HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi è stato il migliore?
  Ciro Immobile
  Mauro Icardi
  Kalidou Koulibaly
  Milan Skriniar
  Allan
  Bryan Cristante
  Sergej Milinkovic-Savic
  Douglas Costa
  Alisson
  Paulo Dybala

Editoriale

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto

20.04.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 33293 volte
© foto di Federico De Luca

I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco d’Europa è riuscito a non prendere neanche un gol. E’ il trionfo di un gruppo che si mette a disposizione della squadra, come i moschettieri: tutti per uno, uno per tutti (chiedete a Mandzukic). La squadra rispetto alla finale del 2015 è quasi cambiata del tutto. I “reduci” erano solo Buffon, Chiellini e Bonucci, gli altri tutti nuovi. Altra dimostrazione che si è cambiato per continuare a dare linfa e vita al ciclo vincente. E ora l’obiettivo, il sogno, del triplete è possibile. Venerdì avremo le idee ancora più chiare, ma è altrettanto chiaro che la Juve fa paura veramente. Negli ultimi 4 anni due semifinali. Meglio solo le madrilene (Real 4, Atletico 3) e il Bayern (3) che però è stato eliminato. Senza dimenticarsi che la passata stagione l’eliminazione praticamente arrivò dopo un errore sciagurato di Evra a tempo scaduto contro il Bayern e la Juve, in quel caso, la sfiorò e basta l’impresa.
Cosa farà la Juve per migliorarsi ancora? Forse è presto. Ed è anche difficile farlo. Un centrocampista è probabilmente l’obiettivo numero uno. E in questa zona del campo l’obiettivo che è stato seguito con più attenzione è Tolisso, del Lione. Poi magari un attaccante in più per dare un ricambio di assoluto rilievo ai supertitolari di quest’anno.
Si muovono certamente le milanesi, proprio per colmare il gap con la Juventus e per giocarsi la Champions League dal prossimo anno. Intanto capitolo panchina. Montella è praticamente sicuro di allenare il Milan la prossima stagione. Era con il suo direttore sportivo Mirabelli ieri a vedere dal vivo Aubameyang, uno degli obiettivi per l’attacco rossonero. Insomma sta già programmando la prossima stagione e ci aspettiamo (nei prossimi mesi) che una chiacchiera più approfondita anche per il rinnovo del contratto ci sarà. Non dovrebbero esserci dubbi: Montella è stato coinvolto nel progetto del Milan dei cinesi, riunioni con Fassone e Mirabelli. I nomi che girano sono tanti perché il Milan sa che deve migliorarsi e deve puntare (anche) sui nomi. Il budget è da 100 milioni di euro più eventuali cessioni: Bacca e De Sciglio (se non dovesse rinnovare) sono gli indiziati principali. Musacchio in difesa è ormai in dirittura di arrivo (15 milioni il costo del cartellino). A centrocampo piacciono Vidal, Kovacic e c’è un’idea (quasi irrealizzabile) di De Rossi (che difficilmente lascerà la Roma però…). In attacco ecco la prima lista: Morata (molti contatti, anche indiretti, ma la trattativa è complicatissima, difficile convincere il giocatore senza la Champions), Lacazette (che però sembra più vicino all’Atletico), Aubameyang (che come detto anche Montella ha visto dal vivo) e Benzema (sempre più chiuso dai galcticos). Tutti nomi importanti. Tutti difficili da trattare. Tutti supercostosi e con grandi ingaggi. Ma al Milan sanno che devono mettersi sotto per tornare ad essere competitivi anche in Europa. Poi c’è la questione rinnovi: Donnarumma, Suso e De Sciglio. E per ultimo i riscatti di Pasalic e Deulofeu.
All’Inter la situazione è analoga: qui però Pioli la conferma se la gioca con il finale di stagione. Se dimostrerà (come ha fatto nella prima parte della sua avventura) di saper leggere nella testa dei giocatori e di poter invertire una tendenza negativa all’Inter sono convinti che sia l’uomo giusto. Se invece non dovesse riuscirci si aprirebbe la ricerca. Che comunque un club importante come l’Inter fa anche a livello esplorativo. Circolano sempre i nomi (altisonanti) di Conte, Simeone o Jardim. Al momento dall’Inter filtra che non c’è alcuna intenzione di voler cambiare e che il futuro di Pioli dipende da lui. Intanto con lui si parla di futuro. Di giocatori per migliorare questa Inter. Parola alla difesa, verrebbe da dire, che ultimamente sembra soffrire troppo. Oltre ai soliti noti (a cui l’Inter è interessata da tempo) Manolas, Rudiger, De Vrij) e Samir e Rodriguez a sinistra ci sono altri due giocatori visionati e osservati in questa stagione e che piacciono molto. Entrambi dal Tottenham
Kyle Walker terzino destro e Toby Alderweireld, difensore centrale che ha una clausola a 28 milioni di euro e che non vorrebbe rinnovare il contratto in scadenza nel 2020. L’Inter ha già avviato contatti con il suo entourage. Attenzione perché nella lista c’è anche Felipe difensore centrale del Porto classe 89.
A Napoli invece ci siamo davvero con il contratto di Lorenzo Insigne. Mancano solo le firme e l'annuncio che avverrà a breve, nei prossimi giorni, probabilmente con una conferenza stampa a Castel Volturno. L’intesa è totale. Contratto fino al 2022 a poco più di 4 milioni e mezzo. E niente clausole, perché l’intenzione è quella di fare di Lorenzo il simbolo del Napoli. Contratto lungo, ricco e articolato per quello che è di fatto il capitan futuro azzurro. Nei progetti futuri ci sarebbe anche uno sponsor tecnico, il sito personale, un libro e anche un film sulla sua storia! Vedremo anche in questo caso.
