HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

La Juve contro il Var è un autogol. Un danno all’immagine e la sudditanza degli arbitri. Milan, troppe sicurezze su Conte. Inter, Pastore l’obiettivo. Bayern nel caos non molla Vidal

06.10.2017 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 19474 volte
© foto di Federico De Luca

Var o non Var? Possibile che sia questo il problema? Purtroppo sì. In un paese ad alto tasso di litigiosità calcistica come il nostro, anche uno strumento tecnologico adottato per aiutare gli arbitri a sbagliare di meno, diventa divisivo. Neanche fosse D’Alema.

Ha cominciato le ostilità, sorprendentemente, la Juventus. Prima Buffon il Grande che l’ha buttata giù dura, “Così il calcio rischia di diventare come la pallanuoto”, con tutto il rispetto per la pallanuoto. Naturalmente. Poi Allegri “di questo passo le partite dureranno quattro o cinque ore come una gara di baseball”. Facendo incavolare come bestie quelli del baseball. Infine Paratici punito per essersela presa con il Var dopo la gara con l’Atalanta. Lì per lì abbiamo pensato che Paratici avesse preso a calci il monitor o distrutto la postazione Var, poi invece ci ha tranquillizzato sapere che, banalmente, ha offeso Orsato per l’occasione uomo-Var.

Come si vede un diluvio bianconero sulla tecnologia in assoluto, e in particolare sull’applicazione della medesima. La sorpresa è enorme.

Non entro nel merito anche se la Juve è stata danneggiata soltanto in occasione della gara con il Genoa, ma faccio una considerazione di comunicazione nel 2017.

Ebbene, se c’era una società che avrebbe dovuto abbracciare e santificare il Var a prescindere, questa doveva essere proprio la Juventus. Questione di immagine, se volete di marketing aziendale. Perché dico questo? Semplice. Quasi banale.

Chi è stata da sempre, a torto o a ragione, la società accusata di avere goduto di favori dagli arbitri e/o sudditanza psicologica, più delle altre grandi e più di tutti?

Risposta facile: la Juventus. Ecco, allora, proprio per questo, per dimostrare che tutti i sospetti del passato erano soltanto frutto di dicerie e di invidie, la Juventus avrebbe dovuto santificare il Var, adottarlo. Vincere senza Var e continuare a vincere anche con la Var poteva diventare un obiettivo, una parola d’ordine. Un motivo di vanto.

Cosa è successo infatti dopo le proteste bianconere?

Un diluvio che sintetizzo così: “Avete visto? Protestano perché adesso non hanno più gli aiuti degli arbitri”. Una banalizzazione inaccettabile del problema, ma la strada a questo atteggiamento l’ha aperta proprio la Juventus. E nessuno adesso si deve lamentare.

Un a società organizzata e puntuale come quella bianconera, per conto mio, avrebbe dovuto invece avvertire i tesserati dall’astenersi dai commenti, tanto più che, come quelli di Allegri domenica scorsa, hanno avuto torto. L’arbitro e il Var avevano ragione, il gol a Mandzukic è stato annullato seguendo perfettamente le indicazioni del protocollo-Var.

Ma in assoluto, credo che sia ingenuo e pretestuoso, chiedere a un gruppo di arbitri che stanno sperimentando un mondo nuovo, di essere da subito perfetti.

Sperimentazione e rodaggio chiedono pazienza e comprensione. Che i nervi siano saltati soprattutto alla Juventus, sinceramente mi sorprende e spero che una riflessione sia fatta.

A maggior ragione se, analizzando i numeri del Var, dopo sette giornate scopriamo che l’intervento della tecnologia ha consentito di evitare ben 21 errori in sette turni di campionato, come dire evitate tre ingiustizie ad ogni domenica. Di questo dovremmo essere tutti soddisfatti, perchè se poi guardiamo gli errori fatti anche con il Var, questi sono soltanto tre e uno, ma uno solo, ha colpito la Juve contro il Genoa.

Fra l’altro, anche il discorso delle gare infinite e del tempo perso cade con i numeri.

Guardando il tempo effettivo, si gioca in media un minuto di più a partita. Sorpresa? Non direi, quelli del Var impiegano a prendere una decisione comunque molto meno del tempo che si perdeva fra le proteste contro gli arbitri, contro i guardalinee e in assoluto. Ma anche la media dei minuti di recupero è attestata sui minuti classici, circa 5 di media a partita.

Concludendo? Certamente lo strumento non è perfetto, ma perfettibile. Lasciamoli lavorare, lasciamoli capire in pace. E intanto una proposta piccola-piccola. Visto che il Var è importante come l’arbitro, suggerirei di non mandare più in pensione gli arbitri più bravi, ma a 45 anni quando devono smettere di arbitrare, li dirotterei nella squadra-Var. Una nuova carriera di grande rilevanza.

Detto questo, per chi mi legge a Firenze e dintorni o chi si troverà domani a passare in Toscana, alle 17 in piazza della Repubblica, l’arbitro internazionale Banti terrà un incontro pubblico per spiegare dettagliatamente come funziona il Var. Il tutto nel quadro del Festival del calcio di Firenze in corso fino a lunedì prossimo, che sta avendo grande successo.

Per il resto, nazionale a parte (non ne parlerò, mi rifiuto di pensare che non si battano Macedonia e Albania), i temi sono il Milan e Montella, l’Inter e il trequartista.

Cacciare Montella anche dopo un eventuale ko nel Derby, avrebbe poco senso. Non c’è in giro (Ancelotti, come previsto, ha detto no) una soluzione credibile di lungo periodo. Affidarsi a traghettatori sarebbe abdicare e perdere un anno. Montella ha fatto errori (assemblaggio nuovi-vecchi, ritardi negli inserimenti dei nuovi e nel decidere il modulo ideale), ma può ancora recuperare la stagione. Per il futuro tutti parlano di Conte come un naturale approdo, ma non è così. Chi lo pensa non conosce Conte. L’ex Ct non è uomo d’avventura, ma di certezze. Il futuro societario del Milan ha delle incognite e se la situazione non sarà chiarissima al cento per cento e le situazioni aperte non saranno risolte, Conte non andrà al Milan. A questo proposito sono nate voci anche a Torino su un possibile ritorno. Se dovesse cambiare in qualche modo il management bianconero, il grande ex potrebbe tornare nel mirino. C’è tempo.

Invece l’Inter tanto tempo non ce l’ha. Per far cosa? Cercare l’uomo da mettere dietro Icardi per migliorare la manovra, i passaggi per il centroavanti e in generale il rendimento della squadra. E’ un ruolo chiave che Brozovic, Joao Mario e Borja Valero hanno ricoperto con luci ed ombre. L’alternativa può essere il 4-3-3, ma Borja vertice basso faticherebbe. E allora caccia al trequartista che a gennaio non sarà Vidal. Il Bayern nel caos per il dopo-Ancelotti ha ribadito che non lo cede. Ozil non è il preferito, piace invece moltissimo Pastore che Sabatini ha portato a Palermo e che ora vorrebbe riprendersi. Il Psg è d’accordo, Spalletti pure. Il problema è l’ingaggio elevatissimo che farebbe saltare un po’ di parametri, ma l’emiro può dare una mano.

Tornando al Bayern, sembra quasi fatta per il ritorno di Heynckes, 72 anni, che fu sostituito nel 2013 per Guardiola. Evidentemente il Bayern non è più quella società perfetta descritta fino a qualche mese fa, e allora avrei un’idea da suggerire: fate Zamparini presidente.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, Quagliarella ipotesi concreta, a centrocampo possibile nome a sorpresa. Juventus, Pogba pista forte per giugno ma attenzione anche a Rabiot se non rinnova con il Psg. Di Francesco, decisiva la sfida con il Genoa 15.12 - Ibra non arriverà e il Milan sta già lavorando su altri fronti. Anche perché il mercato è alle porte e il tempo comincia a stringere. Fabio Quagliarella ad ora è un’ipotesi concreta. Per l’attaccante c’è un discorso aperto con la Samp per il rinnovo di un anno ma la strada è ancora...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Conte non prende l’Inter in corsa. Il piano di Marotta per convincerlo. Da Pogba a Chiesa, da Milinkovic Savic a Modric, tutte le piste. Via Icardi per fare cassa? Spalletti si salva se arriva terzo e vince in Europa. Di Francesco, ultima chiamata 14.12 - Beppe Marotta si è presentano con un’idea impegnativa: Sono qui per un progetto vincente. E già. E’ dal 2010 che i tifosi dell’Inter aspettano qualcosa di vincente e per riprovarci i nerazzurri hanno scelto non a caso, ma il numero Uno, quello che ha riportato in alto la Juventus...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Le incertezze della Champions: la cura non è solo il mercato... 13.12 - Possiamo dirlo senza mezzi termini: peggio di così difficilmente poteva andare. Martedì sera le due italiane non sono riuscite a qualificarsi nonostante avessero avuto tutto a disposizione, non soltanto in questo turno di Champions, ma anche i precedenti. Mercoledì Juve e Roma si...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->