente anche lui non è convinto fino in fondo.

Un sottile gioco di scacchi e di valutazioni.

L’ultima idea di Agnelli, inseguita da diversi giorni, ancora prima che il Tottenham raggiungesse la finale di Champions e della quale vi avevamo già accennato è Pochettino. L’allenatore argentino piace molto e ha un ingaggio alla portata dei bianconeri. Non ha mai detto no, ha sempre preso tempo. E’ probabile che questa vicenda si trascini fino al due di giugno, il giorno dopo la finale di Champions League. Ma ieri Pochettino ha spiazzato tutti, è stato molto chiaro dicendo “Potrei andar via anche con la Champions”. Forse anche lui ha capito che al Tottenham non potrà fare di più. E’ finito un ciclo.

Le sue idee stanno dunque per combaciare con quelle della Juventus? Possibile, probabile.

Agnelli aveva cominciato pensando a Zidane, poi il Real lo ha ripreso offrendo il doppio di quello che proponevano i bianconeri. Deschamps è sempre stato sotto i riflettori, ma da troppo allena la nazionale francese, i dubbi nel riportarlo in un club con altre pressioni, tensioni e ritmi ci sono sempre stati. Conte è stata ed è un’idea proposta ad Agnelli dai suoi collaboratori, ma il presidente non ha mai dato l’ok per trattare. La ferita del 2013, la litigata che ha portato alle dimissioni a ritiro già iniziato, probabilmente non è ancora rimarginata del tutto.

Agnelli è da un po’ che gira attorno a un allenatore straniero, vuole una Juve con una mentalità diversa, più internazionale, di sicuro ha pensato anche a Klopp ancora più difficile da raggiungere. Di Pochettino si era parlato anche l’anno scorso quando la Juve eliminò il Tottenham, ma la squadra londinese comunque impressionò.

Continuo a pensare che alla fine potrebbe esserci anche una sorpresa, un nome che non pensiamo.

Che ci sarebbe stato il divorzio, e chi mi segue lo sa, comunque lo sostengo dalla sera dopo l’eliminazione con l’Ajax. E’ calcisticamente fin troppo evidente che un ciclo straordinario sta finendo, difficile ritrovare energie e motivazioni per ripartire, sia per Allegri che per la Juve. Allegri potrebbe restare se cambiassero 5-6 giocatori base, la rosa fosse rinnovata profondamente. Ma non sarà così e allora tanto vale cambiare allenatore. Anche la Juve non può ricominciare la stagione chiedendo ancora ad Allegri che ha già mancato per cinque anni l’obiettivo di vincere la coppa bastarda, come l’ha chiamata lui.

Vi abbiamo sempre detto che si tratta di aspettare le combinazioni giuste che fino ad oggi non sono arrivate. E, guarda caso, il famoso incontro fra Agnelli e Allegri annunciato tante volte non c’è ancora stato.

Potrebbe anche finire che né la Juve né Allegri trovino la soluzioni ideale, proseguire assieme sarebbe comunque un errore. I matrimoni di opportunità e convenienza non hanno mai funzionato e, ricordiamolo, non è neppure possibile ricominciare una stagione con un allenatore in scadenza nel 2020.

Situazione non simpatica, naturalmente, con la gran parte dei tifosi bianconeri che ormai si aspetta delle novità, anche per mettere a tacere tutta quella gran massa che contesta l’allenatore anche quando vince.

E’ davvero chiusa la strada che porta a Conte? Per quello che so io sì, ma nel calcio quello che va bene in questo momento, fra un attimo non vale più. Conte era intrigato da Roma e dalla Roma e ve lo abbiamo riferito tempo fa. Gli sarebbe piaciuta un’esperienza nella capitale, ma i programmi non gli sono sembrati giusti per provare a vincere. Ecco allora la virata verso l’Inter che lo corteggiava almeno da gennaio. L’intesa c’è, subordinata alla conquista della Champions League, anche Zhang ha dato l’ok. Si cerca di negare e depistare soltanto per dare a Spalletti e alla squadra un minimo di tranquillità per centrare la Champions.

Ma attenzione. Dalla Spagna rimbalzano voci di un interessamento del Barcellona. La clamorosa eliminazione con il Liverpool ha messo in discussione la panchina di Valverde e fra i nomi che circolano c’è anche quello di Conte anche se un allenatore italiano nel mondo Barca non ha mai avuto grande appeal.

L’Inter si sentirebbe in una botte di ferro e se questa incertezza sulle panchine blocca un po’ tutte le trattative, Marotta s’è messo avanti portando a casa Barella uno che ha tutte le caratteristiche piacciono proprio a Conte. Guarda caso.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Cosa c'è dietro l'addio di Allegri e nel futuro della panchina della Juventus. Anche se Zidane ha 'rovinato' i piani di Agnelli: tutto sui nuovi sogni e sui nomi della dirigenza 19.05 - Quel che è arrivato a parole ieri, ad Amsterdam, allo Stadium, non c'è stato nei fatti. L'appoggio costante a Massimiliano Allegri che negli ultimi giorni di vita bianconera sembrava un uomo solo al comando di una nave già in porto. Solo che la sua Juventus era un Titanic arrugginito,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, Giuntoli insiste per Trippier e Lozano. Per la fascia sinistra occhio a Theo Hernandez, difficilissimo Grimaldo. Il Milan su Saint Maximin del Nizza. Sarri può lasciare il Chelsea, è il primo nome per il post Gattuso 18.05 - Il mercato del Napoli comincia a delinearsi. Saranno almeno 3 gli acquisti, uno per reparto. Un esterno difensivo, un centrocampista e una punta esterna. Ormai gli identikit cominciano ad essere abbastanza chiari. Per la difesa si continua a spingere per Trippier del Tottenham, ma...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non è convinto, ma la Juve non trova alternative forti. Il Milan ha le mani su Sarri. Gattuso alla Samp, Lampard al Chelsea. Gasp alla Roma, Inzaghi a Bergamo, De Zerbi alla Lazio. Montella già in discussione, si pensa a Giampaolo 17.05 - Il grande giro degli allenatori sta per cominciare, come in un grande puzzle i pezzi stanno andando al posto giusto. Cominciamo dalla Juve. Due giorni di confronto non sono bastati per prendere una decisione, Agnelli e Allegri si rivedranno oggi. Come andrà a finire? Allegri resta...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La cena di Allegri e la serata di Simone Inzaghi 16.05 - Una serata particolare: un occhio alla partita, la finale di coppa Italia, i sogni inseguiti dall’Atalanta e realizzati dalla Lazio. Un altro al telefonino per capire se e cosa succedeva fra Agnelli e Allegri in questo incontro pieno di cortine fumogene, per evitare addirittura che...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Occhio a Spalletti: tentativo disperato per rimanere all’Inter, cambia le alleanze, e c’è stato quel colloquio prima del Chievo… Agnelli vuole convincere Guardiola con l’aiuto dell’Uefa. Roma: ecco l’alternativa straniera Fonseca 15.05 - Non è finita, finché non è finita. Questo deve avere pensato Luciano Spalletti negli ultimi giorni, in piena modalità John Belushi. E non pensando tanto alla lotta Champions, che è solo una delle due partite che si sta giocando, forse la più semplice. Perché Luciano sa che se entrerà...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri, i pretendenti al “trono” e l’incontro “nelle prossime ore”. Inter: Conte, Oriali e due mesi di parole. Milan: la colpa di Gattuso. Roma: Gasp in avvicinamento 14.05 - Buongiorno e buonasera a tutti, la parola d’ordine di oggi è “nelle prossime ore”. “Nelle prossime ore” è il salvacondotto che permette a tutti noi di non sbagliare mai. Quando si incontrano Allegri e Agnelli? Nelle prossime ore. E intanto tutti noi diventiamo sempre più vecchi....

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Montella, tranquillo. Lucci ti premierà con il Real. Non voglio scriverlo: Raiola ha ragione! Lecce, quando vince la meritocrazia. Foggia, la retrocessione della società. La Crema della D: i Conti...ni tornano 13.05 - Che strazio il campionato finito con così largo anticipo. Anche Roma-Juventus diventa inguardabile. Perché se è vero che lo spettacolo non manca, quando giocano due grandi squadre, è anche vero che il calcio non è il cinema e senza l'assillo del risultato non c'è pathos. Quest'anno...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kolossal panchine: Agnelli voleva Zidane e Guardiola, si accontenterà di qualcun altro. Conte aspettava una super big, chissà se potrà diventarlo l'Inter 12.05 - È stata una settimana complicata. Di voci, incontri segreti e pochi fatti. Ma ci si avvicina al finale, come in Game of Thrones, dove tutto dovrà andare a posto o quasi. Le settimane passate possono essere le stagioni di una serie tv, partendo dall'addio di Zinedine Zidane al Real...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Accelerazione Inter per Conte. Marotta e Ausilio lavorano su Chiesa, De Paul, Rakitic, Barella e Danilo. Icardi, partenza non così scontata. La Roma su Gasperini 11.05 - L’attesa è quasi finita. Presto il futuro di Conte sarà chiaro. Lo scenario si sta delineando. L’ipotesi Juve si è decisamente raffreddata nelle ultime ore anche perché il presidente Agnelli non è convinto fino in fondo del suo ritorno. La possibilità di un addio di Allegri resta...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

La Juve aspetta Pochettino. Lui dice: Posso lasciare il Tottenham. Deschamps non convince. Ecco perche’ Allegri non restera’. Anche il Barcellona pensa a Conte, ma l’Inter non trema. Marotta ha in mano Barella 10.05 - La Juventus sa benissimo che sarebbe un errore tenere Allegri e dall’altra parte Allegri sa benissimo che sarebbe un errore restare alla Juventus. Questa è l’unica cosa certa di una telenovela (Resta? Non resta?) destinata a durare ancora qualche giorno, fino a quando Agnelli non...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510