VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto

20.04.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 33041 volte
© foto di Federico De Luca

I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco d’Europa è riuscito a non prendere neanche un gol. E’ il trionfo di un gruppo che si mette a disposizione della squadra, come i moschettieri: tutti per uno, uno per tutti (chiedete a Mandzukic). La squadra rispetto alla finale del 2015 è quasi cambiata del tutto. I “reduci” erano solo Buffon, Chiellini e Bonucci, gli altri tutti nuovi. Altra dimostrazione che si è cambiato per continuare a dare linfa e vita al ciclo vincente. E ora l’obiettivo, il sogno, del triplete è possibile. Venerdì avremo le idee ancora più chiare, ma è altrettanto chiaro che la Juve fa paura veramente. Negli ultimi 4 anni due semifinali. Meglio solo le madrilene (Real 4, Atletico 3) e il Bayern (3) che però è stato eliminato. Senza dimenticarsi che la passata stagione l’eliminazione praticamente arrivò dopo un errore sciagurato di Evra a tempo scaduto contro il Bayern e la Juve, in quel caso, la sfiorò e basta l’impresa.
Cosa farà la Juve per migliorarsi ancora? Forse è presto. Ed è anche difficile farlo. Un centrocampista è probabilmente l’obiettivo numero uno. E in questa zona del campo l’obiettivo che è stato seguito con più attenzione è Tolisso, del Lione. Poi magari un attaccante in più per dare un ricambio di assoluto rilievo ai supertitolari di quest’anno.
Si muovono certamente le milanesi, proprio per colmare il gap con la Juventus e per giocarsi la Champions League dal prossimo anno. Intanto capitolo panchina. Montella è praticamente sicuro di allenare il Milan la prossima stagione. Era con il suo direttore sportivo Mirabelli ieri a vedere dal vivo Aubameyang, uno degli obiettivi per l’attacco rossonero. Insomma sta già programmando la prossima stagione e ci aspettiamo (nei prossimi mesi) che una chiacchiera più approfondita anche per il rinnovo del contratto ci sarà. Non dovrebbero esserci dubbi: Montella è stato coinvolto nel progetto del Milan dei cinesi, riunioni con Fassone e Mirabelli. I nomi che girano sono tanti perché il Milan sa che deve migliorarsi e deve puntare (anche) sui nomi. Il budget è da 100 milioni di euro più eventuali cessioni: Bacca e De Sciglio (se non dovesse rinnovare) sono gli indiziati principali. Musacchio in difesa è ormai in dirittura di arrivo (15 milioni il costo del cartellino). A centrocampo piacciono Vidal, Kovacic e c’è un’idea (quasi irrealizzabile) di De Rossi (che difficilmente lascerà la Roma però…). In attacco ecco la prima lista: Morata (molti contatti, anche indiretti, ma la trattativa è complicatissima, difficile convincere il giocatore senza la Champions), Lacazette (che però sembra più vicino all’Atletico), Aubameyang (che come detto anche Montella ha visto dal vivo) e Benzema (sempre più chiuso dai galcticos). Tutti nomi importanti. Tutti difficili da trattare. Tutti supercostosi e con grandi ingaggi. Ma al Milan sanno che devono mettersi sotto per tornare ad essere competitivi anche in Europa. Poi c’è la questione rinnovi: Donnarumma, Suso e De Sciglio. E per ultimo i riscatti di Pasalic e Deulofeu.
All’Inter la situazione è analoga: qui però Pioli la conferma se la gioca con il finale di stagione. Se dimostrerà (come ha fatto nella prima parte della sua avventura) di saper leggere nella testa dei giocatori e di poter invertire una tendenza negativa all’Inter sono convinti che sia l’uomo giusto. Se invece non dovesse riuscirci si aprirebbe la ricerca. Che comunque un club importante come l’Inter fa anche a livello esplorativo. Circolano sempre i nomi (altisonanti) di Conte, Simeone o Jardim. Al momento dall’Inter filtra che non c’è alcuna intenzione di voler cambiare e che il futuro di Pioli dipende da lui. Intanto con lui si parla di futuro. Di giocatori per migliorare questa Inter. Parola alla difesa, verrebbe da dire, che ultimamente sembra soffrire troppo. Oltre ai soliti noti (a cui l’Inter è interessata da tempo) Manolas, Rudiger, De Vrij) e Samir e Rodriguez a sinistra ci sono altri due giocatori visionati e osservati in questa stagione e che piacciono molto. Entrambi dal Tottenham
Kyle Walker terzino destro e Toby Alderweireld, difensore centrale che ha una clausola a 28 milioni di euro e che non vorrebbe rinnovare il contratto in scadenza nel 2020. L’Inter ha già avviato contatti con il suo entourage. Attenzione perché nella lista c’è anche Felipe difensore centrale del Porto classe 89.
A Napoli invece ci siamo davvero con il contratto di Lorenzo Insigne. Mancano solo le firme e l'annuncio che avverrà a breve, nei prossimi giorni, probabilmente con una conferenza stampa a Castel Volturno. L’intesa è totale. Contratto fino al 2022 a poco più di 4 milioni e mezzo. E niente clausole, perché l’intenzione è quella di fare di Lorenzo il simbolo del Napoli. Contratto lungo, ricco e articolato per quello che è di fatto il capitan futuro azzurro. Nei progetti futuri ci sarebbe anche uno sponsor tecnico, il sito personale, un libro e anche un film sulla sua storia! Vedremo anche in questo caso.
Intanto tenetevi forte: le grandi manovre del mercato sono già iniziate!


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.