Intanto tenetevi forte: le grandi manovre del mercato sono già iniziate!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ecco cosa rischia il Milan dalla Uefa: la scure del financial fair play pronta ad abbattersi sui rossoneri, e il salto all'indietro rischia di essere davvero triplo. Eppure c'era quel dettaglio che rendeva tutto prevedibile… 23.05 - E' andata come si sperava non andasse, o come si temeva, o come qualcuno aveva indicato: la Uefa ha rifiutato il settlement agreement, dopo aver in illo tempore rigettato il voluntary agreement, e ha rinviato il caso alla Camera. Decisione che è l'anticamera della sanzione nei confronti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Buffon a Parigi, Emre Can-Morata in arrivo. Inter: Icardi resta, solo uno tra Rafinha e Cancelo. Milan: i numeri (ottimi) di Gattuso e il “guaio” Donnarumma. Napoli: Sarri tra i soldi e il cuore 22.05 - È finito il campionato. Quando finisce il campionato c’è chi è felice e chi no. Poi inizia il mercato. Anzi, il mercato c’è a prescindere, anche a Pasqua. Solo che quest’anno per noialtri non c’è neppure il Mondiale e, quindi, c’è “più mercato”. Ci sono tifosi che al gol di Vecino...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Napoli: lo scudetto dei veleni. Milan, il bomber del futuro ce l’hai in casa. Parma, il volo del Faggiano. Verona, Marchetti la tua strada migliore 21.05 - Bare con nomi di calciatori, maglie offensive, cori inopportuni e via con il valzer delle schifezze. Bisogna saper perdere ma bisogna anche saper vincere. Non vale solo per la Juventus ma per tutti. Ha vinto la Juve e, allora, via con i fucili spianati su Torino. Avesse vinto il Napoli...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Rivoluzione Juve, ma solo in campo. Gli Scudetti sono 34. Valzer del moscerino: Napoli-Sarri, Inter-Spalletti, Lazio-Inzaghi, solo il Milan ci proverà per Conte (se salta la coppia Gattuso-Mirabelli) 20.05 - Ogni anno la stessa, identica, storia. Massimiliano Allegri sembra sulla graticola, poi vince lo Scudetto e la Coppa Italia - 4x4, complimenti - e rimane alla guida del club italiano più famoso. Anche nel mondo, dopo che l'egemonia Milan, dovuta soprattutto alle Coppe Campioni, è...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Inter, nella lista anche Ilicic e Cristante. Il Milan non molla la pista Belotti. Lazio, idea Badstuber per la difesa 19.05 - Ancora 90 minuti e poi tutto sarà chiaro. La Champions è un traguardo fondamentale per il mercato dell’Inter, aiuterebbe sul piano degli investimenti, ma le strategie sono già definite. La partita di domenica sera all’Olimpico contro la Lazio è insomma un crocevia. Il primo passo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Buffon aspetta il Real. I retroscena del divorzio con la Juve. Allegri, ecco cosa vuole per restare. Sarri resta con un Napoli più forte: tutti i nomi nel mirino. Milan, Baselli al posto di Bonaventura 18.05 - S’era capito che Buffon non aveva nessuna intenzione di smettere, ma alla Juve non si fanno condizionare, i piani li fanno loro e non hanno sentito storie. Alla Juve ragionano con la testa fredda e non con il cuore caldo. “Anche se sei il capitano, anche se sei un mito, anche se...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Incontro Sarri-AdL e le schiarite all'orizzonte: come può cambiare il Napoli? Buffon, l'addio e la chiusura di un'era, ma ne riparte un'altra. Le milanesi legate (anche) al risultato... 17.05 - Il tanto atteso faccia a faccia c'è stato e ora si può cominciare a ragionare sul futuro. Tutto sembra essere andato veloce come l'auto (del direttore sportivo napoletano Giuntoli) che è entrata e uscita da Castel Volturno fra un allenamento e l'altro. I tanti dubbi di questi giorni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Esclusivo: Balotelli festeggia la convocazione in Nazionale regalandosi il Marsiglia, è quasi fatta. Nel frattempo, ecco perché la scelta di Mancini è la migliore possibile 16.05 - Mario Balotelli tornerà lunedì prossimo in Nazionale, e festeggia la convocazione dopo 4 anni regalandosi la nuova squadra: l'Olympique Marsiglia. E' quasi tutto fatto tra i francesi e Mario. L'accordo di massima c'è, si vuole però ancora aspettare su sponda Balotelli perché Raiola...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: un colpo a centrocampo, il futuro di Dybala e le polemiche sullo scudetto. Inter: dalla Champions passano i riscatti… ma non Icardi. Milan: Donnarumma e altri “autogol”. Napoli: Ancelotti sì o no? Italia: benvenuto Mancio, ma… 15.05 - L’Italia della politica cerca un modo per uscire dalla fase di stallo. Ci prova da mesi. Cercano un’intesa ma non la trovano. Ce la mettono tutta. E intanto l’Italia va avanti. Anche senza di loro. Ci si pone delle domande: “Ma non sarà che si può fare anche senza?”. Loro temono che...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve Campione nel deserto d'Italia. Spalletti, cosa combini? Derby milanese per Mulattieri. Follia a Perugia. Seconde squadre? Sì ma senza promozioni 14.05 - Ha vinto la Juventus. Qual è la novità? In Italia c'è il deserto e dobbiamo solo ringraziare il Napoli se, a Torino, hanno festeggiato a maggio e non a marzo. Ormai è diventato un problema di mese. Sinceramente una roba triste. La storia dice che, in Italia, lo scudetto va alla Juventus...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy