HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere della Serie A 2018/19?
  Cristiano Ronaldo
  Gonzalo Higuain
  Mauro Icardi
  Ciro Immobile
  Edin Dzeko
  Dries Mertens
  Paulo Dybala
  Gregoire Defrel
  Arkadiusz Milik
  Duvan Zapata
  Krzysztof Piatek
  Mario Mandzukic
  Leonardo Pavoletti
  Altro

La Giovane Italia
Editoriale

La Juve contro il Var è un autogol. Un danno all’immagine e la sudditanza degli arbitri. Milan, troppe sicurezze su Conte. Inter, Pastore l’obiettivo. Bayern nel caos non molla Vidal

06.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 19458 volte
© foto di Federico De Luca

Var o non Var? Possibile che sia questo il problema? Purtroppo sì. In un paese ad alto tasso di litigiosità calcistica come il nostro, anche uno strumento tecnologico adottato per aiutare gli arbitri a sbagliare di meno, diventa divisivo. Neanche fosse D’Alema.

Ha cominciato le ostilità, sorprendentemente, la Juventus. Prima Buffon il Grande che l’ha buttata giù dura, “Così il calcio rischia di diventare come la pallanuoto”, con tutto il rispetto per la pallanuoto. Naturalmente. Poi Allegri “di questo passo le partite dureranno quattro o cinque ore come una gara di baseball”. Facendo incavolare come bestie quelli del baseball. Infine Paratici punito per essersela presa con il Var dopo la gara con l’Atalanta. Lì per lì abbiamo pensato che Paratici avesse preso a calci il monitor o distrutto la postazione Var, poi invece ci ha tranquillizzato sapere che, banalmente, ha offeso Orsato per l’occasione uomo-Var.

Come si vede un diluvio bianconero sulla tecnologia in assoluto, e in particolare sull’applicazione della medesima. La sorpresa è enorme.

Non entro nel merito anche se la Juve è stata danneggiata soltanto in occasione della gara con il Genoa, ma faccio una considerazione di comunicazione nel 2017.

Ebbene, se c’era una società che avrebbe dovuto abbracciare e santificare il Var a prescindere, questa doveva essere proprio la Juventus. Questione di immagine, se volete di marketing aziendale. Perché dico questo? Semplice. Quasi banale.

Chi è stata da sempre, a torto o a ragione, la società accusata di avere goduto di favori dagli arbitri e/o sudditanza psicologica, più delle altre grandi e più di tutti?

Risposta facile: la Juventus. Ecco, allora, proprio per questo, per dimostrare che tutti i sospetti del passato erano soltanto frutto di dicerie e di invidie, la Juventus avrebbe dovuto santificare il Var, adottarlo. Vincere senza Var e continuare a vincere anche con la Var poteva diventare un obiettivo, una parola d’ordine. Un motivo di vanto.

Cosa è successo infatti dopo le proteste bianconere?

Un diluvio che sintetizzo così: “Avete visto? Protestano perché adesso non hanno più gli aiuti degli arbitri”. Una banalizzazione inaccettabile del problema, ma la strada a questo atteggiamento l’ha aperta proprio la Juventus. E nessuno adesso si deve lamentare.

Un a società organizzata e puntuale come quella bianconera, per conto mio, avrebbe dovuto invece avvertire i tesserati dall’astenersi dai commenti, tanto più che, come quelli di Allegri domenica scorsa, hanno avuto torto. L’arbitro e il Var avevano ragione, il gol a Mandzukic è stato annullato seguendo perfettamente le indicazioni del protocollo-Var.

Ma in assoluto, credo che sia ingenuo e pretestuoso, chiedere a un gruppo di arbitri che stanno sperimentando un mondo nuovo, di essere da subito perfetti.

Sperimentazione e rodaggio chiedono pazienza e comprensione. Che i nervi siano saltati soprattutto alla Juventus, sinceramente mi sorprende e spero che una riflessione sia fatta.

A maggior ragione se, analizzando i numeri del Var, dopo sette giornate scopriamo che l’intervento della tecnologia ha consentito di evitare ben 21 errori in sette turni di campionato, come dire evitate tre ingiustizie ad ogni domenica. Di questo dovremmo essere tutti soddisfatti, perchè se poi guardiamo gli errori fatti anche con il Var, questi sono soltanto tre e uno, ma uno solo, ha colpito la Juve contro il Genoa.

Fra l’altro, anche il discorso delle gare infinite e del tempo perso cade con i numeri.

Guardando il tempo effettivo, si gioca in media un minuto di più a partita. Sorpresa? Non direi, quelli del Var impiegano a prendere una decisione comunque molto meno del tempo che si perdeva fra le proteste contro gli arbitri, contro i guardalinee e in assoluto. Ma anche la media dei minuti di recupero è attestata sui minuti classici, circa 5 di media a partita.

Concludendo? Certamente lo strumento non è perfetto, ma perfettibile. Lasciamoli lavorare, lasciamoli capire in pace. E intanto una proposta piccola-piccola. Visto che il Var è importante come l’arbitro, suggerirei di non mandare più in pensione gli arbitri più bravi, ma a 45 anni quando devono smettere di arbitrare, li dirotterei nella squadra-Var. Una nuova carriera di grande rilevanza.

Detto questo, per chi mi legge a Firenze e dintorni o chi si troverà domani a passare in Toscana, alle 17 in piazza della Repubblica, l’arbitro internazionale Banti terrà un incontro pubblico per spiegare dettagliatamente come funziona il Var. Il tutto nel quadro del Festival del calcio di Firenze in corso fino a lunedì prossimo, che sta avendo grande successo.

Per il resto, nazionale a parte (non ne parlerò, mi rifiuto di pensare che non si battano Macedonia e Albania), i temi sono il Milan e Montella, l’Inter e il trequartista.

Cacciare Montella anche dopo un eventuale ko nel Derby, avrebbe poco senso. Non c’è in giro (Ancelotti, come previsto, ha detto no) una soluzione credibile di lungo periodo. Affidarsi a traghettatori sarebbe abdicare e perdere un anno. Montella ha fatto errori (assemblaggio nuovi-vecchi, ritardi negli inserimenti dei nuovi e nel decidere il modulo ideale), ma può ancora recuperare la stagione. Per il futuro tutti parlano di Conte come un naturale approdo, ma non è così. Chi lo pensa non conosce Conte. L’ex Ct non è uomo d’avventura, ma di certezze. Il futuro societario del Milan ha delle incognite e se la situazione non sarà chiarissima al cento per cento e le situazioni aperte non saranno risolte, Conte non andrà al Milan. A questo proposito sono nate voci anche a Torino su un possibile ritorno. Se dovesse cambiare in qualche modo il management bianconero, il grande ex potrebbe tornare nel mirino. C’è tempo.

Invece l’Inter tanto tempo non ce l’ha. Per far cosa? Cercare l’uomo da mettere dietro Icardi per migliorare la manovra, i passaggi per il centroavanti e in generale il rendimento della squadra. E’ un ruolo chiave che Brozovic, Joao Mario e Borja Valero hanno ricoperto con luci ed ombre. L’alternativa può essere il 4-3-3, ma Borja vertice basso faticherebbe. E allora caccia al trequartista che a gennaio non sarà Vidal. Il Bayern nel caos per il dopo-Ancelotti ha ribadito che non lo cede. Ozil non è il preferito, piace invece moltissimo Pastore che Sabatini ha portato a Palermo e che ora vorrebbe riprendersi. Il Psg è d’accordo, Spalletti pure. Il problema è l’ingaggio elevatissimo che farebbe saltare un po’ di parametri, ma l’emiro può dare una mano.

