VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

La Juve impazza: triplo colpo di scena ma incombe un pericoloso "piano Mino". Gran cenone Milan: due decisioni esaltano Inzaghi, una lo spaventa. Ecco la scelta dell'Inter in difesa. E attenzione a Pato...

Nato a Milano il 3/7/1978, laureato in Scienze ambientali presso l'Università dell'Insubria di Como, da ottobre 2008 è Capo Servizio Sport presso il quotidiano "Libero". Opinionista Rai, TeleLombardia e Sportitalia
08.07.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 117899 volte
© foto di Federico De Luca

Ho distrutto la mia autovettura sulla A7 direzione Genova. Ero all'altezza dell'autogrill Bettole, nei pressi di Novi Ligure. A notte fonda. Procedevo bel sereno a 120 km/h. Anni e anni di sanguinosi risparmi andati a ramengo per colpa di un ungulato che ha scelto di attraversare la carreggiata alle ore 2 di venerdì 4 luglio. Sfortunato lui, sfortunato io. Giunto in prossimità della pompa di benzina (lievemente sotto choc e accompagnato dall'amico e collega Fabio Corti), cerco conforto nell'impiegato di notte. Noi: "Scusi, siam vivi per miracolo". Lui. "Se sperate nel rimborso state freschi, vi conviene cercare un buon avvocato e pregare. Comunque ringraziate il cielo che siete qui e non all'altro mondo". Delicatissimo.

Dice il lettore: "Ma a noi, Biasin caro, 'azzo ce ne frega?". Ve ne frega eccome. Il fatto è che stavo procedendo bel sereno verso Castiglioncello, là dove era in programma l'annuale incontro procuratori-direttori sportivi-calciatori-giornalisti organizzato da Tmw. Speravo, a esser schietto, di raccattare qualche indiscrezione di prima, ma anche di seconda o terza mano, da sparare in anteprima. E invece niente. Son finito in un albergone dell'ultim'ora con il Corti. Alla reception: "Son rimaste solo camere matrimoniali...". Noi: "Eh vabbè, va bene così, del resto abbiamo fatto un incidente...". Risatina sotto ai baffi del receptionist certo di avere di fronte due micidiali porcaccioni in cerca di intimità. Mortacci sua.

Al mattino successivo abbiam preso il nostro bel Regionale per Milano. Nel bagaglio ciabattine e bagni schiuma abilmente sottratti all'albergo e al fetentone del receptionist. Prendi e porta a casa.

Tutto questo per dire che: 1) Se siete meccanici o carrozzieri siete certamente i miei nuovi migliori amici. 2) Codesta articolessa potrebbe essere viziata dallo choc dell'incidente.

Andiamo con ordine. Juve. Parliamoci chiaro, questa settimana sarà decisiva per capire dove stanno andando i bianconeri. Ieri l'agente di Morata (tal Lopez, credo slegato dal trio Marchesini-Solenghi ma non ne sono certo) e il buon Bozzo (uno che se vai in Spagna devi conoscere, altrimenti non sei nessuno) si son presentati nella sede del Real. L'offerta dei bianconeri per il pupo si è fatta interessante: 18 cucuzze "variabili" per impossessarsi del cartellino. Perché variabili? Perché tutto dipende dalla famosa clausola "ce lo possiamo riprendere". Funziona così: se il Real vuole avere il diritto di riacquistare il giocatore in futuro a cifre interessanti, deve abbassare le pretese in sede di contrattazione. Viceversa si tiene il malloppo, ma quando (e se) vorrà riavere Alvaro dovrà sganciare tante palanche. In un caso o nell'altro sappiamo che ogni decisione è stata rimandata alle prossime ore a causa della scomparsa della bandiera blanca Di Stefano.

Interrogativo del giorno: ha senso investire cotanto grano per un giocatore che se si rivela pippa ti resta sul groppone e se invece è vero fenomeno torna all'ovile? Evidentemente a Conte la cosa interessa relativamente: vuole Morata e lo avrà.

Stesso discorso per Iturbe. Anche il benzinaio di Bettole sa che bianconeri e giocatore hanno un solido accordo. L'affare è praticamente fatto, soprattutto perché per Sanchez non c'è più niente da fare (mentre crescono le possibilità per Evra, col Manchester che sembra aver ammorbidito la sua posizione). Per il funambolo del Verona resta in ballo l'opzione Milan, ma tutto dipende dal "cenone".

Quale cenone? Ovviamente quello che ha visto attavolarsi ieri sera il presidente Berlusconi e Galliani. Al momento della consegna dell'editoriale i due sono probabilmente ancora al prosciutto e melone, al massimo al sorbetto alla papaia, di sicuro non all'amaro. Dico io: possibile che queste cene interminabili vengano organizzate sempre di lunedì e cioè quando tocca a me scrivere?

In ogni caso la situazione sembra piuttosto chiara: Iturbe è il prediletto di Inzaghi, Cerci l'alternativa che non disturberebbe il mister, anzi. Per l'azzurro non dovrebbero esserci grossi problemi: c'è l'accordo con il giocatore e pure quello con il club. Poi ci sono i rompiscatole dell'Atletico Madrid, quelli che han venduto mezzo mondo e ora provano a tamponare intervenendo su tutte le trattative di casa nostra. Ma fatevi i fatti vostri no?

Per i rossoneri non finisce qui: è sempre più vicino lo scambione Matri-Vrsaljko con il Genoa, bisognoso di punte dopo l'accordo Gila-Guangzhou. Ovvero: l'attaccante fidanzato con la super bonazza sbarca in Liguria, l'esterno destro finisce al Diavolo.

E qui casca l'asino. Da un paio di giorni in Francia la sparano grossa: Psg su Abate. Ora, con tutto il rispetto per il buon Ignazio, a Parigi hanno davvero bisogno dei suoi servigi? E allora vien da pensar male. Vuoi vedere che Mino (procuratore dello stesso Abate) sta pensando alla trattativa monstre? E cioè: Pogba a Parigi ma solo se vi prendete anche l'esterno. Oppure: Abate subito e Pogba l'anno prossimo (più probabile). Tra gli indizi il fatto che il padre dello stesso difensore, il celebre Beniamino, dopo lunga trattativa non è stato inserito nello staff della prima squadra rossonera in qualità di preparatore dei portieri. Son scenari visionari, ce ne rendiamo conto, ma certo non inediti. Di sicuro a Pippo toccherà "digerire" Balotelli: al momento le possibilità che venga ceduto sono ridotte al lumicino (la foto con la sigaretta non aiuta...).

Quindi l'Inter. Come sempre su M'Vila si sa che era di là e poi è tornato qua e ora non si sa. Anzi, si sa che arriverà ma non ha ancora comprato la M'Villa. Quella che invece si dice abbia acquistato Pato, già Papero, già grande promessa del calcio italiano costretta a fuggire dal Brasile perché c'è chi tra i tifosi del San Paolo non gli vuole decisamente bene. Non credete a chi vi dice "L'Inter vuole Pato", semmai credete a chi vi dice "Pato vuole l'Inter, o la Roma, o il Napoli, o la Juve, o il Pizzighettone". Insomma, vuol tornare in Italia a tutti i costi. Certo, gradirebbe riposizionarsi a Milano, ma in casa nerazzurra al momento non ci sono segnali di alcun genere.

Di sicuro arriverà Dodò dalla Roma. Dodò, ovvero il tipico gioiello che tutti noi a 18 anni o giù di lì siamo stati costretti a regalare alla nostra fidanzatina. Lei: "Mi piace il Dodò...". Lui: "Sì ma costa tre chili di soldi ed è grande come un'unghia incarnita". Lei: "Sì ma se non me lo regali tu me lo faccio regalare da Ruggero. Lui c'ha i soldi". E tu ti svenavi perché Ruggero ti stava sulle balle in maniera incredibile.

Vabbè, insomma, arriva Dodò: due anni di prestito e diritto di riscatto a favore dell'Inter per 7 milioni. Sarà una buona alternativa a Nagatomo. Nella rosa dei giallorossi lascerà spazio ad Ashley Cole, 33 anni, svincolato. Se è ancora il vecchio furetto di un tempo lo capiremo presto.

Ultime due cose al volo che poi devo andare in bici dal buon Criscitiello. E a Milano piove, orca bestia. La Juve ha preso il 16enne difensore danese Adnan Curovic, per Astori c'è il solito derby milanese (in ballo da due anni): con il buon Tommaso Giulini, appassionato nerazzurro in sella al Cagliari, è facile prevedere che Thohir possa avere la precedenza. Se Zeman non s'incazza, ovvio...

Vado. Se mi hanno rubato la bici "scavallo" la macchina a Pedullà (Twitter: @FBiasin).


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.