HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Pallone d'Oro, qual è l'esclusione più sorprendente?
  Gareth Bale
  Edinson Cavani
  Angel Di Maria
  Harry Kane
  Neymar
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sergio Ramos
  Luis Suarez
  Hakim Ziyech

La Giovane Italia
Editoriale

La Juve di Sarri (forse) non nascerà, ma Maurizio ha un piano. Milan: il problema di Giampaolo è nell’estate (e il mercato non c’entra). Inter: il lavoro di Marotta e...il pensiero di Conte. Napoli: c'è il Liverpool, alla faccia dei comunicati

17.09.2019 00:00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 44812 volte
© foto di Alessio Alaimo

Buon martedì. Eccoci qui a parlare di calcio. Ho perso al fantacalcio perché hanno annullato il gol a Joao Pedro. Non si fa. Ma veniamo a noi. Il calcio fa ammattire tutti e infatti spuntano le polemiche come funghi. Spunta la polemica su Sarri che parla degli orari di giuoco “e poi non è ancora la Juve di Sarri”, su Conte che replica a Sarri, sugli spogliatoi del San Paolo che un tempo erano di Sarri, sui fessi che ululano, su Giampaolo che non schiera i nuovi arrivati, su Mandzukic non convocato da Sarri, sui troppi infortuni che inguaiano Sarri, sulla Samp che “cambia di proprietà!” ma poi non cambia mai, sul Var, su tutto.

Queste cose sono molto importanti e, infatti, scriviamo d’altro.
1) Molti rompono le balle a Sarri perché la “Juve di Sarri” non gioca ancora come il Napoli di Sarri. Non capiterà mai. Il Napoli di Sarri non tornerà perché Sarri nel frattempo è cambiato. A Londra Sarri era già un altro Sarri, più pragmatico, meno visionario. Sarri non è fesso e, infatti, al momento, va avanti sulla strada di Allegri. Il problema, semmai, non è quel che ha in mente Sarri, ma quello che hanno in testa i suoi giocatori. Per arrivare a sviluppare l’idea di calcio di Sarri serve che tutti remino dalla stessa parte, che siano convinti. Non è così semplice: Allegri era maestro di gestione del gruppo, Sarri vuole insegnare calcio. Ma insegnare calcio è facile con i giovanotti, a Torino serve che una marea di campioni facciano un atto di fede. È possibile, ma non così semplice. Non scriviamo Sarri da due righe. Sarri. Sarri. Sarri.
2) Molti rompono le balle a Giampaolo perché il “Milan di Giampaolo” fatica molto. È così, fatica molto. Giampaolo al momento ha una sola certezza: i 6 punti in classifica, che poi sono la cosa più importante. Il resto è un ginepraio di moduli tattici, interpreti, nuovi acquisti da inserire prima o poi. Molti mugugnano e pensano che il Milan di Giampaolo mai nascerà, c’è chi dice “Giampaolo non mangia il panettone”, tutti attaccano Giampaolo. Ma in fondo è a tre punti dalla vetta della classifica e la gente dovrebbe imparare ad aspettare. Altri sono certi: “Sabato contro l’Inter il Milan perderà di brutto” e al sottoscritto – perdonate – viene un principio di orchite. Il Milan di Giampaolo non ha un problema nel presente, anzi no, ce l’ha, ma dipende da quello che è successo durante l’estate. La fase degli esperimenti non la fai a campionato iniziato, Giampaolo questo sta facendo: esperimenti a campionato iniziato. Questo significa che la stagione del Milan è segnata? Ma figuratevi. Le sentenze le lasciamo agli altri. Non scriviamo Giampaolo da due righe. Giampaolo. Giampaolo. Giampaolo.
3) Rompono le balle a Conte perché “Conte è bravo in campionato ma non in Europa”. Conte a tal proposito si è già rotto le balle: “Dicono che io sia allenatore più da campionato? Si vive di luoghi comuni... basta che qualcuno dica una cosa in tv e tutti gli vanno dietro. Io ho giocato tre Champions, ma l’ho fatto sempre con creature appena nate. Altri invece con squadre già solide, ecco questo possiamo dire ai sapientoni. Qui tutti pensano che qualsiasi cosa tocchi io poi si vince, ma non è così”. Il dato di fatto è che Conte ha già dato un’identità alla sua Inter. A inizio luglio si lamentò: “Siamo in ritardo”. La società ha risposto con i fatti, lui ora si gode il gruppo di lavoro che voleva e ha avuto. Questo significa che Conte vincerà lo scudetto? No, però significa che grazie al lavoro del club ha tutte le possibilità di provarci: sembra la stessa cosa ma non è così. Non scriviamo Conte da due righe. Conte. Conte. Conte.
4) Quando Sensi è sbarcato a Milano son partiti i luoghi comuni: “Sensi è basso, è una riserva, non è da Inter”. Dopo tre partite nessuno osa dire “beh”. Esistono due tipi di calciatori: quelli bravi in provincia che però si fanno fottere dai Santi come Siro. E quelli che si esaltano se vengono responsabilizzati. Sensi è della seconda specie. Complimenti a Sensi, ha chi l’ha voluto, ha chi l’ha portato ad Appiano. Non scriviamo Sensi da due righe. Sensi. Sensi. Sensi.
5) Oggi il Napoli affronta il Liverpool. Quelli del Liverpool se la tirano molto perché hanno vinto la Champions: fanno bene. Magari dovrebbero imparare a rileggere i comunicati o a scriverli con maggiore rispetto, quello sì.
Tutte queste fregnacce lasciano il tempo che trovano rispetto a codesta frase topica. “Ragazzi, dovete andare davvero dai dottori, un dito in cu... non fa male a nessuno”. Rod Stewart, 16 settembre 2019, guarito dopo 3 anni di cure da un tumore alla prostata.
Col calcio non c’entra nulla, ma mi pareva doveroso finire così.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: il non-rigore di De Ligt e gli obbrobri nel regolamento. Inter: la furia di Conte, l’idea Ibra e la “crisi Lukaku”. Milan: la scelta di Pioli (occhio a Suso…) e la “fuga” di Scaroni. Roma: il perché degli infortuni 22.10 - Dieci pensierini (e ce la caviamo così). 1) Il Milan domenica ha giocato una buona partita. Non in senso assoluto, per carità, ma visti i precedenti sette turni di campionato certamente sì. Pioli ha cancellato tre mesi di esperimenti impossibili (puntare al calcio di Giampaolo...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Sarri cinico e spietato. Juve, ecco cosa ti manca. Maran top, merita una grande. Mazzarri flop, servono i fatti. C'era una volta il miracolo Catania. Lo Monaco, che errore il ritorno! 21.10 - Per lo spettacolo c'è tempo, adesso serve concretezza e fare molti punti per non tenere in gioco, o meglio tenere il più distante possibile, il nemico. La Juventus vista con il Bologna non ha brillato di luce propria ma ha portato a casa quello che doveva portare e si sta iniziando...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510