Tornando al Bayern, sembra quasi fatta per il ritorno di Heynckes, 72 anni, che fu sostituito nel 2013 per Guardiola. Evidentemente il Bayern non è più quella società perfetta descritta fino a qualche mese fa, e allora avrei un’idea da suggerire: fate Zamparini presidente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve e Douglas: il suo errore e quello "degli altri". Inter: ecco chi ha fretta di seppellire i nerazzurri. Milan: la ricetta di Gattuso (in barba alle "ombre"). Ridateci il Var, per carità. E su Barella... 18.09 - L’ombra di Conte. L’ombra di Conte è devastante. È su tutti. Su Spalletti. Su Gattuso. Su Di Francesco. Ma anche su di te. Al lavoro sei stato rimbrottato? C’è l’ombra di Conte. La tua ragazza ultimamente ti tratta male? Pensaci, potrebbe essere l’ombra di Conte. Sei pallido? Per...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Si scrive Inter, si legge crisi. Ronaldo e il gol: adesso via ai titoloni. Allarme Roma mentre Gattuso deve prendere una decisione 17.09 - Parlare di crisi dopo 4 giornate è prematuro. Non si possono lanciare allarmi e non si possono fare funerali ad uno che ha solo il raffreddore. Se è vero che abbiamo forzato un pò la mano per il titolo è altrettanto vero che l'Inter non ha solo il raffreddore ma la diagnosi è piuttosto...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il Var così è inutile, parte seconda. Ci hanno rotto il calcio: è tutto più che ridicolo. E il campionato sembra già finito 16.09 - In due settimane di pausa si sono sviluppati tre macrotemi: la Nazionale, il campionato dei tribunali e quello che sembra già finito, cioè la A, perché provate a pensare quando si sbloccherà Cristiano Ronaldo. Ieri si è aggiunto in maniera prepotente, ma in realtà è così dalla prima...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter ancora Modric nel mirino e si lavora per il rinnovo di Skriniar, Juve occhi su Marcelo, il Napoli vuole blindare Milik. Milan, oltre Rabiot piacciono Paquetà e Paredes 15.09 - Siamo appena a metà settembre eppure gennaio sembra così vicino, perché il mercato è sempre in movimento. E allora parto dall’Inter che ha cullato per alcuni giorni il sogno Modric. Il no netto di Florentino Perez ha chiuso ogni possibilità, ma ancora il rinnovo con il Real Madrid...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Dybala al Real, Pogba alla Juve, Griezmann allo United: si prepara un grande giro forse già a gennaio. Molto dipende da Zidane. E l’Inter non molla Modric. Sta per finire lo strapotere dei procuratori. Stop ai prestiti selvaggi 14.09 - Visto che il mercato non si ferma mai, le ultime che arrivano soprattutto dalla Spagna vale davvero la pena di cercare di intercettarle e valutarle. Da tempo i giornali spagnoli parlano di Dybala al Real, l’estate scorsa ci furono anche annunci ufficiali con relative smentite. Che...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il mercato internazionale ai raggi X: l'Italia spende e gli affari sono sempre fra i soliti... 13.09 - La FIFA ha fatto la fotografia del mercato internazionale. Ovvero dei trasferimenti provenienti dalle federazioni estere. Un lavoro complesso, reso possibile dal TMS (il Transfer Matching Sistem): quindi non si tratta di proiezioni o di valutazioni, ma di dati certi. Sono dati aggregato...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Cristiano Ronaldo ha distrutto la Spagna e il suo Mondiale dal di dentro, e Allegri lo ha aiutato. Ecco come. Mancini poteva avere ragione, ma c’è un particolare fondamentale che lui e la Figc hanno dimenticato su Euro2020 12.09 - E’ stato un piano perfetto. E noi distratti dal passaggio di Cristiano Ronaldo alla Juventus. Altroché. Diabolico CR7, che arrivando ai Mondiali con il Portogallo campione d’Europa, e avendo nel proprio gruppo la Spagna, ha usato tutte le armi per farla fuori, anche se non è bastato...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Italia: un anno senza vittorie (ma non diamo la colpa agli stranieri). In arrivo la quarta giornata, ma c’è già chi parla “del mercato di gennaio” (pietà…). Inter: per il rinnovo di Icardi… non c’è fretta 11.09 - Siamo in piena pausa per la Nazionale. Ma il peggio è passato. Da oggi smetteremo di far finta che ce ne freghi qualcosa della Nations League (“La Nations League è importante!”) e torneremo a creare nuovi casi mediatici: perché Ronaldo non ha segnato durante la pausa? (“perché è bollito!”)....

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola, Sacchi ha fatto la storia, tu i soldi in Italia e vivi nel Principato. Rischio concreto di un campionato a senso unico. Sentenza B tra oggi e domani: una macchia eterna in un sistema che salva solo Gravina e Sibilia 10.09 - Volevo ringraziare pubblicamente Mino Raiola. Non sapevo proprio cosa scrivere questo lunedì, in assenza di notizie, campionato e mercato. Ho ragionato per giorni ma cose originali e sensate non me ne venivano in mente. Poi leggo le dichiarazioni di Mino e lo ringrazio perché anche...

EditorialeDI: Marco Conterio

Dallo Stadium a CR7, da First Team alla U23. I motivi per cui Totti ha consegnato il titolo alla Juventus. Il Manchester City e Guardiola intanto stravolgono il modo di raccontare il calcio 09.09 - In principio è stata la Juventus, con il docu-film prodotto da Netflix, First Team. Archetipo del dietro le quinte di quel che c'è nel lavoro d'ogni giorno che avviene a telecamere spente. I giocatori che si confidano, le discussioni nell'alveo dello spogliatoio. E' stata una primogenitura...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy